Uncategorized

<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Plectranthus_Coleoides_1621011848-166×300.jpg”><font><font>L’idea di potare l’incenso è principalmente finalizzata a </font></font><strong><font><font>controllare la crescita dei suoi rami dopo un ciclo annuale.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Questa bellissima pianta è molto usata in casa, anche se può essere messa in vaso anche su terrazzi o balconi protetti dai raggi solari.</font></font></p>
<p><font><font>Per le caratteristiche delle sue foglie è solitamente molto appariscente e se ben curato rappresenta un vero e proprio dono ornamentale. </font><font>La potatura è una delle sue cure di base e qui ti diremo in dettaglio come eseguire questo processo.</font></font></p>
<p><font><font>Puoi venire con noi?</font></font></p>

<h2><font><font>Perché potare la pianta dell’incenso?</font></font></h2>
<p><font><font>L’obiettivo principale durante la potatura </font></font><font><font>dell’incenso</font></font><font><font> è </font></font><strong><font><font>ridurre la lunghezza dei rami che sono cresciuti durante la stagione.&nbsp;</font></font></strong><font><font>Anche se potrebbe non sembrare subito, la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> dell’incenso può crescere fino a 2 metri di altezza se non viene prestata attenzione a questa cura.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51BtkhdMduL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Inoltre, questa azione incoraggia i rami potati a ricrescere più vigorosamente, il che favorisce l’ </font><font>aspetto </font><font>della </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> molto più bella e sana. </font><font>Se è secca o con </font></font><font><font>parti</font></font><font><font> rovinate, la potatura renderà più facile liberarsi di quelle zone che la rendono brutta e che possono essere porta d’ingresso alle malattie.</font></font></p>

<h2><font><font>Quando è meglio eseguire la potatura dell’incenso?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Plectranthus_Coleoides_1621011903-300×200.jpg”><font><font>Per potare la tua pianta di incenso, dovrai </font></font><strong><font><font>aspettare che l’ </font></font><font><font>inverno sia finito</font></font></strong><font><font> e le possibilità di un gelo tardivo siano inesistenti.</font></font></p>
<p><font><font>Quando uscirà dal riposo vegetativo, la </font></font><font><font>pianta di</font></font><font><font> incenso sarà molto capace di riprendersi rapidamente dalle sue ferite e di ricrescere per continuare ad adornare lo spazio in cui lo hai.</font></font></p>
<p><font><font>Se vivi in ​​una zona con un </font></font><font><font>clima</font></font><font><font> caldo costante durante tutto l’anno, la potatura sarà possibile in qualsiasi momento. </font><font>Preferibilmente in </font></font><font><font>autunno</font></font><font><font> .</font></font></p>

<h2><font><font>Quali strumenti dovremmo usare quando potiamo l’incenso?</font></font></h2>
<p><font><font>L’incenso può essere potato con l’aiuto di </font></font><strong><font><font>semplici cesoie da giardino</font></font></strong><font><font> perché l’applicazione del taglio è solitamente molto facile grazie ai suoi rami sottili. </font><font>Ovviamente è fondamentale che il bordo sia adeguato e che si esegua un processo di disinfezione prima di qualsiasi </font></font><font><font>taglio</font></font><font><font> . </font><font>Con la farmacia l’alcol è più che sufficiente.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/415PboKXbdL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Se vuoi proteggere le tue mani, è un buon piano usare </font></font><strong><font><font>guanti da giardinaggio</font></font></strong><font><font> e persino </font></font><strong><font><font>occhiali</font></font></strong><font><font> per prevenire incidenti con particelle.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51NMQwkVDSL._SL500_.jpg”></figure>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/31NaKdN795L._SL500_.jpg”></figure>

<h2><font><font>Quali considerazioni dobbiamo tenere in considerazione quando potiamo l’incenso?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Potare un incenso è un compito molto semplice se sai come sfruttare le informazioni che ti lasciamo in questo post. </font><font>In generale si tratta di una pianta con una struttura facile da maneggiare, per cui è possibile </font></font><strong><font><font>osservarla nella sua interezza prima di procedere</font></font></strong><font><font> .</font></font></div></div>
<p><font><font>In ogni lavoro di potatura è fondamentale valutare prima lo stato della stessa per definire quale percorso seguire. </font><font>In questo modo, non effettuerai tagli secondo ciò che pensi in un determinato momento, ma li eseguirai realizzando un obiettivo.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51xclw0AEJL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Ciò faciliterà il tuo compito e impedirà al campione di subire danni eccessivi. </font><font>Qui tieni conto se ci sono parti in cattive condizioni, i rami più lunghi e la forma finale che vuoi ottenere.</font></font></p>

<h2><font><font>Come potare l’incenso senza danneggiare la pianta?</font></font></h2>
<p><font><font>La potatura può essere implementata con la seguente serie di passaggi:</font></font></p>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><strong><font><font>Inizia eliminando tutte quelle parti che hai già visto che erano in cattive condizioni</font></font></strong><font><font> . </font><font>Ciò corrisponde a una potatura di mantenimento e spesso è necessario eseguirla più volte all’anno. </font><font>L’idea è che la tua pianta di incenso abbia un aspetto impeccabile, senza foglie o rami appassiti che facciano sembrare brutto il resto della struttura.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Individua i rami più lunghi e decidi per quanto tempo ritieni opportuno che rimangano</font></font></strong><font><font> . </font><font>Idealmente, dovresti tagliare più o meno la stessa quantità da tutti loro in modo che la pianta appaia equilibrata.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Ridurre i rami che si trovano ai lati per migliorare la struttura della pianta</font></font></strong><font><font> . </font><font>Questi tendono ad essere quelli che sembrano più disordinati per primi quando la potatura non viene applicata in tempo.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Schiarisci un po’ il centro se le foglie non lasciano entrare la luce. </font></font></strong><font><font>Ricorda che il corretto flusso di luce e ventilazione è molto importante per favorire una buona crescita ed evitare che diventi uno spazio ideale per l’insediamento di funghi o malattie.</font></font></li>
</ol>
<p><font><font>È necessario identificare i germogli appena emersi dal centro della pianta in modo da non toccarli con la potatura. </font><font>È da loro che otterrai una struttura migliore man mano che crescono.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51-L597k3kL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>A volte la potatura è il momento ideale per trapiantare l’incenso quando le sue radici sono già troppo grandi. </font><font>Come ultima raccomandazione, approfitti dei giorni successivi per applicare una concimazione poiché in questo modo la nutrirai e potrà riprendersi con più energia dalle ferite.</font></font></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Incenso alla prugna
<p><span><strong><font><font>Le barbabietole</font></font></strong></span><font><font> (conosciute anche come bietole, bietole, bietole, bietole, bietole bianche, bietole, beteraba e betarava)</font></font><b><font><font> appartengono alla famiglia delle </font></font><em><font><font>quenopodeacee</font></font></em><font><font> e il</font></font></b><font><font> suo nome scientifico</font></font><b><font><font> è </font></font><em><font><font>Beta bulgaris</font></font></em><font><font> .</font></font></b></p>
<p class=”p1″></p><div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Lo sapevate…</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Ci sono più di 1.400 specie di questa pianta.</font></font></div></div>
<figure id=”attachment_26698″ aria-describedby=”caption-attachment-26698″ class=”wp-caption alignright”><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/remolacha_1610643291-300×200.jpg”></figure>
<p class=”p1″><span class=”s1″><b><font><font>Si distingue</font></font></b><font><font> per essere un ortaggio </font></font><b><font><font>dalle molteplici </font></font><font><font>proprietà</font></font><font><font> nutritive e </font><font>medicinali</font><font> .</font></font></b></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Piantare barbabietole è facile</font></font></strong><font><font> e può essere fatto per la maggior parte dell’anno. </font></font></span><span class=”s1″><font><font>Il suo tempo di raccolta è</font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;tre mesi circa.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Se vuoi goderti barbabietole o barbabietole tutto il tempo a casa, </font></font><strong><font><font>non esitare a rivedere questa guida completa</font></font></strong><font><font> che ti offriamo.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Fallo!</font></font></span></p>

<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti quando si piantano barbabietole o barbabietole:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><span><strong><font><font>Quando? </font></font></strong></span><font><font>Le barbabietole possono essere coltivate durante tutto l’anno, tuttavia il periodo migliore è quando il</font></font><font><font> clima</font></font><font><font> è mite.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Dove? </font></font></strong></span><font><font>un terreno non argilloso, sabbioso o molto secco. </font><font>Un terreno semi soleggiato o soleggiato.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Tempo di raccolta? </font></font></strong></span><font><font>Circa tre mesi dalla semina.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></strong></span><font><font>Cercheremo un pH alcalino (tra 6 e 7). </font><font>Il terreno ben sciolto (in modo che drena) e senza</font></font><font><font> erbacce</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come paghiamo? </font></font></strong></span><font><font>Possiamo concimare con materia organica,</font></font><strong><font><font> compost</font></font></strong><font><font> o</font></font><strong><font><font> humus di vermi</font></font></strong><font><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come innaffiamo? </font></font></strong></span>&nbsp;<span class=”s1″><font><font>Amano i terreni umidi, non fangosi. </font><font>Non tollerano terreni impregnati d’acqua. </font></font><font><font>L’irrigazione a goccia è l'</font></font><font><font> ideale </font><font>.</font></font></span></li>
<li><span><strong><font><font>Come raccogliamo? </font></font></strong> </span><font><font>Quando il bulbo sporge leggermente, la barbabietola è pronta per essere raccolta.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Associazioni favorevoli? </font></font></strong></span><font><strong><font>Aglio</font></strong><strong><font> , </font></strong><strong><font>indivia</font></strong><strong><font> , </font></strong><strong><font>cipolle</font></strong><strong><font> , </font></strong><strong><font>spinaci</font></strong><strong><font> , </font></strong><strong><font>cavoli</font></strong><strong><font> , </font></strong><strong><font>lattuga</font></strong><strong><font> e </font></strong><strong><font>sedano</font></strong><strong><font> .</font></strong></font><strong> <font></font><font></font><font></font><font></font><font></font><font></font><font></font><font></font><font></font><font></font><font></font><font></font></strong></li>
<li><span><strong><font><font>Associazioni sfavorevoli? </font></font></strong></span> <strong><font><font>Piselli</font></font><font><font> , </font></font><font><font>fagioli</font></font></strong><font><font> e tutto ciò che rientra nel gruppo dei</font><strong><font> legumi</font></strong><strong><font> .</font></strong></font><strong> <font></font><font></font></strong></li>
<li><span><strong><font><font>Piaghe e malattie? </font></font></strong></span><font><font>Mosca, Muffa, Afide, Silfo.</font></font></li>
</ul>
</div></div>

<h2 class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Quando vengono piantate barbabietole o barbabietole?</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>La barbabietola ha strutture per </font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;crescere durante tutto l’anno.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Tuttavia, </font></font><b><font><font>il momento migliore è quando il clima è mite.</font></font></b></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Una delle considerazioni di base è che </font></font><strong><font><font>questa </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> ha specie diverse</font></font></strong><font><font> , come già accennato e ognuna può </font></font><strong><font><font>comportarsi in modo diverso rispetto al clima.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Troviamo così versioni in </font></font><strong><font><font>grado di resistere alle gelate</font></font></strong><font><font> invernali, mentre altre </font></font><strong><font><font>non sopportano l’eccessivo caldo </font></font><font><font>estivo</font></font><font><font> .</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″></p><div class=”su-note especial” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il più comune è che l’ambiente si trova in un intervallo che va da 10 a 24º C.</font></font></div></div>

<h2 class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Dove vogliamo coltivare le barbabietole?</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/la-siembra-de-remolacha-o-betabel.jpg”><font><font>Per </font></font><strong><font><font>piantare barbabietole</font></font></strong></span><span class=”s1″><font><font> devi selezionare</font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;un terreno non argilloso, sabbioso o molto secco.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Bisogna assicurarsi che </font></font><strong><font><font>non abbia erbacce,</font></font></strong><font><font> sassi, </font></font><strong><font><font>resti di colture precedenti</font></font></strong><font><font> e tutti quei tipi di residui che </font></font><strong><font><font>possono danneggiare le nostre colture.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Devi anche </font></font><strong><font><font>assicurarti che abbia un buon drenaggio.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Per aumentare il loro sostentamento, è meglio </font></font><strong><font><font>rimuovere il terreno e spargere un buon </font></font><font><font>compost</font></font></strong><font><font> per fertilizzarlo e </font><strong><font>ottenere</font></strong><font> così </font></font><strong><font><font>risultati migliori.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Essendo una radice, necessita di </font></font><strong><font><font>molti nutrienti</font></font></strong><font><font> , preferibilmente </font></font><strong><font><font>mirati a </font></font><font><font>potassio</font></font><font><font> e fosforo.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><b><font><font>Il pH</font></font><font><font> non deve essere alcalino (tra 6 e 7)</font></font></b><font><font> e deve avere una</font></font><strong><font><font> buona profondità.</font></font></strong></span></p>

<h3 class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Bisogno di luce</font></font></span></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Può essere un </font></font><strong><font><font>terreno soleggiato o semiombreggiato</font></font></strong><font><font> , in ogni caso </font></font><strong><font><font>entrambi si adattano molto bene a te.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″></p><div class=”su-note especial” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Piantare barbabietole richiede dalle 6 alle 8 ore di luce diretta, in quanto ciò le farà crescere grandi e molto dolci.</font></font></div></div>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Pertanto, se si trovano in una zona in </font></font><strong><font><font>cui la luce del sole li colpisce</font></font></strong><font><font> in una parte della giornata e l’ </font></font><strong><font><font>ombra nella successiva</font></font></strong><font><font> , non ci saranno problemi.</font></font></span></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Lo sapevate…</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Le barbabietole sono molto importanti nell’industria dello zucchero. </font><font>Ciò è iniziato a causa delle guerre napoleoniche, a causa del controllo del Regno Unito sulla produzione di zucchero di canna.</font></font></div></div>

<h2 class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Come prepariamo la semina?</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>I glomeruli</font></font></strong><font><font> sono quelli che</font></font><strong><font><font> contengono i semi di barbabietola</font></font></strong><font><font> , che</font></font><strong><font><font> devono essere seminati direttamente senza fare semenzai.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Al momento in cui si </font></font><strong><font><font>prevede di iniziare la semina</font></font></strong><font><font> , questo seme dovrebbe essere messo a </font></font><strong><font><font>bagno per due giorni.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″></p><div class=”su-note especial” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Le scanalature devono essere sempre preparate in modo lineare, profonde più o meno 2 cm.</font></font></div></div>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/como-sembrar-remolacha-1024×768.jpg”><font><font>Tra l’uno e l’altro deve esserci anche una </font></font><strong><font><font>certa distanza, circa 20 cm</font></font></strong><font><font> ; </font><font>e la distanza </font></font><strong><font><font>tra le linee dovrebbe essere di 30-40 cm.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Al momento della semina, </font></font><strong><font><font>il terreno deve essere imprigionato molto bene</font></font></strong><font><font> poiché </font></font><b><font><font>sono radici</font></font></b><font><font> che devono </font></font><b><font><font>aderire fortemente alla terra</font></font></b><font><font> per la loro </font></font><b><font><font>crescita sana.</font></font></b></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Inoltre, deve </font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;fare molta attenzione quando si rimuove il terreno&nbsp;</font></font></span><font><font> per assicurarti di rimuovere l’erba secca che cresce troppo poco profonda. </font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>In ogni glomerulo </font></font><strong><font><font>ci sono da due a tre semi</font></font></strong><font><font> che in seguito </font></font><strong><font><font>dovremo chiarificare e lasciarne solo uno in più</font></font></strong><font><font> . </font><font>Sarebbe quello che vediamo più forte.</font></font></span></p>

<h2 class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Come innaffiamo le barbabietole?</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Le barbabietole sono verdure che </font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;amano i terreni umidi, non fangosi.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p1″></p><div class=”su-note especial” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Le sue innaffiature devono essere frequenti e allo stesso tempo moderate, poiché se si mette troppa acqua, le sue radici corrono il rischio di marcire.</font></font></div></div>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Se invece il terreno è molto secco</font></font></strong><font><font> , il raccolto di barbabietola si screpola quindi, per tutto, </font></font><strong><font><font>dipenderà dal periodo della stagione in cui è stato seminato.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Se è la </font></font><strong><font><font>stagione delle piogge</font></font></strong><font><font> , bisogna fare attenzione a </font></font><strong><font><font>mantenere l’equilibrio del terreno.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Solo nei primi </font></font><strong><font><font>giorni hanno bisogno di molta acqua</font></font></strong><font><font> , dopo </font></font><strong><font><font>la</font></font></strong><font><font> comparsa dei </font><strong><font>germogli l’irrigazione deve essere controllata</font></strong><font> per </font></font><strong><font><font>non perdere la semina.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Quando innaffi il raccolto, </font></font><strong><font><font>evita di bagnarne le foglie.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;Il modo migliore di irrigazione sarebbe a goccia.&nbsp;</font></font></span>
</p>
<h2 class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Come seminare le barbabietole passo dopo passo?</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>La barbabietola è </font></font><strong><font><font>un ortaggio molto versatile</font></font></strong><font><font> , fa bene </font></font><strong><font><font>alla dieta della famiglia</font></font></strong><font><font> , come medicinale ed è usata come </font></font><strong><font><font>colorante e per fare lo zucchero.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Per seminare le barbabietole </font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;i mesi più adatti sarebbero tra aprile e metà giugno&nbsp;</font></font></span><font><font> poiché hanno bisogno di molta luce solare.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Va scelto un terreno dove </font></font><strong><font><font>il terreno sia fertile, neutro, umido, non argilloso e molto sciolto.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Con tutte le preparazioni indicate nei segmenti precedenti, </font></font><strong><font><font>procedere come segue:</font></font></strong></span></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li class=”li1″><span class=”s1″><font><font>I </font></font><strong><font><font>semi</font></font></strong><font><font> verranno posti </font><font>nei solchi da </font></font><strong><font><font>cui emergeranno le piante.</font></font></strong></span></li>
<li class=”li1″><b></b><span class=”s1″><font><font>Questi vanno valorizzati e </font></font><b><font><font>permettono solo ai più forti di continuare la loro crescita, il resto va eliminato affinché non perda forza.</font></font></b></span></li>
<li class=”li1″><span class=”s1″><strong><font><font>Dopo 8 settimane</font></font></strong><font><font> , le verdure dovrebbero aver già raggiunto </font></font><strong><font><font>circa 8 cm di diametro.</font></font></strong></span></li>
<li class=”li1″><span class=”s1″><font><font>Per raccogliere il raccolto, devi prendere </font></font><strong><font><font>la parte superiore</font></font></strong><font><font> e </font><strong><font>spostare con</font></strong><font> molta </font></font><strong><font><font>attenzione la radice.</font></font></strong></span></li>
<li class=”li1″><span class=”s1″><font><font>Hai bisogno di </font></font><strong><font><font>uno strumento</font></font></strong><font><font> che renda facile rimuoverli </font></font><strong><font><font>tagliando mezzo centimetro dalla radice.</font></font></strong></span></li>
<li class=”li1″><span class=”s1″><font><font>Quando si effettua la loro rimozione da terra, devono essere </font></font><strong><font><font>lasciate ad asciugare al sole.</font></font></strong></span></li>
</ol>
<h2 class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Parassiti e malattie che ti colpiscono</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cultivar-remolacha-paso-a-paso.jpg”><font><font>Ci sono varie </font></font><strong><font><font>malattie e parassiti</font></font></strong><font><font> che </font></font><strong><font><font>sono in grado di influenzare</font></font></strong><font><font> il corretto </font></font><strong><font><font>sviluppo delle barbabietole</font></font></strong><font><font> . </font><font>Al loro interno abbiamo:</font></font></span></p><div class=”su-list”><p></p>
<ul class=”ol1″>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span class=”s1″><b><font><font>Mosche:</font></font></b><font><font> sono specifiche di questa pianta e provocano danni alle foglie. </font><font>In grandi quantità possono causare la perdita del raccolto.</font></font></span></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span class=”s1″><b><font><font>Afidi</font></font><font><font> :</font></font></b><font><font> attaccano anche le foglie provocando un terribile indebolimento sulla struttura generale della pianta. </font><font>Può essere combattuto con il sapone.</font></font></span></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span class=”s1″><b><font><font>Silfo:</font></font></b><font><font> in questo caso si tratta di coleotteri che infettano la pianta provocando danni agli ortaggi.</font></font></span></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span class=”s1″><b><font><font>muffa</font></font><font><font> :</font></font></b><font><font> è una malattia che attacca le foglie di barbabietola. </font><font>Per combatterlo, è meglio rimuovere le aree interessate.</font></font></span></li></ul></div>

<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Lo sapevate…</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>La foglia di barbabietola è anche conosciuta come: </font></font><strong><font><font>Bietola</font></font></strong><font><font> .</font></font></div></div>

<h2 class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Associazioni favorevoli e non così favorevoli</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Se hai un </font></font><font><font>orto</font></font><font><font> , ti sarà comodo sapere quali piante è </font></font><strong><font><font>possibile associare alle barbabietole e quali non sono migliori.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″></p><div class=”su-note especial” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Le barbabietole possono essere seminate insieme a aglio, indivia, cipolle, spinaci, cavoli, lattuga e sedano.</font></font></div></div>
<p class=”p1″></p><div class=”su-note especial” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>NON bisogna seminare accanto alle barbabietole: piselli, fagioli e tutto ciò che rientra nel gruppo dei legumi.</font></font></div></div>
<p><font><font>Per saperne di più, leggi: </font></font><font><font>Varietà di barbabietola</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font><span class=”s1″><font><font>Se ti è piaciuta questa informazione, approfittane per </font><strong><font>avere</font></strong><font> sempre </font></font><strong><font><font>barbabietole fresche dal tuo orto.</font></font></strong></span></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-remolacha.jpg”></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Come piantare barbabietole nel tuo giardino
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/alocasia_1585407252-300×202.jpg”><strong><font><font>Una pianta esotica</font></font></strong><font><font> di grande bellezza appartenente alla</font></font><em><font><font> famiglia di </font></font></em><strong><em><font><font>Las Marquesas</font></font></em></strong><em><font><font> ,</font></font></em><font><font> è l'</font></font><strong><font><font> Amazzonia Alocasia </font></font></strong><em><font><font>.</font></font></em></p>
<p><font><font>Popolarmente, è anche conosciuto come </font></font><strong><em><font><font>orecchio di elefante</font></font></em></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>

<h2><font><font>Caratteristiche dell’alocasia amazzonica</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/alocasia_1585407333-300×200.jpg”><font><font>Nome botanico: </font></font><em><font><font>Alocasia amazonica.</font></font></em></li>
<li><font><font>Nome comune: Alocasia, Orecchie di elefante, Maschera africana.</font></font></li>
<li><font><font>Tipo di </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> : Pianta tropicale.</font></font></li>
<li><font><font>Pezzatura a maturità: Le fasce dimensionali dipendono dalla varietà; </font><font>da 60 centimetri di altezza e 60 di larghezza a 450 centimetri di altezza e 250 di larghezza.</font></font></li>
<li><font><font>Esposizione al sole: luce intensa indiretta.</font></font></li>
<li><font><font>Tipo di terreno: terriccio sciolto e ben drenante.</font></font></li>
<li><strong><font></font></strong><font><font>Il</font><strong><font> pH del</font></strong><font> terreno è</font><strong><font> compreso tra</font></strong><font> 5,5 e 6,5.</font></font></li>
<li><font><font>Epoca di fioritura Crescita </font></font><font><font>primaverile</font></font><font><font> ed estiva.</font></font></li>
<li><font><font>Colore del fiore Giallo burro chiaro.</font></font></li>
<li><font><font>Aree native dell’Asia.</font></font></li></ul></div></div>

<p><font><font>Esistono circa 70 varietà di questa specie di pianta </font></font><font><font>perenne</font></font><font><font> , provenienti dal continente americano, dall’Asia e dall’Oceania.</font></font></p>
<h3><font><font>Dove possiamo trovarlo?</font></font></h3>
<p><font><font>È abbondante nelle foreste tropicali umide, soprattutto nei paesi sudamericani, in habitat molto umidi, dove raggiungono solitamente diversi metri di altezza.</font></font></p>
<p><font><font>Il fusto </font></font><em><font><font>dell’Alocasia</font></font></em><font><font> è sotterraneo ed è responsabile dell’assorbimento dell’acqua e dei nutrienti essenziali affinché la pianta raggiunga il suo massimo sviluppo. </font><font>Le piante con questo tipo di fusto appartengono al </font></font><strong><font><font>genere </font></font><em><font><font>rizomatoso</font></font></em></strong><em><font><font> .</font></font></em></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; <p></p>
<p><font><font>Hanno organi che funzionano come serbatoi d’acqua chiamati </font></font><strong><font><font>rizomi</font></font></strong><font><font> . </font><font>Sono simili alle radici, ma quando sono pronte nascono foglie e brattee </font></font><font><font>bianche</font></font><font><font> o </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> finti </font><font>, </font><font>molto difficili da realizzare in coltivazione.</font></font></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Lo sapevate…?</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il suo tronco è acquoso, senza dubbio la sua principale attrazione è concentrata nelle grandi foglie triangolari in un insolito tono verde grigiastro e nei nervi biancastri molto ben delineati. </font><font>Quelle sfumature che disegnano la nervatura nella parte superiore della lama sono semplicemente spettacolari.</font></font></div></div>
<p><font><font>Inoltre, contrasta con il tono granato del rovescio.</font></font></p>
<h2><font><font>Temperatura: dove piantare un’alocasia amazzonica?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/alocasia_1585407384-234×300.jpg”><font><font>Richiede un clima che va dai 20 ai 25 °C per mantenere il suo bel fogliame. </font><font>La minima che supporta è di 6°C, ma l’ideale è non sottoporla a bruschi sbalzi di temperatura.</font></font></p>
<h2><font><font>Luz: Che bisogni hai?</font></font></h2>
<p><font><font>Un ambiente luminoso sarà di grande beneficio per questa specie. </font><font>Il sole diretto non lo tollera. </font><font>Il suo fogliame è costituito da foglie di una morfologia unica di cui devi prenderti cura in modo che non brucino.</font></font></p>
<p><font><font>Ma dovrebbe essere chiaro che ha bisogno di molta luce per produrre un’eccellente </font></font><font><font>fotosintesi</font></font><font><font> e stimolare la sua crescita.</font></font></p>
<h2><font><font>Substrato e Compost: come prepariamo il terreno?</font></font></h2>
<p><font><font>Per quanto riguarda la composizione del terreno o del </font></font><strong><font><font>substrato</font></font></strong><font><font> , questa pianta non richiede altro che mantenerla con un buon livello di umidità.</font></font></p>
<p><font><font>Tuttavia, un buon </font></font><font><font>fertilizzante</font></font><font><font> liquido influirà positivamente sul suo sviluppo e mantenimento. </font><font>Aggiungilo all’acqua di irrigazione una volta alla settimana, nella giusta dose e le foglie cresceranno e risplenderanno splendidamente.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; <p></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/alocasia_1585407426-300×200.jpg”><font><font>Questo processo dovrebbe essere effettuato solo nel corso della primavera e dell’estate, dove l’attività vegetativa è più elevata in questa pianta tropicale.</font></font></p>
<p><font><font>Il fertilizzante deve essere sempre diluito nell’acqua di irrigazione. </font><font>Un buon fertilizzante bilancia gli ingredienti come </font></font><font><font>azoto</font></font><font><font> , </font></font><font><font>fosforo</font></font><font><font> e </font></font><font><font>potassio</font></font><font><font> è più che sufficiente.</font></font></p>
<p><font><font>Allo stesso modo, sono ottime la ghiaia e la torba aggiunte al terriccio nel vaso, insieme a una porzione di sabbia in </font></font><font><font>parti</font></font><font><font> uguali. </font><font>Coprire con un </font></font><font><font>pacciame di</font></font><font><font> foglie.</font></font></p>
<p><font><font>Sono molto importanti nelle colture in vaso, perché aiutano a ottenere un drenaggio ottimale dell’acqua di irrigazione.</font></font></p>
<h2><font><font>Irrigazione: come e con che frequenza annaffiamo?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/alocasia_1585407457-225×300.jpg”><font><font>Un’abbondante irrigazione è sinonimo di salute in questa specie tropicale, ma deve essere effettuata con moderazione, senza eccessi che impantanano il substrato.</font></font></p>
<p><font><font>Il terreno in vaso (con fori per rimuovere l’acqua in eccesso) o </font></font><font><font>all’aperto</font></font><font><font> deve essere costantemente inumidito.</font></font></p>
<p><font><font>Questa pianta è tuttofare e proviene dalle paludi della giungla americana ad alta umidità, quindi almeno condizioni simili dovrebbero essere imitate con frequenti irrorazioni delle sue foglie.</font></font></p>
<p><font><font>Se in qualsiasi momento le foglie iniziano a </font></font><font><font>ingiallire</font></font><font><font> e ad appassire, dovresti tagliarle molto delicatamente dalla base. </font><font>Questa potatura stimolerà la comparsa di nuovi.</font></font></p>
<p><font><font>In primavera le innaffiature devono essere abbondanti perché è il momento della rigenerazione vegetativa che va sfruttato al massimo.</font></font></p>
<h2><font><font>Parassiti e malattie dell’alocasia amazzonica</font></font></h2>
<p><font><font>Sebbene siano </font></font><font><font>vistose</font></font><font><font> , queste piante possono essere molto sensibili. </font><font>Una varietà di malattie come marciume della corona, dello stelo e delle radici, macchie fogliari e Xanthamonas sono particolarmente comuni nelle piante di alocasia.</font></font></p>
<p><font><font>I segni della malattia sono tipicamente </font><font>macchie </font></font><font><font>nere</font></font><font><font> o marrone scuro sulle foglie e un bordo giallastro intorno alle macchie.</font></font></p>
<p><font><font>Le malattie possono essere prevenute evitando l’eccessiva irrigazione, mantenendo le foglie asciutte e fornendo un’adeguata circolazione dell’aria intorno e vicino alla pianta.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; <p></p>
<h3><font><font>Parassiti dell’alocasia amazzonica</font></font></h3>
<p><font><font>Parassiti più comuni delle piante Alocasia sono </font></font><strong><font><font>cocciniglie</font></font></strong><font><font> , scala, </font></font><strong><font><font>afidi,</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>acari</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Ogni poche settimane, puoi spruzzare la pianta con acqua calda </font></font><strong><font><font>e sapone organico e antiparassitario</font></font></strong><font><font> per prevenire questi parassiti. </font><font>Ciò contribuirà a mantenere la pianta priva di polvere. </font><font>Se si verifica un’infestazione, utilizzare un </font></font><strong><font><font>olio</font></font></strong><font><font> insetticida ultra fine o </font><strong><font>olio di neem</font></strong><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Questi prodotti uccideranno i parassiti e le loro uova.</font></font></p>
<h2><font><font>Tossicità delle piante di alocasia</font></font></h2>
<p><font><font>L’alocasia è una </font></font><strong><font><font>pianta molto velenosa</font></font></strong><font><font> ; </font><font>le foglie contengono cristalli di ossalato insolubili.</font></font></p>
<p><font><font>Se un essere umano o un animale domestico mastica o morde le foglie, rilasceranno i cristalli. </font><font>Può causare gonfiore e irritazione della bocca e del tratto gastrointestinale.</font></font></p>
<p><font><font>Molto raramente, ci sarà un estremo gonfiore delle vie aeree superiori, rendendo difficile la respirazione.</font></font></p>
<p><font><font>Tieni la pianta lontana da bambini e animali domestici e chiama il Centro Antiveleni, il tuo medico o il veterinario se una persona o un </font></font><font><font>animale</font></font><font><font> ingerisce le foglie della pianta.</font></font></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Alocasia Amazónica
<h2><font><font>Cosa sono i tonchi?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Que-son-los-gorgojos-300×225.jpg”><font><font>I Curculionidae o </font></font></span> <i><span><font><font>curculionidae</font></font></span></i><i><font><font> , </font></font></i><span><font><font>meglio conosciuti come punteruoli, sono minuscoli insetti appartenenti alla famiglia dei coleotteri erbivori, con migliaia di membri, tanto da raggiungere circa 5.489 generi e più di 86mila specie identificate in tutto il mondo.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Questi insetti basano la loro dieta su una dieta di tipo vegetale, quindi diventano una vera minaccia per i raccolti, perché quando diventano un parassita distruggono tutto. </font></font></span></p>
<p><span><font><font>Sono usati come efficaci agenti di controllo biologico per uccidere le erbacce.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Come possiamo identificarli?</font></font></h2>
<p><span><font><font>I punteruoli sono in realtà piccoli insetti, ma appartengono a una delle famiglie di specie più diverse.</font></font></span></p>
<h3><font><font>punteruolo del grano</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Reproduccion-y-ciclo-de-vida-300×225.jpg”><font><font>Precisamente, una delle specie più dannose è il </font></font></span><i><span><font><font>Sitophilus granaeius</font></font></span></i><span><font><font> , </font><font>il </font></font><font><font>punteruolo</font></font><font><font> del grano, molto distruttivo, altamente dannoso perché produce milioni di perdite colpendo i chicchi di cereali stoccati in tutto il mondo.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Le femmine di questa specie sono in grado di produrre molte uova (tra 300-400 e ne mettono una in ogni chicco) e le larve si nutrono all’interno dei chicchi che invadono.</font></font></span></p>
<p><span></span></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Sono lunghe circa 3-5 mm, ma variano a seconda della grana che attaccano.&nbsp;</font></font><span><font><font>Coloro che invadono </font></font><font><font>le</font></font><font><font> coltivazioni di </font><font>mais</font><font> sono più grandi di coloro che occupano le </font><font>coltivazioni di </font><font>miglio.</font></font></span></div></div><p></p>
<p><span><font><font>Il colore negli adulti è una tonalità bruno-rossastra. </font></font></span><font><font>Non volano, quando sono allo stadio larvale mancano di zampe e hanno una specie di gobba, con la testa color cannella. </font><font>E le pupe sviluppano musi molto simili a quelli degli adulti.</font></font></p>
<p><span><font><font>In genere i punteruoli sono caratterizzati dall’avere un guscio o corteccia dura e un potente apparato boccale masticatorio, posto all’estremità di una proboscide o appendice tubolare tubolare che varia a seconda della specie, potendo configurare l’intero viso, o essere molto lungo e stretto e con antenne che stanno sotto la sua guardia protettiva.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Condotta</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Gorgojo-de-los-granos-1-291×300.jpg”><font><font>Questi insetti sono intelligenti, tanto da essere capaci di fingere di essere morti quando si sentono minacciati. </font></font></span><span><font><font>Piegano le gambe finché non si incollano al tronco e rimangono immobili.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>E le femmine possono identificare quando un chicco ha già una delle sue uova all’interno, quindi questa metodologia consente loro di avanzare nel loro lavoro invasivo.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Sono in grado di penetrare nel grano aprendo un foro per depositare l’uovo e poi sigillarlo con una sostanza appiccicosa che secernono.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Per questo motivo gli alimenti interessati vengono riempiti con uno strato biancastro o polvere identificabile ad occhio nudo.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Riproduzione e ciclo di vita</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Conducta-1-300×225.jpg”><font><font>Vari studi dimostrano che solo due tonchi possono produrre circa 6 mila prole all’anno, che vengono prodotte in ogni ciclo di 3 all’anno.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Il suo ciclo vitale raggiunge circa 4 stadi ben identificati: l’uovo, la larva, l’eruzione e l’adulto. </font></font></span><span><font><font>Le uova sono di colore biancastro, di forma ovale ma arrotondate da una parte e appiattite dall’altra.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Gli embrioni di solito scoppiano entro 2-4 giorni. </font><font>Sono di colore da bianco a giallo, con una testa più scura, un po’ rossastra.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Non possono muoversi perché mancano le gambe ma mordono con forza piante e cereali, poiché hanno bisogno di mangiare.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Negli adulti, si sviluppano tra le 6 e le 8 settimane, anche se ci sono varietà che richiedono più tempo e possono vivere tra i 40 ei 90 giorni e fino a 3 anni.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Ma come regola generale, quando il bozzolo scoppia, sono già giovani adulti e maschi e femmine sono in grado di accoppiarsi.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Quali piante colpiscono i tonchi?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/A-que-plantas-afectan-los-gorgojos-Arroz-300×225.jpg”><font><font>I punteruoli sono presenti in molte colture, invadono praticamente tutte le varietà di cereali, soprattutto </font></font><font><font>riso</font></font><font><font> , mais e </font></font><font><font>avena</font></font><font><font> , orzo, segale, </font><font>colture di </font><font>frumento.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Tra le tante colpite dall’attività invasiva del </font></font></span><i><span><font><font>Sitophilus granaeius,</font></font></span></i><span><font><font> che si moltiplica con sorprendente velocità e che gli permette di intaccare un intero raccolto in poco tempo.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Il punteruolo del mais, ad esempio, impiega dalle 6 alle 8 settimane per crescere, cioè per passare dallo stadio adulto.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Il punteruolo del </font></font><font><font>grano</font></font><font><font> da solo </font><font>può riprodurre circa 6 milioni di giovani all’anno. </font><font>Quel grande potere riproduttivo li rende molto potenti.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Possono danneggiare tutte le piante in breve tempo.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Depongono le uova all’estremità del picciolo delle foglie e nelle fessure della corteccia degli </font></font><font><font>alberi</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Anche i cereali e i raccolti di grano vengono distrutti perché vivono all’interno dei chicchi, deponendo uova che maturano per rilasciare migliaia di </font></font><font><font>vermi</font></font><font><font> che mangiano costantemente.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ma nel giardino </font></font></span><i><span><font><font>compare</font></font></span></i><font><span><font> la specie </font></span><i><span><font>Otiorhynchus sulcatus</font></span></i></font><span><font><font> , che cerca di nidificare in </font><font>piante </font></font><font><font>ornamentali </font></font> <font><font>perenni</font></font><font><font> , annuali e bulbose. </font><font>Tra le sue preferite ci sono le </font></font><font><font>azalee</font></font><font><font> e le </font></font><font><font>ortensie</font></font><font><font> , anche se il danno che provocano nelle coltivazioni di eucalipto è totale.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Come combattere i tonchi?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Como-combatir-los-gorgojos-300×200.jpg”><font><font>I punteruoli possono adattarsi a qualsiasi ambiente, anche se preferiscono quelli secchi. </font></font></span><span><font><font>Questo è il motivo per cui attaccano colture di ogni tipo, così come le colture di cereali in deposito e molti altri alimenti che abbiamo conservato in casa.&nbsp;&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>E per non parlare dei cespugli di fiori che coltiviamo in giardino. </font><font>In realtà, sono </font></font><font><font>ovunque</font></font><font><font> e anche un </font><font>bonsai </font></font><font><font>albero</font></font><font><font> può essere attraente per questo parassita.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In casa, i tonchi preferiscono le zone umide, quindi non è raro che invadano le dispense in modo aggressivo.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Attaccano per primi i chicchi che sono stati conservati più a lungo, quindi una buona misura preventiva è conservarli in frigorifero, in modo che le basse temperature rovinino i loro piani riproduttivi, poiché in questo modo le uova non si sviluppano.</font></font></span></p>
<p><span></span></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>È molto efficace innaffiare un prodotto chiamato </font></font><i><span><font><font>terra di </font></font><font><font>diatomee</font></font></span></i><span><font><font> in luoghi dove di solito si vedono i tonchi. </font><font>Questo rimedio li disidrata. </font><font>Dovrebbe essere inserito all’interno delle bustine e farà il suo lavoro di ridurle in modo molto efficace.</font></font></span></div></div>
<p></p>
<p><span><font><font>La loro attività alimentare si svolge di notte, quando escono per mangiare foglie e steli di piante. </font><font>Di giorno si nascondono dai loro predatori.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Sarà quindi opportuno effettuare controlli notturni periodici, con l’ausilio di una torcia, in modo da rilevarli in tempo e rimuoverli dalla </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> con l’ausilio di buone pinzette.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ma senza dubbio è bene applicare un insetticida specifico, seguendo le indicazioni fornite dal produttore, non appena si scopre la presenza di punteruoli adulti.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ed è anche consuetudine inumidire il </font></font><font><font>substrato</font></font><font><font> , tra i mesi da luglio a ottobre, quando hanno molta attività riproduttiva, perché in questo modo si evita lo scoppio delle larve o dei vermi, che è la chiave in materia di combattimento loro.&nbsp;</font></font></span></p>

<h2><font><font>Quali sono i migliori prodotti per eliminare i punteruoli?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Alcuni consigli per sconfiggerli sono i seguenti:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><span><font><font>Gli adulti possono essere intrappolati utilizzando trappole o esche alimentari, in modo da impedire loro di deporre nuove uova, perché essendo le larve all’interno della pianta o sottoterra, è più difficile combatterle.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Una buona strategia contro la cosiddetta </font><font>banane </font><font>weevil </font></font><font><font>weevil</font></font><font><font> è quello di mettere una trappola a terra fornito con una caraffa riempito con acqua e sapone che contiene l’esca al centro. </font><font>Quando i tonchi affamati cadono, annegano e muoiono.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Ci sono altre trappole dove rimangono incastrate, ampiamente utilizzate tra l’altro per combattere le specie che attaccano le palme.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Un altro metodo per combatterli è congelarli quando li troviamo nella raccolta del grano e dei cereali. </font><font>La temperatura ideale è -20ºC, almeno per 48 ore continuative. </font><font>Così eliminiamo punteruoli e uova.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Un’altra formula casalinga consiste nel mettere l’ </font></font><font><font>aglio</font></font><font><font> in pezzi posti sul fondo dei contenitori dove teniamo i chicchi nella dispensa. </font><font>L’odore li spaventa, peggio ancora devono essere sostituiti ogni 2 o 3 mesi. </font><font>Funziona anche se vengono posti ai piedi delle piante.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>L’ </font></font><font><font>olio di neem</font></font><font><font> è molto efficace anche in giardino, in concentrazioni che vanno dai 3 ai 5 ml per litro di soluzione preparata. </font><font>Spray vigorosi dovrebbero essere applicati alle foglie e agli steli delle piante da giardino.</font></font></span></li>
</ol>
<p><span><font><font>Ottimo insetticida naturale, possiamo prepararlo con </font></font><font><font>alloro</font></font><font><font> , con grande potere disinfettante. </font><font>Per fare ciò, dobbiamo avere a portata di mano:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter3″>
<li><span><font><font>300 grammi di foglie di alloro fresche ogni 10 litri d’acqua.&nbsp;</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Tagliate le foglie a metà e poi mettetele in un contenitore capiente.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Dovresti far bollire una quinta parte dell’acqua e poi aggiungerla al contenitore principale con le foglie.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Coprite subito e aspettate che si raffreddi. </font><font>Quindi aggiungere il resto dell’acqua e portarlo in un luogo buio, ma non coprirlo completamente.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Due giorni dopo, la miscela dovrebbe essere filtrata e conservata in un vaso spray. </font><font>Si consiglia di conservarlo in frigorifero in modo che rimanga intatto.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Per un mese di seguito, puoi spruzzare continuamente sulle piante in giardino, ma ogni 3 giorni prima di sera.</font></font></span></li>
</ol>

<!– .helpful –>

suggerimenti Weevils
<p><span class=”s1″><span><font><font>T</font></font></span></span><font><font> ime stima per leggere l’articolo:</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;8 minuti&nbsp;</font></font></span><font><font>.</font></font></p>
<p><font><font>Tempo di raccolta stimato: </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;80 giorni&nbsp;</font></font></span><font><font>.</font></font></p>
<p><strong><font><font>Acqua, terra, sole e pazienza.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Questo è </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;cosa ti serve per piantare mais&nbsp;</font></font></span><font><font>. </font></font><strong><font><font>Che ne dite di?</font></font></strong></p>
<p><font><font>Continua a leggere 🙂</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>La semina del mais passo dopo passo:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ol>
<li><strong><font><font>Quando? </font></font></strong><font><font>La semina diretta avviene da aprile a giugno.</font></font><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-maíz-6.png”></li>
<li><strong><font><font>Dove? </font></font></strong><font><font>Aree con molto sole, all’aperto. </font><font>Zona</font><font>da</font></font><font><font> erbacce</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><strong><font><font>Tempo di raccolta? </font></font></strong><font><font>Dipende dalla varietà, ma tra 63-80 giorni.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></strong> <font><font>Compost</font></font><font><font> gravemente rovinato. </font><font>Non tollera bene il</font></font><font><font> letame</font></font><font><font> fresco.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come innaffiamo? </font></font> </strong><font><font>Gocciolamento ideale. </font><font>Eviteremo a tutti i costi gli irrigatori.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Quanto spesso annaffiamo? </font></font> </strong><font><font>Abbondante. </font><font>Circa 2,5 cm di acqua a settimana.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come seminiamo? </font></font></strong><font><font>Temperatura di 15-20ºC. </font><font>Profondità circa 2-3 cm. </font><font>Ad una distanza tra le</font></font><font><font> piante</font></font><font><font> di circa 35 cm.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come raccogliamo? </font></font></strong><font><font>Forare un brufolo e dovrebbe rilasciare un liquido lattiginoso.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Buone associazioni? </font></font> <font><font>Zucche</font></font><font><font> , </font></font><font><font>zucchine</font></font><font><font> , </font></font><font><font>lenticchie</font></font><font><font> , </font></font><font><font>cetrioli</font></font><font><font> , </font></font><font><font>meloni</font></font><font><font> , </font></font><font><font>piselli</font></font><font><font> , </font></font><font><font>pomodori</font></font><font><font> e </font></font><font><font>angurie</font></font><font><font> .</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Associazioni sbagliate? </font></font> <font><font>Barbabietole</font></font><font><font> , </font></font><font><font>sedano</font></font><font><font> o </font></font><font><font>patate</font></font></strong><font><font> . </font><font>Né piante come</font></font><strong><font><font> l’oxalis triangularis</font></font></strong><font><font> .</font></font></li>
<li><strong><font><font>Piaghe e malattie? </font></font></strong><font><font>Uccelli e roditori. </font></font><font><font>Tripidi</font></font><font><font> ,</font></font><font><font> afidi</font></font><font><font> e cimici dei letti.</font></font></li>
</ol>
</div></div>

<div class=”aawp”>

<div class=”aawp-product aawp-product–horizontal aawp-product–style-light aawp-product–css-adjust-image-large” data-aawp-product-id=”B012DO16SA” data-aawp-product-title=”El huerto familiar ecológico  CULTIVOS” data-aawp-geotargeting=”true” data-aawp-click-tracking=”asin”>

<div class=”aawp-product__thumb”>

<img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/plugins/aawp/public/image.php?url=aHR0cHM6Ly9tLm1lZGlhLWFtYXpvbi5jb20vaW1hZ2VzL0kvNjFld2JiNExtOUwuanBn”>

<div class=”aawp-product__rating”>
<span></span>
<div class=”aawp-product__reviews”><font><font>174 Recensioni</font></font></div>
</div>
</div>

<div class=”aawp-product__content”>
<font><font>
L’orto familiare ecologico (CROPS)        </font></font>
<div class=”aawp-product__description”>
<ul><li><font><font>Bene, Mariano (Autore)</font></font></li></ul>        </div>
</div>

<div class=”aawp-product__footer”>

<div class=”aawp-product__pricing”>

<span class=”aawp-product__price aawp-product__price–current”><font><font>9,49 EUR</font></font></span>

</div>

<font><font>Vedi su Amazon</font></font>
</div>

</div>

</div>
<p class=”aawp-disclaimer”><span><em><font><font>Ultimo aggiornamento il 2021-06-11 / Link di affiliazione / Immagini API per gli affiliati</font></font></em></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><span><font><font>E</font></font></span><font><font> l mais, insieme </font></font><strong><font><font>al </font></font><font><font>grano</font></font><font><font> e al </font></font><font><font>riso</font></font></strong><font><font> , è uno dei </font></font><strong><font><font>cereali più importanti del mondo, da </font></font><font><font>agricoltura</font></font><font><font> e</font></font></strong><font><font> appartiene al genere degli </font><strong><font>ortaggi da frutto</font></strong><font> .</font></font><strong> <font></font></strong><font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Oltre a fornire nutrienti all’uomo e agli </font></font><font><font>animali</font></font><font><font> , costituisce una </font></font><strong><font><font>materia prima</font></font></strong><font><font> con cui </font></font><strong><font><font>si producono amido, olio, bevande alcoliche e persino carburante.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Nonostante la </font></font><strong><font><font>sua origine</font></font></strong><font><font> sia oggetto di </font></font><strong><font><font>diverse discussioni</font></font></strong><font><font> , i popoli mesoamericani hanno </font></font><strong><font><font>innumerevoli leggende</font></font></strong><font><font> che spiegano la loro storia e </font></font><strong><font><font>l’importanza di questo alimento</font></font></strong><font><font> per lo sviluppo della loro cultura.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Non invano </font></font><strong><font><font>è considerato l’elemento</font></font></strong><font><font> da cui </font></font><strong><font><font>si è formato l’uomo</font></font></strong><font><font> , secondo </font></font><strong><font><font>la cosmogonia</font></font></strong><font><font> di alcuni antichi popoli del continente.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Piantare mais </font></font><strong><font><font>può migliorare la tua salute fisica</font></font></strong><font><font> e nutrire il tuo benessere mentale. </font><font>Inizia a </font></font><strong><font><font>coltivare il tuo mais</font></font></strong><font><font> e goditi i </font></font><strong><font><font>numerosi benefici</font></font></strong><font><font> che porterà al tuo corpo.</font></font></span></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Lo sapevate…</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><strong><font><font>Cintéotl</font></font> </strong><font><font> è il dio messicano del mais ed è una divinità che, come la pianta che rappresenta, ha la dualità di genere.</font></font></div></div>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>

<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Caratteristiche principali</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il mais, </font></font><strong><font><font>Zea mays</font></font></strong><font><font> , è una delle </font></font><strong><font><font>piante più importanti del regno vegetale</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>È coltivato </font></font><span><strong><font><font>da più di 4.000 anni</font></font></strong> </span><font><font> e costituisce la </font></font><strong><font><font>base della dieta americana.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>È una </font></font><strong><font><font>pianta erbacea</font></font></strong><font><font> annuale di grande </font></font><strong><font><font>sviluppo vegetativo, un fusto nodoso e solido</font></font></strong><font><font> , che contiene da quindici a trenta foglie allungate.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>È una </font></font><strong><font><font>pianta monoica</font></font></strong><font><font> , cioè ogni pianta </font></font><strong><font><font>ha fiori maschili e fiori femminili</font></font></strong><font><font> . </font><font>Le sue foglie </font></font><strong><font><font>acquisiscono una forma allungata</font></font></strong><font><font> che </font></font><strong><font><font>crescono molto vicine al fusto</font></font></strong><font><font> , da cui </font><strong><font>nascono </font></strong></font><strong><font><font>le spighe o spighe.</font></font></strong></span></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Lo sapevate…</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Solo nello stato di Oaxaca, in Messico, sono state registrate 35 diverse razze di mais.</font></font></div></div>
<p><font><font>Nessun prodotto trovato.</font></font></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Ogni spiga è </font></font><strong><font><font>costituita da un tronco (pannocchia)</font></font></strong><font><font> ricoperto </font></font><strong><font><font>da file di grani gialli</font></font></strong><font><font> , che costituiscono la parte commestibile della pianta. </font></font><span><font><font>Ogni chicco è considerato come un frutto indipendente.</font></font></span></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-maíz-11.jpg”><font><font>Esistono </font></font><strong><font><font>molte specie di mais</font></font></strong><font><font> , ma a meno che non abbiamo </font></font><strong><font><font>polli o un mulino per cereali per fare la grana</font></font></strong><font><font> , il mais dolce </font></font><strong><font><font>è quello che di solito viene piantato</font></font></strong><font><font> negli </font></font><strong><font><font>orti domestici.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Il mais dolce o tenero</font></font></strong><font><font> è caratterizzato </font></font><strong><font><font>dall’avere un chicco dorato </font></font></strong><font></font><strong><font><font>dal</font></font></strong><font><font> sapore </font><strong><font>dolce e dolce</font></strong><font> . </font><font>Sui pacchetti di </font></font><font><font>semi</font></font><font><font> si trova sotto la denominazione </font></font><strong><font><font>”SU”.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Più del </font></font><strong><font><font>50% dello zucchero di</font></font></strong><font><font> questo mais </font></font><strong><font><font>viene convertito in amido entro 24 ore</font></font></strong><font><font> dalla raccolta, quindi deve essere consumato o inscatolato non appena raccolto.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Puoi </font></font><strong><font><font>anche</font></font></strong><font><font> trovare </font><strong><font>mais dolce</font></strong><font> , arricchito con zucchero, </font></font><strong><font><font>etichettato “SE” sulle confezioni di semi</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>È un tipo di mais geneticamente modificato per ridurre l’amido zuccherino, che ne aumenta la dolcezza e la morbidezza dei chicchi.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>In generale, il </font></font><strong><font><font>mais si adatta a un’ampia </font></font><font><font>varietà di terreni</font></font></strong><font><font> dove può </font></font><strong><font><font>produrre buoni raccolti</font></font></strong><font><font> nelle giuste condizioni.</font></font></span></p>
<p><span class=”embed-youtube”><iframe class=”youtube-player” width=”1040″ height=”585″ src=”https://www.youtube.com/embed/Q6IxSJBRhPU?version=3&amp;rel=1&amp;showsearch=0&amp;showinfo=1&amp;iv_load_policy=1&amp;fs=1&amp;hl=es-ES&amp;autohide=2&amp;wmode=transparent” allowfullscreen=”true” sandbox=”allow-scripts allow-same-origin allow-popups allow-presentation”></iframe></span></p>
<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Condizioni necessarie per la coltivazione del mais</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Per piantare il mais in modo efficace, devono essere presi in considerazione i seguenti fattori:</font></font></span></p>
<h3 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Irrigazione</font></font></span></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il Corno</font></font><b> <span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;richiede molta acqua,&nbsp;</font></font></span></b><font><font>&nbsp;quindi controlleremo una </font></font><strong><font><font>corretta idratazione</font></font></strong><font><font> , soprattutto a </font></font><strong><font><font>partire</font></font></strong><font><font> dalla </font></font><strong><font><font>formazione di spighe.</font></font></strong></span></p>

<div class=”aawp”>

<div class=”aawp-product aawp-product–horizontal aawp-product–style-light aawp-product–css-adjust-image-large” data-aawp-product-id=”B07D36QQ3Z” data-aawp-product-title=”CULTIVERS Humus de Lombriz Ecológico 20 kg  40 L  Abono para Plantas indicado para Tomates y Hortalizas Fertilizante Orgánico 100% Natural Reconstituyente del Suelo” data-aawp-geotargeting=”true” data-aawp-click-tracking=”asin”>

<div class=”aawp-product__thumb”>

<img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/plugins/aawp/public/image.php?url=aHR0cHM6Ly9tLm1lZGlhLWFtYXpvbi5jb20vaW1hZ2VzL0kvNDF6VTl6a3hZMUwuanBn”>

<div class=”aawp-product__rating”>
<span></span>
<div class=”aawp-product__reviews”><font><font>428 opinioni</font></font></div>
</div>
</div>

<div class=”aawp-product__content”>
<font><font>
COLTIVATORI Humus di verme organico 20 kg (40 L). </font><font>Concime per Piante indicato per Pomodori e Ortaggi. </font><font>Fertilizzante organico naturale al 100%. </font><font>Riparatore del suolo        </font></font>
<div class=”aawp-product__description”>
<ul><li><font><font>Humus di lombrico 100% biologico di alta qualità.</font></font></li><li><font><font>Materia organica ricca di microrganismi. </font><font>(1 grammo di humus contiene circa 2 miliardi di microrganismi) Il …</font></font></li><li><font><font>Stimolatore dello sviluppo radicale delle piante e del loro assorbimento dei nutrienti. </font><font>Ha un pH neutro che lo rende ideale per …</font></font></li><li><font><font>L’humus del verme Ecoforce aumenta la qualità e la produzione delle colture. </font><font>Ha un basso rapporto C/N, che consente …</font></font></li></ul>        </div>
</div>

<div class=”aawp-product__footer”>

<div class=”aawp-product__pricing”>

<span class=”aawp-product__price aawp-product__price–current”><font><font>19,90 EUR</font></font></span>

</div>

<font><font>Vedi su Amazon</font></font>
</div>

</div>

</div>
<p class=”aawp-disclaimer”><span><em><font><font>Ultimo aggiornamento il 2021-06-11 / Link di affiliazione / Immagini API per gli affiliati</font></font></em></span></p>
<h4 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Suggerimenti per l’irrigazione</font></font></span></h4>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-maíz-8.png”><font><font>Prima di </font></font><strong><font><font>piantare il mais</font></font></strong><font><font> , viene </font></font><strong><font><font>effettuata un’irrigazione intensiva</font></font></strong><font><font> per avere un </font></font><strong><font><font>terreno umido e favorire la germinazione.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Sebbene </font></font><strong><font><font>il terreno debba rimanere il più asciutto possibile</font></font></strong><font><font> , </font></font><strong><font><font>le piante</font></font></strong><font><font> devono essere </font><strong><font>annaffiate almeno una volta alla settimana</font></strong><font> .</font></font></span></p>
<p><strong><font><font>Si consiglia </font></font><font><font>l’irrigazione a goccia</font></font></strong><font><font> per la sua efficienza in termini di consumo e la capacità di mantenere umido il terreno.</font></font></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il mais ha bisogno di </font></font><strong><font><font>circa 2,5 cm. </font><font>di acqua a settimana</font></font></strong><font><font> . </font><font>La mancanza d’acqua fa </font></font><strong><font><font>sì che le spighe non crescano tutti i loro chicchi.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Si consiglia di </font></font><strong><font><font>installare un sistema di irrigazione per i terreni</font></font></strong><font><font> , perché se vengono annaffiati dall’alto, </font></font><strong><font><font>c’è un’alta probabilità</font></font></strong><font><font> di rimuovere il </font></font><strong><font><font>polline dalla pianta</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Tieni presente che il </font></font><strong><font><font>mais è impollinato dal vento.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font></font><strong><font><font>Le annaffiature</font></font></strong><font><font> vanno </font><strong><font>aumentate quando la</font></strong><font> fioritura </font><strong><font>inizia</font></strong><font> ad </font></font><strong><font><font>avere spighe più abbondanti</font></font></strong><font><font> . </font><font>Quando </font></font><strong><font><font>la spiga</font></font></strong><font><font> è ben </font></font><strong><font><font>formata</font></font></strong><font><font> e i chicchi induriti, possiamo </font></font><strong><font><font>sopprimere l’irrigazione</font></font></strong><font><font> e lasciare che </font></font><strong><font><font>le piante si secchino.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Quando li innaffi, </font></font><strong><font><font>dovresti fare attenzione a</font></font></strong><font><font> non bagnare gli steli poiché </font></font><strong><font><font>ciò può attirare i parassiti.</font></font></strong></span></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Lo sapevate…</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il “popcorn” o pop corn era un piatto tipico dei nativi amerindi ed era una tale novità per i primi esploratori del Nuovo Mondo che Colombo ei suoi uomini acquistarono collane fatte di popcorn dai nativi Caraibi.</font></font></div></div>
<h3 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Nutrienti</font></font></span></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″></span></p><div class=”su-note especial” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il mais è una pianta molto esigente in termini di nutrienti, quindi è necessario disporre di un </font></font><font><font>terreno</font></font><font><font> ben concimato </font><font>e ricco di humus</font><font> .</font></font></div></div>
<p></p>
<h4 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Raccomandazioni nutrizionali</font></font></span></h4>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Si consiglia un buon fertilizzante di </font></font><strong><font><font>fondo con </font></font><font><font>compost</font></font><font><font> ben decomposto.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Nota che il mais </font></font><span><strong><font><font>non tollera bene il letame fresco.</font></font></strong></span></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-guisantes-10.jpg”><font><font>Il terreno</font></font></strong><font><font> per la semina del mais, oltre ad essere ben concimato, </font></font><strong><font><font>deve rimanere asciutto</font></font></strong><font><font> . </font><font>Prima di </font></font><strong><font><font>piantare, aggiungi del </font></font><font><font>compost</font></font></strong><font><font> al terreno per </font></font><strong><font><font>circa 4 settimane</font></font></strong><font><font> . </font><font>Questo gli </font></font><strong><font><font>darà il tempo di integrarsi</font></font></strong><font><font> bene con il terreno.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il mais </font></font><strong><font><font>predilige terreni ricchi di </font></font><font><font>azoto</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>ben concimati</font></font></strong><font><font> . </font><font>Se possibile, </font></font><strong><font><font>piantalo in un campo</font></font></strong><font><font> dove hai appena </font></font><strong><font><font>piantato i piselli.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>A volte </font></font><strong><font><font>è consigliabile concimare</font></font></strong><font><font> quando </font></font><strong><font><font>compaiono i primi germogli</font></font></strong><font><font> , ma cerca di non farlo in eccesso poiché potrebbe portare parassiti.</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il substrato</font></font></span></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il mais </font></font><b> </b><font><font>richiede </font></font><strong><font><font>un terreno abbastanza sciolto</font></font></strong><font><font> per facilitare il </font></font><strong><font><font>radicamento delle piante</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>la ritenzione di umidità</font></font></strong><font><font> . </font><font>Inoltre il terreno deve essere </font></font><strong><font><font>profondo e arioso</font></font></strong><font><font> , </font></font><span><font><font>ricco di humus e sostanze nutritive.</font></font></span></span></p>
<p class=”p5″><span class=”s3″><font><font>Si raccomanda che </font></font><strong><font><font>sia leggermente acido</font></font></strong><font><font> . </font></font></span><span class=”s4″><font><font>L’intervallo di </font></font></span><span><strong><span class=”s1″><font><font>pH</font></font></span></strong></span><font><span class=”s4″><font> da&nbsp; </font></span></font><span class=”s4″><span><strong><font><font>&nbsp;7,0 a 8,5</font></font></strong></span><font><font> è </font></font><strong><font><font>considerato ottimale.</font></font></strong></span></p>
<h4 class=”p1″><font><font>Suggerimenti sul substrato</font></font></h4>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-maíz-9.jpg”><font><font>In generale, </font></font><strong><font><font>la pianta del mais si</font></font></strong><font><font> adatta a </font></font><strong><font><font>un’ampia varietà di terreni</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Si consigliano comunque </font></font><strong><font><font>terreni di tipo intermedio</font></font></strong><font><font> , con </font></font><span><font><font>buon drenaggio, sciolti, aerati e preferibilmente pianeggianti.</font></font></span></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;I terreni argillosi non sono molto consigliabili,&nbsp;</font></font></span><font><font>poiché presentano </font></font><strong><font><font>un’elevata ritenzione di umidità</font></font></strong><font><font> , che a sua volta riduce la </font></font><strong><font><font>corretta ventilazione del terreno</font></font></strong><font><font> , fattore essenziale per lo sviluppo della pianta.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il mais cresce bene in </font

suggerimenti Impara a piantare il mais
<p><strong><font><font>Conoscere il pH </font></font></strong><span><font><font>ci </font></font></span><strong><font><font>fornisce informazioni</font></font></strong><span> <span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;molto importante per la coltivazione.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p><span><font><font>Ad esempio, la </font></font><strong><font><font>maggior parte dei nutrienti di cui</font></font></strong><font><font> una pianta ha bisogno </font></font><strong><font><font>per crescere</font></font></strong><font><font> stabile </font></font><strong><font><font>si trova in un intervallo di pH neutro.</font></font></strong></span></p>
<p><span><font><font>Tuttavia, </font></font><strong><font><font>il pH richiesto in un </font></font><font><font>giardino</font></font></strong><font><font> dipende dal </font></font><strong><font><font>tipo di piante</font></font></strong><font><font> , ma in generale </font></font><strong><font><font>è sconsigliato mantenere</font></font></strong><font><font> valori </font></font><strong><font><font>inferiori a 4 e superiori a 9.</font></font></strong></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>

<h2><font><font>Qual è il pH del terreno?</font></font></h2>
<div class=”su-note especial” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il pH del terreno è un valore che indica il grado di acidità o alcalinità di una soluzione; </font><font>in questo caso il </font></font><strong><font><font>terreno</font></font></strong><font><font> . </font><font>Parlando in termini scientifici, è una misura che mostra la relazione tra gli ioni idrogeno presenti nel suolo e la loro concentrazione in esso.</font></font></div></div>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/ph-medir.jpg”><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;La scala del pH&nbsp;</font></font></span><font><font>È diviso in </font></font><strong><font><font>14 valori, dove</font></font></strong><font><font> da </font></font><strong><font><font>0 a 7 è acido e da 7 a 14 è una sostanza alcalina.</font></font></strong> <span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Il valore neutro di questo intervallo è 7.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p><span><font><font>Quando </font></font><strong><font><font>i valori di pH sono 7,5</font></font></strong><font><font> possono </font></font><strong><font><font>esserci problemi con la disponibilità di </font></font><font><font>ferro</font></font></strong><font><font> . </font><font>Questa mancanza si </font></font><strong><font><font>riflette nelle foglie</font></font></strong><font><font> , </font></font><strong><font><font>soprattutto quelle più giovani.</font></font></strong></span></p>
<p><span><font><font>Di solito </font></font><strong><font><font>hanno macchie giallastre</font></font></strong><font><font> che iniziano nella </font></font><strong><font><font>parte superiore della pianta</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>coprono l’intera foglia</font></font></strong><font><font> . </font><font>Allo stesso modo, la </font><strong><font>crescita</font></strong><font> è ritardata </font></font><strong><font><font>e le foglie possono bruciarsi.</font></font></strong></span></p>
<p><span><strong><font><font>Se il pH è molto basico</font></font></strong><font><font> , </font><font>viene bloccato </font></font><strong><font><font>il possibile assorbimento del </font></font><font><font>fosforo</font></font></strong><font><font> e, in generale, della maggior parte dei micronutrienti.</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Il pH approssimativo delle diverse colture</font></font></h2>
<p><font><font>Qui lasciamo un elenco per conoscere il pH che dovrebbe avere il terreno del nostro giardino a seconda della frutta e della verdura che vogliamo piantare.</font></font></p><div class=”su-list”>
<ul>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Broccoli</font></font></span><font><font> : 6.0-7.4</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Cipolla</font></font></span><font><font> : 6.0-7.3</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Cavolfiore</font></font></span><font><font> : 6.0-7.3</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Pepe</font></font></span><font><font> : 6.3-7.9</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Pomodoro</font></font></span><font><font> : 5.7-7.3</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Carota</font></font></span><font><font> : 5.7-7.2</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Lattughe</font></font></span><font><font> : 5.8-7.3</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Fragole</font></font></span><font><font> : 5,0-6,3</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Melanzane</font></font></span><font><font> : 5,5-6,2</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Ravanello</font></font></span><font><font> : 6.2-7.5</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Cetriolo</font></font></span><font><font> : 5.6-7.1</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Mais</font></font></span><font><font> : 5,5-6,7</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Piselli</font></font></span><font><font> : 5,9-7,2</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Spinaci</font></font></span><font><font> : 6.2-7.3</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Bietola</font></font></span><font><font> : 6.0-7.4</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Patata</font></font></span><font><font> : 5,0-5,8</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Riso</font></font></span><font><font> : 5.1-6.6</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span><font><font>Lenticchia</font></font></span><font><font> : 5.1-7.2</font></font></li>
</ul>
</div>
<h2><font><font>Cosa succede se manca il fosforo?</font></font></h2>
<p><span><strong><font><font>La carenza di fosforo</font></font></strong><font><font> può essere </font></font><strong><font><font>identificata presto</font></font></strong><font><font> perché le </font></font><strong><font><font>foglie </font></font><font><font>intorno a loro ingialliscono</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Se il </font></font><strong><font><font>problema persiste, le foglie moriranno</font></font></strong><font><font> e si staccheranno </font></font><strong><font><font>partendo dal basso</font></font></strong><font><font> . </font><font>Allo stesso modo, non si svilupperà correttamente e il </font></font><strong><font><font>sistema di root</font></font></strong><font><font> sarà molto povero.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>D’altra parte, </font></font><strong><font><font>se i valori sono inferiori 5.7</font></font></strong><font><font> suolo può presentare </font></font><strong><font><font>attività poco microbica.</font></font></strong></span></p>
<span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Questo è molto importante perché si trova nella materia organica e aiuta a mantenere la struttura del suolo, oltre a trattenere l’acqua necessaria senza impregnarsi d’acqua e funge da riserva nutritiva per le piante.&nbsp;</font></font></span>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Cosa implica un pH molto acido?</font></font></h2>
<p><span><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Se il pH è molto acido&nbsp;</font></font></span><font><font>sarà </font></font><strong><font><font>carente di basi come calcio, </font></font><font><font>potassio</font></font><font><font> e magnesio</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Anche l’attività dei </font></font><strong><font><font>microrganismi è ridotta</font></font></strong><font><font> , così come il fosforo.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>I micronutrienti, ad </font></font><strong><font><font>eccezione del molibdeno</font></font></strong><font><font> , vengono assorbiti meglio </font></font><strong><font><font>in questo tipo di terreno,</font></font></strong><font><font> ma sono sconsigliati a </font></font><strong><font><font>causa della carenza degli altri nutrienti.</font></font></strong></span></p>
<p><span><strong><font><font>La carenza di potassio</font></font></strong><font><font> è legata alle </font></font><strong><font><font>foglie gialle</font></font></strong><font><font> ai margini e successivamente di colore marrone. </font><font>A questo punto le foglie si contraggono e muoiono.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Successivamente, compaiono macchie sugli steli e le foglie del livello inferiore non crescono. </font></font><strong><font><font>La carenza di potassio</font></font></strong><font><font> è un </font></font><strong><font><font>problema serio</font></font></strong><font><font> in quanto </font></font><strong><font><font>aumenta le possibilità</font></font></strong><font><font> che la pianta contragga </font></font><strong><font><font>malattie e parassiti</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Cosa succede se manca il magnesio?</font></font></h2>
<p><span><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Mancanza di </font></font><font><font>magnesio</font></font>&nbsp;</span><font><font>Può </font></font><strong><font><font>essere identificato perché mentre</font></font></strong><font><font> le vene rimangono verdi, il centro della </font></font><strong><font><font>pianta diventa giallastro</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Le foglie inferiori sono rugose e se è passato un po’ di tempo il problema si estende alle altre foglie della pianta. </font></font></span></p>
<p><span><strong><font><font>Anche le foglie</font></font></strong><font><font> mostrano </font></font><strong><font><font>una crescita molto ridotta</font></font></strong><font><font> e se </font></font><strong><font><font>sono trascorsi diversi giorni</font></font></strong><font><font> possono </font></font><strong><font><font>mostrare</font></font></strong><font><font> improvvisamente delle </font><strong><font>zone morte</font></strong><font> . </font><font>Inoltre, la fioritura si interrompe o manca di una buona colorazione.</font></font></span></p>
<h2><font><font>E la mancanza di calcio?</font></font></h2>
<p><span><strong><font><font>La carenza di </font></font><font><font>calcio</font></font></strong><font><font> si identifica quando </font><strong><font>muoiono </font></strong></font><strong><font><font>le estremità delle foglie</font></font></strong><font><font> e la </font></font><strong><font><font>parte superiore della pianta</font></font></strong><font><font> . </font><font>C’è anche la </font></font><strong><font><font>sofferenza delle radici,</font></font></strong><font><font> quasi tutte muoiono così.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In generale, </font></font><strong><font><font>la pianta è molto noiosa. &nbsp;</font></font></strong></span></p>
<h2><font><font>Come si misura il pH del terreno?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Ci sono alcuni </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;modi per misurare il pH del terreno.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<p><strong><font><font>Per saperne di più</font></font></strong><font><font> : </font></font><span><strong><font><font>Come modificare il pH del terreno?</font></font></strong></span></p>
<p><span><font><font>Spiegheremo due che possono essere i più accessibili:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><span><font><font>Il meno complicato è </font></font><strong><font><font>misurare con un pHmetro</font></font></strong><font><font> . </font><font>Questo è un </font></font><strong><font><font>dispositivo che misura l’intervallo</font></font></strong><font><font> di </font><strong><font>pH</font></strong><font> di </font></font><strong><font><font>soluzioni acquose</font></font></strong><font><font> . </font><font>Pertanto, devi prelevare un campione del terreno (non dalla parte superficiale).</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Successivamente, </font></font><strong><font><font>è necessario rimuovere le foglie e i ramoscelli</font></font></strong><font><font> . </font><font>Si diluisce con </font></font><strong><font><font>poca acqua</font></font></strong><font><font> e poi si </font></font><strong><font><font>procede a misurare</font></font></strong><font><font> con il manufatto.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>In </font></font><strong><font><font>circa 60 secondi</font></font></strong><font><font> rilascerà </font></font><strong><font><font>il valore</font></font></strong><font><font> di </font><strong><font>pH</font></strong><font> della soluzione.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Assicurarsi che prima di </font></font><strong><font><font>introdurre il pHmetro</font></font></strong><font><font> nel </font></font><strong><font><font>fango sia pulito</font></font></strong><font><font> per </font></font><strong><font><font>evitare errori nella misurazione.</font></font></strong></span></li>
<li><span><font><font>Il secondo modo è </font></font><strong><font><font>con le strisce di misurazione del pH.</font></font></strong></span></li>
<li><span><font><font>Questi possono essere </font></font><strong><font><font>trovati in una farmacia</font></font></strong><font><font> o </font><strong><font>in un</font></strong><font> negozio di </font></font><strong><font><font>prodotti chimici.</font></font></strong></span></li>
<li><span><font><font>Allo stesso modo, raccogliere </font></font><strong><font><font>un piccolo campione di terriccio</font></font></strong><font><font> e mescolarlo bene </font></font><strong><font><font>con acqua fino a completo scioglimento</font></font></strong><font><font> . </font><font>Successivamente immergere un cerotto per circa 40 secondi.</font></font></span></li>
<li><span><strong><font><font>Toglietelo e lasciatelo asciugare</font></font></strong><font><font> . </font><font>Infine, confronta </font></font><strong><font><font>la colorazione con lo schema</font></font></strong><font><font> che </font></font><strong><font><font>arriva nella confezione.</font></font></strong></span></li>
</ol>
<figure id=”attachment_5675″ aria-describedby=”caption-attachment-5675″ class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Captura-de-pantalla-2019-01-22-a-las-22.07.18.png”></figure>
<h2><font><font>Come aumentare il pH del terreno?</font></font></h2>
<p><span><strong><font><font>Se il pH è basso è</font></font></strong><font><font> necessario </font></font><strong><font><font>aggiungere una base.</font></font></strong></span></p>
<p><span><strong><font><font>Il più comune è il lime</font></font></strong><font><font> . </font><font>Lo trovi nei </font></font><strong><font><font>prodotti per la casa</font></font></strong><font><font> . </font><font>È preferibile che </font></font><strong><font><font>venga spruzzato per poterlo diffondere in tutto il vaso</font></font></strong><font><font> e che il terreno </font></font><strong><font><font>possa assorbirlo facilmente.</font></font></strong></span></p>
<p><span><strong><font><font>Anche la cenere di piante</font></font></strong><font><font> o </font></font><strong><font><font>alberi</font></font></strong><font><font> bruciati </font></font><strong><font><font>è una</font></font></strong><font><font> valida </font><strong><font>opzione</font></strong><font> per aumentare i </font></font><strong><font><font>livelli di pH</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Fate attenzione a non aggiungerne troppo poiché in futuro potreste </font></font><strong><font><font>avere problemi con l’alcalinità del terreno</font></font></strong><font><font> . </font><font>Fare attenzione a non metterlo vicino alle radici e ai germogli.</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Come abbassare il pH del terreno?</font></font></h2>
<p><span><strong><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/ilustracion_bambu_05.png”><font><font>Per abbassare il pH</font></font></strong><font><font> del terreno, si </font></font><strong><font><font>consiglia</font></font></strong><font><font> di aggiungere </font></font><strong><font><font>solfato di alluminio</font></font></strong><font><font> &nbsp;per effetti immediati, tuttavia, </font></font><strong><font><font>cerca di usarlo con moderazione</font></font></strong><font><font> poiché il </font><strong><font>livello di acidità nel terreno</font></strong><font> può salire alle stelle </font></font><strong><font><font>.</font></font></strong></span></p>
<p><span><font><font>Un altro metodo che richiede diversi mesi ma è anche efficace è l’ </font></font><strong><font><font>aggiunta di </font></font><font><font>zolfo</font></font><font><font> e materia organica.</font></font></strong></span></p>
<h2><font><font>Qual è il pH di un terreno sabbioso?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Normalmente questi suoli </font></font><strong><font><font>presentano gli estremi dell’intervallo di pH a</font></font></strong><font><font> seconda del </font></font><strong><font><font>clima, dell’umidità e dei nutrienti presenti</font></font></strong><font><font> . </font><font>Pertanto, si consiglia di </font></font><strong><font><font>aggiungere materia organica o soluzioni nutritive.</font></font></strong></span></p>
<h2><font><font>Qual è il pH di un terreno argilloso?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Normalmente presentano </font></font><strong><font><font>valori superiori a 7</font></font></strong><font><font> , per facilitare </font></font><strong><font><font>la coltivazione in essi si consiglia di aggiungere del </font></font><font><font>substrato</font></font><font><font> .</font></font></strong></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Qual è il pH di un terreno acido?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Si </font></font><strong><font><font>considera</font></font></strong><font><font> un intervallo di acido </font><strong><font>da 0 a 7</font></strong><font> . </font><font>La maggior parte delle piante </font></font><strong><font><font>ha difficoltà a sopravvivere a valori inferiori a 6,5.</font></font></strong></span></p>
<p>&nbsp;</p>
<p>&nbsp;</p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Che cos’è e come misurare il pH della Terra?
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cactus_1621206257-199×300.jpg”><font><font>I cactus sono piante bellissime che hanno un alto valore ornamentale e richiedono anche pochissime cure.</font></font></p>
<p><strong><font><font>Innaffiare il cactus è uno dei problemi che ti darà meno preoccupazioni perché hanno bisogno di pochissima acqua per tutta la vita.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Stabilire un programma efficace e prestare attenzione alle caratteristiche della pianta con il passare del tempo saranno le basi per mantenerla sana.</font></font></p>
<p><font><font>E se non sai molto bene come eseguire l’intero processo, qui ti forniremo le linee guida generali che dovrai solo adattare alla tua situazione particolare. </font><font>Vai avanti.</font></font></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti quando si innaffia un cactus:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><span><strong><font><font>Frequenza di irrigazione:</font></font></strong></span><font><font> quando è nella stagione</font></font><font><font> estiva</font></font><font><font> , ogni 12 giorni. </font><font>Nel caso dell’inverno le annaffiature vengono soppresse a meno che la pianta non sia al</font></font><font><font> chiuso,</font></font><font><font> cosa che può essere fatta ogni 25 giorni.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Metodo di irrigazione:</font></font></strong> </span><font><font> con un annaffiatoio.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Orario ottimale della giornata per l’irrigazione:</font></font></strong> </span><font><font> quando</font></font><font><font> c’è</font></font><font><font> ombra. </font><font>Innaffiare al sole può causare ustioni alla</font></font><font><font> pianta</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Identificare l’acqua in eccesso:</font></font></strong> </span><font><font> pianta molle e marciume.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Identificare la mancanza d’acqua:</font></font></strong> </span><font><font> la pianta inizia a</font></font><font><font> ingiallire</font></font><font><font> e può anche raggrinzirsi.</font></font></li></ul></div></div>

<h2><font><font>Che esigenze di irrigazione ha il cactus?</font></font></h2>
<p><font><font>In origine, il cactus è una specie di pianta che cresce in zone aride, quindi il </font></font><strong><font><font>suo fabbisogno idrico è minimo. </font><font>I rischi fanno parte delle cure che generano la minore preoccupazione perché tra l’una e l’altra devono passare molti giorni.</font></font></strong></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/512TDOtuG4L._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Il motivo principale è perché </font></font><strong><font><font>sono piante che immagazzinano acqua all’interno come tecnica di sopravvivenza. </font></font></strong><font><font>I cactus più grandi hanno più acqua accumulata e di solito richiedono meno annaffiature. </font><font>La cosa normale è aspettare che il </font></font><font><font>substrato in</font></font><font><font> cui lo hai si asciughi completamente prima di applicare una nuova irrigazione.</font></font></p>

<h2><font><font>Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nel cactus?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cactus_macetas_1621206299-300×200.jpg”><font><font>Sebbene la sua richiesta di acqua sia minima, non possiamo perdere di vista il fatto che è un organismo vivente e, come tale, non sa vivere senza di essa.</font></font></p>
<p><font><font>Quando le sue radici sono sottoposte a stress idrico, inizia a manifestarsi una </font></font><strong><font><font>secchezza verso le </font></font><font><font>parti</font></font><font><font> aeree che è evidenziata dalla presenza di una colorazione gialla.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Se ancora la mancanza d’acqua persiste per qualche tempo, </font></font><strong><font><font>è possibile che la pianta inizi a raggrinzirsi e perda il suo caratteristico vigore.&nbsp;</font></font></strong><font><font>Questo non implica che si </font></font><font><font>deve</font></font><font><font> dare un bagno d’acqua per recuperarlo, basta applicare un annaffiatoio profondo e continuare con il programma normale.</font></font></p>
<p><font><font>Con il passare dei giorni, il cactus si riprenderà dal brutto momento che stava attraversando.</font></font></p>

<h2><font><font>Quanto spesso dovremmo innaffiare il cactus?</font></font></h2>
<p><font><font>L’irrigazione del cactus dipende da diversi fattori come dove è piantato e la stagione dell’anno.&nbsp;</font></font><strong><font><font>In estate il caldo è maggiore ma è più o meno simile al suo ambiente naturale, quindi l’irrigazione può essere stabilita ogni 12 giorni</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/516BIyCFaKL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Tuttavia, </font></font><strong><font><font>in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> questi dovrebbero essere ridotti al minimo, forse addirittura completamente soppressi</font></font></strong><font><font> se la temperatura è inferiore a 10º C quando il cactus è all’aperto. </font><font>Se lo hai in casa, potresti applicare un’irrigazione ogni 20 o 25 giorni, a seconda dello stato in cui vedi il terreno.</font></font></p>

<h2><font><font>Qual è il modo migliore per innaffiare il cactus?</font></font></h2>
<p><font><font>L’irrigazione di un cactus deve essere effettuata </font></font><strong><font><font>localmente, concentrandosi sul substrato e non sulla pianta stessa.&nbsp;</font></font></strong><font><font>Le </font></font><strong><font><font>docce</font></font></strong><font><font> con uscita stretta sono le più consigliate perché facilitano la concentrazione dell’acqua in punti specifici e la portata è ridotta.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/312NyHrbJKL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Entrambe le caratteristiche avvantaggiano l’irrigazione del cactus, poiché non forniscono loro molta acqua (per evitare ristagni d’acqua) e aiutano a non bagnare la pianta stessa. </font><font>Pianta i cactus in </font></font><strong><font><font>vasi con fori</font></font></strong><font><font> alla base che ti aiuteranno a osservare il momento in cui l’acqua esce in modo da poter finire l’irrigazione.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51B0YhNKBfL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Questo punto è molto importante per ridurre al minimo le possibilità di ristagno, poiché le sue radici sono molto delicate e possono facilmente annegare.</font></font></p>

<h2><font><font>Come rileviamo l’acqua in eccesso nel cactus?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il cactus è delicato con l’acqua in eccesso e finirà per marcire rapidamente se sottoposto ad essa. </font><font>Tuttavia, prima che arrivi quel temuto momento, </font></font><strong><font><font>noterai che la tua pianta sarà morbida nella sua struttura.</font></font></strong></div></div>
<p><font><font>Il cactus è una di quelle specie che è meglio mantenere con una mancanza di irrigazione che con un eccesso perché la prima si può correggere ma la seconda no. </font><font>Tieni anche presente che l’uso di acqua adeguata avrà un impatto sulla salute del tuo cavallo, quindi evita di usare acqua molto dura.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41fdKIJ3FLL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Il segno principale che qualcosa non va nel tipo di acqua scelta è che ci sono </font></font><font><font>delle</font></font><font><font> macchie </font><font>bianche</font><font> . </font><font>Con tutti questi dati sei più che pronto a coccolare il tuo cactus con professionalità. </font><font>Approfitta di ognuno e adattalo in base alla tua realtà.</font></font></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Forse ti interessano anche:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><ul class=”su-siblings”><li class=”page_item page-item-9589 page_item_has_children”><font><font>Cactus di Natale: [coltivazione, cura, irrigazione e substrato]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-9642″><font><font>San Pedro Cactus: [Pianta, cura, substrato, irrigazione]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-20714″><font><font>Talee di cactus: [Concetto, tempo, radicamento e semina]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-30727″><font><font>Potare un cactus: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-8380″><font><font>Trapiantare un cactus senza radici: [Metodo e passaggi da seguire]</font></font></li>
</ul></div></div>

<!– .helpful –>

suggerimenti Irrigazione di cactus
<p><span><strong><font><font>La farina d’avena</font></font></strong><font><font> è uno dei</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;i cereali più famosi al mondo&nbsp;</font></font></span><font><font>, insieme al </font></font><strong><font><font>frumento</font></font></strong><font><font> , e il suo utilizzo si </font></font><strong><font><font>è diffuso negli anni</font></font></strong><font><font> in quanto alimento di </font></font><strong><font><font>facile raccolta</font></font></strong><font><font> e di </font></font><strong><font><font>facile integrazione</font></font></strong><font><font> nella dieta quotidiana </font></font><strong><font><font>sia dell’uomo che del bestiame.</font></font></strong></span></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Lo sapevate…</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Lo sapevi che l’avena ha il titolo di cereale con la più alta percentuale di proteine?</font></font></div></div>
<p><font><font>Se sei interessato a </font></font><strong><font><font>imparare come coltivare l’avena</font></font></strong><font><font> , </font><strong><font>questo è</font></strong><font> probabilmente il </font></font><strong><font><font>tuo articolo.&nbsp;</font></font></strong></p>
<p><font><font>Ti mostriamo tutti </font></font><strong><font><font>i punti importanti da tenere in considerazione</font></font></strong><font><font> , come: </font></font><em><font><font>la preparazione del terreno e il luogo di semina. </font><font>Quando seminare e quali passaggi seguire.&nbsp;</font></font></em></p>
<p><font><font>Date un’occhiata e </font></font><strong><font><font>non</font></font></strong><font><font> ve </font><strong><font>ne pentirete</font></strong><font> 🙂</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti durante la semina dell’avena:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><strong><font><font>Quando? </font></font></strong><font><font>Qualsiasi periodo dell’anno è buono, anche se di solito viene seminato in</font></font><font><font> inverno</font></font><font><font> per raccogliere in estate.&nbsp;</font></font><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cómo-sembrar-avena-1024×768.jpg”></li>
<li><strong><font><font>Dove? </font></font></strong><font><font>Ha bisogno di almeno 6 ore di luce solare al giorno.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Tempo di raccolta? </font></font></strong><font><font>Circa 5 mesi dopo che ha germogliato.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></strong><font><font>Ricco di sostanza organica, coltivato, senza erbacce. </font><font>Con un’alta percentuale di</font></font><font><font> azoto</font></font><font><font> (vedi</font></font><strong><font><font> legumi</font></font></strong><font><font> 😉) e che il terreno drena sufficientemente.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come innaffiamo? </font></font></strong><font><font>Si consiglia</font></font><font><font> l’irrigazione a goccia</font></font><font><font> . </font><font>Dapprima annaffiature abbondanti (ogni due o tre giorni, circa 30-40 minuti). </font><font>Quando</font></font><font><font> ha</font></font><font><font> germogliato puoi distanziare la frequenza di irrigazione.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come lo seminiamo? </font></font></strong><font><font>Qui passo dopo passo.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come viene raccolto? </font></font></strong><font><font>Tagliarlo con un coltello per più facile. </font><font>Quindi scegli i semi maturi tra quelli ancora verdi.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Associazioni favorevoli? </font></font></strong> <strong><font><font>Patate</font></font></strong><font><font> ,</font></font><strong><font><font> mais</font></font></strong><font><font> ,</font></font><strong><font><font> camomilla</font></font></strong><font><font> ,</font></font><strong><font><font> aglio</font></font></strong><font><font> e</font></font><strong><font><font> papaia</font></font><font><font> .</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Piaghe e malattie? </font></font></strong> <font><font>Carbone vestito</font></font><font><font> ,</font></font><font><font> ruggine arancione</font></font><font><font> e</font></font><font><font> muffa polverosa</font></font><font><font> .</font></font></li>
</ul>
</div></div>

<h2><font><font>Quali associazioni favorevoli ha la farina d’avena?</font></font></h2>
<p><span><font><font>L’avena viene </font></font><strong><font><font>solitamente prodotta su larga scala</font></font></strong><font><font> , ma </font></font><strong><font><font>puoi</font></font></strong><font><font> anche </font><strong><font>coltivarla in casa</font></strong><font> . </font><font>Di solito viene piantato dopo la raccolta della </font></font><strong><font><font>patata</font></font></strong><font><font> o del </font></font><strong><font><font>mais</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Poiché i </font></font><strong><font><font>parassiti dell’avena</font></font></strong><font><font> sono </font></font><strong><font><font>principalmente funghi,</font></font></strong><font><font> puoi </font></font><strong><font><font>piantare camomilla</font></font></strong><font><font> , </font></font><strong><font><font>aglio</font></font></strong><font><font> o </font></font><strong><font><font>papaia</font></font></strong><font><font> insieme </font><strong><font>alla</font></strong><font> farina d’avena </font></font><strong><font><font>per ridurre il rischio.</font></font></strong></span></p>
<h2><font><font>Dove vogliamo piantare l’avena?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/ilustracion_bambu_06.png”><font></font><strong><font><font>Puoi seminare l'</font></font></strong><font><font> avena </font><font>in un </font></font><strong><font><font>vaso o nel tuo </font></font><font><font>giardino</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>L’avena è </font></font><strong><font><font>un raccolto abbastanza </font></font><font><font>resistente</font></font><font><font> , il</font></font></strong><font><font> che significa che può essere</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;crescono sia in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> che in </font></font><font><font>estate</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p><span><font><font>Allo stesso modo, prova a piantarlo in un posto dove può </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;essere esposto al sole per almeno sei ore.&nbsp;</font></font></span> </span></p>
<p><span><font><font>Assicurati che </font></font><strong><font><font>tra ogni </font></font><font><font>pianta di</font></font><font><font> avena</font></font></strong><font><font> ci sia </font><font>una distanza compresa tra </font></font><strong><font><font>25 e 30 centimetri</font></font></strong><font><font> per </font></font><strong><font><font>evitare</font></font></strong><font><font> che </font></font><strong><font><font>alcune soffrano di sostanze nutritive. &nbsp;</font></font></strong></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Quando seminare l’avena?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Potresti </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;seminare l’avena in qualsiasi momento dell’anno.&nbsp;</font></font></span><font><font>Normalmente, l’ </font></font><strong><font><font>avena viene seminata in </font></font><font><font>inverno</font></font></strong><font><font> per essere </font></font><strong><font><font>raccolta in estate.</font></font></strong></span></p>
<p><span><font><font>Sebbene si </font></font><strong><font><font>possa seminare in </font></font><font><font>inverno</font></font></strong><font><font> , l’avena </font></font><strong><font><font>non resiste alle gelate prolungate</font></font></strong><font><font> . </font><font>Se </font></font><strong><font><font>la temperatura</font></font></strong><font><font> nella zona in cui </font><strong><font>vivi si abbassa troppo,</font></strong><font> &nbsp;NON ti consigliamo di </font></font><strong><font><font>coltivare l’avena in un giardino.</font></font></strong></span></p>
<h2><font><font>Come prepariamo il terreno?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-avena-1024×768.jpg”><font><font>Prima devi assicurarti </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;che la terra è ricca di sostanze nutritive.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p><span><font><font>L’avena </font></font><strong><font><font>può resistere a terreni compatti o sciolti. </font></font></strong><font><font>Tuttavia, puoi </font></font><strong><font><font>aggiungere </font></font><font><font>compost</font></font></strong><font><font> o </font></font><strong><font><font>materia organica</font></font></strong><font><font> per assicurarti che sia l’ </font></font><strong><font><font>ideale per la farina d’avena.</font></font></strong></span></p>
<p><span><strong><font><font>L’avena richiede</font></font></strong><font><font> una percentuale </font></font><strong><font><font>significativa di azoto,</font></font></strong><font><font> quindi i </font></font><strong><font><font>fertilizzanti</font></font></strong><font><font> vengono spesso </font><strong><font>utilizzati per questo. </font></strong><font>Assicurati che </font></font><strong><font><font>siano biologici</font></font></strong><font><font> se l’avena sarà destinata al tuo </font></font><strong><font><font>consumo e prodotta</font></font></strong><font><font> su piccola scala.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ricorda che </font></font><strong><font><font>è sempre importante verificare</font></font></strong><font><font> che il</font></font><strong> <span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;il terreno ha un buon drenaggio.&nbsp;</font></font></span></strong></span></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Come fai a sapere che il terreno drena abbastanza?</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Questo può essere fatto prendendo una piccola porzione e mettendola in uno scolapasta. </font><font>Quindi innaffia questa come se fosse una pentola e controlla che goccioli senza difficoltà, ma anche che l’acqua scorra liberamente.</font></font></div></div>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<p><span><font><font>Se il terreno </font></font><strong><font><font>è molto argilloso o troppo sabbioso</font></font></strong><font><font> , puoi scegliere di </font></font><strong><font><font>aggiungere un substrato sul fondo</font></font></strong><font><font> del </font></font><strong><font><font>vaso o mescolarlo</font></font></strong><font><font> con </font></font><strong><font><font>il terreno del tuo giardino.</font></font></strong></span></p>
<h2><font><font>Come innaffiamo il raccolto di avena?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Innaffia </font></font><strong><font><font>abbondantemente l’avena</font></font></strong><font><font> finché </font></font><strong><font><font>questa non </font></font><font><font>è</font></font><font><font> germinata</font></font></strong><font><font> . </font><font>Successivamente </font></font><strong><font><font>ridurre la frequenza</font></font></strong><font><font> , ma </font></font><strong><font><font>mantenere</font></font></strong><font><font> sempre </font><strong><font>umido il terreno in</font></strong><font> modo che </font></font><strong><font><font>la pianta non smetta di</font></font></strong><font><font> crescere.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Se la farina d’avena </font></font><strong><font><font>è già umida</font></font></strong><font><font> , </font></font><u><font><font>non darle troppa acqua</font></font></u><font><font> per evitare di </font></font><strong><font><font>ristagnare l’area e far marcire le radici.</font></font></strong></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>La semina dell’avena passo dopo passo</font></font></h2>
<ol class=”custom-counter”>
<li><span><font><font>C </font></font></span><span><font><font>omprueba che </font></font><strong><font><font>la terra sia corretta, allenta il terreno e rimuovi le </font></font><font><font>erbacce</font></font></strong><font><font> se ne trovi.</font></font></span></li>
<li><font><font>Fa un </font></font><strong><font><font>piccolo foro nel terreno</font></font></strong><font><font> di </font></font><strong><font><font>circa due centimetri di profondità</font></font></strong><font><font> e sparge </font></font><strong><font><font>alcuni semi sulla terra</font></font></strong><font><font> . </font><font>Anche se non deve essere esatto, cerca di </font></font><strong><font><font>avere</font></font><font><font> circa due semi</font></font></strong><font><font> per </font></font><strong><font><font>ogni due centimetri quadrati.</font></font></strong></li>
<li><font><font>Coprire i semi con </font></font><strong><font><font>terra a mano o usando un piccolo rastrello</font></font></strong><font><font> . </font><font>Ricordati di </font></font><strong><font><font>non schiacciare la terra</font></font></strong><font><font> e di fare in modo che il terreno </font></font><strong><font><font>sia uniforme</font></font></strong><font><font> . </font><font>Cioè, i semi vengono </font></font><strong><font><font>interrati più o meno</font></font></strong><font><font> alla </font></font><strong><font><font>stessa profondità</font></font></strong></li>
<li><font><font>Quindi innaffiatele </font></font><strong><font><font>come indicato e aspettate che germoglino</font></font></strong><font><font> . </font><font>Fare attenzione che il terreno non sia troppo umido per evitare di attirare i funghi.</font></font></li>
<li><font><font>Sebbene l’avena </font></font><strong><font><font>possa resistere ai climi freddi</font></font></strong><font><font> , non è </font></font><strong><font><font>molto resistente a quelli caldi,</font></font></strong><font><font> quindi potete </font></font><strong><font><font>mettere una rete che la copra in questi periodi.</font></font></strong></li>
<li><font><font>Puoi anche </font></font><strong><font><font>controllare la temperatura coltivando in una serra</font></font></strong><font><font> o piantando avena </font></font><strong><font><font>insieme a erbe che richiedono un’elevata umidità</font></font></strong><font><font> per </font></font><strong><font><font>assorbire</font></font></strong><font><font> l’ </font><strong><font>acqua in</font></strong><font> eccesso.</font></font></li>
</ol>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Quando e come si raccoglie?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Puoi raccogliere l’avena </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;circa cinque mesi dopo che ha germinato&nbsp;</font></font></span><font><font>o </font></font><strong><font><font>nel periodo estivo</font></font></strong><font><font> . </font><font>Tagliarlo con un coltello per più facile. </font><font>Quindi scegli </font></font><strong><font><font>i semi</font></font></strong><font><font> maturi tra </font></font><strong><font><font>quelli ancora verdi.</font></font></strong></span></p>
<p><span><font><font>Conservateli in </font></font><strong><font><font>un contenitore ermetico</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>non esporli al sole</font></font></strong><font><font> o all’umidità </font></font><strong><font><font>per evitare di attirare i parassiti nella dispensa</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>L’avena è particolarmente </font></font><strong><font><font>sensibile al calore durante la formazione dei semi</font></font></strong><font><font> e la fioritura, quindi assicurati </font></font><strong><font><font>di raccoglierli quando il clima è mite.</font></font></strong></span></p>
<h2><font><font>Quali parassiti e malattie ha?</font></font></h2>
<h3><font><font>vestito di carbone</font></font></h3>
<p><span><strong><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/carbón-volador-avena-plagas-1024×768.jpg”><font><font>Il carbone di legna vestito</font></font></strong><font><font> è </font></font><strong><font><font>un parassita</font></font></strong><font><font> comune sull’avena.</font></font></span></p>
<p><span><strong><font><font>Non appare </font></font><font><font>all’esterno</font></font><font><font> , in</font></font></strong><font><font> quanto l’aspetto della pianta sembra normale.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Tuttavia, </font></font><strong><font><font>l’interno del chicco è completamente riempito di polvere nerastra. </font></font></strong><font><font>Per controllare questo parassita, puoi </font></font><strong><font><font>disinfettare l’area e scartare i grani infetti.</font></font></strong></span></p>
<h3><font><font>Arancio Ruggine</font></font></h3>
<p><span><font><font>D’altra parte, </font></font><strong><font><font>l’ </font><font>arancia </font></font><font><font>ruggine</font></font><font></font></strong><font><font> è un </font></font><strong><font><font>parassita specifico dell’avena.</font></font></strong></span></p>
<p><span><font><font>Di solito provoca </font></font><strong><font><font>danni significativi al raccolto</font></font></strong><font><font> ed è caratterizzato dall’avere </font></font><strong><font><font>un colore arancione intenso.</font></font></strong></span></p>
<p><span><font><font>Per combatterlo bisogna </font></font><strong><font><font>usare insetticidi e </font></font><font><font>fungicidi</font></font></strong><font><font> . </font><font>Rimuovi il raccolto contaminato e </font></font><strong><font><font>non piantare nulla dopo un mese. &nbsp;</font></font></strong></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h3><font><font>oidio</font></font></h3>
<p><span><font><font>Infine, un altro parassita frequente è l’ </font></font><strong><font><font>oidio</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>L’avena attaccata da questo parassita mostra delle </font></font><strong><font><font>macchie grigie sulle foglie, sui baccelli e sui gambi,</font></font></strong><font><font> e anche </font></font><strong><font><font>sulle spighette,</font></font></strong><font><font> nelle quali si vedono poi piccoli puntini neri.</font></font></span></p>
<p><span><strong><font><font>Per combatterli,</font></font></strong><font><font> cambia </font></font><strong><font><font>il fertilizzante</font></font></strong><font><font> con uno con una </font></font><strong><font><font>percentuale inferiore di azoto</font></font></strong><font><font> e </font><strong><font>scarta</font></strong><font> anche </font></font><strong><font><font>l’area infetta.</font></font></strong></span></p>
<h2><font><font>Benefici di questa pianta</font></font></h2>
<ol class=”custom-counter”>
<li><span><font><font>La farina d’avena è </font></font><strong><font><font>un alimento ricco di fibre</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>molto salutare grazie</font></font></strong><font><font> al suo alto contenuto di </font></font><strong><font><font>omega 6</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></li>
<li><font><font>È usato per preparare una varietà di piatti da </font></font><strong><font><font>frullati, colazioni e zuppe a dessert e bevande.</font></font></strong></li>
<li><font><font>Il fatto che </font></font><strong><font><font>abbia fibre e carboidrati</font></font></strong><font><font> ti rende </font></font><strong><font><font>soddisfatto</font></font></strong><font><font> , quindi è un </font></font><strong><font><font>buon ingrediente per mantenere un peso sano.</font></font></strong></li>
<li><font><font>Grazie al suo contenuto di fibre, la </font></font><strong><font><font>farina d’avena accompagnata da molta </font></font></strong><strong><font><font>acqua</font></font></strong><font><font> è molto efficace </font></font><strong><font><font>nel trattamento dei problemi di stitichezza.</font></font></strong></li>
</ol>

<!– .helpful –>

suggerimenti Come piantare l’avena nel tuo giardino
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Donde-plantar-cai-xin-300×201.jpg”><font><font>Sebbene la sua origine non sia nota con precisione, noto anche come </font></font><em><font><font>cavolo cinese</font></font></em><font><font> , il </font></font><em><font><font>cai xin</font></font></em><font><font> è un ortaggio molto popolare nella gastronomia cinese e in varie culture dell’Eurasia, dell’America e di altre zone temperate.</font></font></p>
<p><font><font>Ha un sapore fresco simile a quello del cavolo cappuccio e della bietola. </font><font>Può essere coltivata in giardino, in vaso e anche indoor.</font></font></p>
<p><font><font>Lo </font></font><em><font><font>xin cai</font></font></em><font><font> è ampiamente consumato in molti piatti. </font><font>È povero di grassi saturi e colesterolo. </font><font>Oltre ad essere una buona fonte di proteine, contiene anche fibre alimentari, tiamina, niacina, fosforo, nonché vitamine A, C, </font></font><font><font>potassio</font></font><font><font> e manganese.</font></font></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti quando si semina cai xin </font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><span><strong><font><font>Nome scientifico: </font></font></strong><span><em><font><font>Brassica rapa</font></font></em><font><font> subsp. </font></font><em><font><font>chinensis.</font></font></em></span></span></li>
<li><span><strong><font><font>Nome comune:</font></font></strong></span><font><font> Bok choy, pak choi, cai xin, cavolo cinese, cavolo cinese,</font></font><font><font> bietola</font></font><font><font> cinese</font><font>.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Altezza:</font></font></strong></span><font><font> 60 centimetri.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Necessità di luce:</font></font></strong> </span><font><font> esposizione diretta.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Temperatura:</font></font></strong> </span><font><font> climi</font><span><strong><font> temperati</font></strong></span><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Irrigazione:</font></font></strong> </span><font><font> alta.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Fertilizzante</font></font><font><font> :</font></font></strong> </span><font><font> fertilizzante generale.</font></font></li></ul></div></div>

<h2><font><font>Quali sono le caratteristiche del cai xin?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>La </font></font><em><font><font>xin cai</font></font></em><font><font> è una </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> annuale o biennale verde, a crescita rapida. </font><font>Raggiunge un’altezza che varia dai 30 ai 60 centimetri. </font><font>È un tipo di cavolo con foglie sciolte, senza particelle e con grossi fusti di foglie </font></font><font><font>bianche</font></font><font><font> o verdi e tenere che sono raggruppate in grappoli.</font></font></div></div>
<p><font><font>Le piante arrivano a formare un cespo eretto, con foglie allargate verso l’ </font></font><font><font>esterno</font></font><font><font> . </font><font>I gambi bianchi o verdi sono simili a quelli del </font></font><font><font>sedano</font></font><font><font> . </font><font>Tuttavia, quelli di </font></font><em><font><font>cai xin</font></font></em><font><font> sono più lisci e non fibrosi.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51AUXVPYCIL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>I </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> della </font></font><em><font><font>xin cai</font></font></em><font><font> sono raggruppati in mazzi lunghi da 10 a 30 centimetri e sono concentrati all’apice dell’infiorescenza. </font><font>I loro sepali sono verdi e i loro petali obovati sono gialli. </font><font>Fioriscono durante i mesi di aprile e maggio.</font></font></p>
<p><font><font>Il suo </font></font><font><font>frutto</font></font><font><font> è una specie di baccello verde, chiamato silique, lungo da 2 a 8 centimetri; </font><font>ciascuno contiene fino a 18 semi. </font><font>I semi invece sono sferici, con tonalità nerastre o brune, che possono misurare 2 millimetri di diametro.</font></font></p>
<p>&nbsp;</p>

<h2><font><font>Quando seminare cai xin?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il periodo di semina all’aperto avviene nei mesi di marzo, luglio e agosto. </font><font>La vendemmia principale avviene nei mesi di agosto, settembre e ottobre.</font></font></div></div>
<p><font><font>Si consiglia di attendere 2 settimane dopo l’ultima gelata nella regione per seminare il </font></font><em><font><font>cai xin</font></font></em><font><font> . </font><font>Temperature superiori a 23°C possono causare ustioni alle foglie. </font><font>Al di sotto dei 10°C, la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> inizia a fiorire e le sue foglie smettono di crescere come fanno normalmente.</font></font></p>
<h2><font><font>Dove piantare cai xin?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Bok_choy_1618436974-300×200.jpg”><font><font>La </font></font><em><font><font>cai xin</font></font></em><font><font> germina in luoghi dove il </font></font><font><font>clima</font></font><font><font> è mite e la temperatura oscilla tra i 15 e i 25°C. </font><font>Si adatta comunque bene ad estati calde e secche con inverni differenziati.</font></font></p>
<p><font><font>Cresce in terreni freschi, umidi, porosi e ricchi di </font></font><font><font>humus</font></font><font><font> . </font><font>Dovrebbe essere piantato in pieno sole o ricevere almeno 3-5 ore di luce solare al giorno, in luoghi protetti dal vento.</font></font></p>

<h2><font><font>Come preparare il terreno?</font></font></h2>
<p><font><font>Lo </font></font><em><font><font>xin cai</font></font></em><font><font> può essere coltivato su terreni pianeggianti, ben drenati, privi di sassi e ghiaia o poco profondi, con una profondità di 45 centimetri. </font><font>Si consiglia di seminare in substrati a tessitura leggera e terriccio sabbioso, in terreni composti da 60% sabbia, 30% limo e 10% argilla.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51Mo6rL+c0L._SL500_.jpg”></figure>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/519tYTQvktL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Il </font></font><font><font>pH</font></font><font><font> ottimale varia da 5,5 a 6,8, ma può essere trovato in terreni con un’alcalinità o un indice di acidità più o meno elevati. </font><font>Se è necessaria la modifica del terreno, può essere preparato aggiungendo </font></font><font><font>letame</font></font><font><font> ben marcio o fertilizzante organico ad alto contenuto di azoto, fosforo e potassio.</font></font></p>

<h2><font><font>Come innaffiamo il cai xin?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Bok_choy_1618436942-300×225.jpg”><font><font>Lo </font></font><em><font><font>xin cai ha</font></font></em><font><font> bisogno di molta acqua per crescere, in quanto </font><font>ha radici poco profonde ed è intollerante alla siccità.</font></font></p>
<p><font><font>Se il </font></font><font><font>substrato</font></font><font><font> viene lasciato </font><font>asciugare, anche le piante si asciugheranno e diventeranno semi, quindi è necessario monitorare l’umidità del terreno in crescita.</font></font></p>
<p><font><font>È possibile utilizzare irrigatori, nastro </font></font><font><font>gocciolante</font></font><font><font> o tubi flessibili per mantenere il terreno leggermente umido, ma non inzuppato.</font></font></p>
<h2><font><font>Quante volte innaffiamo il cai xin?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il terreno deve essere mantenuto uniformemente umido, soprattutto durante la </font><font>germinazione dei </font><font>semi di </font></font><em><font><font>cai xin</font></font></em><font><font> . </font><font>Pertanto, queste piante dovrebbero essere annaffiate regolarmente, un pollice di acqua a settimana, evitando che il substrato si secchi tra un’annaffiatura e l’altra.</font></font></div></div>
<p><font><font>Uno strato di </font></font><font><font>pacciame</font></font><font><font> può essere aggiunto </font><font>sull’area di coltivazione del </font></font><em><font><font>cai xin</font></font></em><font><font> per trattenere l’umidità e regolare la temperatura dell’area.</font></font></p>

<h2><font><font>Come seminare un cai xin passo dopo passo?</font></font></h2>
<p><font><font>Come accennato in precedenza, il clima è la chiave per la crescita del </font></font><em><font><font>cai xin</font></font></em><font><font> . </font><font>Ecco i passaggi per coltivare questa </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> all’aperto.</font></font></p>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><font><font>Inizia il processo di crescita 4 o 5 settimane prima dell’ultimo gelo.</font></font></li>
<li><font><font>Metti i semi in un contenitore all’interno, profondo 6 millimetri o un centimetro, con quasi 3 centimetri di spazio tra ogni </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><font><font>Attendi da 4 a 8 giorni affinché il </font></font><font><font>seme</font></font><font><font> germini.</font></font></li>
<li><font><font>Trapiantare le piantine in giardino e separarle ogni 30 centimetri l’una dall’altra quando la temperatura supera i 10 ºC.</font></font></li>
</ol>
<p><font><font>Se vuoi coltivare </font></font><em><font><font>cai xin</font></font></em><font><font> all’aperto, dovresti aspettare 1 o 2 settimane prima della data dell’ultimo gelo nella regione.</font></font></p>

<h2><font><font>Di che cure ha bisogno il cai xin?</font></font></h2>
<p><font><font>È importante rimuovere le </font></font><font><font>erbacce in</font></font><font><font> modo che la pianta non combatta con altre specie per i nutrienti necessari. </font><font>Se lo si desidera, è possibile creare </font></font><font><font>pacciamatura</font></font><font><font> per dare ulteriore protezione e cura al raccolto e al suolo.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51aNEuXE6wL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Coprire la </font></font><em><font><font>cai xin</font></font></em><font><font> con coperture a file galleggianti può essere utile per scacciare alcuni insetti che colpiscono le foglie della </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> ed evitare così segni o buchi sulle stesse.</font></font></p>

<h2><font><font>Quali parassiti e malattie colpiscono cai xin?</font></font></h2>
<p><font><font>Lo </font></font><em><font><font>xin cai</font></font></em><font><font> è suscettibile a molti parassiti e malattie. </font><font>Nel caso dei parassiti si registrano: </font><font>cavolo </font></font><font><font>bruco</font></font><font><font> ( </font></font><em><font><font>Pieris brassicae e P. rapae</font></font></em><font><font> ), afidi ( </font></font><em><font><font>Aphis gossypii e Myzus persicae</font></font></em><font><font> ), ciambella nera ( </font></font><em><font><font>Spodoptera littoralis</font></font></em><font><font> ), </font></font><font><font>afide</font></font><font><font> cenerino ( </font></font><em><font><font>Brevicorne brassicae</font></font></em><font><font> ) e la falena del cavolo cappuccio ( </font></font><em><font><font>Plutella xilostella</font></font></em><font><font> ).</font></font></p>
<p><font><font>In caso di malattie, </font></font><em><font><font>Cai xin</font></font></em><font><font> è stata colpita da: peronospora ( </font></font><em><font><font>Peronospora parasitica</font></font></em><font><font> ), macchia batterica ( </font></font><em><font><font>Pseudomonas syringae</font></font></em><font><font> ), </font></font><font><font>muffa bianca</font></font><font><font> ( </font></font><em><font><font>Sclerotinia sclerotiorum</font></font></em><font><font> ), macchia fogliare ( </font></font><em><font><font>Alternaria brassicae e A. brassicicola</font></font></em><font><font> ) e </font></font><font><font>ruggine</font></font><font><font> bianca ( </font></font><em><font><font>Albugo candida</font></font></em><font><font> ).</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41uA6Sp8LmL._SL500_.jpg”></figure>
<h2><font><font>Riferimenti</font></font></h2>
<ul>
<li><font><font>https://en.wikipedia.org/wiki/Choy_sum</font></font></li>
<li><font><font>https://es.wikipedia.org/wiki/Brassica_rapa_subsp._chinensis</font></font></li>
<li><font><font>https://www.specialtyproduce.com/produce/Choi_Sum_Flowers_11972.php</font></font></li>
<li><font><font>https://www.mercadoflotante.com/blog/foodiepedia/choi-sum/</font></font></li>
<li><font><font>fiore di cai xin</font></font></li>
<li><font><font>https://www.magicgardenseeds.es/Es-bueno-saber…/Repollo-chino-Pak-Choi-Bok-Choy-%27Tai-Sai%27-(Brassica-rapa-subsp.-chinensis)-orgánico-A .BRA08-BIO-</font></font></li>
<li><font><font>http://sinavef.senasica.gob.mx/CNRF/AreaDiagnostico/DocumentosReferencia/Documentos/MaterialDivulgativo/Infografias/Catalogo%20de%20malezas%20de%20Mexico%20Familia%20Brassicaceae%20(Cruciferae).pdf</font></font></li>
<li><font><font>http://repositorio.uchile.cl/handle/2250/178568</font></font></li>
<li><font><font>http://www.conabio.gob.mx/malezasdemexico/brassicaceae/brassica-rapa/fichas/ficha.htm</font></font></li>
<li><font><font>https://www.gardeningchannel.com/grow-bok-choy-brassica-rapa-subsp-chinensis/</font></font></li>
<li><font><font>https://gardenerspath.com/plants/vegetables/grow-bok-choy/</font></font></li>
<li><font><font>https://www.thespruce.com/how-to-grow-bok-choy-4125560</font></font></li>
<li><font><font>https://www.missouribotanicalgarden.org/PlantFinder/PlantFinderDetails.aspx?taxonid=261920&amp;isprofile=0&amp;</font></font></li>
<li><font><font>https://www.uog.edu/_resources/files/wptrc/BokChoy.pdf</font></font></li>
</ul>

<!– .helpful –>

suggerimenti Cai xin
<p><font><font>La prima volta che qualcuno vede un albero di jacaranda ( </font></font><em><font><font>Jacaranda mimosifolia</font></font></em><font><font> ), potrebbe pensare di aver visto qualcosa di una fiaba.</font></font></p>
<figure id=”attachment_27564″ aria-describedby=”caption-attachment-27564″ class=”wp-caption alignright”><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/jacaranda_1612783221-300×200.jpg”></figure>
<p><font><font>Questo delizioso albero di solito si estende per la larghezza di un cortile ed è ricoperto da splendidi fiori viola lavanda ogni primavera.</font></font></p>
<p><font><font>Continua a leggere per imparare a coltivare un albero di jacaranda se hai l’ambiente giusto. </font><font>La coltivazione degli alberi di jacaranda dipende principalmente dall’ambiente adatto, poiché sono </font></font><font><font>alberi</font></font><font><font> rigorosamente meridionali.</font></font></p>
<p><font><font>I giardinieri che vivono più a nord, spesso riescono a coltivare jacaranda come </font></font><strong><font><font>impianto</font></font><font><font> di </font></font><font><font>interni</font></font></strong><font><font> di grandi dimensioni e sono noti per essere esemplari spettacolari di bonsai.</font></font></p>

<h2><font><font>Caratteristiche dell’albero di Jacaranda</font></font></h2>
<table>
<tbody>
<tr>
<td><strong><span><font><font>Nome botanico:</font></font></span></strong></td>
<td><em><font><font>Jacaranda Mimosifoila.</font></font></em></td>
</tr>
<tr>
<td><strong><span><font><font>Nome comune:</font></font></span></strong></td>
<td><font><font>Jacaranda, Jacaranda blu, albero della tromba.</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><strong><span><font><font>Tipo di lama:</font></font></span></strong></td>
<td><font><font>Scade</font></font><font><font> .</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><strong><span><font><font>Taglia per adulti:</font></font></span></strong></td>
<td><font><font>Tra gli 8 e i 20 metri di altezza.</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><strong><span><font><font>Esposizione solare:</font></font></span></strong></td>
<td><font><font>Pieno sole.</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><strong><span><font><font>Tipo di terreno:&nbsp;</font></font></span></strong></td>
<td><font><font>pH</font></font><font><font> tra 6.0 e 6.8</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><strong><span><font><font>Tempo di fioritura:</font></font></span></strong></td>
<td><font><font>Primavera ed </font></font><font><font>estate</font></font><font><font> .</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><strong><span><font><font>Colore del fiore:</font></font></span></strong></td>
<td><font><font>Viola</font></font><font><font> e </font></font><font><font>bianco</font></font><font><font> .</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><strong><span><font><font>Zona natale:</font></font></span></strong></td>
<td><font><font>Argentina e Bolivia.</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><strong><span><font><font>Uso abituale:</font></font></span></strong></td>
<td><font><font>Ornamentale</font></font><font><font> .</font></font></td>
</tr>
</tbody>
</table>
<figure id=”attachment_27565″ aria-describedby=”caption-attachment-27565″ class=”wp-caption alignright”><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/jacaranda_1612783248-300×225.jpg”></figure>
<p><font><font>La </font></font><em><font><font>jacaranda mimosifolia</font></font></em><font><font> è un albero subtropicale originario del Sud America centro-meridionale che è stato ampiamente piantato altrove per i suoi </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> attraenti e resistenti di </font><font>colore viola e bianco.</font></font></p>
<p><font><font>È anche conosciuto come </font></font><em><font><font>jacaranda, jacaranda blu, poui nero o albero di felce.</font></font></em></p>
<p><font><font>Le fonti più antiche la chiamano </font></font><em><font><font>Jacaranda acutifolia</font></font></em><font><font> , ma oggi è solitamente classificata come </font></font><em><font><font>Jacaranda mimosifolia</font></font></em><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Nell’uso scientifico, il nome </font></font><em><font><font>”jacaranda” si</font></font></em><font><font> riferisce al genere jacaranda, che ha molti altri membri, ma nell’uso orticolo e quotidiano, si riferisce quasi sempre al jacaranda blu.</font></font></p>
<p><font><font>Il </font></font><font><font>legno</font></font><font><font> è di colore da grigio chiaro a biancastro, a grana diritta, relativamente liscio e senza nodi. </font><font>Si asciuga senza difficoltà e viene solitamente utilizzato allo stato verde o bagnato per girare e intagliare ciotole.</font></font></p>

<h2><font><font>Dove piantare il mio albero di Jacaranda?</font></font></h2>
<figure id=”attachment_27566″ aria-describedby=”caption-attachment-27566″ class=”wp-caption alignright”><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/jacaranda_1612783279-300×199.jpg”></figure>
<p><font><font>La jacaranda ha bisogno di molta luce.</font></font></p>
<p><font><font>Per una migliore fioritura, </font></font><font><font>pianta la</font></font><font><font> tua jacaranda in pieno sole. </font><font>Se necessario, i piccoli alberi possono vivere all’ombra.</font></font></p>
<h2><font><font>Come prepariamo il terreno per la coltivazione della Jacaranda?</font></font></h2>
<p><font><font>L’albero cresce meglio in terreni ben drenati, moderatamente sabbiosi con un pH leggermente acido. </font><font>Tollera argilla, terriccio e sabbia, ma non dovrebbe essere piantato in terreno umido.</font></font></p>
<p><font><font>Assicurati che il terreno dreni correttamente, altrimenti potrebbe svilupparsi il marciume radicale del fungo.</font></font></p>
<h2><font><font>Come innaffiamo la Jacaranda?</font></font></h2>
<figure id=”attachment_27567″ aria-describedby=”caption-attachment-27567″ class=”wp-caption alignright”><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/jacaranda_1612783307-300×169.jpg”></figure>
<p><font><font>Come regola generale, innaffia il tuo albero di jacaranda quando i primi tre pollici di terreno si sono asciugati.</font></font></p>
<p><font><font>Questi alberi necessitano di un’umidità costante durante tutto l’anno e spesso richiedono annaffiature aggiuntive durante i periodi caldi.</font></font></p>
<p><font><font>Come di consueto in Sembrar100, consigliamo </font><font>come sistema l’ </font><font>irrigazione a </font></font><font><font>goccia</font></font><font><font> , poiché permette di mantenere alti i livelli di umidità, e allo stesso tempo evita che le radici si accartocciano; </font><font>che porta a malattie e funghi.</font></font></p>

<h2><font><font>Quali livelli di temperatura e umidità sono ideali per Jacaranda?</font></font></h2>
<p><font><font>Alcuni alberi di jacaranda possono tollerare il freddo occasionale (fino a -6º C), ma in generale questa specie non prospera in climi con gelate frequenti.</font></font></p>
<p><font><font>Amano molto il sole e l’umidità, ma sono vulnerabili alle scottature del tronco in zone con temperature elevate. </font><font>Bisogna pensare che questa specie è originaria della Bolivia e dell’Argentina, dove le temperature molto rigide non predominano se non in pochi luoghi.</font></font></p>
<h2><font><font>Il fertilizzante che possiamo usare</font></font></h2>
<figure id=”attachment_27568″ aria-describedby=”caption-attachment-27568″ class=”wp-caption alignright”><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/jacaranda_1612783335-225×300.jpg”></figure>
<p><font><font>Puoi concimare una jacaranda annualmente con un </font></font><font><font>composto</font></font><font><font> arboreo compatibile, ma fai attenzione a non dargli troppo </font></font><font><font>azoto</font></font><font><font> , che può impedire all’albero di fiorire.</font></font></p>
<p><font><font>Se l’erba è cresciuta intorno all’albero e la </font></font><strong><font><font>spazzoli</font></font></strong><font><font> , è probabile che l’albero stia già ricevendo molto azoto.</font></font></p>

<h2><font><font>Semina la Jacaranda passo dopo passo</font></font></h2>
<ol class=”custom-counter”>
<li><font><font>Scegli bene il posto dove mettere il tuo albero. </font><font>Un’informazione sull’albero di jacaranda che molti vivai e cataloghi non condividono è che quando i fiori cadono, coprono il terreno con uno spesso strato e devono essere rastrellati prima che si decompongano in limo. </font><font>Un pomeriggio con un rastrello sarà sufficiente, ma è per questo che molti alberi di jacaranda vengono piantati come alberi da strada, permettendo alla maggior parte dei fiori spesi di cadere per strada piuttosto che in giardino.</font></font></li>
<li><font><font>Pianta</font></font><font><font> l’albero in un’area aperta con terreno sabbioso e pieno sole.</font></font></li>
<li><font><font>Mantieni il terreno profondamente umido immergendolo con un tubo per mezz’ora, ma lasciandolo asciugare tra un’annaffiatura e l’altra.</font></font></li>
<li><font><font>Prendersi cura di un albero di jacaranda include quasi sempre la potatura.</font></font></li>
<li><font><font>Per darti la forma migliore per mostrare i tuoi fiori, i rami più piccoli dovrebbero essere tagliati all’inizio della primavera.</font></font></li>
<li><font><font>Taglia i polloni che crescono verticalmente e mantieni un tronco principale con alcuni rami principali che escono dal centro.</font></font></li>
<li><font><font>Mantieni i rami in eccesso tagliati per evitare che il peso dell’albero spacchi il tronco.</font></font></li>
</ol>

<h2><font><font>Trapiantare il nostro albero di Jacaranda</font></font></h2>
<ul>
<li><font><font>E se avessimo la nostra Jacaranda in un vaso?</font></font></li>
<li><font><font>Come li trapiantiamo?</font></font></li>
<li><font><font>Quando dovremmo farlo?</font></font></li>
</ul>
<p><font><font>Bene. </font><font>Dobbiamo prestare attenzione al terreno in cui prevediamo di trapiantare e anche alle sue esigenze di luce solare, come abbiamo indicato.</font></font></p>
<p><font><font>Gli alberi di Jacaranda si adattano molto bene a quasi tutto, poiché possono crescere in un’ampia varietà di terreni; </font><font>prediligono però soprattutto terreni sabbiosi e leggermente acidi come sopra indicato.</font></font></p>
<p><font><font>Gli alberi di Jacaranda tollerano la siccità, ma non prosperano in terreni umidi e paludosi, quindi il terreno deve drenare rapidamente.</font></font></p>
<p><font><font>Né dovrebbero essere coltivate nelle zone costiere, poiché le loro foglie soffrono la rugiada salina del mare.</font></font></p>
<p><font></font><font><font>Gli</font></font><font><font> alberi di jacaranda </font><font>blu</font><font> possono essere trapiantati in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> , dopo che hanno perso le foglie, ma prima che inizino a germogliare all’inizio della </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> .</font></font></p>

<h2><font><font>Potatura e cura della Jacaranda</font></font></h2>
<p><font><font>Gli alberi di jacaranda dovrebbero essere potati per formare un unico tronco centrale che funge da base stabile.</font></font></p>
<p><font><font>Una potatura eccessiva degli alberi di jacaranda può favorire la comparsa di polloni verticali che deformano l’albero.</font></font></p>
<p><font><font>La potatura dovrebbe essere effettuata a fine inverno, dopo che l’albero </font></font><font><font>ha</font></font><font><font> perso le foglie. </font><font>Elimina solo il 25% della crescita dell’albero, compresi tutti i rami rotti e malati, poiché una quantità maggiore di questo potrebbe causare scottature.</font></font></p>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><span><strong><font><font>Attenzione: gli</font></font></strong></span><font><font> alberi di Jacaranda dovrebbero essere piantati anche lontano da piscine, parcheggi, campi da gioco e cortili, poiché i loro fiori e foglie possono creare molti rifiuti, che possono marcire in</font></font><strong><font><font> rifiuti</font></font></strong><font><font> viscidi e maleodoranti.</font></font></div></div>

<h2><font><font>Parassiti e malattie che attaccano gli alberi di Jacaranda</font></font></h2>
<p><font><font>A quali parassiti e malattie dovremmo fare attenzione se vogliamo che i nostri alberi di Jacaranda crescano sani e vigorosi?</font></font></p>
<p><font><font>Jacaranda, come abbiamo detto, è abbastanza </font></font><font><font>resistente</font></font><font><font> a quasi tutto e si adatta molto bene. </font><font>Il che rende questo albero ornamentale una buona scelta per molti giardini e frutteti.</font></font></p>
<p><font><font>Tuttavia, non è privo di pericoli. </font><font>Possono essere colpiti dagli </font></font><font><font>afidi</font></font><font><font> , soprattutto nei nuovi germogli, rami e fiori che si presentano come polloni: da qui l’importanza della potatura.</font></font></p>
<p><font><font>In caso di comparsa di afidi, utilizzare </font></font><font><font>olio di neem</font></font><font><font> o </font></font><font><font>sapone di potassio</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Infine e come sempre, annaffiature eccessive e ristagni d’acqua possono causare la comparsa di funghi, soprattutto nelle radici.</font></font></p>
<p><font><font>Nel caso in cui compaiano, spruzzare con una lozione </font></font><font><font>fungicida fatta in casa</font></font><font><font> può essere l’ideale per frenare la malattia.</font></font></p>
<p>&nbsp;</p>

<!– .helpful –>

suggerimenti L’albero di Jacaranda
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/tajinaste_1605872904-200×300.jpg”><font><font>Il tajinaste </font></font><em><font><font>(Echium wildpretii) </font></font></em> <b><font><font>è una specie di pianta dalla bellezza esuberante che è testimoniata dalle infiorescenze che produce</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Questi sono di colore variabile a seconda della specie e si possono trovare in </font></font><font><font>blu</font></font><font><font> o </font></font><font><font>viola</font></font><font><font> , per esempio.</font></font></p>
<p><font><font>L’ideale è farlo piantare direttamente in giardino in quanto richiede pochissime cure e in cambio regalerà un ambiente molto bello.</font></font></p>
<p><font><font>Inoltre non è molto alto, raggiungendo i tre metri circa comprese le infiorescenze, quindi diventa piuttosto </font></font><b><font><font>utile per disegnare composizioni</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Hai pensato di dare al tuo giardino un tocco unico e speciale?</font></font></p>
<p><font><font>Forse il tajinaste è proprio quello che stai cercando.</font></font></p>

<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti quando si semina Tajinaste</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><span><strong><font><font>Quando? </font></font></strong></span><font><font>In</font></font><font><font> primavera</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Dove? </font></font></strong></span><font><font>In pieno sole o in mezz’ombra.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></strong></span><font><font>Con materia organica come il</font></font><font><font> compost</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come dovremmo annaffiare? </font></font></strong></span><font><font>Per</font></font><font><font> gocciolamento</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Ogni quanto bisogna annaffiare? </font></font></strong></span><font><font>Quattro volte a settimana in</font></font><font><font> estate</font></font><font><font> e due volte il resto dell’anno.</font></font></li>
<li><span><b><font><font>Quali parassiti e malattie ha? </font></font></b></span><font><font>Fai attenzione ai marciumi e alle lumache.</font></font></li></ul></div></div>

<h2><font><font>Caratteristiche del tajinaste</font></font></h2>
<p><em><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/tajinaste_1605873042-300×200.jpg”><font><font>Echium wildpretii</font></font></em><font><font> è una specie di </font></font><font><font>pianta da fiore</font></font><font><font> della </font><em><font>famiglia</font></em><font> delle </font></font><em><font><font>Boraginaceae.</font></font></em></p>
<p><font><font>È una </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> erbacea biennale che cresce fino a 3 metri di altezza. </font><font>La specie è endemica delle Isole Canarie e si trova principalmente a Las Cañadas del Teide.</font></font></p>
<p><font><font>La sottospecie Echium wildpretii subsp. </font><font>tricosifone si trova ad alta quota a Las Palmas. </font><font>I nomi comuni sono torre gioiello, bugloss rosso, bugloss Tenerife o bugloss Teide. </font><font>Il nome spagnolo di questa </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> è tajinaste rosso.</font></font></p>

<h2><font><font>Quando hai seminato tajina?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/tajinaste_1605873069-200×300.jpg”><font><font>Il periodo ideale per seminare il tajinaste è </font></font><b><font><font>durante la primavera</font></font></b><font><font> , preferibilmente aspettando che passi il rischio di gelate.</font></font></p>
<p><font><font>Tuttavia, poiché il processo di germinazione dei </font></font><font><font>semi</font></font><font><font> avverrà in semenzaio, potrebbe essere iniziato un po’ prima, avendo cura che goda di un po’ di calore.</font></font></p>
<p><font><font>Naturalmente, i semi impiegano solo un paio di settimane per germinare, quindi è un processo abbastanza veloce che deve essere preso in considerazione per pianificare bene.</font></font></p>
<h2><font><font>Dove piantare un tajinaste?</font></font></h2>
<p><font><font>Il tajinaste è molto adattabile intorno al luogo di impianto, sebbene </font></font><b><font><font>richieda direttamente una certa quantità di luce al giorno.</font></font></b></p>
<p><font><font>Per questo motivo è bene tenerlo in un luogo soleggiato o, almeno, in mezz’ombra.</font></font></p>

<h2><font><font>Come preparare il terreno?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><b><font><font>Il terreno per il tajinaste deve soddisfare due requisiti fondamentali: ricco di sostanze nutritive e con un buon drenaggio.</font></font></b></li>
<li><font><font>La nutrizione può essere data preparando in anticipo il terreno con l’aiuto di alcuni </font></font><font><font>fertilizzanti </font></font><span><font><font>naturali che incorporino materia organica, come il </font></font><font><font>compost</font></font><font><font> .</font></font></span></li>
<li><font><font>In caso di drenaggio si può fare un impasto con un componente che aiuti in questo processo se il terreno a disposizione è molto argilloso.</font></font></li>
<li><font><font>Se è una </font></font><font><font>pianta </font></font><span><font><font>che andrà tenuta in vaso, perché la accetti senza problemi, fare una miscela di perlite e sabbia le darà la consistenza necessaria.</font></font></span></li></ul></div></div>

<h2><font><font>Come innaffiamo?</font></font></h2>
<p><font><font>La quantità di acqua utilizzata in ogni irrigazione </font></font><b><font><font>dovrebbe essere moderata</font></font></b><font><font> per evitare allagamenti che potrebbero danneggiarti.</font></font></p>
<p><font><font>L’ideale è sfruttare un attrezzo da giardinaggio, come l’annaffiatoio, per offrire solo il necessario.</font></font></p>
<h2><font><font>Quanto spesso innaffiamo i tajinastes?</font></font></h2>
<p><font><font>La quantità di acqua sarà direttamente collegata ai tempi di irrigazione, che </font></font><b><font><font>in estate non dovranno superare le quattro volte a settimana.</font></font></b></p>
<p><font><font>Tuttavia, durante il resto dell’anno questo potrebbe essere effettivamente ridotto a circa due volte a settimana.</font></font></p>

<h2><font><font>Come seminare passo dopo passo?</font></font></h2>
<p><font><font>La semina del tajinaste verrà effettuata </font></font><b><font><font>mediante semi selezionati</font></font></b><font><font> , cioè sani e di buona qualità.</font></font></p>
<p><font><font>Il processo per andare avanti in questo caso è il seguente:</font></font></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><font><font>Preparare il semenzaio con del </font></font><font><font>substrato</font></font><font><font> universale e perlite. </font><font>È importante che le quantità di entrambi gli elementi siano identiche per massimizzare l’ambiente favorevole. </font><font>Se usi un semenzaio fatto in casa, assicurati che abbia dei fori sul fondo per far defluire l’umidità.</font></font></li>
<li><font><font>Incorporare i semi. </font><font>Poiché è logico che l’idea sia di ottenere il massimo dal processo, puoi usare due o tre semi per seme o, se hai abbastanza contenitori, uno in ciascuno.</font></font></li>
<li><font><font>Aggiungi un po’ di substrato su ogni </font></font><font><font>seme</font></font><font><font> senza renderli troppo profondi.</font></font></li>
<li><font><font>Innaffia con l’aiuto di un annaffiatoio in modo che la quantità d’acqua non sia eccessiva. </font><font>Questo processo deve essere ripetuto frequentemente perché l’umidità è molto importante per la germinazione.</font></font></li>
<li><font><font>Conserva i semenzai in un luogo fresco e in mezz’ombra.</font></font></li>
<li><font><font>Trapianta le piantine più forti nel vaso o nel giardino selezionato quando germogliano.</font></font></li>
</ol>
<p><font><font>Il tajinaste si sviluppa rapidamente intorno al processo di germinazione, quindi in due o tre settimane ti godrai i primi germogli.</font></font></p>
<p><font><font>Se il trapianto viene ritardato e arriva il periodo freddo, è meglio tenerlo in vaso e passare all’orto quando il </font></font><font><font>tempo</font></font><font><font> è più favorevole.</font></font></p>
<h2><font><font>Di che cure ha bisogno il tajinaste?</font></font></h2>
<ul>
<li><b><font><font>Una delle cure principali di cui ha bisogno il tajinaste è la fertilizzazione</font></font></b><font><font> , se quello che cerchi è godere di bellissime infiorescenze.</font></font></li>
<li><font><font>Questa verrà applicata tra la primavera e l’estate, sfruttando i </font></font><font><font>fertilizzanti </font></font><span><font><font>per piante da fiore che si vendono nelle filiali.</font></font></span></li>
<li><font><font>Questi sono forniti attraverso l’acqua di irrigazione, quindi saranno molto facili da applicare.</font></font></li>
<li><b><font><font>Quando è in vaso, sarà obbligatorio </font></font><font><font>trapiantarlo</font></font><font><font> in vasi più grandi in </font></font></b><span><font><font>quanto le radici sporgono dalla parte inferiore.</font></font></span></li>
<li><font><font>Questo, oltre ad aiutarlo a crescere con molta più foglia, è una strategia per evitare che le radici vengano danneggiate da un’eccessiva recinzione.</font></font></li>
</ul>

<h2><font><font>Quali parassiti e malattie ti colpiscono?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/tajinaste_1605873135-200×300.jpg”><font><font>Il tajinaste è una pianta molto </font></font><font><font>resistente</font></font><font><font> alla maggior parte dei parassiti e delle malattie.</font></font></p>
<p><font><font>È possibile che </font></font><b><font><font>venga attaccato da funghi se le condizioni del terreno non sono corrette e sono presenti pozzanghere.</font></font></b></p>
<p><font><font>Nelle </font></font><b><font><font>prime fasi della semina, invece, soprattutto quando si fa in giardino, è necessario prestare particolare attenzione </font></font><font><font>alle lumache</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Questo perché sono parassiti in grado di consumare giovani piantine perché hanno una consistenza più tenera.</font></font></p>
<p><font><font>Il tajinaste è </font></font><font><font>una pianta molto utile a livello decorativo</font></font><font><font> e offre anche poche preoccupazioni sulla resistenza.</font></font></p>
<p><font><font>Riesce infatti </font></font><b><font><font>a sopravvivere a gelate brevi</font></font></b><font><font> , anche se bisogna fare attenzione che la temperatura non scenda sotto i -3°C perché potrebbe essere dannosa.</font></font></p>
<p><font><font>Del resto, non resta che mantenere le cure di base dell’irrigazione e della concimazione per goderne la bellezza e il colore al momento giusto.</font></font></p>
<p>

</p><!– .helpful –>

suggerimenti El Tajinaste
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti quando si semina Portulaca</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Verdolaga-300×225.jpg”><font><font>Dove seminare? </font></font></b><font><font>&nbsp;Luce piena. </font><font>Ha bisogno di molta luce solare e si verifica anche all’ombra.</font></font></li>
<li><b><font><font>Quando? </font></font></b><font><font>&nbsp;In </font></font><strong><font><font>primavera</font></font></strong><font><font> o all’inizio dell’estate.</font></font></li>
<li><b><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></b><font><font>Rimosso. </font><font>Pulizia delle erbacce. </font><font>Nutriente – </font><font>terreno ricco con </font></font><strong><font><font>humus</font></font></strong><font><font> verme </font></font><b> </b><font><font>o compost.</font></font></li>
<li><b><font><font>Come innaffiamo? </font></font></b><font><font>&nbsp;Con gocciolamento.</font></font></li>
<li><b><font><font>Quante</font></font></b><font><font> volte </font><b><font>annaffiamo?:</font></b><font> Frequentemente in </font></font><strong><font><font>estate</font></font></strong><font><font> . </font><font>Resto dell’anno scarso.</font></font></li>
<li><b><font><font>Piaghe e malattie? </font></font></b><font><font>: </font></font><font><font>resistente</font></font><font><font> a parassiti e malattie.</font></font></li></ul></div></div>

<p><font><font>La portulaca, </font></font><i><font><font>Portulaca oleracea</font></font></i><font><font> , detta anche lingua di gatto, è conosciuta come erba </font></font><strong><font><font>selvatica</font></font></strong><font><font> medicinale e commestibile, considerata un “superfood” per via della vasta gamma di vitamine e minerali che si possono estrarre dalla pianta.</font></font></p>
<p><font><font>Viene dall’Asia, e si caratterizza per le sue </font></font><strong><font><font>foglie</font></font></strong><font><font> succulente </font><font>a forma di cucchiaio e il fusto rossastro è selvatico e si trova nei climi temperati e caldi. </font><font>In Portogallo viene utilizzato nelle campagne per preparare un piatto popolare chiamato zuppa di portulaca. </font><font>La portulaca è una ricca fonte di omega-3.</font></font></p>

<h2><font><font>Quando piantare una portulaca?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cuándo-sembrar-una-verdolaga-300×214.jpg”><font><font>La semina della portulaca va fatta dopo le gelate </font></font><strong><font><font>primaverili</font></font></strong><font><font> , </font><font>spargendo i semi sulla superficie in modo che siano ben ricoperti di terra.</font></font></p>
<p><font><font>Infine, innaffia facendo attenzione che i semi rimangano </font></font><strong><font><font>sottoterra</font></font></strong><font><font> . </font><font>Alcuni esperti consigliano di mettere le vaschette oi vasetti con i semi in frigo per 15 giorni.</font></font></p>
<p><font><font>Quindi, spostali in un luogo caldo e soleggiato, favorendo così la germinazione. </font><font>Per quanto riguarda l’umidità, preferisce un </font></font><font><font>ambiente</font></font><font><font> secco.</font></font></p>

<h2><font><font>Dove seminare una portulaca?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Dónde-sembrar-una-verdolaga-300×225.jpg”><font><font>Durante i primi anni, la portulaca ha bisogno di luce filtrata, quindi è meglio posizionare il vaso o il vassoio in un luogo dove riceva un po’ di luce.</font></font></p>
<p><font><font>In queste condizioni, la germinazione avverrà 1 o 2 settimane dopo.</font></font></p>
<p><font><font>Quando la pianta è lunga circa 5 cm, è il momento di </font></font><strong><font><font>trapiantarle,</font></font></strong><font><font> avendo sempre cura che il terreno rimanga umido e che la pianta sia in un luogo soleggiato.</font></font></p>
<p><font><font>Cresce in molte parti del mondo durante la stagione calda, nei </font></font><strong><font><font>frutteti</font></font></strong><font><font> , nei campi o ai bordi delle strade, e si coltiva facilmente anche in vaso.</font></font></p>
<h2><font><font>Come preparare il terreno?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>La portulaca predilige terreni poveri, preferibilmente sabbiosi e ben drenati, quindi non avrai grosse complicazioni se vivi in ​​un luogo un po’ deserto.</font></font></div></div>
<p><font><font>È una </font></font><strong><font><font>pianta</font></font></strong><font><font> che può essere coltivata in luoghi rocciosi grazie alla sua scarsa manutenzione. </font><font>Una volta terminato il raccolto, la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> continuerà a crescere e a sviluppare nuove foglie man mano che la portulaca si riproduce.</font></font></p>
<h2><font><font>Come innaffiamo una portulaca?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>La portulaca è una pianta che necessita di annaffiature frequenti in estate, mentre durante l’ </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> non è necessario annaffiare con la stessa regolarità.</font></font></div></div>
<p><font><font>Si consiglia di utilizzare </font></font><strong><font><font>l’irrigazione a goccia</font></font></strong><font><font> , che può essere utilizzata per l’applicazione di fertilizzanti liquidi. </font><font>Le esperienze sul campo hanno dimostrato che l’ </font></font><font><font>irrigazione a pioggia</font></font><font><font> aumenta i problemi fitosanitari, che hanno portato allo scarto di questo tipo di impianto.</font></font></p>

<h2><font><font>Come seminiamo una portulaca passo dopo passo?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cómo-sembramos-paso-a-paso-una-verdolaga-300×168.jpg”><font><font>È una succulenta quindi si propaga semplicemente tagliandone un pezzo e ponendolo nel terriccio umido o in un bicchiere d’acqua.</font></font></p>
<p><font><font>Non è difficile coltivare la portulaca. </font><font>La pianta può essere propagata in due modi: spargendo i suoi </font></font><strong><font><font>semi</font></font></strong><font><font> o tagliando i gambi.</font></font></p>
<p><font><font>I semi impiegano solitamente circa 10 giorni per germogliare se esposti a temperature comprese tra 70° e 90° Fahrenheit (21° e 32°C). </font><font>Sebbene le </font></font><strong><font><font>piante</font></font></strong><font><font> possano crescere ovunque, le persone generalmente preferiscono coltivarle al </font></font><strong><font><font>chiuso</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Raccomandazioni per la semina della portulaca passo dopo passo in qualsiasi spazio chiuso:</font></font></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><font><font>Acquisire semi o </font></font><strong><font><font>talee</font></font></strong><font><font> – I semi di </font><strong><font>portulaca</font></strong><font> possono generalmente essere ottenuti da piante disseminate, ma possono anche essere acquistati dai vivai. </font><font>Se scegli di raccogliere semi di portulaca selvatici, assicurati che le piante non siano state spruzzate con pesticidi o erbicidi.</font></font></li>
<li><font><font>Riempi un vaso con abbondante terriccio – Puoi anche aggiungere del terriccio dal bidone del </font></font><strong><font><font>compost</font></font></strong><font><font> come fertilizzante.</font></font></li>
<li><font><font>Pianta i semi spargendoli sul terreno, ma non devono essere coperti. </font><font>I semi hanno bisogno di luce per germogliare e mettere radici.</font></font></li>
<li><font><font>Se vengono utilizzate talee, dovrebbero essere piantate nel terreno. </font><font>In genere, ci vogliono alcuni giorni prima che le talee attecchiscano.</font></font></li>
<li><font><font>Innaffia </font><font>il </font></font><strong><font><font>terreno</font></font></strong><font><font> finché non è umido – Evita di annaffiare il terreno fino al punto che diventa eccessivamente fradicio. </font><font>I semi hanno bisogno solo di una quantità limitata di acqua per germogliare.</font></font></li>
<li><font><font>Tieni il vaso in un luogo dove possa ricevere abbastanza luce solare – Ci vorranno circa 2 settimane prima che i semi germinino.</font></font></li>
</ol>

<h2><font><font>Quali associazioni favorevoli ha?</font></font></h2>
<p></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>L’associazione di colture </font></font><strong><font><font>vegetali</font></font></strong><font><font> compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.</font></font></div></div>
<p><font><font>La portulaca, essendo una pianta medicinale, potrebbe trovarsi vicino a </font></font><strong><font><font>piante aromatiche</font></font></strong><font><font> che possono aiutare a controllare i </font></font><strong><font><font>parassiti</font></font></strong><font><font> che colpiscono la portulaca.</font></font></p>
<p><font><font>In alcune zone la portulaca viene utilizzata per coprire </font></font><strong><font><font>angurie</font></font></strong><font><font> , zucche, </font></font><strong><font><font>meloni</font></font></strong><font><font> e quindi proteggere queste colture dalle scottature. </font><font>Ma non può essere piantato con </font><strong><font>colture di </font></strong></font><strong><font><font>soia</font></font></strong><font><font> o </font></font><strong><font><font>mais</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<h2><font><font>Quali parassiti e malattie attaccano la portulaca?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Qué-plagas-y-enfermedades-atacan-a-la-verdolaga-300×200.jpg”><font><font>In generale, la portulaca è abbastanza resistente a </font></font><strong><font><font>parassiti e malattie</font></font></strong><font><font> , anche se a volte può essere attaccata da </font></font><strong><font><font>lumache</font></font></strong><font><font> e chiocciole, sebbene sia improbabile.</font></font></p>
<p><font><font>Nel caso in cui si verificasse una pestilenza nella portulaca, si possono sempre combattere con insetticidi naturali perché è una pianta </font></font><strong><font><font>commestibile</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>

<h2><font><font>Bibliografia e riferimenti</font></font></h2>
<ul>
<li><font><font>Santos Morell, Tania Lidice; </font><font>Torres Chaviano, Ivonne; </font><font>Nieves Guzman, Darma Lydia. </font><font>(2012). </font></font><em><font><font>Portulaca, una pianta di interesse farmaceutico: Estrazione, isolamento e caratterizzazione di Portulaca oleracea L. da un </font></font><font><font>estratto</font></font><font><font> idroalcolico. </font></font></em><font><font>Editoriale accademico spagnolo. </font><font>Madrid, Spagna.</font></font></li>
<li><font><font>Sanz, Gonzalo Mateo. </font><font>(2013). </font></font><em><font><font>Le piante del sistema iberico orientale e il loro ambiente: una guida illustrata per la loro identificazione. </font></font></em><font><font>Università di Valencia. </font><font>Consulente botanico ed editore Jolube. </font><font>Aragona-Spagna.</font></font></li>
<li><font><font>Fernández, Juan A.; </font><font>Ninirola, Diana; </font><font>Vicente, María J.; </font><font>Conesa, Encarnacion. </font><font>(2007). </font></font><em><font><font>Effetto della densità di impianto e del tipo di </font></font><font><font>substrato</font></font><font><font> sulla produzione di portulaca (Portulaca oleracea L.) in una </font></font><font><font>coltura idroponica</font></font><font><font> di vaschette galleggianti. </font></font></em><font><font>Politecnico di Cartagena. </font><font>Murcia-Colombia. </font><font>Riprodotto da: </font></font><font><font>https://www.mapa.gob.es/ministerio/pags/biblioteca/revistas/pdf_SH/SH_2007_15_707_713.pdf</font></font></li>
<li><font><font>Segura-Castruita, Miguel Angel; </font><font>Yescas Coronado, Pablo; </font><font>Orozco-Vidal, Jorge Arnaldo; </font><font>Fortis-Hernandez, Manuel; </font><font>Preciado-Range, Pablo; </font><font>Montemayor-Trejo, José Alfredo. </font><font>(2018). </font></font><em><font><font>Distribuzione spaziale della probabilità di insorgenza della portulaca selvatica (Portulaca oleracea L.) nella regione di Lagunera di Coahuila, Messico. </font></font></em><font><font>Ricerca e scienza. </font><font>Università Autonoma di Aguascalientes. </font><font>Aguascalientes-Messico. </font><font>Riprodotto da:&nbsp; </font></font><font><font>https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=67455945002</font></font></li>
</ul>

<!– .helpful –>

suggerimenti Portulaca
<h2><font><font>Che caratteristiche hanno le orchidee?</font></font></h2>
<figure class=”wp-caption alignright”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/512gVlLLWuL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Le orchidee sono un vero dono di Dio di spettacolare bellezza. </font><font>Sono piante perenni che appartengono al genere delle Orchidaceae.</font></font></p>
<p><font><font>In tutto il mondo competono circa 25mila varietà naturali, che colpiscono per i loro colori spettacolari.</font></font></p>
<p><font><font>Molti generi hanno esemplari unici, irripetibili, considerati endemici.</font></font></p>
<p><font><font>È il caso delle orchidee della foresta pluviale amazzonica che non si riproducono in nessun’altra parte del mondo.</font></font></p>
<p><font><font>Hanno un carattere epifitico, che altro non è che la caratteristica di crescere sopra altre piante, come fossero funghi o funghi, a cui può sottrarre nutrienti perché non è in grado di produrli da solo attraverso la </font></font><font><font>fotosintesi</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Tra le specie più conosciute abbiamo </font></font><em><font><font>le</font></font></em><font><font> orchidee </font><em><font>Phalaenopsis</font></em><font> , la cui forma imita la figura di una farfalla, allargando i suoi petali, come ali, essendo di un colore intenso come il fucsia. </font><font>Oppure il Dendrobium, che ama vivere sulle rocce o in un albero che fornisce sostentamento in cambio di </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> molto colorati.</font></font></p>
<p><font><font>Un’altra specie famosa è la cosiddetta Regina delle orchidee o </font></font><em><font><font>Cattleya</font></font></em><font><font> , dai bellissimi colori e dal profumo divino che inonda l’intero ambiente. </font><font>Deve la sua esistenza al coltivatore Guillermo Catteleya, che è stato in grado di </font><font>creare questa </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> mezzo fiore, mezzo albero, a </font><font>metà del secolo XIX.Esta bellezza è arrivata in Europa dal Brasile.</font></font></p>
<p><font><font>Anche la specie </font></font><em><font><font>Cymbidium</font></font></em><font><font> , che proviene dalle montagne himalayane, in Asia, si è guadagnata il proprio spazio e oggi viene utilizzata nei mazzi armati commercialmente nei fioristi, perché i suoi fiori durano molto più a lungo degli altri, sviluppandosi appunto da pseudobulbi che la contraddistinguono da altre specie.</font></font></p>
<p><font><font>Come ogni </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> nata nelle giungle tropicali o in luoghi remoti del mondo, qualsiasi orchidea richiede alcune importanti condizioni speciali. </font><font>Continua a leggere e saprai come prenderti cura delle bellissime orchidee.</font></font></p>

<h2><font><font>Che bisogno di terreno hanno le orchidee?</font></font></h2>
<p><font><font>Un buon </font></font><strong><font><font>substrato</font></font></strong><font><font> è un elemento vitale per una buona cura delle orchidee. </font><font>Nonostante la fama di delicatezza non sia così esagerata, se si prendono in considerazione fattori fondamentali della coltivazione come il tipo di terreno, il tipo di illuminazione e di irrigazione, andrà tutto bene.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/519ZsDeC4tL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>C’è una considerazione preliminare molto importante per la coltivazione delle orchidee. </font><font>Ci sono molti tipi. </font><font>Ci sono le epifite, ma ci sono anche terrestri e semi-terrestri. </font><font>Nel caso delle epifite, la successiva preparazione del terreno è conveniente per dar loro una lunga vita.</font></font></p>
<ul>
<li><font><font>3 </font></font><font><font>parti</font></font><font><font> di torba bianca.</font></font></li>
<li><font><font>3 parti di corteccia di </font></font><font><font>pino</font></font><font><font> , se è mediterraneo molto meglio.</font></font></li>
<li><font><font>3 parti di sughero.</font></font></li>
<li><font><font>Un’altra parte uguale di granuli di argilla.</font></font></li>
<li><font><font>2 grammi di calce acida, per ogni litro di substrato.</font></font></li>
</ul>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51xd779-hlL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>La </font></font><strong><font><font>corteccia di pino</font></font></strong><font><font> insieme al sughero </font><font>viene presa come base del substrato </font><font>. </font><font>Insieme forniscono un’adeguata acidità per la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> , con il preventivo aiuto dell’aggiunta di calce acida.</font></font></p>
<p><font><font>Allo stesso modo, viene aggiunta la torba bianca, responsabile di aiutare a mantenere l’umidità adeguata di cui l’orchidea ha bisogno in modo duraturo. </font><font>I </font></font><strong><font><font>granuli di argilla forniscono</font></font></strong><font><font> ventilazione alla preparazione.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51qBCnCjmHL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Nel caso di orchidee di tipo terrestre o semiterrestre, la preparazione del terreno è la seguente:</font></font></p>
<ul>
<li><font><font>1 parte di torba bianca.</font></font></li>
<li><font><font>1 parte di carbone.</font></font></li>
<li><font><font>1 parte di vermiculite.</font></font></li>
<li><font><font>5 parti di corteccia di pino.</font></font></li>
<li><font><font>2 grammi di lime acido per litro</font></font></li>
</ul>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41U-4DnISlL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>In questo caso, come già visto, predomina la corteccia di pino e si ovvia al sughero. </font><font>L’idea è che il </font></font><strong><font><font>carbone</font></font></strong><font><font> aiuti ad aumentare il </font></font><font><font>pH</font></font><font><font> di questo substrato. </font><font>Mentre la </font></font><strong><font><font>vermiculite</font></font></strong><font><font> aiuta la miscela a trattenere molto bene i sali essenziali.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51kIIRgZ3qL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Infine, con le giuste quantità di ciascun componente nel mix, il vaso si riempie di una dose aggiuntiva di amore e ottimismo.</font></font></p>

<h2><font><font>Come far crescere le orchidee forti e vigorose?</font></font></h2>
<figure class=”wp-caption alignright”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41z-EieTSgL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>L’universo delle orchidee è unico. </font><font>Scolpiti dalla mano di Dio, sono una vera benedizione in ogni casa.</font></font></p>
<p><font><font>Perché attirano gli sguardi migliori e donano colori e aromi divini che portano pace e gioia.</font></font></p>
<p><font><font>Una parte molto delicata di questa pianta sono le sue radici, che meritano un monitoraggio costante.</font></font></p>
<p><font><font>Ecco perché c’è chi consiglia che i vasi siano trasparenti, perché sarà molto più facile apprezzare i cambiamenti nella colorazione delle radici.</font></font></p>
<p><font><font>Se sono verdi, significa che non hanno bisogno di acqua. </font><font>Sono soddisfatte, ma se diventano biancastre allora l’allerta sarà totale e la pianta va annaffiata abbondantemente.</font></font></p>
<p><font><font>La specie Phalaenopsis è una delle più sensibili alle variazioni di umidità ambientale. </font><font>Ecco perché è comune vederlo in contenitori bianchi o trasparenti. </font><font>Ed è che il ristagno è forse il peggior nemico dell’orchidea. </font><font>Bisogna essere molto consapevoli di inumidire l’acqua, ma mai in eccesso.</font></font></p>
<p><font><font>Le varietà epifite sono amanti delle altezze, quindi è preferibile averle in vasi sospesi poiché le radici aeree possono espandersi normalmente per assorbire l’umidità ambientale, più facilmente.</font></font></p>
<p><font><font>L’opzione più plausibile è posizionarla sopra un tronco o uno stelo, perché è così che vive in condizioni naturali. </font><font>Un’altra informazione importante per una coltivazione di orchidee di successo è l’esecuzione di trapianti periodici, ogni 2 anni.</font></font></p>
<p><font><font>È preferibile spostarli dal vaso a fine </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> e all’inizio della primavera, quando le temperature iniziano a salire. </font><font>Questo viene fatto in questo modo perché in quel periodo la pianta riprende la sua attività ritmica. </font><font>È essenziale non commettere i seguenti errori quando si coltivano orchidee in casa:</font></font></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><font><font>Non devono essere utilizzati substrati comuni che non siano aerati.</font></font></li>
<li><font><font>L’eccessiva irrigazione li fa ammalare, perché subiranno immediatamente attacchi di funghi e batteri.</font></font></li>
<li><font><font>Le orchidee vanno piantate in un vaso adatto, con ampi fori che consentano un drenaggio ottimale e zampe che lo aiutino a rialzarsi, che non tocchi il suolo, poiché in questo modo l’acqua drena facilmente dopo l’irrigazione.</font></font></li>
<li><font><font>Un altro errore imperdonabile è decidere di </font></font><font><font>trapiantare</font></font><font><font> quando la pianta è in fiore. </font><font>Non puoi mai fare questa attività poiché sarai disturbato dal cambiamento, stressato e perderai vigore, energia.</font></font></li>
<li><font><font>La luce naturale è ovviamente un altro fattore importante per una crescita sana. </font><font>Dovrebbero riceverlo abbondantemente ma sempre indirettamente.</font></font></li>
<li><font><font>È necessario concimare con prodotti specifici per orchidee, perché contengono azoto, fosforo e una dose di </font></font><font><font>potassio</font></font><font><font> , ottimi stimoli per una buona fioritura della pianta.</font></font></li>
<li><font><font>Infine, devi cercare di conoscere molto bene la specie. </font><font>Ci sono differenze di cura, a seconda della varietà, quindi non si possono improvvisare ed è meglio documentarsi con largo anticipo, in modo che la coltivazione vada a buon fine e proviamo il massimo orgoglio quando l’orchidea ci regala i suoi bellissimi fiori.</font></font></li>
</ol>
<p><font><font>Le orchidee terrestri sono quelle le cui radici crescono sottoterra. </font><font>Così semplice. </font><font>I suoi steli sono molto più eretti, stilizzati perché in questo modo ottengono i nutrienti necessari per svilupparsi completamente.</font></font></p>
<p><font><font>Nel caso delle epifite, è presente una sostanza alimentare chiamata umato presente nelle fessure o buchi della corteccia degli alberi, dove si accumulano foglie, muschi, acqua e resti di rami che finiscono per diventare una buona fonte di nutrienti.</font></font></p>
<p><font><font>Ecco perché dobbiamo imitare il più possibile l’habitat naturale delle orchidee, a seconda della varietà che abbiamo l’onore di coltivare.</font></font></p>

<h2><font><font>Di quale umidità hanno bisogno le orchidee?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Un dato fondamentale è non esagerare, come abbiamo già detto l’irrigazione. </font><font>Le orchidee non hanno bisogno di essere annaffiate ogni giorno. </font><font>Possono causare marciume alle radici. </font><font>In conclusione, i ristagni d’acqua devono essere evitati a tutti i costi perché l’umidità in alta percentuale li danneggia notevolmente.</font></font></div></div>
<h2><font><font>È necessario potare le orchidee?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Le orchidee vanno potate quando le foglie ingialliscono, così come è necessario rimuovere i gambi secchi o danneggiati, ma vanno sempre tagliate dal terzo nodo contando dalla base della pianta. </font><font>Questo aiuterà la pianta a rimanere sana, con un buon tasso di crescita.</font></font></div></div>

<h2><font><font>Quanto spesso dovremmo potare le orchidee?</font></font></h2>
<p><font><font>Potare alla fine della stagione della fioritura. </font><font>La potatura è molto delicata su un’orchidea. </font><font>Sono note specie come la cosiddetta orchidea farfalla o la Phalaenopsis che richiedono una potatura una volta all’anno per stimolare una fioritura abbondante.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41l00hOVF6L._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>In realtà, la maggior parte delle specie ha bisogno di essere potata costantemente, perché i fiori e le foglie essiccate le tolgono vigore, energia.</font></font></p>

<h2><strong><font><font>Come possiamo evitare i parassiti e le malattie delle orchidee?</font></font></strong></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>La chiave per evitare le malattie fungine, le più comuni nelle orchidee, sta nell’umidità del substrato. </font><font>C’è chi crede che vada tenuto sempre umido, quando non lo è. </font><font>Le orchidee possono resistere a gravi siccità dopo diverse ore di umidità.</font></font></div></div>
<p><font><font>Lasciando un substrato molto umido stiamo contribuendo alla comparsa del marciume nei rizomi e negli pseudobulbi, uno dei suoi peggiori nemici. </font><font>Quindi è necessario prestare estrema attenzione a questo aspetto durante la cura domiciliare delle orchidee.</font></font></p>
<p><font><font>La soluzione a questo problema è avvalersi dell’ausilio di </font></font><strong><font><font>contenitori con ampi fori in</font></font></strong><font><font> modo che l’acqua defluisca molto bene.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51ds5o4pvKL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>L’uso di materiali come corteccia di pino, perlite, gusci di mandorle, fibra di cocco, arlite, pezzi di radici di felce gigante e altri materiali di diversa granulometria sono particolarmente favorevoli nell’aiutare il terreno a drenare.</font></font></p>
<p><font><font>Ad esempio, il carbone leggermente tritato è sensazionale perché ha una consistenza molto porosa e quando aggiunto al substrato fornisce alla pianta molti nutrienti.</font></font></p>
<p><font><font>Bisogna però essere consapevoli che la corteccia non si deteriora, perché poi l’umidità aumenterà notevolmente e sarà necessario un trapianto urgente, per evitare che le radici marciscano.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41O++DntRML._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Infine, è molto importante assicurarsi che tutti questi substrati siano certificati, privi di funghi e batteri, che provengano da luoghi di vendita riconosciuti.</font></font></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Forse ti interessano anche:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><ul class=”su-siblings”><li class=”page_item page-item-18271″><font><font>6 tipi e varietà di orchidee più famosi</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-34463″><font><font>Cura dell’orchidea bianca: [sporco, umidità, potatura e problemi]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-34413″><font><font>Cura dell’orchidea Phalaenopsis: [terreno, umidità, potatura e problemi]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-34461″><font><font>Cura delle orchidee in inverno: [sporco, potatura e problemi]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-27134″><font><font>Talee di orchidee: [innesto, stagione, radicamento e semina]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-23194″><font><font>Parassiti e malattie delle orchidee: [rilevamento, cause e soluzioni]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-33323″><font><font>Irrigazione dell’orchidea: [necessità, frequenza e procedura]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-15410″><font><font>Tipi di orchidee: [Caratteristiche e classificazione]</font></font></li>
</ul></div></div>

<!– .helpful –>

suggerimenti Cura dell’orchidea
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/plagas-y-enfermedades-del-bambú-225×300.jpg”><font><font>Alcuni esperti affermano che l’inquinamento indoor è spesso </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;molto peggio dell’inquinamento esterno.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><font><font>Ecco perché il </font></font><strong><font><font>Feng shui</font></font>&nbsp;</strong><font><font> ci chiede di tenere sempre in considerazione la qualità dell’aria interna e di fare tutto il possibile per migliorarla. </font><font>In tal senso, le piante da appartamento possono essere uno strumento importante per aiutarci ad </font></font><strong><font><font>attivare energia positiva</font></font></strong><font><font> nella nostra casa, </font></font><strong><font><font>purificando l’aria</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Tuttavia, molti pensano che </font></font><strong><font><font>la</font></font><font></font></strong><font><font> fortuna </font><strong><font>del </font></strong><strong><font>bambù</font></strong><font> sia l’unica pianta d’appartamento amichevole con il </font></font><strong><font><font>Feng shui</font></font></strong><font><font> , ma in realtà ci sono </font><font>molte opzioni che possono adattarsi ai nostri spazi abitativi. </font><font>Qui ti diciamo tutto ciò che devi sapere per aggiungere piante nella tua casa che siano amichevoli con il </font></font><strong><font><font>Feng shui</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>

<h2><font><font>Quando sono le condizioni migliori per aggiungere una nuova pianta a casa mia?</font></font></h2>
<p><font><font>Il momento migliore per aggiungere una nuova </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> è all’inizio di un nuovo mese o nel nuovo anno, quando simboleggia un inizio sano.</font></font></p>
<h3><font><font>Come vengono utilizzate le piante nel Feng Shui?</font></font></h3>
<p><font><font>Le piante simboleggiano la crescita, la vita e l’abbondanza e sono associate all’elemento </font></font><font><font>legno</font></font><font><font> . </font><font>Se messo insieme ad altri elementi – terra, acqua, fuoco e metallo – nutre ed </font></font><strong><font><font>equilibra&nbsp;</font></font></strong><font><font> il Chi . ambientale</font></font></p>
<p><font><font>Esistono quattro </font></font><strong><font><font>modi principali per utilizzare le piante nel Feng shui:</font></font></strong></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><font><font>Per </font></font><span><strong><font><font>contrastare l’energia negativa</font></font></strong></span><font><font> . </font><font>Posiziona le tue piante a un metro di distanza dal tuo computer per </font></font><strong><font><font>filtrare</font></font></strong><font><font> l’ </font><strong><font>energia</font></strong><font> elettromagnetica.</font></font></li>
<li><font><font>Per </font></font><span><strong><font><font>entrare in contatto con la natura. </font></font></strong></span><font><font>Le piante ammorbidiscono le linee rette e gli angoli, oltre a simulare la sensazione di essere nella natura, dove tutto si curva e scorre. </font><font>Scegli piante con foglie rotonde piuttosto che con spine o molti rami.</font></font></li>
<li><font><font>Per </font></font><span><strong><font><font>contrastare gli spazi ristretti</font></font></strong></span><font><font> forniti dai soffitti bassi. </font><font>Posiziona piante alte negli angoli delle stanze per aiutare a compensare la sensazione di recinzione.</font></font></li>
<li><font><font>Per </font></font><span><strong><font><font>bilanciare&nbsp; </font></font></strong><strong><font><font>l’elemento acqua</font></font></strong></span><font><font> . </font><font>Usa le piante nei bagni e nelle aree lavanderia per “asciugare” simbolicamente l’acqua in eccesso e </font></font><strong><font><font>bilanciare la stanza</font></font></strong><font><font> .</font></font></li>
</ol>
<h3><font><font>Dove trovarli?</font></font></h3>
<p><font><font>Il </font></font><strong><font><font>legno è</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;energia della salute, della famiglia e dell’espansione creativa.&nbsp;</font></font></span></strong><font><font>&nbsp;È consumato dal fuoco, distrutto dal metallo e nutrito dall’acqua.</font></font></p>
<p><font><font>Pertanto, il </font></font><span><strong><font><font>suo orientamento è l’Est e il Nordest.</font></font></strong></span></p>
<p><font><font>A seconda dell’ambiente, dell’orientamento cardinale e del tipo di </font></font><strong><font><font>energia che&nbsp;</font></font></strong><font><font> devi mettere in moto, i consigli per localizzare i tuoi impianti sono i seguenti:</font></font></p>

<h3><font><font>Soggiorno</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-cactus-225×300.jpg”><font><font>Richiedono piante che amano il sole in abbondanza e con molta resistenza.</font></font></p>
<p><font><font>Situati al nord promuovono la trascendenza, mentre al nordest favoriscono finanze e prosperità.</font></font></p>
<p><font><font>In Oriente il suo orientamento corrisponde alla </font></font><strong><font><font>salute e alla famiglia.</font></font></strong></p>
<h3><font><font>Balconi e finestre</font></font></h3>
<p><font><font>Quando si trovano qui, le piante </font></font><strong><font><font>proteggono dalle energie negative</font></font></strong><font><font> che provengono </font></font><font><font>dall’esterno</font></font><font><font> .</font></font></p>
<h3><font><font>Cancello d’ingresso</font></font></h3>
<p><font><font>Si consiglia di posizionare una pianta su ciascun lato del nostro ingresso principale. </font><font>La cosa migliore è che sono piante con fogliame sano e fiori colorati, che aiutano a </font></font><strong><font><font>filtrare l’energia</font></font></strong><font><font> che entra in casa.</font></font></p>
<p><font><font>Bisogna però fare attenzione che la vegetazione non ostruisca il passaggio.</font></font></p>
<h3><font><font>Corridoi e corridoi</font></font></h3>
<p><font><font>Trattandosi di luoghi di transito, le piante in questi spazi aiutano a </font></font><strong><font><font>riequilibrare la circolazione dell’energia</font></font></strong><font><font> , donandole allo stesso tempo calore.</font></font></p>
<h3><font><font>Cucina</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cocina-plantas-feng-shui-300×200.jpg”><font><font>Si trovano tra il fuoco e l’acqua, per nutrire e guarire, e per </font></font><strong><font><font>aumentare l’energia</font></font></strong><font><font> Yang dello spazio che, come elemento fuoco, si nutre del legno.</font></font></p>
<h3><font><font>Servizi igienici</font></font></h3>
<p><font><font>Si consigliano piante che si adattino all’umidità del bagno per </font></font><strong><font><font>bilanciare l’elemento acqua.</font></font></strong></p>
<h3><font><font>Camere da letto</font></font></h3>
<p><font><font>Secondo il </font></font><strong><font><font>Feng Shui</font></font></strong><font><font> , piante e fiori non dovrebbero rimanere in camera da letto durante la notte, poiché assorbono ossigeno e producono anidride carbonica, interferendo con la qualità del nostro riposo e della nostra salute.</font></font></p>
<h3><font><font>Alcune considerazioni</font></font></h3>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Aspetti da tenere in considerazione quando si fa il Feng Shui con le piante:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><font><font>Le piante vigorose </font></font><strong><font><font>attivano energie</font></font></strong><font><font> legate al progresso, sia intellettuale, fisico, spirituale o economico. </font><font>Allo stesso modo, aiutano a </font></font><strong><font><font>filtrare le energie negative</font></font></strong><font><font> .</font></font></li>
<li><strong><font><font>L’uso delle piante non dovrebbe essere eccessivo</font></font></strong><font><font> , poiché questo tende a </font></font><strong><font><font>irradiare energia </font></font></strong><font><font>tossica</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><font><font>Le piante grasse sono resistenti e </font></font><strong><font><font>attivano l’energia dell’abbondanza</font></font></strong><font><font> .</font></font></li>
<li><font><font>Se i cactus hanno spine, dovrebbero essere usati solo fuori casa, come protezione.</font></font></li>
<li><font><font>I </font></font><font><font>rampicanti</font></font><font><font> possono portare la luce del sole su altre piante e “soffocare” le nostre pareti. </font><font>Il suo uso dovrebbe essere moderato.</font></font></li>
<li><font><font>Le </font></font><font><font>piante pendenti</font></font><font><font> sono sempre consigliate in quanto il loro aspetto non è languido, poiché questa </font></font><strong><font><font>energia</font></font></strong><font><font> è bassa e irradia negatività e mancanza di slancio per andare avanti. </font><font>Vanno potati e poste delle guide in modo che adottino un aspetto più eretto e voluminoso.</font></font></li>
<li><font><font>Quelli con lame appuntite allungate </font></font><strong><font><font>emettono energia ostile</font></font></strong><font><font> e causano conflitti, quindi sono consigliati solo per l’uso all’aperto.</font></font></li>
<li><font><font>Le piante con foglie di forma arrotondata o ovale sono le più consigliate per l’uso indoor, secondo il </font></font><strong><font><font>Feng shui</font></font></strong><font><font> .</font></font></li></ul></div></div>

<p><font><font>Se le piante danno </font></font><strong><font><font>fiori</font></font></strong><font><font> , dovrebbero essere posizionati come segue:</font></font></p>
<ul>
<li><span><strong><font><font>Nord/Nordovest/Sudest</font></font></strong></span><font><font> : rosso, fucsia, arancio, giallo.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Sud/Nordest</font></font></strong></span><font><font> : bianco, azzurro.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Oriente</font></font></strong></span><font><font> : azzurro, lilla, viola.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Ovest/Sudovest</font></font></strong></span><font><font> : bianco, giallo, arancione.</font></font></li>
</ul>
<h2><font><font>Piante Feng Shui consigliate</font></font></h2>
<h3><font><font>filodendro</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/plantas-feng-shui-filodendro-300×200.jpg”><font><font>Cresce bene </font></font><font><font>indoor</font></font><font><font> . </font><font>Le sue foglie a forma di cuore rappresentano l’elemento Fuoco che può </font></font><strong><font><font>aggiungere energia</font></font></strong><font><font> a un’area buia o fredda.</font></font></p>
<h3><font><font>Spathiphyllum</font></font></h3>
<p><font><font>Cresce bene indoor. </font><font>Produce </font></font><font><font>fiori bianchi</font></font><font><font> , ideali per ambienti da ufficio.</font></font></p>
<h3><font><font>Ficus</font></font></h3>
<p><font><font>Il ficus è una delle piante da appartamento più diffuse, perché si adatta bene alle alte temperature e alle condizioni di scarsa luminosità e umidità. </font><font>Un grande ficus può essere utilizzato per dividere le stanze o per alzare un soffitto basso.</font></font></p>
<h3><font><font>Edera comune</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/hiedra-comun-plantas-feng-shui-300×225.jpg”><font><font>Secondo il </font></font><strong><font><font>Feng shui,&nbsp;</font></font></strong><font><font> aiutano ad </font></font><strong><font><font>ammorbidire le energie negative</font></font></strong><font><font> in camera da letto o al lavoro.</font></font></p>
<h3><font><font>viola africana</font></font></h3>
<p><font><font>Le foglie arrotondate di questa pianta ricordano le monete e quindi </font></font><strong><font><font>simboleggiano la ricchezza.</font></font></strong></p>
<h3><font><font>Rhapis excelsa</font></font></h3>
<p><font><font>È una delle migliori piante </font><font>di </font></font><strong><font><font>feng shui&nbsp;</font></font></strong><font><font> per migliorare la qualità dell’aria interna. </font><font>Ideale per i principianti, in quanto è molto facile da coltivare.</font></font></p>
<h3><font><font>Dracaena Deremensis</font></font></h3>
<p><font><font>Questa è un’altra pianta </font></font><font><font>attraente</font></font><font><font> che fa bene in condizioni di scarsa illuminazione. </font><font>È ideale per </font></font><strong><font><font>eliminare le tossine chimiche&nbsp;</font></font></strong><font><font> in casa o in ufficio.</font></font></p>
<h3><font><font>Ficus Robusta</font></font></h3>
<p><font><font>Chiamato anche ficus elastico o di gomma, tollera la penombra e le temperature fredde. </font><font>Inoltre, ha un’eccellente capacità di </font></font><strong><font><font>rimuovere le tossine dall’aria&nbsp;</font></font></strong><font><font> in qualsiasi ambiente interno.</font></font></p>
<h2><font><font>Piante sconsigliate nel Feng shui</font></font></h2>
<p><strong><font><font>I bonsai</font></font> </strong><font><font> rappresentano</font></font><strong><font><font> un’energia la&nbsp;</font></font></strong><font><font> cui crescita è stata stentata e proietta l’idea di limitazione.</font></font></p>
<p><strong><font><font>Anche i fiori secchi</font></font></strong><font><font> non sono favorevoli </font></font><strong><font><font>perché il loro Chi è già morto.</font></font></strong></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Piante Feng Shui
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il letame è l’escremento di un animale, ma è anche definito come una materia organica in decomposizione utilizzata nel compost vegetale.</font></font></div></div>

<div class=”aawp”>

<div class=”aawp-product aawp-product–horizontal aawp-product–style-light aawp-product–css-adjust-image-large” data-aawp-product-id=”B085YFQQ2N” data-aawp-product-title=”Humusziegel – 7.5 kg Pellets Gránulos Orgánicos de Estiércol de Caballo – Bio Fertilizante Organico Natural de Liberacion Lenta- Abono Natural para Vegetales/Hierbas/Flores” data-aawp-geotargeting=”true” data-aawp-click-tracking=”asin”>

<div class=”aawp-product__thumb”>

<img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/plugins/aawp/public/image.php?url=aHR0cHM6Ly9tLm1lZGlhLWFtYXpvbi5jb20vaW1hZ2VzL0kvNTF4Vk5NeWcrNEwuanBn”>

</div>

<div class=”aawp-product__content”>
<font><font>
Humusziegel – 7,5 kg di pellet di letame di cavallo biologico in granuli – fertilizzante biologico naturale a rilascio lento – fertilizzante naturale per verdure / erbe aromatiche / fiori        </font></font>
<div class=”aawp-product__description”>
<ul><li><font><font>CONCIME NATURALE: Il fertilizzante organico Humusziegel è un prodotto naturale al 100% a base di puro letame di cavallo. </font><font>Così che…</font></font></li><li><font><font>CONCENTRAZIONE IDEALE: La sua concentrazione NPK: 1.6-3.5-2.6 svolge in modo ottimale la sua funzione rilasciando uniformemente …</font></font></li><li><font><font>VARIE APPLICAZIONI: È un fertilizzante universale per piante, fiori ornamentali, alberi da frutto e arbusti, erbe aromatiche, …</font></font></li><li><font><font>FRESCO PER LUNGO TEMPO: grazie alla sua natura organica al 100%, ha poco odore e non ha erbacce. </font><font>Presenta un effetto di…</font></font></li></ul>        </div>
</div>

<div class=”aawp-product__footer”>

<div class=”aawp-product__pricing”>

<span class=”aawp-product__price aawp-product__price–current”><font><font>21,99 EUR</font></font></span>

</div>

<font><font>Vedi su Amazon</font></font>
</div>

</div>

</div>
<p class=”aawp-disclaimer”><span><em><font><font>Ultimo aggiornamento 2021-06-10 / Link affiliati / Immagini API per affiliati</font></font></em></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>

<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Cos’è il letame?</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/montón-de-estiércol.jpg”></strong><font><font>Letame e altri rifiuti vengono depositati in </font></font><strong><font><font>un luogo noto come cumulo di letame</font></font></strong><font><font> , dove si accumulano insieme a </font></font><strong><font><font>detriti vegetali e altre sostanze</font></font></strong><font><font> che possono essere utilizzate per </font></font><strong><font><font>fertilizzare il terreno.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>È stato utilizzato nelle colture fin </font></font><strong><font><font>dall’inizio della semina</font></font></strong><font><font> , perché è</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;ricco di </font></font><font><font>azoto</font></font><font><font> e altri nutrienti.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il letame </font></font><strong><font><font>più utilizzato è quello dei bovini</font></font></strong><font><font> perché può essere utilizzato su </font></font><strong><font><font>tutti i tipi di terreno</font></font></strong><font><font> ed è di </font></font><strong><font><font>grande aiuto per fertilizzare qualsiasi tipo di coltura</font></font></strong><font><font> , ma le sue </font></font><strong><font><font>caratteristiche dipendono</font></font></strong><font><font> dal mangime che viene </font></font><strong><font><font>fornito alle mucche.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font></font><font><font>Anche il</font></font><font><font> letame di </font><font>cavallo</font><font> , maiale, pecora e pollame </font><font>viene utilizzato per compostare le piante </font><font>.</font></font></div></div>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>La </font></font><font><font>materia organica</font></font><font><font> come il </font></font><a class=” title=” data-wpil-keyword-link=”linked”><font><font>letame</font></font></a><font><font> deve </font></font><strong><font><font>essere compostata</font></font></strong><font><font> , mediante un processo </font></font><strong><font><font>che viene ligato con altri residui</font></font></strong><font><font> , per eliminare </font></font><strong><font><font>eventuali agenti patogeni e rompersi</font></font></strong><font><font> per essere assorbiti </font></font><strong><font><font>più rapidamente dalle piante.</font></font></strong></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Il letame non compostato non è raccomandato&nbsp;</font></font></span><font><font>perché può contenere </font></font><strong><font><font>semi di</font></font></strong><font><font> piante infestanti o di </font></font><strong><font><font>malattie</font></font> </strong><font><font> che possono essere </font></font><strong><font><font>trapiantati</font></font> </strong><font><font> nel tuo giardino.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il letame ha lasciato il posto negli ultimi anni al compost sintetico, </font></font><strong><font><font>all’agricoltura</font></font></strong><font><font> e </font><strong><font>all’agricoltura </font></strong></font><strong><font><font>biodinamica</font></font></strong><font><font> , ma ci sono produttori che preferiscono le colture biologiche e continuano ad utilizzarlo.</font></font></span></p>

<div class=”aawp”>

<div class=”aawp-product aawp-product–horizontal aawp-product–style-light aawp-product–css-adjust-image-large” data-aawp-product-id=”B0787GLHQC” data-aawp-product-title=”Sustratos Ecológicos – Estiercol de Caballo 45L – Batlle” data-aawp-geotargeting=”true” data-aawp-click-tracking=”asin”>

<div class=”aawp-product__thumb”>

<img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/plugins/aawp/public/image.php?url=aHR0cHM6Ly9tLm1lZGlhLWFtYXpvbi5jb20vaW1hZ2VzL0kvNTFRQTBJdllXb0wuanBn”>

</div>

<div class=”aawp-product__content”>
<font><font>
Substrati ecologici – Letame di cavallo 45L – Batlle        </font></font>
<div class=”aawp-product__description”>
<ul><li><font><font>Prodotto naturale ecologico al 100% che può essere utilizzato su tutti i tipi di piante</font></font></li><li><font><font>La grande quantità di batteri di cui il cavallo ha bisogno per il suo processo digestivo, costituisce la base del suo effetto unico</font></font></li><li><font><font>Il suo utilizzo è consigliato come ammendante organico</font></font></li></ul>        </div>
</div>

<div class=”aawp-product__footer”>

<div class=”aawp-product__pricing”>

<span class=”aawp-product__price aawp-product__price–current”><font><font>12,45 EUR</font></font></span>

</div>

<font><font>Vedi su Amazon</font></font>
</div>

</div>

</div>
<p class=”aawp-disclaimer”><span><em><font><font>Ultimo aggiornamento 2021-06-10 / Link affiliati / Immagini API per affiliati</font></font></em></span></p>
<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Quali tipi di letame esistono?</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Sebbene il letame provenga da animali, </font></font><strong><font><font>non tutti hanno le stesse caratteristiche.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/estiércol-de-pollo.jpg”><font><font>Per uccidere qualsiasi </font></font><strong><font><font>seme cattivo e decomponerlo efficacemente</font></font></strong><font><font> , è necessaria una temperatura di </font></font><strong><font><font>60 gradi Celsius per un certo tempo</font></font></strong><font><font> , e quel tempo dipende </font></font><strong><font><font>dai diversi tipi di letame </font></font><font><font>animale</font></font><font><font> .</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Un esempio di questa </font></font><strong><font><font>affermazione è nelle feci di cani e gatti</font></font></strong><font><font> che </font></font><strong><font><font>devono essere compostate per due anni</font></font></strong><font><font> e</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;non possono essere applicati direttamente alle colture alimentari.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>L’ </font></font><i><font><font>umabono</font></font></i><font><font> o letame umano non dovrebbe mai essere utilizzato nel paesaggio. </font><font>Solo i compostatori professionisti hanno gli strumenti e le conoscenze per compostare in modo sicuro i rifiuti umani.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il letame bovino domestico, che contiene quantità variabili di sostanze nutritive, deve essere utilizzato in modi e tempi diversi.</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>I tipi di letame sono:</font></font></span></p><div class=”su-list”><p></p>
<ul class=”ul1″>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span class=”s1″><font><font>Mucca.</font></font></span></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span class=”s1″><font><font>Cavallo.</font></font></span></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span class=”s1″><font><font>Pollo.</font></font></span></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span class=”s1″><font><font>Maiale.</font></font></span></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span class=”s1″><font><font>capre</font></font></span></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <span class=”s1″><font><font>pecore</font></font></span></li>
</ul>
<p><span class=”s1″></span></p></div><p></p>
<h3><font><font>Letame di pollo (il nostro preferito)</font></font></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/estiércol-de-vaca.jpg”><font><font>Tra i diversi </font></font><strong><font><font>tipi di letame </font></font></strong> <span><strong><font><font>spicca il</font></font></strong></span><font><strong><font> letame di </font></strong><span><strong><font>pollo,</font></strong></span><font> che per la sua</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;alto contenuto di azoto&nbsp;</font></font></span><font><font> è ideale per giardini.&nbsp;</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Proprio per questo motivo, il </font></font><strong><font><font>letame di pollo deve essere compostato</font></font></strong><font><font> e stagionato molto bene per </font></font><strong><font><font>evitare di bruciare le piante.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Dopo questa procedura, il letame di pollo dovrebbe essere applicato in </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> o in </font></font><font><font>autunno</font></font><font><font> .</font></font></span></p>
<h3><font><font>Sterco di vacca</font></font></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Anche il letame di vacca</font></font></strong><font><font> dovrebbe essere </font></font><strong><font><font>compostato</font></font></strong><font><font> per ottenere i migliori risultati.</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3><font><font>Letame di pecora</font></font></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Il letame di pecora</font></font></strong><font><font> è </font><strong><font>ricco</font></strong><font> di azoto, ma la proporzione di altri nutrienti è inferiore.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Letame di cavallo</font></font></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Il letame di cavallo</font></font></strong><font><font> è simile al </font><strong><font>letame di</font></strong><font> mucca </font><strong><font>,</font></strong><font> ma poiché è </font></font><strong><font><font>più grande e ingerisce semi ed </font></font><font><font>erbacce</font></font></strong><font><font> , impiega molto più tempo per </font></font><strong><font><font>invecchiare e compostare.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>In breve, qualsiasi varietà di letame può essere vantaggiosa per il tuo giardino, ma ci sono regole che devi applicare per ottenere i risultati ideali.</font></font><p></p>
<p class=”p1″><font><font>Assicurati che il letame sia </font></font><font><font>composto</font></font><font><font> per sei mesi o più, o aggiungilo crudo, arato nel terreno almeno una stagione prima di piantare.</font></font></p></div></div>

<div class=”aawp”>

<div class=”aawp-product aawp-product–horizontal aawp-product–style-light aawp-product–css-adjust-image-large” data-aawp-product-id=”B00LC8ZKWC” data-aawp-product-title=”NUTRO ESTIÉRCOL 50 L” data-aawp-geotargeting=”true” data-aawp-click-tracking=”asin”>

<div class=”aawp-product__thumb”>

<img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/plugins/aawp/public/image.php?url=aHR0cHM6Ly9tLm1lZGlhLWFtYXpvbi5jb20vaW1hZ2VzL0kvNDF6cVhGOHpZNUwuanBn”>

</div>

<div class=”aawp-product__content”>
<font><font>
LETAME NUTRO 50 L        </font></font>
<div class=”aawp-product__description”>
<ul><li><font><font>Mix di letame e torba di sfagno e humus vegetale, sottoposto a un processo di maturazione e umidificazione per ottenere …</font></font></li><li><font><font>I componenti del Nutro con ghiacciolo forniscono i microelementi essenziali per ottenere una crescita più vigorosa, …</font></font></li><li><font><font>Humus – Nutrizione naturale. </font><font>L’humus 100% vegetale, ricco di elementi nutritivi utili per le piante, favorisce un …</font></font></li><li><font><font>Letame bovino ed ecuino. </font><font>È un fertilizzante organico naturale al 100% ben bilanciato e ricco di elementi nutritivi…</font></font></li></ul>        </div>
</div>

<div class=”aawp-product__footer”>

<div class=”aawp-product__pricing”>

<span class=”aawp-product__price aawp-product__price–current”></span>

</div>

<font><font>Vedi su Amazon</font></font>
</div>

</div>

</div>
<p class=”aawp-disclaimer”><span><em><font><font>Ultimo aggiornamento 2021-06-10 / Link affiliati / Immagini API per affiliati</font></font></em></span></p>
<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Come possiamo fare il letame, passo dopo passo?</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Le piante hanno</font></font></strong><font><font> bisogno di sostanze nutritive, come</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;azoto, </font></font><font><font>potassio</font></font><font><font> e </font></font><font><font>fosforo</font></font><font><font> ,&nbsp;</font></font></span><font><font>potersi sviluppare, </font></font><strong><font><font>sia in </font></font><font><font>giardino</font></font><font><font> che in vaso.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Possiamo </font></font><strong><font><font>fornire noi stessi</font></font></strong><font><font> questi nutrienti </font><font>, preparando il fertilizzante appropriato </font></font><strong><font><font>per ogni caso con l’uso di letame animale</font></font></strong><font><font> ; </font><font>Questo è ciò che viene chiamato </font></font><b><font><font>compost</font></font></b><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p class=”p1″></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><strong><font><font>Il compost</font></font></strong><font><font> &nbsp;non è altro che il processo che viene effettuato per convertire il letame in compost idoneo per la semina, e consiste nel permettere ad alcuni materiali organici di decomporsi in un ambiente controllato, in modo che il materiale risultante possa essere utilizzato come additivo del terreno.</font></font></div></div>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il letame di animali di grossa taglia, come </font></font><b><font><font>i cavalli</font></font></b><font><font> , ha un grande potenziale quindi sono un ottimo additivo per il terreno, ma devi prima compostarlo, seguendo questi passaggi:</font></font></span></p>
<h3 class=”p1″><font><font>Costruisci un sito di compostaggio</font></font></h3>
<ol class=”custom-counter”>
<li class=”p1″><span class=”s1″><font><font>La prima cosa che dovresti fare </font></font><strong><font><font>è trovare un posto alto, perché il compost</font></font></strong><font><font> a basso livello si </font></font><strong><font><font>bagnerà facilmente</font></font></strong><font><font> ; </font><font>Lì verrà posizionato il </font></font><strong><font><font>contenitore necessario per eseguire il processo.</font></font></strong></span></li>
<li class=”p1″><font><font>Quell’area dovrebbe essere vicino alle </font></font><strong><font><font>stalle per facilitare il</font></font></strong><font><font> trasferimento del </font></font><strong><font><font>letame al cumulo di compost.</font></font></strong></li>
<li class=”p1″><font><font>Un </font></font><strong><font><font>luogo di dimensioni appropriate per il compost deve essere creato</font></font></strong><font><font> . </font><font>Il cumulo di compost deve </font></font><strong><font><font>ricevere una quantità d’aria adeguata</font></font></strong><font><font> , quindi deve essere </font></font><strong><font><font>alto un metro, largo e lungo.</font></font></strong></li>
<li class=”p1″><font><font>Alcuni </font></font><strong><font><font>materiali ricchi di carbonio includono bastoncini</font></font></strong><font><font> , foglie secche, aghi di </font></font><strong><font><font>alberi sempreverdi, segatura, cartone e carta.</font></font></strong></li>
</ol>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3 class=”p1″><font><font>Mescola i rifiuti e il letame</font></font></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/estiércol-fertilización.jpg”><font><font>Questi materiali devono </font></font><strong><font><font>essere mescolati al letame e stoccati</font></font></strong><font><font> nel contenitore </font></font><strong><font><font>precedentemente preparato.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Per proteggere il compost&nbsp;</font></font></span><font></font><strong><font><font>un telo</font></font></strong><font><font> va </font><strong><font>posizionato sopra</font></strong><font> , con l’idea che non si </font></font><strong><font><font>inumidisca con le piogge o si asciughi con il caldo.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il compost deve </font></font><strong><font><font>ricevere un’adeguata quantità di aria</font></font></strong><font><font> , altrimenti il </font></font><strong><font><font>processo di compostaggio richiederà più tempo.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Si può anche </font></font><strong><font><font>arieggiare dopo qualche giorno</font></font></strong><font><font> , oppure mettere dei tubi nel </font></font><strong><font><font>contenitore, lungo un metro e mezzo</font></font></strong><font><font> , disposto al centro, </font></font><strong><font><font>rivolto verso l’esterno per la presa d’aria.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Bisogna aspettare qualche giorno – potrebbe essere una settimana – per rimestare </font></font><strong><font><font>il compost e risistemarlo con un forcone</font></font></strong><font><font> o un forcone, che lo </font></font><strong><font><font>ossigenerà e alimenterà i batteri aerobici</font></font></strong><font><font> necessari </font></font><strong><font><font>alla decomposizione.</font></font></strong></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>

<div class=”aawp”>

<div class=”aawp-product aawp-product–horizontal aawp-product–style-light aawp-product–css-adjust-image-large” data-aawp-product-id=”B083R8WH5K” data-aawp-product-title=”BIORCAMP PREMIUM PELLETS – Abono Orgánico Estiércol de Oveja para Cultivos Hortícolas Frutales y Viñedos en Agricultura Ecológica – Saco 25 kg” data-aawp-geotargeting=”true” data-aawp-click-tracking=”asin”>

<div class=”aawp-product__thumb”>

<img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/plugins/aawp/public/image.php?url=aHR0cHM6Ly9tLm1lZGlhLWFtYXpvbi5jb20vaW1hZ2VzL0kvNDFIQ056MS10Z0wuanBn”>

</div>

<div class=”aawp-product__content”>
<font><font>
BIORCAMP PREMIUM PELLETS – Concime Biologico di Letame Ovino per Colture Orticole, Alberi da Frutto e Vigneti in Agricoltura Biologica – Sacco da 25 kg        </font></font>
<div class=”aawp-product__description”>
<ul><li><font><font>Concime di letame di pecora 100% naturale.</font></font></li><li><font><font>Adatto per agricoltura biologica.</font></font></li><li><font><font>Fornisce una grande ricchezza nei principali macronutrienti come fosforo (P) e potassio (K) e micronutrienti. </font><font>La sua origine…</font></font></li><li><font><font>Compatibile con tutti i tipi di colture orticole, alberi da frutto e vigneti. </font><font>Può essere applicato localmente nelle colture …</font></font></li></ul>        </div>
</div>

<div class=”aawp-product__footer”>

<div class=”aawp-product__pricing”>

<span class=”aawp-product__price aawp-product__price–current”><font><font>28,05 EUR</font></font></span>

</div>

<font><font>Vedi su Amazon</font></font>
</div>

</div>

</div>
<p class=”aawp-disclaimer”><span><em><font><font>Ultimo aggiornamento 2021-06-10 / Link affiliati / Immagini API per affiliati</font></font></em></span></p>
<h3><font><font>Sii paziente e aspetta</font></font></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Finalmente, </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;devi avere pazienza e saper aspettare,&nbsp;</font></font></span><font><font>perché </font></font><strong><font><font>il processo di compostaggio richiede molto tempo.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>In quel tempo, che è di </font></font><strong><font><font>tre mesi o più, il mucchio riposerà e si decomporrà</font></font></strong><font><font> fino a diventare </font></font><strong><font><font>il compost ideale per le piante.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il processo di </font></font><strong><font><font>compostaggio è sempre lo stesso in tutti i casi di letame animale</font></font></strong><font><font> e varia solo il criterio di </font></font><strong><font><font>ciascuno dei compostatori</font></font></strong><font><font> , perché, come tutti sappiamo </font></font><strong><font><font>, ogni testa è diversa.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Se stai&nbsp; </font></font><strong><font><font>iniziando in queste pratiche</font></font></strong><font><font> , ti consigliamo di chiedere </font></font><strong><font><font>il parere di un esperto del settore</font></font></strong><font><font> , ce ne sono molti </font></font><strong><font><font>nelle aree di semina</font></font></strong><font><font> , per</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;non commettere errori&nbsp;</font></font></span><font><font>che </font></font><strong><font><font>rovinino le loro buone intenzioni.</font></font></strong></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>In che modo il letame può giovare al nostro giardino o alle nostre colture?</font></font></span></h2>
<p class=”p1″></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il letame è definito come un modo naturale e rispettoso della natura, poiché i fertilizzanti chimici sono dannosi per l’uomo e l’ambiente.</font></font><p></p>
<p class=”p1″><font><font>Molti di questi fertilizzanti provengono da prodotti petroliferi che possono danneggiare la pelle e le vie respiratorie.</font></font></p></div></div>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/estiércol-caballo.jpg”><font><font>Sebbene </font></font><strong><font><font>aiutino</font></font></strong><font><font> indubbiamente </font><strong><font>la crescita delle piante,</font></strong><font> non contribuiscono </font></font><strong><font><font>affatto a migliorare </font></font><font><font>la salute del suolo</font></font></strong><font><font> , poiché uccidono </font></font><strong><font><font>molti microrganismi benefici</font></font></strong><font><font> che abitano il terreno e alterano </font></font><strong><font><font>il pH</font></font></strong> <strong><font><font> naturale dello stesso.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Invece, il </font></font><strong><font><font>letame proviene da animali ed è ricco di materia organica</font></font></strong><font><font> e minerali, </font></font><strong><font><font>come </font></font><font><font>azoto</font></font><font><font> , </font></font><font><font>fosforo</font></font><font><font> , </font></font><font><font>potassio</font></font><font><font> , </font></font><font><font>calcio</font></font><font><font> , </font></font><font><font>magnesio</font></font><font><font> e sodio.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Per questo motivo è </font></font><strong><font><font>considerato un fertilizzante completo</font></font></strong><font><font> poiché contiene </font></font><strong><font><font>una varietà di macro e micronutrienti essenziali</font></font></strong><font><font> per una buona </font></font><strong><font><font>salute delle piante e del suolo.</font></font></strong></span></p>
<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del letame?</font></font></span></h2>
<h3><font><font>Vantaggi del letame</font></font></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il letame </font></font><strong><font><font>è il fertilizzante ideale per le piante.</font></font></strong> <span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;I suoi vantaggi e i benefici che apporta alle colture sono molteplici.&nbsp;</font></font></span><font><font> Di seguito ne elenchiamo alcuni, secondo i criteri degli esperti:</font></font></span></p><div class=”su-list”><p></p>
<ul class=”ul1″>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i><font><font>Negli </font></font><strong><font><font>allevamenti dove si coniugano agricoltura e allevamento</font></font></strong><font><font> , il letame rientra in </font></font><strong><font><font>azienda</font></font></strong><font><font> , </font><strong><font>chiudendo</font></strong><font> così </font></font><strong><font><font>il cerchio.</font></font></strong></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i><font><font>Anche se alcune </font></font><strong><font><font>colture orticole</font></font></strong><font><font> supportano </font><strong><font>uncomposted </font></strong></font><strong><font><font>letame</font></font></strong><font><font> bene </font><strong><font>,</font></strong><font> si consiglia di utilizzare </font></font><strong><font><font>il letame compostato</font></font></strong><font><font> , perché è molto utile nell’eliminazione </font><font>di erbacce </font></font><strong><font><font>semi</font></font></strong><font></font><strong><font><font> e trasformando molte delle sue sostanze nutritive</font></font></strong><font><font> attraverso l’azione di microrganismi ed eliminare </font></font><strong><font><font>virus indesiderate, funghi e batteri.</font></font></strong><font><font> Migliorando il suo </font></font><strong><font><font>fisico- struttura chimica.</font></font></strong></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i><font><font>Il processo consente di ottenere maggiori quantità di </font></font><strong><font><font>humus</font></font></strong><font><font> rispetto </font></font><strong><font><font>alla stessa quantità di materia applicata direttamente al suolo.</font></font></strong></li>
<li><i class=”sui sui-leaf”></i> <strong><font><font>Il

suggerimenti Letame
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti durante la semina di Caienna</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><span><strong><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cayena-300×280.jpg”><font><font>Dove seminare? </font></font></strong></span><font><font>In piena luce. </font><font>Ha bisogno di molta luce.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Quando? </font></font></strong></span><font><font>In</font></font><font><font> primavera</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></strong> </span><font><font>Rimosso, eliminando le</font></font><font><font> erbacce</font></font><font><font> . </font><font>Con</font><font>compost e</font></font><font><font> substrato di</font></font><font><font> letame.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come innaffiamo? </font></font></strong></span><font><font>Con</font></font><font><font> gocciolamento</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><strong><span><font><font>Quanto spesso annaffiamo? </font></font></span> </strong><font><font>In</font></font><font><font> estate</font></font><font><font> , 2 volte a settimana. </font><font>Il resto dell’anno innaffiature distanziate. </font><font>Abbondante durante il periodo di fioritura.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Piaghe e malattie? </font></font></strong></span><font><font>Afide,</font></font><font><font> mosca bianca</font></font><font><font> , bruchi, cocciniglie e acari. </font><font>botrite.</font></font></li></ul></div></div>

<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cayena-flor-300×200.jpg”><font><font>Ci sono più di 150 specie di Caienna nelle regioni intertropicali e subtropicali. </font><font>La Cayenne appartiene alla famiglia delle Malvaceae, che comprende anche la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> del </font><font>cotone.</font></font></p>
<p><font><font>Secondo studi botanici, le cayenne più pregiate provengono dal Sudan e, sebbene la loro origine naturale non sia del tutto chiara, probabilmente provengono dalla Cina o dall’Africa orientale.</font></font></p>
<p><font><font>La sua coltivazione è stata esportata in altre aree subtropicali del globo, come Giamaica, Messico, America Centrale e India. </font><font>Oggi, tuttavia, i maggiori produttori di Caienna sono Thailandia e Cina.</font></font></p>
<p><font><font>In Messico, il fiore di Caienna è considerato una prelibatezza per preparare sformati, insalate o infusi per zuppe. </font><font>Viene anche usato per preparare tacos e per fare le enchiladas. </font><font>È conosciuto con i nomi di Caienna, papavero o China Rose.</font></font></p>

<h2><font><font>Quando piantare Caienna?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il fiore di Caienna si riproduce per </font></font><font><font>talea</font></font><font><font> terminale non sviluppata durante la primavera.</font></font></div></div>

<h2><font><font>Dove farlo?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Dónde-hacerlo-27-300×225.jpg”><font><font>Le Cayenne sono piante molto versatili e prosperano quasi ovunque e in qualsiasi condizione, sia in zone umide che ombreggiate.</font></font></p>
<p><font><font>Cayenne prosperano in pieno sole; </font><font>tuttavia, l’ombra pomeridiana è utile nei climi caldi. </font><font>Si consiglia un luogo caldo e luminoso e, in estate, può essere asciugato </font></font><font><font>all’aperto</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Ha un leggero riposo invernale, mentre durante il resto dell’anno mantiene una crescita costante e una fioritura spettacolare, soprattutto durante i mesi più caldi dell’anno.</font></font></p>

<h2><font><font>Come preparare il terreno?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cómo-preparar-la-tierra-4-300×220.jpg”><font><font>Cayenne preferisce terreni freschi e fertili. </font><font>Se è molto sabbioso o argilloso, deve migliorare la sua qualità incorporando un substrato di piantagione nel terreno del giardino in una proporzione dal 20 al 50%.</font></font></p>
<p><font><font>Il fertilizzante consigliato può essere un tipo liquido universale fornito nell’acqua di irrigazione. </font><font>La frequenza degli abbonati può essere una volta alla settimana durante i mesi caldi dell’anno.</font></font></p>
<p><font><font>Alle dosi più basse consigliate dal produttore. </font><font>E uno ogni 15 o 20 giorni d’inverno, alle dosi più alte. </font><font>Se il </font></font><font><font>fertilizzante</font></font><font><font> per il substrato della pianta di Caienna è in forma granulare, lo si fa con la tecnica a spaglio, ed è consigliabile annaffiare la pianta dopo ogni applicazione.</font></font></p>
<p><font><font>Si consiglia di cercare di non utilizzare substrati economici che contengono una grande quantità di sale e hanno un comportamento scomodo quando si tratta di scaricare l’acqua dal pepe di Caienna.</font></font></p>
<p><font><font>Il substrato per Caienna deve contenere un buon tipo di drenaggio poiché il ristagno della terra produrrebbe, nel giro di pochi giorni, un marciume incontrollabile sulla pianta.</font></font></p>

<h2><font><font>Come innaffiamo il pepe di Caienna?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cómo-regamos-la-cayena-300×225.jpg”><font><font>In piena fioritura, il pepe di Caienna può essere annaffiato abbondantemente; </font><font>in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> richiede meno acqua.</font></font></p>
<p><font><font>Se la pianta di Caienna si trova in una stanza riscaldata, deve essere spruzzata spesso. </font><font>È importante non torcerlo o spostarlo in modo che la pianta si sviluppi senza intoppi.</font></font></p>
<p><font><font>Per controllare l’umidità del terreno o del substrato di Caienna, puoi mettere le dita o un bastoncino di </font></font><font><font>legno</font></font><font><font> appuntito nel vaso per verificare se è umido o se, al contrario, è molto secco.</font></font></p>
<p><font><font>Per sapere come innaffiare il pepe di Caienna si consiglia di mantenere un’umidità uniforme, innaffiare sempre al tramonto o di prima mattina e mettere la giusta quantità d’acqua.</font></font></p>

<h2><font><font>Come piantiamo una Caienna passo dopo passo?</font></font></h2>
<h3><font><font>Semina in frutteti o giardini</font></font></h3>
<p><font><font>Per la coltivazione della Caienna in frutteti o giardini, si possono seguire le seguenti raccomandazioni:</font></font></p>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><font><font>Semina i </font></font><font><font>semi</font></font><font><font> e annaffia subito dopo la semina.</font></font></li>
<li><font><font>Mantieni il terreno uniformemente umido fino alla comparsa di una nuova crescita.</font></font></li>
<li><font><font>Esegui un’irrigazione profonda alla settimana per supportare lo sviluppo sano delle radici di Caienna e consentire al terreno di asciugarsi tra un’annaffiatura e l’altra, poiché il terreno fradicio può causare problemi come la putrefazione dello stelo.</font></font></li>
<li><font><font>Rabboccare il terreno con un fertilizzante generico bilanciato in primavera e ripetere a metà estate. </font><font>Il rapporto può essere 14-14-14 o 10-10-10, secondo le specifiche dei diversi tipi di fertilizzanti.</font></font></li>
<li><font><font>Fornisci supporto come un ramo di un </font></font><font><font>albero</font></font><font><font> o un paletto di bambù per le varietà di Caienna perenni alte.</font></font></li>
<li><font><font>Pota il pepe di Caienna dopo il primo bocciolo fiorito, riducendo l’altezza della pianta da un quarto a metà dell’altezza. </font><font>La potatura si traduce in una pianta sana e un nuovo </font></font><font><font>fiore</font></font><font><font> bocciolo </font><font>.</font></font></li>
<li><font><font>Tagliare le piante fino a 4 pollici nel tardo </font></font><font><font>autunno</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><font><font>Applicare 3-4 pollici di </font></font><font><font>pacciame</font></font><font><font> per moderare l’umidità del suolo.</font></font></li>
<li><font><font>Proteggere il pepe di Caienna dalle basse temperature durante i mesi </font></font><font><font>invernali</font></font><font><font> .</font></font></li>
</ol>
<h3><font><font>Semina con talee</font></font></h3>
<p><font><font>La semina di Caienna per </font></font><font><font>talea</font></font><font><font> &nbsp;si effettua molto facilmente:</font></font></p>
<ol class=”custom-counter3″>
<li><font><font>Tagliare talee apicali o internodali.</font></font></li>
<li><font><font>Pianta in piccoli vasi con un substrato per piante da interno.</font></font></li>
<li><font><font>Coprire con una plastica per evitare la disidratazione del taglio.</font></font></li>
<li><font><font>Mantenere una temperatura intorno ai 27º C.</font></font></li>
<li><font><font>Inumidisci bene il terreno e dopo qualche settimana emergeranno le radici della nuova pianta.</font></font></li>
</ol>

<h2><font><font>Quali associazioni favorevoli ha?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.</font></font></div></div>
<p><font><font>Non sono note associazioni favorevoli del Caienna con altre specie, tuttavia, trattandosi di una pianta fiorita, giardinieri e specialisti della zona utilizzano spesso la pianta in composizioni con altre della stessa specie.</font></font></p>

<h2><font><font>Quali parassiti e malattie attaccano il Caienna?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/mosca-blanca-tomates-300×200.jpg”><font><font>Cayenne può essere attaccata da parassiti come </font></font><font><font>afidi</font></font><font><font> , </font><font>mosche </font></font><font><font>bianche</font></font><font><font> , </font></font><font><font>bruchi</font></font><font><font> , cocciniglie e acari.</font></font></p>
<p><font><font>I parassiti, in generale, possono essere controllati con insetticidi sistemici. </font><font>Per quanto riguarda gli acari, vengono controllati con acaricidi, cercando di bagnare perfettamente la pagina inferiore delle foglie di Caienna.</font></font></p>
<p><font><font>In tutti i casi si consiglia di effettuare i trattamenti nelle prime o tardive ore della giornata e mai nelle ore di maggior soleggiamento.</font></font></p>
<p><font><font>In caso di malattie, la </font></font><em><font><font>Botrytis</font></font></em><font><font> (muffa grigia) è la più comune a Caienna, soprattutto durante i mesi invernali. </font><font>Si combatte rimuovendo i fiori quando appassiscono, oltre che applicando un </font></font><font><font>fungicida</font></font><font><font> specifico.</font></font></p>

<h2><font><font>Bibliografia e riferimenti</font></font></h2>
<ul>
<li><font><font>Enciclopedia Le </font></font><em><font><font>mie prime conoscenze su piante, serpenti e conservazione</font></font></em><font><font> . </font><font>(1961). </font><font>Edizione spagnola del Dr. Frank Thompson. </font><font>Editoriale Grolier Incorporated New York. </font><font>Stampato in Messico.</font></font></li>
<li><font><font>Naumann &amp; Göbel Verlagsgesellschaft mbH. </font><font>(2019). </font></font><em><font><font>Piante da interno e da balcone: idee per tutti i tipi di ambienti</font></font></em><font><font> . </font><font>Edizione SL, Barcellona-Spagna. </font><font>PP. </font><font>38 e 110.</font></font></li>
</ul>
<h3><font><font>Banca dati digitale</font></font></h3>
<ul>
<li><font><font>Fiori e piante. </font><font>(2014, 25 luglio). </font></font><em><font><font>Hibiscus rosa sinensis</font></font></em><font><font> . </font><font>Riprodotto da: </font></font><font><font>https://www.floresyplantas.net/hibiscus-rosa-sinensis/</font></font></li>
<li><font><font>Parliamo di fiori. </font></font><em><font><font>Caratteristiche del fiore di Caienna, papavero o rosa cinese</font></font></em><font><font> . </font><font>Riprodotto da: </font></font><font><font>https://hablemosdeflores.com/caracteristicas-de-la-flor-cayena/</font></font></li>
<li><font><font>Cebrian, Jordi. </font><font>(2015). </font></font><em><font><font>Ibisco. </font></font></em><font><font>&nbsp; Riprodotto da: </font></font><font><font>https://www.webconsultas.com/belleza-y-bienestar/plantas-medicinales/que-es-el-hibisco-y-donde-se-encuentra</font></font></li>
<li><font><font>Alija, Josean. </font><font>(2018, 24 maggio). </font></font><em><font><font>L’ibisco</font></font></em><font><font> . </font><font>riprodotto da: </font></font><font><font>http://www.joseanalija.com/hibisco/</font></font></li>
<li><font><font>Fattoria costiera. </font></font><em><font><font>L’ibisco è un simbolo di benessere e abbondanza. </font></font></em><font><font>Riprodotto da: </font></font><font><font>http://www.costafarms.com/get-growing/noticia/los-hibiscos-son-simbolo-de-bienestar-y-abundancia</font></font></li>
<li><font><font>Da agronomia.com. </font></font><em><font><font>Come coltivare il pepe di Caienna, passo dopo passo</font></font></em><font><font> . </font><font>Riprodotto da: </font></font><font><font>https://deagronomia.com/cultivos/como-cultivar-cayenas/</font></font></li>
</ul>

<!– .helpful –>

suggerimenti Caienna
<h2><font><font>Quali sono le caratteristiche della camelia?</font></font></h2>
<figure class=”wp-caption alignright”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41SNYAHoABL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>La camelia, del genere Camellia, è una pianta originaria dell’Estremo Oriente giunta in Europa dalla mano di un padre gesuita di nome Camellus, vissuto nel XVII secolo.</font></font></p>
<p><font><font>Proviene da regioni tropicali e subtropicali concentrate tra Cina e Giappone. </font><font>Ma c’è anche una presenza più verso la striscia del sud-est asiatico.</font></font></p>
<p><font><font>Ha un portamento indiscutibilmente elegante grazie ai suoi </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> grandi e alle varie forme che dipendono dalla varietà.</font></font></p>
<p><font><font>Ci sono specie che crescono come </font><font>piccoli </font></font><font><font>alberi</font></font><font><font> e altre come arbusti. </font><font>Sono </font></font><font><font>sempreverdi</font></font><font><font> e ne esistono esemplari alti circa 10 metri.</font></font></p>
<p><font><font>Ci sono sicuramente circa 250 specie diverse, tra alberi e arbusti che fioriscono molto generosamente. </font><font>Sono particolarmente resistenti, perché iniziano a fiorire solo alla fine di dicembre e rimangono attivi per tutto l’ </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>La </font></font><font><font>pianta da</font></font><font><font> fiore semplice, o più semplice, ha una corolla a cinque petali, oltre a molti stami visibili. Esistono però specie molto più grandi, dette camelie composte, dove i loro stami non si vedono ad occhio nudo, perché vi è una predominanza di parecchi petali che si chiudono di più.</font></font></p>
<p><font><font>Hanno colori sorprendenti come il giallo, il salmone, il rosa, il viola o discreti come il bianco. </font><font>Esistono anche specie con fiori bicolori, cioè la stessa </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> può avere fiori di vari colori, screziati o misti. </font><font>Simboleggia la fortuna, la felicità e persino la longevità.</font></font></p>
<p><font><font>In Spagna, la regione della Galizia rende alla </font></font><font><font>Camelia</font></font><font><font> uno spettacolare culto </font><font>, tanto da essere considerata il fiore delle Rías Bajas. </font><font>È così popolare che dal 1965 si tiene l’Esposizione Internazionale della Camelia.</font></font></p>
<p><font><font>Una specie popolare in grado di adattarsi agli spazi interni è la </font></font><em><font><font>Camellia japonica. </font></font></em><font><font>Altre note sono: Camellia sinensis, nota perché si estrae uno squisito tè, Camellia Sasanqua, tra le altre.</font></font></p>

<h2><font><font>Che bisogni di terra ha la camelia?</font></font></h2>
<p><font><font>Una chiave indiscutibile per un buon raccolto è avere un terreno con un </font></font><font><font>pH</font></font><font><font> acido. </font><font>Per ottenerlo sarà sufficiente aggiungere uno strato di torba bionda, erica o terriccio di castagno.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51tjML9N3eL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Il fertilizzante consigliato si effettua dopo la fioritura, con un preparato fertilizzante acido per camelie o piante acidofile o un prodotto che contenga chelati di </font></font><font><font>ferro</font></font><font><font> .</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51n0SItjIgL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Un’altra raccomandazione di voci esperte è quella di applicare un fertilizzante specifico all’acqua di irrigazione e applicarlo una volta in primavera e una volta in </font></font><font><font>autunno</font></font><font><font> per stimolare una fioritura sensazionale.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41uei8gglTL._SL500_.jpg”></figure>

<h2><font><font>Come far crescere la camelia forte e vigorosa?</font></font></h2>
<figure class=”wp-caption alignright”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51ecyEtbT5L._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Uno dei suoi punti deboli è l’elevata intolleranza della Camelia alle temperature calde. </font><font>Ecco perché il riscaldamento è uno dei tuoi peggiori nemici.</font></font></p>
<p><font><font>La cosa prudente allora è scegliere il luogo più fresco della casa, dove deve esserci anche un’umidità ambientale costante affinché possa fiorire senza difficoltà.</font></font></p>
<p><font><font>E se viene coltivato su terrazzamenti, i risultati saranno altrettanto positivi purché nel terreno si </font></font><font><font>mettano</font></font><font><font> paglia, </font><font>pacciame</font><font> e pezzi di corteccia.</font></font></p>
<p><font><font>Nonostante sia abbastanza </font></font><font><font>resistente</font></font><font><font> al freddo, è sempre necessario proteggerlo dal gelo ed evitare che si congeli.</font></font></p>
<p><font><font>Un altro accorgimento è quello di togliere la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> dal terrazzo, allontanarla da finestre o zone dove circola aria gelida, e mettere il vaso all’interno della casa su un tavolo e non per terra nelle giornate invernali più fredde. </font><font>Le piante con gemme dovrebbero essere protette di notte con una campagna di vetro o un semplice giornale.</font></font></p>
<p><font><font>Sono altri modi efficaci per prendersene cura dagli effetti del gelo. </font><font>Un’altra chiave sta nell’illuminazione costante. </font><font>Ama la luce ma non dobbiamo mai permettere ai raggi del sole di invaderla direttamente.</font></font></p>
<p><font><font>E se </font><font>si </font><font>deve effettuare un </font></font><font><font>trapianto</font></font><font><font> , </font><font>è importante utilizzare un substrato di terreno acido, con torba a pH molto basso in modo che l’esemplare rimanga sano. </font><font>La torba si migliora facilmente con l’ausilio di un </font></font><font><font>fertilizzante</font></font><font><font> specifico per piante da terreno acido.</font></font></p>

<h2><font><font>Di quale umidità ha bisogno la camelia?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>L’umidità ideale si trova in una percentuale superiore al 60%, con una temperatura stimata tra i 5-12ºC. </font><font>Ecco perché l’irrigazione è un’altra delle chiavi del successo. </font><font>In estate sarà costante e in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> molto timido, estremamente moderato.</font></font></div></div>
<p><font><font>Gli esperti raccomandano poca acqua nella stagione della fioritura, che di solito dura tre mesi. </font><font>Durante questo periodo, i loro peduncoli vengono rinforzati in modo da sostenere il peso dei densi germogli della Camelia.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51g+H9-Wh4L._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Naturalmente, se la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> viene tenuta </font><font>in vaso, il suo drenaggio deve essere ottimo, preferibilmente con acqua piovana priva di calcare. </font><font>Se non ce l’avete, allora è bene appellarsi al seguente segreto: possiamo bere l’acqua del rubinetto mischiata con l’aceto.</font></font></p>

<h2><font><font>È necessario potare la camelia?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Un modo per avere un’abbondante fioritura è praticare una cimatura di tutti i suoi rami, ma tagliandoli tutti sopra la seconda o la terza gemma, dall’inserzione della gemma. </font><font>In questo modo darà molti fiori nella stagione successiva.</font></font></div></div>
<h2><font><font>Quanto spesso dovremmo potare la camelia?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il momento ideale per potare una Camelia è proprio alla fine della fioritura. </font><font>E se si deve effettuare un trapianto, è importante utilizzare un </font></font><font><font>substrato di</font></font><font><font> terreno acido, con torba a pH molto basso in modo che l’esemplare rimanga sano.</font></font></div></div>

<h2><font><font>Come possiamo evitare i parassiti e le malattie della camelia?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Uno dei problemi più comuni affrontati da questa </font></font><font><font>pianta di</font></font><font><font> bellezza esotica è la perdita dei suoi boccioli prima che si aprano. </font><font>Le cause? </font><font>È pertinente controllare due fattori: la temperatura e l’irrigazione. </font><font>Se ci sono sbalzi di temperatura la Camelia non resisterà e se annaffiamo eccessivamente non andrà bene neanche.</font></font></div></div>
<p><font><font>Come risolverlo? </font><font>Semplice. </font><font>È necessario portare la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> in un luogo fresco e luminoso e annaffiarla solo dopo aver verificato che il terreno si sia completamente asciugato.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51bKryEu2+L._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Un altro segno di malattia si manifesta quando le sue foglie ingialliscono e i boccioli dei fiori sono storditi, non si aprono. </font><font>In questo caso, è molto probabile che il terreno non contenga i nutrienti adeguati o il pH corretto per le specie acidofile come le camelie.</font></font></p>
<p><font><font>C’è un fungo molto aggressivo chiamato pestalozzia guepini capace di trasformare le foglie in argento. </font><font>Se non viene combattuta subito con un buon </font></font><font><font>fungicida</font></font><font><font> e le foglie danneggiate vengono rimosse senza farle cadere a terra, allora si provoca la completa rovina della Camelia, fino a quando non viene uccisa.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41cC+YC41ZL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>La </font></font><font><font>ruggine</font></font><font><font> è un altro difetto rilevabile quando le foglie iniziano a comparire grumi o protuberanze. </font><font>È controllabile con l’applicazione immediata di un fungicida, perché è un altro fungo molto abusivo.</font></font></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Forse ti interessano anche:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><ul class=”su-siblings”><li class=”page_item page-item-20716″><font><font>Talee di camelia: [Concetto, Tempo, Radicazione e Semina]</font></font></li>
</ul></div></div>

<!– .helpful –>

suggerimenti Cura della camelia
<h2><font><font>Cos’è il virus della patata?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Que-es-el-virus-de-la-patata-264×191.jpg”><font><font>Nella coltivazione delle patate sono presenti una vasta gamma di malattie, la maggior parte di origine virale, che colpiscono la produzione di questo importante tubero consumato quotidianamente da milioni di persone in tutto il mondo.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Solo in questo caso sono stati individuati circa 28 virus che danneggiano questa belladonna, provocando grandi perdite economiche nel settore agricolo, che accusa.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Tuttavia, varie strategie per la disinfezione della pianta malata, che a volte possono soffrire fino a 2 virus contemporaneamente, sono davvero devastanti per la produttività della coltura.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Infatti, l’intensità dei suoi effetti dipende da più fattori che interagiscono contemporaneamente, tra cui spiccano la cultivar ospite ed i virus agenti, nonché le loro razze ed i vettori virali coinvolti nel processo, in un dato ambiente.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Come possiamo identificare il virus della patata?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Como-podemos-identificar-el-virus-de-la-patata-300×246.jpg”><font><font>Tra i virus che colpiscono le </font></font><font><font>patate</font></font><font><font> , ce ne sono due particolarmente gravi: PLRV, virus X (PVX) e </font></font></span> <i><span><font><font>Potato virus Y o PVY.&nbsp;</font></font></span></i><span><font><font>Vediamo come si manifestano.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Il </font></font></span><font><i><span><font>virus</font></span></i><font> potato </font><i><span><font>leafroll</font></span></i><span><font> ,</font></span><font> nana gialla </font></font><span><font><font>o </font></font></span><i><span><font><font>Potato Leafroll Virus</font></font></span></i><span><font><font> , nome scientifico in inglese (PLRV) appartiene alla famiglia dei </font></font></span><i><span><font><font>&nbsp; Luteoviridae.</font></font></span></i></p>
<p><span><font><font>È considerata la peggiore malattia virale che attacca le patate, in tutto il mondo e genera grandi perdite, che provocano la perdita di circa il 90% del raccolto.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Tra i sintomi più caratteristici di questa malattia abbiamo:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><span><font><font>Arricciatura delle foglie superiori, all’altezza delle foglioline, che hanno un colore giallo paglierino e una crescita eretta. </font><font>Anche se possono anche diventare rosa, rossi e </font></font><font><font>viola</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Alcune cultivar possono essere infettate senza sintomi visibili.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>In alcuni </font></font><font><font>tuberi si</font></font><font><font> sviluppa necrosi reticolata interna.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Arresti della crescita e arricciamento, rigidità e coriacenza si verificano anche nelle foglie secondarie di alcune cultivar, che virano al </font></font><font><font>viola</font></font><font><font> sul lato inferiore.</font></font></span></li>
</ol>
<p><span><font><font>C’è un’altra sottospecie, l’Andigena, che ha una reazione un po’ diversa alla malattia. </font><font>Vediamo cosa gli succede.</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter3″>
<li><span><font><font>Le foglie superiori sono ricoperte da una </font></font><font><font>clorosi</font></font><font><font> marginale ed </font><font>internervale</font><font> , con accentuata crescita eretta.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>La </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> soffre di nanismo.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>I fogli inferiori non sono arrotolati.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Gli insetti afidi sono responsabili della malattia. </font><font>Riescono a colpire i tuberi e da lì la malattia si diffonde al resto della pianta.&nbsp;</font></font></span></li>
</ol>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Como-podemos-identificar-el-virus-de-la-patata-1-1-300×225.jpg”><font><font>Tra gli insetti responsabili della malattia, protagonisti essenziali sono gli </font></font><font><font>afidi</font></font><font><font> verdi del pesco.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Il virus impiega dalle 24 alle 48 ore per essere trasmesso da questi minuscoli </font></font><font><font>animali</font></font><font><font> , perché prima circola attraverso il loro apparato digerente e poi esce attraverso le loro ghiandole salivari.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Il virus X, o semplicemente PVX, appartiene al genere Potexvirus della famiglia Flexiviridae. </font><font>Il suo impatto sulle cultivar di patate non è così forte, si aggira intorno al 10% dell’affettazione totale.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Si trasmette attraverso tuberi infetti e per contatto, non per azione di insetti portatori.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>La manifestazione principale è la comparsa di macchie a mosaico sulle foglie.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Ma ci sono altri sintomi, sebbene molte volte non ci siano prove esterne del male.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Vediamo quali sono i sintomi più comuni:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><span><font><font>Aspetto di clorosi, mosaico e nanismo delle foglie.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Lesioni necrotiche sui tuberi.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Interagisce con altri virus della patata, come PVY e PVA, causando sintomi molto più inclementi con il tubero, che influiscono sulla resa della cultivar.</font></font></span></li>
</ol>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Como-podemos-identificar-el-virus-de-la-patata–300×200.jpg”><font><font>Il</font></font></span><font><font> grave </font><span><font>virus del</font></span><font> mosaico della patata, il </font></font><span><font><font>&nbsp; cui nome scientifico è </font></font></span><i><span><font><font>Potato virus Y (PVY)</font></font></span></i><font><span><font> appartiene alla famiglia dei Potyviridae, è un’altra delle malattie più</font></span><font> gravi di </font><span><font>cui&nbsp;  </font></span></font><span><font><font>soffrono le patate coltivate.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Questo male riesce a perpetuarsi attraverso tuberi infetti, dopo che il virus è stato trasmesso da afidi o insetti fitopatogeni che succhiano la linfa delle piante, in modo non persistente.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Allo stesso modo, può essere trasmesso attraverso macchinari e strumenti contaminati. </font><font>Ma i principali protagonisti del contagio sono gli afidi che solitamente attaccano le colture agricole.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Tra i sintomi che fanno luce su questa malattia virulenta, abbiamo:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter3″>
<li><span><font><font>Le foglie diventano ruvide, contorte, con il margine delle foglioline piegato verso il basso e raggruppate in un unico settore.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Nei casi più gravi, la foglia si secca completamente.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>La pianta soffre di nanismo, non cresce.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>C’è una tremenda necrosi nelle vene dei volantini, con gravi macchie sulle foglie, che stanno marcendo.&nbsp;</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Il fusto diventa striato e anche necrotico.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Caduta di frutta prematura o estemporanea.</font></font></span></li>
</ol>
<p><span><font><font>Esistono, tuttavia, varianti di questo virus PVY. </font><font>Esiste una razza comune identificata come PVYO che causa sintomi di segni di mosaico sulle foglie. </font><font>E il PVYC genera uno striato puntato, mentre il tipo PVYN produce necrosi, ma con danni meno gravi al fogliame della pianta.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Infezioni miste si verificano spesso nelle razze comuni e necrotiche di questo virus, per le quali i genomi vengono incrociati e finiscono per essere prodotti </font></font><font><font>ibridi</font></font><font><font> a livello di questa malattia, identificati come PVYN: Y e PVYNTN.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Quali piante colpisce il virus della patata?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/patatas_1597873927-225×300.jpg”><font><font>La situazione può diventare molto grave, perché poiché le patate sono piante che si moltiplicano asessualmente, il virus può essere trasmesso alla generazione clonale successiva con l’aiuto di pezzi di tuberi utilizzati per garantire la propagazione. </font></font></span></p>
<p><span><font><font>E possono essere aggiunti anche altri virus della stessa e diversa specie.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>In altre parole, tutte le specie possono essere gravemente colpite.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ciò ha comportato una graduale degenerazione delle varietà di patate esistenti, che hanno perso resa, vigore e minore capacità di conservare i tuberi.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Di conseguenza, ci sono caratteristiche comuni ampiamente apprezzate che indicano la presenza di carica virale passata da una generazione all’altra, quali:</font></font></span></p>
<ul>
<li><span><font><font>Nani delle piante.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Disegni a forma di mosaico sui fogli.&nbsp;</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Deformazioni in foglie e tuberi.</font></font></span></li>
</ul>

<h2><font><font>Come combattere il virus della patata?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Como-combatir-el-virus-de-la-patata-300×225.jpg”><font><font>Nel caso del virus del rotolo di foglie di patate o PLVR, esiste una tecnica per curare le colture.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Consiste nell’aggiungere piante sane, mentre quelle malate vengono eliminate, attraverso il processo di scarto nella propagazione dei </font></font><font><font>semi</font></font><font><font> , che devono essere certificati per evitare questi fastidi.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Un’altra tecnica utilizzata per eliminare questo virus è applicare sessioni di calore ai tuberi.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Per quanto riguarda il grave virus del mosaico della patata, o virus Y (PVY), attualmente non esiste un trattamento efficace per ucciderlo e salvare le colture, quindi dovrebbero essere prese misure di prevenzione per evitare l’infezione della cultivar.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Quali sono i migliori prodotti per eliminare il virus della patata?</font></font></h2>
<p><span><font><font>In commercio esistono insetticidi sistemici in grado di eliminare la diffusione degli afidi all’interno della coltura, sebbene non riescano a sterminare gli afidi viruliferi che provengono da altri campi. </font></font></span><span><font><font>È meglio applicare la prevenzione, con alcune delle seguenti regole e misure:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><span><font><font>Utilizzare campioni privi di virus, garantiti in un vivaio di fiducia, e campioni </font></font><font><font>resistenti</font></font><font><font> a questi tipi di virus nelle patate.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Isolare gli animali contaminati, impedendo loro di avvicinarsi alle colture, con il supporto di recinzioni, reti, sbarre, coni, tra gli altri.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>È molto importante che le colture e le piantagioni siano lontane da siepi e aree di vegetazione afflitte da insetti come afidi, mosche, </font></font><font><font>tripidi</font></font><font><font> , tra gli altri vettori di trasmissione.&nbsp;</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Pulisci tutti gli strumenti e i materiali di lavoro utilizzati sul campo, disinfettandoli regolarmente.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Sradica le piante infette che germogliano spietatamente e indiscriminatamente.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Applicare insetticidi naturali o chimici che eliminano i vettori di trasmissione, con il supporto di personale specializzato.</font></font></span></li>
</ol>

<!– .helpful –>

suggerimenti Virus de la Patata
<p><span class=”s1″><font><font>Poiché la natura è magica, </font></font><strong><font><font>molto generosa e ci regala quotidianamente</font></font></strong><font><font> lo </font></font><strong><font><font>spettacolo di ammirare</font></font></strong><font><font> e curare i fiori,</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;ci sono molte varietà bianche differenziate&nbsp;</font></font></span><font><font> dalla forma delle sue foglie, petali e steli. </font></font></span></p>
<p><span class=”s1″><font><font>Coltivarli diventa </font></font><strong><font><font>un’arte meravigliosa dove dare loro la nostra dedizione</font></font></strong><font><font> e il </font><strong><font>nostro</font></strong><font> impegno sarà sempre un compito ricompensato con una mostra floreale indiscutibilmente miracolosa.</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>Perché è vero che </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Coltivare </font></font><font><font>fiori bianchi</font></font><font><font> è un atto sublime di purezza irripetibile.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>Sebbene in Asia siano spesso usati anche </font></font><strong><font><font>come simbolo di rispetto</font></font></strong><font><font> per la perdita di </font></font><strong><font><font>una persona molto cara</font></font></strong><font><font> ed è per questo che sono </font></font><strong><font><font>associati alla morte</font></font></strong><font><font> , non temono la </font></font><strong><font><font>magia dei fiori </font></font><font><font>bianchi</font></font><font><font> , delicati e sublimi,</font></font></strong><font><font> perfetti ambasciatori di </font></font><strong><font><font>innocenza e pace.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Ma vediamo di che specie sono </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;fiori bianchi più famosi al mondo.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<h2><font><font>15 Esempi di fiori bianchi</font></font></h2>
<h3 class=”p2″><span class=”s1″><font><font>Rose bianche</font></font></span></h3>
<p class=”p2″></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Da tempo immemorabile regalare rose bianche significa lealtà, purezza, delicatezza, innocenza, evocano l’amore più puro che una coppia possa provare.</font></font><p></p>
<p class=”p2″><font><font>Per questo sono usati come ornamento principale nei matrimoni ecclesiastici, dove la sposa mostra tra le mani un delicato mazzo di rose bianche, mentre si dirige verso l’altare.</font></font></p></div></div>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>Allo stesso modo, sono una parte fondamentale della decorazione </font></font><strong><font><font>ornamentale</font></font> </strong><font><font> dell’altare e della chiesa in generale.</font></font></span></p>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>Sono anche un </font></font><strong><font><font>delicato</font></font></strong><font><font> dono </font><strong><font>di solidarietà</font></strong><font> , quando vengono dati a persone malate, perché </font></font><strong><font><font>significa che siamo consapevoli di quella persona cara</font></font></strong><font><font> , per la quale </font></font><strong><font><font>abbiamo i migliori pensieri.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p2″><span class=”s1″><strong><font><font>Le rose</font></font></strong><font><font> , in generale, sono legate all’amore.</font></font></span></p>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>I rossi parlano di un amore intenso, un amore di fuoco puro. </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Ci sono più di 100 tipi di specie nel mondo.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>Originari dell’Asia, sono riusciti ad espandersi in tutta Europa e in America. </font></font><strong><font><font>Si distinguono dagli altri perché i loro steli hanno spine</font></font></strong><font><font> ei loro fiori </font></font><strong><font><font>sono veramente belli con strati</font></font></strong><font><font> e strati di </font></font><strong><font><font>tanti petali</font></font></strong><font><font> . </font><font>Ci sono </font><strong><font>varietà</font></strong><font> bianche, rosse, rosa, gialle, arancioni e persino alcune </font></font><strong><font><font>varietà molto esotiche in verde o viola.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>Sono classificati in rose di </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;macchia, arbusti e </font></font><font><font>viti</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/rosas_blancas_1562084514-1024×516.jpg”></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3 class=”p2″><span class=”s1″><font><font>Le orchidee</font></font></span></h3>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>Ci sono molte </font></font><strong><font><font>varietà e specie di orchidee</font></font></strong><font><font> nel mondo. </font><font>Resistono a </font></font><strong><font><font>climi diversi. </font><font>Anche</font></font></strong><font><font> se </font></font><strong><font><font>può sembrare incredibile,</font></font></strong><font><font> sono stati trovati </font></font><strong><font><font>nel circolo polare artico</font></font></strong><font><font> , o nelle foreste </font></font><font><font>tropicali</font></font><font><font> , </font></font><strong><font><font>perché amano i climi umidi e caldi.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p2″></p><div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Lo sapevate…</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Ci sono </font></font><strong><font><font>circa 28.000 specie di molti colori vivaci</font></font></strong><font><font> e altri </font></font><font><font>ibridi</font></font><font><font> creati </font></font><strong><font><font>dalla mano dell’uomo che hanno raggiunto</font></font></strong><font><font> la </font><strong><font>cifra</font></strong><font> impressionante </font></font><strong><font><font>di 50.000 mila specie.</font></font></strong><p></p>
<p class=”p2″><font><font>Pertanto, sebbene sia abbastanza </font></font><strong><font><font>difficile caratterizzarle</font></font></strong><font><font> , una delle </font></font><strong><font><font>caratteristiche comuni delle orchidee è</font></font></strong><font><font> legata ai gambi, </font></font><strong><font><font>che guardano verso il basso</font></font></strong><font><font> , mentre </font></font><strong><font><font>la forma dei loro sepali o verticilli esterni</font></font></strong><font><font> e di due dei </font></font><strong><font><font>petali interni</font></font></strong><font><font> sono molto simili nella </font></font><strong><font><font>maggior parte delle specie</font></font></strong><font><font> .</font></font></p></div></div>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>C’è un petalo aggiuntivo, chiamato labbro o labello, che </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;si manifesta con maggiore potenza perché è maggiore.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>Questo labbro inferiore è </font></font><strong><font><font>solitamente colorato nelle specie con petali bianchi</font></font></strong><font><font> (viola) perché </font></font><strong><font><font>quest’area funge da piattaforma di</font></font></strong><font><font> atterraggio per le </font></font><strong><font><font>api impollinatrici.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>La maggior parte delle orchidee bianche emana di notte profumi suggestivi, per attirare i propri impollinatori a moltiplicarsi.</font></font></span></p>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>Sono dati in occasioni speciali come la nascita e il battesimo dei bambini.</font></font></span></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/orquideas_1562084934-1024×683.jpg”></p>
<h3><font><font>gelsomino cinese</font></font></h3>
<p><strong><font><font>Il gelsomino cinese</font></font></strong><b><font><font> è una </font></font><font><font>pianta rampicante</font></font><font><font> che sprigiona uno squisito profumo floreale </font></font></b><span><font><font>ed è capace di decorare con eleganza un ambiente.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In linea di principio, i boccioli di gelsomino cinese sono di una tonalità rosa, ma questa cambia in </font></font><strong><font><font>un bianco perfetto</font></font></strong><font><font> quando arrivano i fiori.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Si comporta come una </font><font>pianta </font></font><font><font>perenne</font></font><font><font> in luoghi dove la temperatura è calda e costante tutto l’anno.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>In luoghi con stagioni e inverni perde le foglie e ne produce di nuove la </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> successiva </font><font>.</font></font></span></p>
<p><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51GLzfGDATL.jpg”></p>
<p>&nbsp;</p>
<h3 class=”p2″><span class=”s1″><font><font>dalie</font></font></span></h3>
<p class=”p2″></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Sono originari del Messico, dove vengono persino onorati un giorno dell’anno.</font></font><p></p>
<p class=”p2″><font><font>Furono esportati per la prima volta in Spagna nel 1519. Hanno varietà davvero affascinanti. </font><font>Si va da pompon piccoli e compatti a fiori a testa larga con ligule ricurve.</font></font></p></div></div>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>Ecco perché è considerato uno dei fiori con il maggior numero di colori vivaci e fama mondiale, anche se riceviamo </font></font><span class=”su-highlight”>&nbsp;<font><font>Dalie</font></font><font><font> bianche significa che ci stanno seducendo o facendo innamorare.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p2″><span class=”s1″><font><font>In epoca vittoriana divenne popolare tra i giovani, che lo adottarono per inviare messaggi suggestivi ai loro amanti. </font><font>A quel tempo </font><strong><font>iniziò</font></strong><font> anche </font></font><strong><font><font>ad essere conosciuto come il fiore del tradimento.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p4″><span class=”s1″><strong><font><font>Le dalie</font></font><font><font> fioriscono in </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> e muoiono in </font></font><font><font>inverno</font></font></strong><font><font> . </font><font>Quelli bianchi sono impressionanti, ma</font></font><strong><font><font> ce ne sono di bellissimi viola, gialli, </font></font><font><font>arancioni</font></font><font><font> , rosa, rossi e </font></font><font><font>viola</font></font><font><font> .</font></font></strong></span></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/dalia_blanca_1562084984-1024×682.jpg”></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3 class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Insenature bianche</font></font></span></h3>
<p class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Conosciuto anche come anello etiope o </font></font><strong><font><font>ninfea</font></font></strong><font><font> , le calle sono </font></font><strong><font><font>il fiore di una pianta erbacea</font></font></strong><font><font> originaria del </font></font><strong><font><font>continente africano.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p4″><span class=”s1″><font><font>I fiori escono due o tre per </font></font><strong><font><font>pianta</font></font></strong><font><font> . </font><font>La loro spata </font></font><strong><font><font>bianca è semplicemente perfetta.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Ci sono più di 700 specie di </font></font><em><font><font>Anthurium o Anthurium</font></font></em><font><font> , il suo nome originale. </font><font>Possono essere rampicanti o rampicanti e crescono meglio sotto la luce filtrata da </font></font><strong><font><font>alberi</font></font></strong><font><font> o reti.</font></font></span></p>
<p class=”p4″><span class=”s1″><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Il sole diretto brucerà le tue foglie e asciugherà i tuoi fiori&nbsp;</font></font></span><font><font>, che hanno variazioni di dimensioni, a seconda della specie, nonché della morfologia dei loro fusti e dei loro colori infiorescenti.</font></font></span></p>
<p class=”p4″><span class=”s1″><font><font>La cala bianca è </font></font><strong><font><font>la più famosa,</font></font></strong><font><font> anche se </font><strong><font>anche</font></strong><font> quelle rosse </font></font><strong><font><font>attirano molta attenzione.</font></font></strong></span></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/calas_flor_1562085041-1024×768.jpg”></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3 class=”p4″><span class=”s1″><font><font>amarilli</font></font></span></h3>
<p class=”p4″></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Sono fiori bianchi, gli amaralis sono delle vere regine dell’eleganza.</font></font><p></p>
<p class=”p4″><font><font>Prima della </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> stessa emergono le sue foglie, quindi la sua crescita è molto particolare, tanto che il fiore germoglia alle estremità di steli molto lunghi, a forma di trombetta e con delicati pistilli gialli che spiccano.</font></font></p></div></div>
<p class=”p4″><span class=”s1″><font><font>La sua fioritura avviene </font></font><strong><font><font>in primavera e si protrae fino all’estate</font></font></strong><font><font> , ma a dicembre </font></font><strong><font><font>si hanno anche fiori belli, </font></font></strong><font></font><strong><font><font>durevoli,</font></font></strong><font><font> forti di </font><strong><font>colore bianco, rosso e viola </font></strong><strong><font>se</font></strong><font> adeguatamente </font><strong><font>curati</font></strong><font> , come </font></font><strong><font><font>un </font></font><font><font>buon substrato</font></font><font><font> ricco di sostanza organica</font></font></strong><font><font> , irrigazione e adeguata indiretta leggero.</font></font></span></p>
<p class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Proviene da regioni come il Perù, il Brasile o l’Argentina, quindi preferisce vivere in climi caldi. </font><font>È una delle poche piante da bulbo in grado di passare una lunga notte in casa, purché curata riproducendo il suo habitat naturale.</font></font></span></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/amarilis_1562085072-1024×682.jpg”></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3 class=”p6″><span class=”s1″><font><font>campanule </font></font></span></h3>
<p class=”p7″></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Questi fiori, di circa 250 specie in tutto il mondo, provengono dall’Ipomoea purpurea, </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> rampicante molto utilizzata in giardinaggio per rivestire con eleganza recinzioni e cancelli.</font></font><p></p>
<p class=”p7″><font><font>I suoi petali si uniscono a forma di tromba, le sue foglie verde intenso sono a forma di cuore e sono disponibili in bianco, viola, rosso, rosa, </font></font><font><font>blu</font></font><font><font> o viola.</font></font></p></div></div>
<p class=”p7″><span class=”s1″><font><font>Si riproducono per </font></font><strong><font><font>specchi</font></font></strong><font><font> , ma è più conveniente seminare in terra diretta. </font></font><strong><font><font>Non tollerano i luoghi molto umidi e il miglior regalo che fanno alla natura</font></font></strong><font><font> è la loro </font></font><strong><font><font>capacità di fiorire praticamente tutto l’anno</font></font></strong><font><font> e di crescere fino a </font></font><strong><font><font>2 metri di altezza.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p7″><span class=”s1″><font><font>Hanno la peculiare proprietà </font></font><strong><font><font>di prosperare su qualsiasi tipo di terreno</font></font></strong><font><font> , ma con </font></font><strong><font><font>una caratteristica speciale</font></font></strong><font><font> :</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;si aprono di giorno e si chiudono di notte,&nbsp;</font></font></span><font><font>come se si preparassero </font></font><strong><font><font>ad andare a letto per dormire</font></font></strong><font><font> . </font><font>E si espandono coprendo tutto, quindi </font></font><strong><font><font>non è conveniente avvicinarlo troppo</font></font></strong><font><font> ad altre </font></font><strong><font><font>specie diverse.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p7″><span class=”s1″><strong><font><font>Il bucaneve</font></font></strong><font><font> ha proprietà</font></font><strong><font><font> medicinali</font></font></strong><font><font> , perché le sue foglie e le sue radici</font></font><strong><font><font> hanno tannino e glicoside</font></font></strong><font><font> , che negli infusi, agiscono come:</font></font><strong><font><font> purgante naturale, antinfiammatorio nei casi di congestione epatica</font></font></strong><font><font> e coadiuvante</font></font><strong><font><font> nell’evacuazione della bile.</font></font></strong></span></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/campanillas_1562085127-1024×608.jpg”></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3 class=”p4″><span class=”s1″><font><font>Cisto bianco</font></font></span></h3>
<p class=”p6″><span class=”s1″><strong><font><font>Provenienti da un arbusto</font></font></strong><font><font> omonimo, </font></font><strong><font><font>sono la famiglia delle Cistaceae</font></font></strong><font><font> e abbondano in tutta </font></font><strong><font><font>la regione del Mediterraneo occidentale e nelle Isole Canarie.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p8″><span class=”s1″><font><font>Tra aprile e giugno, </font></font><strong><font><font>si verifica la stagione della fioritura</font></font></strong><font><font> , anche se varia nelle </font></font><strong><font><font>diverse aree della Spagna.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p7″><span class=”s1″><font><font>A differenza di altri fiori, il </font></font><em><font><font>cisto appiccicoso</font></font></em><font><font> &nbsp;( </font></font><em><font><font>Cistus ladanifer</font></font></em><font><font> )</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;è più grande ed è composto da 3 sepali e 5 petali fino a 10 centimetri di diametro,&nbsp;</font></font></span><font><font>con una </font><strong><font>macchia viola</font></strong><font> molto </font></font><strong><font><font>sorprendente</font></font><font></font></strong><font><font> alla base di ogni petalo e </font></font><strong><font><font>un cerchio pieno di giallo attorno al centro.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p7″><span class=”s1″><font><font>I suoi fiori spettacolari provengono da un arbusto </font></font><strong><font><font>dall’aspetto quasi secco</font></font></strong><font><font> , con </font></font><strong><font><font>foglie sempreverdi e grande resistenza al sole</font></font></strong><font><font> . </font><font>Produce anche </font></font><strong><font><font>buona legna da ardere, carbone di legna e il suo </font></font><font><font>legno</font></font><font><font> consente</font></font></strong><font><font> la produzione di </font></font><strong><font><font>mobili durevoli.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p7″><span class=”s1″><strong><font><font>Rilasciano una sostanza appiccicosa chiamata labdano</font></font></strong><font><font> , usata come sciroppo per la tosse, </font></font><strong><font><font>perché ha proprietà sedative</font></font></strong><font><font> . </font><font>Viene anche usato per </font></font><strong><font><font>combattere gastriti, ulcere e vari problemi digestivi.</font></font></strong></span></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/jaras_blancas_1562085157-1024×606.jpg”></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3 class=”p4″><span class=”s1″><font><font>garofani</font></font></span></h3>
<p class=”p6″><span class=”s1″><font><font>Famosi infatti sono i garofani nei negozi di fiori e nei giardini di tutto il mondo. </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;I bianchi simboleggiano l’amore più puro, l’innocenza assoluta.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p7″><span class=”s1″><font><font>Il suo nome scientifico è </font></font><em><font><font>Dianthus caryophyllus.</font></font></em> </span></p>
<p class=”p7″><span class=”s1″><font><font>È una </font></font><strong><font><font>pianta</font></font><font><font> erbacea molto diffusa nella regione iberica</font></font></strong><font><font> . </font><font>La cosa curiosa è che </font></font><strong><font><font>ogni stelo irrompe in un fiore molto vistoso</font></font></strong><font><font> dai bordi frastagliati, dal </font></font><strong><font><font>profumo forte e dalla fioritura perenne</font></font></strong><font><font> , tutto l’anno </font></font><strong><font><font>questo arbusto</font></font></strong><font><font> ci </font><strong><font>regala</font></strong><font> bellissimi </font><strong><font>colori</font></strong><font> come il </font></font><strong><font><font>bianco, il rosso, il rosa, il giallo e anche il bicolore.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p7″><span class=”s1″><strong><font></font><font><font>I </font><font>garofani</font><font> selvatici fioriscono in primavera e in </font></font><font><font>estate</font></font></strong><font><font> , ma se controllati tutto l'</font></font><strong><font><font> anno saranno in produzione. </font></font></strong><font><font>Così</font></font><strong><font><font> dovrebbero essere coltivate in terreni ben drenati</font></font></strong><font><font> , in modo molto poroso che</font></font><strong><font><font> le loro radici</font></font></strong><font><font> Non</font><strong><font> pozza e marciume</font></strong><font> e con piena esposizione alla luce solare e</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;una temperatura ottimale di 22°C e 24°C&nbsp;</font></font></span><font><font> di giorno e tra 10°C e 12° di notte.</font></font></span></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/plantar-claveles-960×720.jpg”></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3 class=”p7″><span class=”s1″><font><font>ortensie </font></font></span></h3>
<p class=”p7″><span class=”s1″><strong><font><font>Originaria del Giappone e del Sud America</font></font></strong><font><font> , le </font></font><strong><font><font>ortensie</font></font></strong><font><font> sono </font></font><strong><font><font>famose nel mondo per questi bellissimi fiori</font></font></strong><font><font> che crescono that</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;raggruppati in infiorescenze abbastanza luminose.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p7″><span class=”s1″><font><font>A seconda del colore, avranno vari significati, </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;quelli bianchi alludono alla purezza, all’abbondanza e alla grazia.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p9″><span class=”s1″><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;I fiori esterni, di 4 o 5 petali ovati&nbsp;</font></font></span><font><font>e circa </font></font><strong><font><font>10 stami sottili,</font></font></strong><font><font> sono ricoperti da </font></font><strong><font><font>un rivestimento membranoso e colorato,</font></font></strong><font><font> ma il loro </font><strong><font>rivestimento </font></strong></font><strong><font><font>interno è tubolare, con da 8 a 10 coste o rami</font></font></strong><font><font> .</font></font><span class=”Apple-converted-space”>&nbsp; </span></span></p>
<p class=”p9″><span class=”s1″><font><font>Ma è un fiore che ha </font></font><strong><font><font>bisogno di vivere con molta acqua e umidità. </font></font></strong><font><font>Quindi, è </font></font><strong><font><font>ampiamente riprodotto nella parte settentrionale della Spagna</font></font></strong><font><font> . </font><font>E sebbene </font></font><strong><font><font>supporti le basse temperature</font></font></strong><font><font> , ha bisogno di luce diretta, </font></font><strong><font><font>anche quando non tollera il caldo estremo o il sole.</font></font></strong></span></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cultivo-de-hortensias-1024×761.jpg”></p>
<h3><font><font>Ciclamino</font></font></h3>
<p><span class=”su-highlight”><strong><font><font>Il Ciclamino o ciclamino</font></font></strong><font><font> ,</font></font></span><font><font>&nbsp;È&nbsp; </font></font><strong><font><font>una meravigliosa pianta di tuberi</font></font></strong><font><font> &nbsp;che&nbsp; </font></font><strong><font><font>fiorisce in modo spettacolare</font></font><font><font> &nbsp;in inverno. </font></font></strong><font><font>&nbsp;Non ha organi legnosi ed è per questo che è&nbsp; </font></font><strong><font><font>considerata erbacea</font></font></strong><font><font> &nbsp;e </font></font><strong><font><font>&nbsp;perenne</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Puoi </font></font><strong><font><font>radicare i tuoi</font></font></strong><font><font> tuberi&nbsp; </font><strong><font>in superficie o solo alla base</font></strong><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Le sue foglie carnose&nbsp; </font></font><strong><font><font>con un lungo picciolo, hanno un colore verde screziato</font></font></strong><font><font> &nbsp;nella parte superiore e verde o viola in quella inferiore. </font><font>Ma i fiori sono il suo tesoro più grande.</font></font></p>
<p><font><font>Hanno&nbsp; </font></font><strong><font><font>petali grandi e si caratterizzano per la loro varietà cromatica</font></font></strong><font><font> . </font><font>Ce ne sono dal&nbsp; </font></font><strong><font><font>bianco</font></font></strong><font><font> &nbsp;al&nbsp; </font></font><strong><font><font>rosa</font></font></strong><font><font> , al viola e emanano&nbsp; </font></font><strong><font><font>un odore attraente molto gradevole.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Originario dei&nbsp; </font></font><strong><font><font>boschi mediterranei</font></font></strong><font><font> , cresce&nbsp; </font></font><strong><font><font>in inv
suggerimenti Fiori bianchi
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Variedades-de-Remolacha-300×199.jpg”><font><font>Uno dei tuberi radicali più completi dal punto di vista nutrizionale è la barbabietola, originaria della regione costiera del Nord Africa, dell’Europa meridionale e dell’Asia.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Il suo nome scientifico è Beta vulgaris var. </font><font>Conditivo e appartiene alla famiglia delle Quenopodiaceae.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Popolarmente, si chiama barbabietole da tavola, barbabietole, barbabietole da giardino, barbabietole rosse e barbabietole.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Viene utilizzato in insalate, zuppe, creme e persino dessert. </font><font>È molto completo, con varietà di diversi colori: rosa, bianco, </font></font><font><font>giallo</font></font><font><font> , rigato, viola-rossiccio e rosso, anche dorato, oltre a dimensioni altrettanto variabili.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span></span></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Esistono esemplari con dimensioni simili a un piccolo ravanello, o simili a una </font></font><font><font>patata</font></font><font><font> extra large.&nbsp;</font></font><span><font><font>È coltivato da più di 4.000 anni in tutta la regione mediterranea.</font></font></span></div></div><p></p>
<p><span><font><font>Il suo caratteristico sapore dolce e terroso allo stesso tempo, ha conquistato il mondo intero, perché è una fonte molto ricca di saccarosio e che lo rende una materia prima per produrre zucchero raffinato ovunque venga raccolto.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Le sue foglie hanno una grande quantità di vitamina A e le radici sono generosi depositi di vitamina C, tra gli altri nutrienti, come: </font></font><font><font>potassio</font></font><font><font> , sodio, </font></font><font><font>fosforo</font></font><font><font> , calcio, carboidrati, proteine ​​e lipidi.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Le foglie (collo) delle barbabietole sono un’ottima fonte di vitamina A e le radici (bietole) sono una buona fonte di vitamina C.&nbsp; </font></font></span><i><span><font><font>Beta vulgaris var. </font><font>Saccharifera</font></font></span></i><span><font><font> , è il nome della varietà di barbabietola da zucchero.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>C’è una vasta gamma di specie in tutto il mondo. </font><font>Vediamo alcuni dei più noti.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Barbabietole rosse o viola</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/remolacha_roja_1599068160-300×199.jpg”><font><font>Questa specie è la più abbondante, ha un colore rosso vinoso intenso e un sapore semplicemente ottimo dolce-terroso.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Si adatta a un’ampia varietà di piatti in cucina, come insalate, stufati, salse, creme, verdure saltate, tra molte altre opzioni che sono il prodotto della creatività culinaria.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Barbabietola a strisce</font></font></h2>
<p><span><font><font>Chiamate anche Chioggia, queste barbabietole dall’aspetto striato hanno un mix di colori giallo-arancio o sfumature accese con striature che uniscono bianco, crema e rosso.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Si adatta anche a qualsiasi versione culinaria.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Barbabietole dorate</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Variedades-de-Remolacha-Remolachas-doradas-201×300.jpg”><font><font>Sono un po’ meno dolci di tutte le varietà esistenti, ma hanno un sapore più dolce e meno terroso che esalta il sapore dei piatti e decora le insalate con il loro colore arancione brillante che diventa dorato con la cottura. </font></font></span></p>
<p><span><font><font>Non macchia o “sanguina” come la versione rossa o </font></font><font><font>viola</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Non è la specie di barbabietola più commerciale esistente, ma è disponibile tutto l’anno.</font></font></span></p>

<h2><font><font>barbabietole</font></font></h2>
<p><span><font><font>In realtà sono quelle barbabietole che vengono raccolte prima del tempo, prima che finiscano di svilupparsi alla loro dimensione massima.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Sono usati nelle insalate, perché vengono utilizzate anche le loro tenere foglie e steli.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Barbabietola</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Remolacha__1599068291-300×200.jpg”><font><font>Ha la forma di un cono, una rapa e una colorazione biancastra. </font><font>Sono </font></font><font><font>tuberi</font></font><font><font> esclusivi per produrre zucchero su scala commerciale.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Per questo motivo, attualmente, circa il 20% della produzione mondiale di zucchero raffinato deriva da questa varietà. </font><font>Il resto viene dalla canna da zucchero.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In base alla forma della radice esistono anche 3 tipi di barbabietola:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><span><font><font>Radice arrotondata, che cresce leggermente al di sopra del suolo.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Radice appiattita e superficiale.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Radice allungata, il loro raccolto è più tardivo e hanno un peso maggiore.</font></font></span></li>
</ol>

<h2><font><font>Varietà di barbabietole commerciali</font></font></h2>
<p><span><font><font>Esistono altre varietà commerciali, che sono:</font></font></span></p>
<ul>
<li><span><font><font>Globo rosso, che ha una radice globosa.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Rubidus, è rosso dentro e fuori</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Palloncino </font><font>rotondo </font></font><font><font>nero</font></font><font><font> , che è un rosso scuro super pece.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Detroit, ha la sua radice arrotondata.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Piatto d’Egitto.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Cilindra, che ha una radice allungata e viene tagliata a fette.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Cosby, ha la forma di una trottola, semi appiattita.</font></font></span></li>
</ul>

<!– .helpful –>

suggerimenti 6 tipi e varietà di barbabietole più famosi
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti quando si piantano le arachidi:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><strong><font><font>Quando? </font></font></strong><font><font>&nbsp;La semina si effettua in primavera, poco dopo l’ultima gelata.</font></font><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-cacahuetes-289×300.png”></li>
<li><strong><font><font>Dove? </font></font></strong><font><font>&nbsp;Richiede piena esposizione alla luce solare diretta. </font><font>La mezz’ombra o ombra impedisce la fioritura.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Tempo di raccolta</font></font></strong><font><font> ? </font></font><font><font>Circa 4 mesi dopo la semina.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></strong>&nbsp;<strong><font><font>Il substrato</font></font></strong><font><font> deve essere sciolto, fertile, ben drenato e ricco di calcio,</font></font><font><font> fosforo</font></font><font><font> e</font></font><font><font> potassio</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come innaffiamo? </font></font></strong><font><font>Ideale, irrigazione a goccia. </font><font>Nelle prime fasi è necessaria un’irrigazione abbondante e regolare.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come seminiamo? </font></font></strong><font><font>Qui passo dopo passo.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come raccogliamo? </font></font></strong><font><font>&nbsp;Il tempo di raccolta ideale è determinato quando la pianta inizia a seccare e le foglie iniziano a ingiallire.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Associazioni favorevoli? </font></font>&nbsp;</strong><font><font>Cereali,</font></font><font><font> mais</font></font><font><font> ,</font></font><font><font> fagioli</font></font><font><font> ,</font></font><font><font> lenticchie</font></font><font><font> e</font></font><font><font> fagioli</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><strong><font><font>Piaghe e malattie? </font></font></strong><font><font>Ruggine, macchie fogliari, appassimento batterico.</font></font></li>
</ul>
</div></div>
<p><strong><font><font>Indipendentemente dal fatto che tu lo chiami arachidi, andrei, arachidi o arachidi</font></font></strong><font><font> , questo legume della </font></font><strong><font><font>famiglia</font></font></strong><font><font> delle </font><strong><font>Fabaceae</font></strong></font><strong><font><font> è uno dei più divertenti da coltivare.&nbsp;</font></font></strong></p>
<p><font><font>Come sai, è una delle noci più comuni.</font></font></p>
<p><font><font>Ti consigliamo vivamente di provare a piantare arachidi nel tuo giardino, </font></font><strong><font><font>orto urbano o giardino di casa</font></font></strong><font><font> . </font><font>Non te ne pentirai.</font></font></p>
<p><font><font>Inoltre, è molto semplice. </font><font>Se sei interessato a saperne di più su</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;il modo giusto per coltivare le arachidi, continua a leggere.&nbsp;</font></font></span>
</p>
<h2><font><font>Quando dovrebbero essere piantate le arachidi?</font></font></h2>
<span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;La semina delle arachidi si fa in </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> ,&nbsp;</font></font></span><font><font> poco dopo l’ultimo gelo.</font></font><p></p>
<h2><font><font>Dove piantare le arachidi?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/como-sembrar-cacahuetes-300×200.jpg”><font><font>L’arachide è una coltura a </font></font><font><font>clima</font></font><font><font> caldo, </font></font><strong><font><font>abbastanza sensibile al gelo, ma tollerante alle temperature temperate.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Richiede </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;piena esposizione alla luce solare diretta.&nbsp;</font></font></span><font><font> La semiombra o ombra impedisce la fioritura.</font></font></p>
<p><font><font>Le temperature ottimali sono comprese tra </font></font><strong><font><font>20 e 30 ºC.</font></font></strong></p>
<h2><font><font>Ogni quanto bisogna annaffiare l’arachide?</font></font></h2>
<p><font><font>Sono necessarie </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;innaffiature abbondanti e regolari durante le prime fasi.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><font><font>Va fatto a filo in modo da </font></font><strong><font><font>mantenere umido il terreno</font></font></strong><font><font> , senza causare ristagni d’acqua. </font><font>Durante </font></font><strong><font><font>il periodo di fioritura, l’ </font></font></strong><font><strong><font>irrigazione</font></strong><font> dovrebbe essere </font></font><strong><font><font>ridotta o sospesa per non danneggiare l’impollinazione.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Deve essere </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;acqua evitando di toccare le foglie,&nbsp;</font></font></span><font><font>poiché </font></font><strong><font><font>non tollerano l’eccessiva umidità.</font></font></strong></p>

<p><strong><font><font>Le piogge frequenti</font></font></strong><font><font> sono generalmente benefiche, </font></font><strong><font><font>purché non siano presenti quando i baccelli si</font></font></strong><font><font> stanno sviluppando o maturando.</font></font></p>
<p><font><font>Per questo motivo è conveniente </font></font><strong><font><font>seminare le arachidi in terreno asciutto durante la stagione delle piogge</font></font></strong><font><font> o, in mancanza, in </font></font><strong><font><font>terreni</font></font></strong><font><font> ben </font><strong><font>drenati che consentano un’irrigazione costante</font></strong><font> durante la stagione secca.</font></font></p>
<p><font><font>Assicurati che l’area che hai scelto non sia soggetta a inondazioni, perché se il terreno diventa troppo acquoso, può verificarsi la putrefazione.</font></font></p>
<p><strong><font><font>Smettono di annaffiare una settimana prima del raccolto.</font></font></strong></p>
<h2><font><font>Come prepariamo il terreno?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/plantas-de-cacahuete-300×200.jpg”><strong><font><font>Il substrato</font></font></strong><font><font> deve essere sciolto, fertile, ben drenato e ricco di calcio, fosforo e potassio.</font></font></p>
<span class=”su-highlight”>&nbsp;<font><font>Il pH</font></font><font><font> deve essere superiore a 7,0&nbsp;</font></font></span>
<p><strong><font><font>La coltivazione delle arachidi</font></font></strong><font><font> estrae </font></font><strong><font><font>un’enorme quantità di nutrienti,</font></font></strong><font><font> quindi è </font></font><strong><font><font>necessario concimare </font></font><font><font>il terreno</font></font><font><font> e alternare con altre colture,</font></font></strong><font><font> prima di ripiantare le arachidi nella stessa area. </font><font>Si consiglia di </font></font><strong><font><font>attendere almeno 3 anni prima di ripeterlo.</font></font></strong></p>
<p><strong><font><font>In generale, i </font></font><font><font>terreni sabbiosi-umidi</font></font></strong><font><font> sono i migliori per questa coltura.</font></font></p>
<p><strong><font></font></strong><font><font>Possono essere </font></font><strong><font><font>adatti </font></font></strong><font><strong><font>terreni fertili e sabbiosi </font></strong><strong><font>e </font></strong><strong><font>terreni </font></strong><strong><font>colorati</font></strong><font> , se poco argillosi e ben preparati.</font></font></p>
<p><font><font>I terreni molto acidi e che conservano troppa umidità sono sconsigliati.</font></font></p>
<h2><font><font>Quali sono le associazioni più favorevoli alla coltivazione delle arachidi?</font></font></h2>
<p><font><font>È un buon precedente per </font></font><strong><font><font>le colture di cereali, mais e fagioli.</font></font></strong></p>
<p><strong><font><font>L'</font></font></strong><font><font> associazione più favorevole è </font></font><strong><font><font>con il mais.</font></font></strong></p>

<h2><font><font>Come seminare le arachidi passo dopo passo</font></font></h2>
<div class=”su-divider su-divider-style-dashed”></div>
<h3><font><font>Passaggio 1: pulire il terreno</font></font></h3>
<p><strong><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/ilustracion_bambu_01-300×300.png”><font><font>Si </font></font><font><font>toglie le erbacce</font></font><font><font> e vecchi residui delle colture</font></font></strong><font><font> e tutti i tipi di residui per garantire che </font></font><strong><font><font>le vostre noccioline ricevano la giusta quantità di nutrienti.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Tutte le piante </font></font><strong><font><font>devono essere estratte dalle radici</font></font></strong><font><font> per evitare che ricrescano.</font></font></p>
<p><strong><font><font>Rimuovere il terreno con un rastrello in modo che sia ben ventilato.</font></font></strong></p>
<p><strong><font><font>Si consiglia di dare al terreno un aratro</font></font></strong><font><font> profondo durante l’ </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> , da </font></font><strong><font><font>20 a 25 centimetri di profondità.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Più tardi, in primavera dovrebbe essere fatto un altro aratro, questo più superficiale.</font></font></p>
<div class=”su-divider su-divider-style-dashed”></div>
<h3><font><font>Passaggio 2: preparare il terreno</font></font></h3>
<p><font><font>Inumidisci il terreno prima della semina, </font></font><strong><font><font>questo ridurrà il rischio di espellere i semi</font></font></strong><font><font> a causa della forza dell’acqua.</font></font></p>
<p><font><font>Fertilizzare il terreno. </font><font>Mescola </font></font><strong><font><font>i fertilizzanti a una profondità di 2 pollici.</font></font></strong></p>
<div class=”su-divider su-divider-style-dashed”></div>
<h3><font><font>Step3: Metti i semi nel terreno</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/ilustracion_bambu_05-300×300.png”><font><font>Si consiglia di </font><font>acquistare </font></font><strong><font><font>i semi nei</font></font></strong><font><font> negozi di giardinaggio. </font><font>Questi non devono essere tostati.</font></font></p>
<p><font><font>Durante la semina, le </font></font><strong><font><font>trincee vengono formate con una distanza di almeno 60 cm l’una dall’altra</font></font></strong><font><font> . </font><font>In ogni fossa verranno realizzati cumuli di </font></font><strong><font><font>terra distanziati di 40 centimetri l’uno dall’altro</font></font></strong><font><font> , e in ogni cumulo verranno </font></font><strong><font><font>piantati 2-3 semi</font></font></strong><font><font> ad una </font></font><strong><font><font>profondità compresa tra 3 e 5 cm</font></font></strong><font><font> . </font><font>Quando hai finito, coprili leggermente.</font></font></p>
<p><font><font>Una volta piantato, </font></font><strong><font><font>innaffia abbondantemente il terreno.</font></font></strong></p>
<div class=”su-divider su-divider-style-dashed”></div>

<h3><font><font>Passaggio 4: seleziona le piantine più sane e più forti</font></font></h3>
<p><strong><font><font>I semi germoglieranno dopo 8 giorni. </font></font></strong><font><font>Se più di un </font></font><strong><font><font>seme</font></font></strong><font><font> è germogliato </font><strong><font>in ogni buca,</font></strong><font> mantieni il più forte. </font><font>Per fare questo, non tirare i deboli, </font></font><strong><font><font>poiché puoi danneggiare le foglie. </font></font></strong><font><font>È sufficiente una semplice potatura a livello del suolo.</font></font></p>
<div class=”su-divider su-divider-style-dashed”></div>
<h3><font><font>Passaggio 5: altre cure</font></font></h3>
<p><font><font>Dopo un po’ </font></font><strong><font><font>i fiori</font></font></strong><font><font> della pianta vengono interrati, poiché è così che </font></font><strong><font><font>si formano le arachidi sottoterra</font></font></strong><font><font> , quindi è importante che il terreno vicino a queste </font></font><strong><font><font>piante sia</font></font></strong><font><font> sempre il più sciolto possibile.</font></font></p>
<p><font><font>È importante evitare di toccare i fiori, poiché cadono facilmente e questo danneggia il raccolto.</font></font></p>
<div class=”su-divider su-divider-style-dashed”></div>

<h2><font><font>Come raccogliere le arachidi?</font></font></h2>
<p><strong><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/plantar-cacahuetes-300×200.jpg”><font><font>La raccolta avviene in </font></font><font><font>autunno</font></font></strong><font><font> ,</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;circa 4 mesi dopo la semina.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><strong><font><font>Il tempo di raccolta ideale è determinato</font></font></strong><font><font> quando </font></font><strong><font><font>la pianta inizia a seccare</font></font></strong><font><font> e le foglie iniziano a ingiallire. </font><font>A quel punto </font></font><strong><font><font>si saranno staccati internamente dalla guaina</font></font></strong><font><font> e la loro testa potrà staccarsi facilmente.</font></font></p>
<p><strong><font><font>Si consiglia di estrarre con cura l’intera pianta</font></font></strong><font><font> e lasciarla </font></font><strong><font><font>asciugare al sole per un paio di giorni.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Una volta che i baccelli sono completamente asciutti vengono trebbiati a mano. </font><font>I semi maturi dovrebbero essere di colore rosa o rosso.</font></font></p>
<p><font><font>Bisogna tenere presente che l’arachide è presente in </font></font><strong><font><font>agricoltura</font></font></strong><font><font> da moltissimi anni perché utilizzata in innumerevoli ricette culinarie.</font></font></p>
<h2><font><font>Parassiti e malattie delle arachidi</font></font></h2>
<p><strong>&nbsp;</strong><font><font>arachidi </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;è una pianta molto </font></font><font><font>resistente</font></font><font><font> ai parassiti.&nbsp;</font></font></span><font><font>Alcune delle </font></font><strong><font><font>malattie</font></font></strong><font><font> che più spesso ti colpiscono sono:</font></font></p>
<h3><font><font>Appassimento batterico (Pesudomonas solanacearum)</font></font></h3>
<p><font><font>Le foglie </font></font><strong><font><font>appassiscono rapidamente e finiscono per morire.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Si raccomanda di prevenire l’ </font></font><strong><font><font>uso di varietà resistenti</font></font></strong><font><font> e di effettuare una </font></font><font><font>rotazione</font></font><font><font> delle </font></font><strong><font><font>colture a ciclo lungo con piante</font></font></strong><font><font> che non </font></font><strong><font><font>saranno ospiti.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Se il </font></font><strong><font><font>terreno è infetto e appassisce</font></font></strong><font><font> , le </font></font><strong><font><font>arachidi</font></font></strong><font><font> non dovrebbero essere </font><strong><font>piantate per 6 anni o più</font></strong><font> .</font></font></p>

<h3><font><font>Macchia fogliare (Cercospora personata)</font></font></h3>
<p><font><font>Si verifica nei </font></font><strong><font><font>periodi più umidi.</font></font></strong></p>
<p><font><font>È meglio installare </font></font><strong><font><font>un sistema di irrigazione a goccia</font></font></strong><font><font> e applicare l’ </font></font><strong><font><font>equiseto per la</font></font><font><font> prevenzione.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Funziona anche per eliminare </font></font><strong><font><font>erbacce e detriti colturali</font></font></strong><font><font> e favorire la </font></font><strong><font><font>ventilazione del raccolto.</font></font></strong></p>
<h3><font><font>Ruggine (Puccinia arachidis)</font></font></h3>
<p><font><font>Attacca la </font></font><strong><font><font>parte aerea della pianta</font></font></strong><font><font> , principalmente </font></font><strong><font><font>foglie e fusti,</font></font></strong><font><font> dove compaiono </font></font><strong><font><font>masse farinose rosse o arancioni.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Il trattamento </font></font><strong><font><font>consigliato è a </font></font><font><font>base di equiseto</font></font></strong></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Come piantare le arachidi nel tuo giardino
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/kiwi_1603533528-300×190.jpg?is-pending-load=1″><font><font>Il kiwi è </font></font></span><b><font><font>una pianta rampicante che produce uno dei frutti più squisiti commercializzati in tutto il mondo.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Con una polpa morbida e dolce, questo frutto dal clima subtropicale sta diventando sempre più popolare.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Conoscere tutti gli aspetti epidemiologici che ruotano intorno al tuo ambiente ti aiuterà a godere di produzioni sempre più numerose e di qualità superiore.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Quindi, è un buon piano che ti piacciano informazioni di prima mano su questo argomento ed è proprio quello che ti forniamo di seguito.</font></font></span></p>

<h2><font><font>muffa grigia</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Plagas-y-enfermedades-del-kiwi-Cancer-bacteriano-225×300.jpg?is-pending-load=1″><font><font>La muffa grigia, marciume grigio o botrytis è una malattia molto comune nel kiwi, la cui origine è conferita dalla presenza di un fungo della famiglia delle botrytis.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Sebbene la </font></font></span><b><font><font>sua azione più comune avvenga dopo la raccolta </font></font></b><span><font><font>, se le condizioni ambientali sono favorevoli, può attaccare anche la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In alcuni rari casi, l’azione dannosa del fungo può manifestarsi sui </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Tra le condizioni favorevoli alla riproduzione vi </font></font></span><b><font><font>sono le alte temperature e l’umidità costante dell’ambiente.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Per rilevare se un raccolto è stato interessato, bisogna osservare la struttura del </font></font><font><font>frutto</font></font><font><font> , che di solito mostra delle macchie e una consistenza molto morbida.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Nei casi più avanzati, il fungo è perfettamente visibile all’occhio umano, presentandosi come </font></font></span><b><font><font>una specie di cotone </font></font><font><font>all’esterno</font></font><font><font> del frutto.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>La prevenzione di questa malattia passerà mantenendo la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> in una zona ventilata, non concimando con sostanze in decomposizione e avendo cura dell’umidità.&nbsp;</font></font></span><b><font><font>L’uso di sostanze chimiche botricide è inoltre altamente raccomandato durante le fasi di fioritura e prima del raccolto.</font></font></b></p>

<h2><font><font>Marciume del collo</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Podredumbre-de-cuello-300×200.jpg?is-pending-load=1″><font><font>Conosciuto anche come marciume radicale e della corona, </font></font></span><b><font><font>è una malattia causata da funghi che si depositano nella parte inferiore delle piante.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Il suo ambiente ideale per vivere è carico di umidità, motivo per cui si manifesta solitamente in zone con pozzanghere e scarso drenaggio.</font></font></span></p>
<p><b><font><font>L’azione del fungo può rimanere a riposo per anni in certi tipi di terreno </font></font></b><span><font><font>, manifestandosi quando le condizioni sono opportune.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Questo soprattutto dopo un lungo periodo di pioggia che potrebbe innescare un focolaio complesso capace di portare la pianta alla morte in breve tempo.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In casi non così aggressivi, ciò che tende a succedere è che i frutti siano piccoli e che maturino molto prima di quanto dovrebbero.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Per rilevare se la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> è interessata, è meglio </font></font></span><b><font><font>raschiare parte della corteccia dal tronco e valutare lo stato interno.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Nel caso questa sia la malattia, quello che si osserverà è un colore bruno rossastro, invece del bianco tipico delle piante sane.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>I danni saranno evitati applicando </font></font><font><font>fungicidi</font></font><font><font> preventivi all’inizio della </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> , poiché dopo la comparsa della malattia è molto difficile da sradicare.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Cancro batterico</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/kiwi_amarillo_1603534087-300×225.jpg?is-pending-load=1″><font><font>Sebbene il cancro batterico non sia così comune nelle piantagioni di kiwi, presenta un sistema di lavoro super aggressivo.</font></font></span></p>
<p><b><font><font>La malattia è prodotta da diversi tipi di batteri, essendo in grado di attaccare sia i kiwi gialli che quelli verdi.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Un altro dettaglio importante è che di solito si manifesta più frequentemente nelle piante giovani, nei bambini di età inferiore ai 6 anni.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Tra le cause frequenti che accompagnano l’attacco di questa malattia ci sono:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><span><font><font>Piante che vengono sottoposte a concimazioni con alti livelli di </font></font><font><font>azoto</font></font><font><font> e calcio. </font><font>Così come i fertilizzanti organici come il </font></font><font><font>guano</font></font><font><font> .</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Piantagioni che vengono effettuate in terreni poco redditizi per le caratteristiche richieste dal kiwi, come un buon drenaggio o poveri di nutrienti.</font></font></span></li>
</ol>
<p><span><font><font>Quando si tratta di rilevare se una coltura viene attaccata da un cancro batterico, sarà possibile notare sintomi come </font></font></span><b><font><font>essudazioni </font></font><font><font>arancioni</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font></b><span><font><font>Solitamente compaiono anche danni alla corteccia del tronco e dei rami, che si manifestano in colorazioni marroni o nere facilmente rilevabili.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Le </font></font></span><b><font><font>macchie necrotiche sulle foglie </font></font></b><span><font><font>anche presto appaiono e questo porterà circa </font><font>un focolai goccia dopo eventualmente influenzare il resto della pianta.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>I trattamenti includeranno la </font></font></span><b><font><font>potatura delle </font></font><font><font>parti</font></font><font><font> colpite </font></font></b><span><font><font>, l’isolamento delle piante malate e la combustione dei tessuti infetti come ultima risorsa.</font></font></span></p>

<h2><font><font>ragno rosso</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Qué-plagas-y-enfermedades-atacan-a-la-zahareña-Araña-roja-300×225.jpg?is-pending-load=1″><font><font>Il </font></font><font><font>ragno rosso</font></font> </span><b><font><font> è un parassita che consuma la linfa delle piante </font></font></b><span><font><font>, riducendone la vitalità ed è possibile che nel kiwi trovi una buona dimora.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>La sua azione avviene sul dorso delle foglie e dopo l’aspirazione, </font></font></span><b><font><font>i punti in cui viene praticata l’incisione diventano giallastri.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Questo diventa un ambiente ideale per attaccare la malattia nota come necrosi.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Se rilevato in anticipo, l’acaro del ragno non porterà alla perdita del raccolto. </font><font>Tuttavia, quando il suo attacco si diffonde, la pianta può morire.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>La buona notizia è che alcuni </font></font></span><b><font><font>prodotti naturali, come il liquame di ortica, possono aiutare a eliminare il parassita senza causare danni al raccolto.</font></font></b></p>

<h2><font><font>Tarme della frutta</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Plagas-y-enfermedades-del-kiwi-Polillas-de-la-fruta-245×300.jpg?is-pending-load=1″><font><font>Nel mondo esistono molti tipi di falene e quelle del frutto sono considerate un parassita quando diventano capaci di attaccare abbondantemente le colture.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ci sono diversi tipi, il che rende facile riconoscere il tipo di frutta per cui hai una predilezione. </font></font></span><b><font><font>La sua forma è come una piccola farfalla </font></font></b><span><font><font>.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Alcune tarme della frutta si nutrono dei buchi che praticano nei frutti stessi, ad esempio nel caso delle mele.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In altri casi, la loro dieta si basa su bottoni e fiori, causando un’alterazione del processo di fruttificazione.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Il problema più grande che ha la falena adulta è che </font></font></span><b><font><font>ha la capacità di spostarsi da un luogo all’altro volando, il che potrebbe interessare un’intera piantagione </font></font></b><span><font><font>.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Per evitare la sua comparsa è molto importante che le piante siano ben nutrite, applicando le concimazioni che corrispondono a ogni caso.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Inoltre, una potatura ben pianificata ed eseguita è l’ideale per mantenere la buona salute degli alberi da frutto di ogni tipo.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Nel caso sia necessario un trattamento correttivo, esistono prodotti specializzati che colpiscono le tarme in diverse zone del corpo.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>La sua corretta applicazione aiuterà ad eliminare ogni traccia ea continuare con un raccolto abbondante e di qualità.</font></font></span></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Parassiti e malattie del kiwi
<h2><font><font>Varietà di melanzane in forma rotonda</font></font></h2>
<h3><font><font>Tondo nero</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Variedades-de-berenjenas-en-forma-redonda-Redonda-negra-1-300×199.jpg”><font><font>Di origine asiatica, </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> alta 1,30 m, di colore viola scuro. </font><font>Melanzane grandi, possono raggiungere i 600 grammi, </font></font><font><font>frutto</font></font><font><font> di carni bianche dal buon sapore.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>È rotondo e leggermente ovale, molto produttivo. </font><font>Ridurre il colesterolo. </font><font>Ha proprietà diuretiche e antitumorali. </font><font>Ideale da mangiare alla griglia o fritta con parmigiano.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Bianco rotondo White</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Redonda-blanca-300×225.jpg”><font><font>Di colore bianco brillante, nasce da una pianta vigorosa adattata a vari ambienti climatici. </font><font>Come la melanzana tonda </font></font><font><font>nera</font></font><font><font> , è molto produttiva, ma densa.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Polpa dal sapore delicato, pochi </font></font><font><font>semi</font></font><font><font> . </font><font>Come il precedente, può essere utilizzato alla griglia o fritto nel parmigiano.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Sabelle RZ F1</font></font></h3>
<p><span><font><font>Di colore violaceo, di buon sapore, a portamento aperto con internodi corti, brillante, con polpa densa, produce frutti uniformi, chioma di media grandezza e poche spine. </font><font>Ha ottime caratteristiche di sapore, consistenza, odore, colore e temperatura.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Bellezza nera</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Belleza-negra-Black-Beauty-300×169.jpg”><font><font>Varietà greca, di colore </font></font><font><font>violaceo</font></font><font><font> , di buona produzione, apprezzata per la sua rapida maturazione. </font><font>Resistente e facile da coltivare. </font><font>Cresce bene in serra o in luoghi caldi.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Melanzana </font></font><font><font>aromatica</font></font><font><font> , medio-tardiva, di forma tonda e ovale. </font><font>Ha buccia lucida, pochi semi e polpa leggermente amara.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Giro comune di Firenze</font></font></h3>
<p><span><font><font>Colore porpora chiaro, con sfumature bianche intorno al calice, polpa tenera, bianca, dal sapore morbido, compatto e leggermente acido, con pochi </font></font><font><font>semi</font></font><font><font> . </font><font>Crescono nella </font><font>stagione </font></font><font><font>calda</font></font><font><font> . </font><font>Il freddo li danneggia.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Bianca di rosa</font></font></h3>
<p><span><font><font>Buccia bianca liscia con polpa rosa, dura, pochi semi. </font><font>Questa varietà precoce a ciclo medio cresce ad alte temperature ed è ideale in molte forme di arte culinaria. </font><font>Una vera delizia.</font></font></span></p>
<h3><font><font>prospero</font></font></h3>
<p><span><font><font>Di taglia media, dal colore viola chiaro intenso, se non sono maturi o hanno superato la maturità, il loro sapore diventa amaro. </font><font>Ha una corona nera con una specie di colletto bianco. </font><font>Rotondo leggermente ovale. </font><font>Polpa bianca.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Varietà di melanzane di Murcia</font></font></h2>
<h3><font><font>Viola chiaro</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/berenjena_1597779730-300×199.jpg”><font><font>Proviene dalla società sefardita che viveva in molti quartieri ebraici di Murcia. </font><font>Ha origine da una pianta molto </font></font><font><font>resistente</font></font><font><font> , con foglie e tronco spinosi. </font><font>È uno dei piatti preferiti della cucina di Murcia.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Molto versatile, si mangia fritta, in insalata di </font></font><font><font>melanzane</font></font><font><font> arrosto (almodrote) e su un piatto con </font><font>fritto di </font></font><font><font>pomodori</font></font><font><font> e </font></font><font><font>peperoni</font></font><font><font> verdi.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Baffa</font></font></h3>
<p><span><font><font>Nero lucido. </font><font>Nasce da una pianta vigorosa, fieramente eretta. </font><font>Melanzana tondo-ovale, spessa, che può raggiungere i 500 grammi.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Serve alle vie urinarie, ai reni e al fegato.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>La sua consistenza lo rende ideale per la cucina dove può essere consumato fritto, alla griglia o farcito con prosciutto e formaggio.&nbsp;</font></font></span></p>

<h2><font><font>Varietà di melanzane in forma ovale</font></font></h2>
<h3><font><font>Jersey King</font></font></h3>
<p><span><font><font>Dalla superficie liscia e dalla buccia viola scuro, è una varietà di melanzana ovale dalle dimensioni notevoli. </font><font>Adatto a colture in pieno campo e in serra, è ampiamente coltivato per garantire livelli produttivi ottimali.</font></font></span></p>
<h3><font><font>La mostruosa New York</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Variedades-de-berenjenas-en-forma-ovalada-Monstruosa-de-Nueva-York-1-300×200.jpg”><font><font>Melanzana grande, dalla Grande Mela, da cui prende il nome. </font><font>Verdure della </font></font><font><font>famiglia</font></font><font><font> della </font><font>belladonna,</font><font> quindi sono amanti del calore.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Per una produzione ottimale si consiglia intorno ai 20º centigradi. </font><font>Il suo colore varia dal bianco al bianco-violaceo.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Ovale bianco</font></font></h3>
<p><span><font><font>Viene dalla zona di Bages, in Catalogna, è una varietà di frutta e verdura che tende a scomparire dal mercato e rimane per l’ </font></font><font><font>orto di</font></font><font><font> famiglia, anche se sta cercando di salvarla.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>La sua pianta è vigorosa e risponde a una varietà di ambienti climatici.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ha ottime proprietà organolettiche e nutrizionali.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Crosta bianca e brillante, priva di pigmenti vegetali.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Polpa dura con pochi </font></font><font><font>semi</font></font><font><font> .</font></font></span></p>
<h3><font><font>Galine</font></font></h3>
<p><span><font><font>Melanzana ad alto rendimento, precoce, ovale allungata, buona germinabilità. </font><font>Colore viola brillante, con polpa dal sapore gradevole. </font><font>La pianta compatta facilita la raccolta. </font><font>Può essere seminato in piano o in tunnel.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Varietà di melanzane in forma allungata</font></font></h2>
<h3><font><font>Viola palermitano lungo</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Variedades-de-berenjenas-en-forma-alargada-Violeta-larga-palermitana-1-300×200.jpg”><font><font>Melanzana grossa, piuttosto allungata e claviforme. </font><font>Guscio viola scuro, molto </font></font><font><font>suggestivo</font></font><font><font> . </font><font>Ha una polpa carnosa, bianco-verdastra, dal sapore delicato con un tocco piccante.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Questo lo differenzia in cucina da molte altre specie. </font><font>Buono per i primi piatti.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Viola di Napoli</font></font></h3>
<p><span><font><font>Melanzane di grandi dimensioni e di forma allungata e claviformi (a forma di mazza, manganello o clava) con buccia viola scuro. </font><font>Polpa dal sapore forte e piccante.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Melanzane nere lunghe</font></font></h3>
<p><span><font><font>È uno dei più grandi. </font><font>Può essere di 25 centimetri. </font><font>Il suo colore è viola intenso. </font><font>Si semina in mesi diversi a seconda di dove si trova.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Da gennaio a marzo in clima mediterraneo, da marzo ad aprile in clima continentale, e in semenzaio da gennaio a marzo.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Violetta nana precoce</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Violeta-enana-precoz-300×201.jpg”><font><font>Come indica il nome, la pianta produce frutti molto precoci e ha una forma arrotondata all’apice.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Più piccola delle altre della sua famiglia, la viola di Napoli e la lunga palermitana.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ha la buccia lucida, è di colore viola, non ha una superficie liscia ed è piatta alle estremità.</font></font></span></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti I 4 tipi e varietà più famosi di melanzane
<p><span><font><font>La </font></font></span><b><font><font>palma da</font></font><font><font> soggiorno o </font></font></b><b><i><font><font>Chamedorea elegans</font></font></i></b><span><font><font> è </font></font><strong><font><font>la pianta ideale per decorare l’interno della casa</font></font></strong><font><font> , ma può essere anche messa in veranda, negli angoli, nel patio o in giardino.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Viene dall’America centrale, può raggiungere un’altezza di due metri in vaso, le sue foglie sono composte, di colore verde scuro, ed è una pianta che può avere fiori maschili e femminili.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Può essere messo in vaso in modo permanente, ma questo vaso dovrebbe essere di circa due centimetri quadrati più largo della pianta.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;&nbsp;<p></p>

<h2><font><font>Caratteristiche della </font></font><font><font>palma</font></font><font><font> del </font><font>soggiorno</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cómo-hacer-crecer-una-palmera-de-salón-300×231.jpg”><span><strong><font><font>Nome botanico</font></font></strong></span><font><font> :</font></font><b><i><font><font> Chamedorea elegans.</font></font></i></b></li>
<li><span><strong><font><font>Nome comune</font></font></strong></span><font><font> : Palma.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Tipo di pianta</font></font></strong></span><font><font> :</font><font>legnosa</font></font><strong><font><font> perenne</font></font></strong><font><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Dimensione matura</font></font></strong></span><font><font> : varia, da una pianta molto piccola a un grande</font></font><font><font> albero</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Esposizione al sole</font></font></strong></span><font><font> : luce intensa e indiretta.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Tipo di terreno</font></font></strong><font><font> : Terreno umido, sciolto e poroso.</font></font></li>
<li><strong><font><font>pH del suolo</font></font></strong><font><font> : da leggermente acido a neutro.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Epoca di fioritura</font></font></strong></span><font><font> : tutto l’anno (anche se difficile</font></font><font><font> indoor</font></font><font><font> ).</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Area natale: In</font></font></strong></span><font><font> tutto il mondo; </font><font>Il Sud America, i Caraibi e le aree del Pacifico meridionale e dell’Asia meridionale sono regioni di concentrazione.</font></font></li></ul></div></div>

<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;&nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Temperatura: quali esigenze ha il palmo del soggiorno?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/riegos-de-la-palmera-de-salón-200×300.jpg”><font><font>Può resistere a temperature di tre o quattro gradi sotto zero, ma per poco tempo, non in modo permanente, perché non teme il gelo, quindi in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> deve essere molto riparata.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Non resistendo al freddo, il suo ambiente ideale è il clima mediterraneo dove può vivere all’aperto.</font></font></span></p>
<h2><font><font>Luz: Dove piantare una palma da soggiorno?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Se è all’interno della casa, dovrebbe essere posizionato in un luogo dove ha abbastanza luce, anche se non troppo intensa perché può bruciare.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Per questo stesso motivo non va esposto al sole diretto; </font><font>cioè, deve essere in ombra o mezz’ombra.</font></font></span></p>
<h2><font><font>Substrato e compost. </font><font>Come prepariamo il terreno?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Il terreno o </font></font><strong><font><font>substrato</font></font></strong><font><font> deve essere fertile, il fertilizzante ideale è specifico per le palme.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Se la </font></font><font><font>pianta si</font></font><font><font> trova in un clima caldo dove non ci sono gelate, il compost va messo tra i mesi di marzo e ottobre, ma anche a novembre.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In </font></font><font><font>estate</font></font><font><font> , il compost dovrebbe essere posizionato ogni quindici giorni con un fertilizzante composto o utilizzare il compost per piante da interno verdi.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Bisogna fare attenzione con il fertilizzante da usare perché l’eccesso di questo brucia le punte delle foglie di palma.</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;&nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Irrigazione: come e con che frequenza annaffiamo?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cuidados-de-la-palmera-de-salón-200×300.jpg”><font><font>La palma da interni se la cava molto bene con l’ambiente umido, sebbene si adatti anche all’aria secca.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Pertanto, non dovrebbe mancare una moderata umidità, soprattutto in estate e in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> , soprattutto quando andremo a cambiare il vaso, anche se questo accadrà molto poco perché la palma del soggiorno può avere lo stesso vaso per tutta la vita.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>La pianta va annaffiata tre volte a settimana in estate e ogni due settimane in inverno.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Non dobbiamo lasciare che la terra si prosciughi; </font><font>in quel caso bisogna annaffiare, e d’estate conviene spruzzare tutti i giorni con acqua.</font></font></span></p>
<h2><font><font>fertilizzanti</font></font></h2>
<p><font><font>Fertilizzare il palmo regolarmente durante la stagione di crescita.</font></font></p>
<p><font><font>Se possibile, usa un fertilizzante specifico per palme, che contenga tutti i micronutrienti e in più </font></font><font><font>potassio</font></font><font><font> e manganese. </font><font>La carenza di potassio è particolarmente comune nelle palme, manifestandosi in foglie giallastre o marroni.</font></font></p>
<h2><font><font>Parassiti e malattie della palma da salotto</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cómo-sembrar-palmera-de-salón-paso-a-paso-300×225.jpg”><font><font>Gli acari di ragno sono il parassita più comune che può attaccare le palme da salotto. </font><font>Mantenere alto il livello di umidità nell’aria intorno alla pianta la aiuterà a difendersi dagli acari e gioverà anche alla pianta.</font></font></p>
<p><font><font>Anche le cocciniglie e le cocciniglie possono essere un problema, ma sono molto meno comuni.</font></font></p>
<p><font><font>Se scopri che la tua palma da salotto ha le </font></font><strong><font><font>cimici dei letti</font></font></strong><font><font> , inizia immediatamente il trattamento. </font><font>Non utilizzare pesticidi chimici sui parassiti delle piante da interno, oltre a non essere molto efficaci possono causare problemi di salute sia all’uomo che agli animali domestici.</font></font></p>
<p><span><font><font>Si consiglia di utilizzare </font></font><strong><font><font>olio di neem biologico</font></font></strong><font><font> , che è un pesticida naturale. </font><font>Mi piace anche usare una miscela di un cucchiaino di sapone liquido delicato per bambini del Dr. Bronner per ogni litro d’acqua per aiutare a controllare le creature.</font></font></span></p>
<p><strong><font><font>Anche il sapone insetticida o l’olio vegetale</font></font></strong><font><font> funzionano molto bene. </font><font>Scopri di più su come sbarazzarti degli insetti delle piante d’appartamento qui.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;&nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Problemi comuni nei palmi del soggiorno</font></font></h2>
<p><font><font>Uno dei problemi più comuni che hanno le palme da salotto sono le foglie e le punte marroni.</font></font></p>
<p><font><font>Perché le punte delle foglie diventano marroni? </font><font>Ecco alcune cause comuni…</font></font></p>
<ol>
<li><font><font>La mancanza di acqua.</font></font></li>
<li><font><font>Uso eccessivo di fertilizzanti chimici.</font></font></li>
<li><font><font>Acari di ragno.</font></font></li>
</ol>
<p><font><font>Se hai il palmo del tuo salotto da molto tempo e non hai usato fertilizzanti chimici su di esso, guarda attentamente per vedere se ha acari di ragno. </font><font>Se è pulito, controlla il terreno e assicurati che non sia troppo secco.</font></font></p>
<p><font><font>Per rendere belli i palmi delle mani del tuo salone, taglia le punte marroni.</font></font></p>
<h2><font><font>I vantaggi di avere le palme in casa</font></font></h2>
<p><font><font>Le palme sono ottime piante d’appartamento perché sono molto tolleranti nel ricevere poche attenzioni, ma cresceranno meglio se ricevono cure adeguate.</font></font></p>
<p><font><font>Queste piante d’appartamento di facile manutenzione sono perfette per la maggior parte dei proprietari di casa perché non amano molta luce e si adatteranno facilmente alla coltivazione indoor.</font></font></p>
<p><font><font>Inoltre, le piante di palma aiutano a </font></font><font><font>pulire</font></font><font><font> l’aria nelle nostre case, che è un altro dei loro meravigliosi benefici.</font></font></p>
<p><font><font>Le piante d’appartamento possono vivere per molti anni se curate adeguatamente, e alcune varietà di palma possono crescere in enormi palme da contenitore all’interno.</font></font></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Coltivare Palmera de Salón
<p><strong><em><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/amarilys_1583850837-300×300.jpg”><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Amarilys o Hyppeastrump,&nbsp;</font></font></span> </em></strong><font><font>È una pianta dai fiori grandi e bulbosi, con più di 60 specie e originaria del continente americano. </font><font>Lo possiamo trovare su qualsiasi isola caraibica e anche in Argentina e Cile, nella parte più sudamericana.</font></font></p>
<p><font><font>Si trova anche nell’Africa meridionale ed è conosciuta come la </font></font><em><font><font>signora nuda.</font></font></em></p>
<p><font><font>È durevole o </font></font><strong><font><font>perenne</font></font></strong><font><font> , un grande vantaggio se vogliamo riempire di colore i nostri </font></font><strong><font><font>spazi interni di casa</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Misura tra i 40 ei 50 cm di altezza, anche se esiste una varietà nana che dà vita solo a quattro </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> per stelo.</font></font></p>
<p><font><font>I suoi grandi, imponenti fiori a forma di tromba vantano sei petali e stami sorprendenti. </font><font>Mentre le sue foglie verdi, di tipo nastrato, sono strette e appiattite.</font></font></p>
<p><font><font>Hanno colori estremamente belli.</font></font></p>
<p><font><font>Ci sono varietà con </font></font><font><font>fiori gialli</font></font><font><font> , rossi, rosa, arancioni, </font></font><strong><font><font>bianchi</font></font></strong><font><font> e anche bicolori, che compaiono davanti ai loro estimatori con l’arrivo </font></font><font><font>dell’inverno</font></font><font><font> , continuando lo spettacolo fino alla fine della primavera.</font></font></p>
<p><font><font>Appaiono da tre a sette foglie molto resistenti con una dimensione media che varia da 10 a 60 cm di lunghezza e circa 5 cm di larghezza.</font></font></p>

<p><font><font>Una raccomandazione fondamentale è quella di prendersene cura dagli attacchi dei parassiti, perché è molto incline ad attirare </font></font><strong><em><font><font>bruchi</font></font><font><font> , </font></font><font><font>lumache</font></font><font><font> e chiocciole</font></font></em></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Spruzzali immediatamente con un insetticida naturale ( </font></font><strong><font><font>olio di neem</font></font></strong><font><font> o </font></font><strong><font><font>sapone di potassio</font></font></strong><font><font> ) non appena noti la presenza di questi inquilini indesiderati. </font><font>Oppure fallo preventivamente di tanto in tanto.</font></font></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Lo sapevate…?</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Nell’antica Grecia, questo fiore simboleggiava il sangue della ninfa Amarilys.</font></font></div></div>

<h2><font><font>Temperatura: dove seminare amarilli?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/amarillis_1583850874-300×200.jpg”><font><font>Non sopporto il freddo.</font></font></p>
<p><font><font>L’ideale è che lo abbiamo intorno ai 20 °C, il che significa che in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> non lo sottoponi allo </font></font><em><font><font>stress</font></font></em><font><font> di tenerlo su un terrazzo o fuori casa.</font></font></p>
<p><font><font>Né in questo momento è consigliabile averlo in luoghi caldi della casa, come i termosifoni accesi. </font><font>Anche questo la colpisce a morte.</font></font></p>
<p><font><font>In </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> e in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> , vive meglio in luoghi limpidi e caldi. </font><font>E l’ </font></font><font><font>estate lo</font></font><font><font> sostiene bene negli spazi esterni come i terrazzi ma dove il sole non lo colpisce direttamente. </font><font>La stessa cosa accade in </font></font><font><font>autunno</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Né dovrebbe ricevere la luce del sole, è meglio averlo in mezz’ombra.</font></font></p>
<h2><font><font>Luce: Che bisogni ha gli amarilli?</font></font></h2>
<p><font><font>Sebbene provenga da regioni per lo più temperate, non dovresti esporlo alla luce solare diretta, perché i fiori soffrono rapidamente di calore e raggi intensi.</font></font></p>
<p><font><font>Portalo in una stanza luminosa, vicino a una finestra andrà bene.</font></font></p>

<h2><font><font>Substrato e Compost: come prepariamo il terreno?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/amarillis_1583850904-300×200.jpg”><font><font>Preparare </font></font><strong><font><font>un buon substrato</font></font></strong><font><font> con un sistema di drenaggio fluido è prudente per garantire una lunga sopravvivenza. </font><font>Si accontenterà di un substrato ricco di materiale organico mescolato alla terra, non senza dimenticare prima che quando si prepara il vaso, è necessario posizionare sul fondo uno strato di sabbia per filtrare l’acqua in eccesso.</font></font></p>
<p><font><font>Un substrato mantenuto umido darà sempre molta vita e tonalità radiose a foglie e fiori. </font><font>Questo è il segreto della sua longevità.</font></font></p>
<p><font><font>Concimare</font></font><font><font> ogni quindici giorni significa mantenerlo sano e colorato. </font><font>Aggiungi, senza esagerare, fertilizzante liquido per fiori o prodotti chimici molto delicati che contengono magnesio e </font></font><font><font>ferro</font></font><font><font> ( </font></font><strong><font><font>solfato di</font></font></strong><font><font> ferro</font><font> per esempio).</font></font></p>
<p><font><font>Questo metodo di sostegno della </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> dovrebbe essere mantenuto fino a quando le foglie appassiscono e il bulbo accumula riserve sufficienti prima dell’avvicinarsi del periodo invernale, quando di nuovo il fertilizzante svolgerà un ruolo preponderante, perché consuma molta energia e ha bisogno di crescere.</font></font></p>
<h2><font><font>Irrigazione: come e con che frequenza?</font></font></h2>
<p><font><font>Un punto molto importante è non abusare dell’irrigazione, perché il ristagno fa marcire il bulbo. </font><font>E in un vaso, assicurati che sia più grande del bulbo della pianta, ma non eccessivamente.</font></font></p>
<p><font><font>Nel periodo di riposo, l’irrigazione dovrebbe essere ridotta. </font><font>Il suo bulbo è delicato e dovresti evitare di danneggiarlo o marcire.</font></font></p>

<h2><font><font>La cura di Amarylly</font></font></h2>
<ol class=”custom-counter”>
<li><font><font>Qualunque sia il metodo che scegli, aggiungi il substrato al tuo amarilli dopo la fioritura.</font></font></li>
<li><font><font>Man mano che il bulbo di amarilli cresce, dovrai aumentare le dimensioni del vaso. </font><font>Assicurati che sia ancora della taglia corretta.</font></font></li>
<li><font><font>I bulbi di Amaryllis produrranno bulbi laterali, come i narcisi. </font><font>Rimuovere con attenzione questi bulbi e mettere in vaso più piante. </font><font>Dai loro alcune stagioni di crescita prima che fioriscano.</font></font></li>
<li><font><font>I fiori durano più a lungo se la pianta è conservato in un luogo fresco, una volta che </font></font><font><font>è</font></font><font><font> fiorito.</font></font></li>
<li><font><font>Se il tuo amarillide non si addormenta, rimuovi le foglie rimanenti e ripiantalo.</font></font></li>
<li><font><font>Fai attenzione agli acari e alle cocciniglie.</font></font></li>
<li><font><font>I motivi principali per cui Amaryllis non fiorisce sono la mancanza di riposo, la mancanza di luce durante la crescita e la mancanza di sostanze nutritive nel terreno.</font></font></li>
</ol>
<p><span class=”embed-youtube”><iframe class=”youtube-player” width=”1040″ height=”585″ src=”https://www.youtube.com/embed/izVCkucY1E4?version=3&amp;rel=1&amp;showsearch=0&amp;showinfo=1&amp;iv_load_policy=1&amp;fs=1&amp;hl=es-ES&amp;autohide=2&amp;wmode=transparent” allowfullscreen=”true” sandbox=”allow-scripts allow-same-origin allow-popups allow-presentation”></iframe></span></p>
<h2></h2>

<!– .helpful –>

suggerimenti Cultivar Amarliys
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Ajo_1603376050-200×300.jpg”><font><font>L’aglio è una delle colture più numerose che esistono in tutto il mondo perché </font></font></span><b><font><font>è un alimento dalle molte proprietà e dal sapore squisito.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>In qualsiasi cucina, sia essa di alta gamma o casalinga, l’aglio è uno degli ingredienti essenziali ed è per questo che averlo in giardino è il desiderio di molti.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ma come ottenere raccolti di ottima qualità? </font><font>Dandogli le cure consigliate e prevenendo gli attacchi di parassiti e malattie.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>E per essere in sintonia con questa materia, ti lasciamo queste informazioni che saranno molto utili quando qualcosa non va bene con il tuo raccolto.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Mosca di cipolla</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Plagas-y-enfermedades-del-ajo-Mosca-de-la-cebolla-300×210.jpg”><font><font>Una delle caratteristiche principali della coltivazione dell’aglio è che di </font></font></span><b><font><font>solito è vittima degli stessi parassiti che attaccano le </font></font><font><font>cipolle</font></font></b><span><font><font> , per questo citiamo questo tipo.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>La sua azione inizia </font></font></span><b><font><font>mettendo le uova nel terreno attorno alla </font></font><font><font>pianta di</font></font><font><font> aglio o sul suo collo.&nbsp;</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Successivamente, le larve che si schiudono sono responsabili di </font></font></span><b><font><font>provocare danni alle parti verdi del </font></font><font><font>frutto</font></font><font><font> , oltre che ai fiori della pianta.&nbsp;</font></font></b><span><font><font>Tutto ciò fa seccare le foglie e la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> perde vitalità, morendo come conseguenza finale.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Il metodo per combatterlo è orientato più al preventivo che al correttivo, scegliendo </font></font><font><font>semi</font></font><font><font> sani e disinfettandoli prima della semina.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>In ogni caso, </font></font></span><b><font><font>con i pesticidi naturali sarà possibile fronteggiare l’attacco </font></font></b><span><font><font>qualora si verificasse.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ha la proprietà di ibernare in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> , quindi la sua eradicazione deve essere fatta nei dettagli per evitare nuovi problemi la prossima </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> .</font></font></span></p>

<h2><font><font>marciume verde</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Podredumbre-verde-300×200.jpg”><font><font>È una malattia che ha la proprietà </font></font></span><b><font><font>di alterare la corretta costituzione degli spicchi d’aglio.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>In essi si genera </font></font></span><b><font><font>una sorta di lanugine bianca che varia di colore man mano che gli effetti progrediscono </font></font></b><span><font><font>fino a diventare verde </font></font><font><font>bluastro</font></font><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Nella struttura dell’impianto, la situazione non è molto più positiva, poiché provoca un declino di tutta la stessa.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Se la malattia colpisce quando la pianta non è molto sviluppata, si verificano ristagno e ritardo.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>La cosa peggiore è che il marciume verde </font></font></span><b><font><font>può essere un punto di ingresso per altre malattie </font></font></b><span><font><font>, come i nematodi.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Attaccarlo non è un compito facile e puoi solo avanzare con </font></font></span><b><font><font>l’uso di sostanze chimiche </font></font></b><span><font><font>approvate per combatterne gli effetti.</font></font></span></p>

<h2><font><font>verme rosso</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Plagas-y-enfermedades-del-ajo-Gusano-rojo-300×225.jpg”><font><font>È uno dei parassiti più preoccupanti quando si semina l’aglio perché i </font></font></span><b><font><font>suoi effetti non saranno evidenti fino al momento del raccolto.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Ha la proprietà di mantenere una vita notturna, </font></font></span><b><font><font>deponendo le uova intorno alla base della pianta.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Quando le uova si schiudono, ciò che accade è che le larve si tuffano nel terreno alla ricerca del bulbo in cui entrano, formando piccole gallerie.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Con l’avanzata attività larvale, </font></font></span><b><font><font>gli </font></font><font><font>spicchi d’aglio</font></font><font><font> vengono consumati fino a scomparire completamente.&nbsp;</font></font></b><span><font><font>Se l’effetto è maggiore, è possibile perdere teste intere.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Quando non ha più nulla da consumare, cerca un nascondiglio in cui ripararsi durante l’ </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> per apparire nella prossima primavera.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Punteruolo dell’aglio</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Gorgojo-del-ajo-300×216.jpg”><font><font>Questi sono insetti che è comune vedere attaccare le piante di aglio in primavera.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><b><font><font>Sono piuttosto piccoli, con una lunghezza massima di 5 mm e un colore dal marrone scuro al nero.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Tuttavia, le loro larve sono </font></font><font><font>bianche</font></font><font><font> e hanno la proprietà di </font></font></span><b><font><font>distruggere assolutamente i bulbi </font></font></b><span><font><font>, causando la perdita del raccolto.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Per affrontarli, l’unica alternativa è applicare prodotti chimici adatti a trattarli.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Nematodi</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Plagas-y-enfermedades-del-ajo-Nematodos-300×225.jpg”><font><font>Si tratta di </font></font></span><b><font><font>parassiti che infettano le radici delle piante </font></font></b><span><font><font>producendo sporgenze che impediscono la corretta distribuzione dei nutrienti.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>È anche possibile che </font></font></span><b><font><font>utilizzino gli steli delle piante come fonte di cibo </font></font></b><span><font><font>, causando perdite ancora maggiori nei raccolti.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Trattandosi di un’azione altamente dannosa, le </font></font></span><b><font><font>piante tendono a morire senza essere completamente sviluppate.&nbsp;</font></font></b><span><font><font>Il parassita vive nel terreno, quindi un’adeguata azione per prevenirne la comparsa ha a che fare con </font></font><font><font>la rotazione delle colture</font></font><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Un’altra buona strategia è quella di disinfettare l’area prima della semina e utilizzare semi altamente resistenti.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Quando l’attacco non è molto numeroso, la cosa più consigliabile è mettere in atto una strategia nota come solarizzazione.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Consiste nel </font></font></span><b><font><font>ricoprire il terreno con della plastica in modo che per azione del sole la temperatura aumenti e vengano eliminati i parassiti.</font></font></b></p>

<h2><font><font>Ruggine</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Qué-es-la-roya-300×186.jpg”><font><font>È una malattia che attacca solitamente colture come l’aglio e molto simili a questa, come l’erba cipollina.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ha la particolarità di </font></font></span><b><font><font>produrre macchie rosse sulle foglie che in seguito si scuriscono per sembrare piuttosto viola.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Questo effetto è molto dannoso perché </font></font></span><b><font><font>in breve tempo fa seccare le foglie e la pianta, quindi, muore.&nbsp;</font></font></b><span><font><font>Nei casi non così complessi è possibile produrre una rapida maturazione dei frutti, lasciandoli più piccoli del previsto.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>La buona notizia è che si </font></font></span><b><font><font>tratta di una malattia curabile con miscele naturali come olio e acqua.&nbsp;</font></font></b><span><font><font>Nel caso in cui questo non funzioni, viene approvata anche l’azione chimica naturale.</font></font></span></p>

<h2><font><font>marciume bianco</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Plagas-y-enfermedades-del-ajo-Podredumbre-blanca-300×225.jpg”><font><font>È una malattia che </font></font></span><b><font><font>attacca le piante dalle radici, distruggendo completamente il loro apparato radicale.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>È prodotto da un fungo che forma il suo micelio dal terreno e i cui effetti raggiungono gradualmente ciascuna delle </font></font><font><font>parti della pianta</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Nelle zone aeree tende a produrre un’evidente pelosità bianca.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Successivamente, </font></font></span><b><font><font>le foglie </font></font><font><font>ingialliscono</font></font><font><font> e finiscono per disseccarsi </font></font></b><span><font><font>, influenzando i processi fotosintetici necessari al loro benessere.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>La cosa peggiore è che il marciume bianco </font></font></span><b><font><font>è una porta per le piante che soffrono anche dell’attacco della </font></font><font><font>muffa</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font></b><span><font><font>Quando si tratta di curarlo, l’unico modo provato che ha effetti positivi è con l’uso di </font></font></span><b><font><font>sostanze chimiche come il benomil </font></font></b><span><font><font>, che dovrebbe essere applicato non appena si notano i primi sintomi.</font></font></span></p>
<p><span><font></font><font><font>I</font></font><font><font> raccolti di </font><font>aglio</font><font> sono generalmente numerosi e il minimo che ci si aspetta è che la loro vitalità sia influenzata da parassiti o malattie.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Da qui l’importanza di essere ben informati sui sintomi e, soprattutto, sui trattamenti adeguati per affrontarli.</font></font></span></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Parassiti e malattie dell’aglio
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti quando si semina Nigella Sativa</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><span><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/nigella_sativa_1591303434-300×188.jpg”><font><font>Quando? </font></font></b></span><font><font>La stagione di crescita per il suo famoso seme dovrebbe essere fatta alla fine della primavera.</font></font></li>
<li><span><b><font><font>Dove? </font></font></b></span><span><font><font>Preferibilmente, dovrebbe essere coltivato in ambienti a clima caldo. </font><font>Si verificano abbastanza facilmente, ma preferibilmente in luoghi con grande esposizione al sole.</font></font></span></li>
<li><b><span><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></span> </b><span><font><font>La preparazione del terreno con </font></font><font><font>pH</font></font><font><font> alcalino è essenziale. </font><font>Vive in terreni argillosi o sabbiosi, senza pozzanghere.</font></font></span></li>
<li><span><b><font><font>Come seminiamo? </font></font></b></span><span><font><font>In tarda primavera, semina per seme, utilizzando piantine preparate in inverno. </font><font>Quando le piantine raggiungono un’altezza compresa tra 30-40 cm, vengono trasferite in giardino.</font></font></span></li>
<li><b><span><font><font>Come paghiamo? </font></font></span> </b><span><font><font>Con </font></font><font><font>compost</font></font><font><font> organico, che gli fornisce molti nutrienti.</font></font></span></li>
<li><b><span><font><font>Quando è pronto il raccolto? </font></font></span> </b><span><font><font>In 10-11 mesi compie un ciclo completo di germinazione, crescita e sviluppo di migliaia di frutti che maturano e ci regalano semi di grande valore culinario e medicinale.</font></font></span></li>
<li><span><b><font><font>Temperatura ideale? </font></font></b></span><span><font><font>Il giorno ideale dovrebbe essere compreso tra 22ºC e 26ºC e un po’ di più. </font><font>La notte varia da 18ºC a 24ºC. </font><font>Sotto i 5ºC soffrirà un po’.</font></font></span></li>
<li><b><span><font><font>Come innaffiamo? </font></font></span> </b><span><font><font>Può essere annaffiato 3-4 volte a settimana in </font></font></span><font><font>estate </font></font><span><font><font>e solo 2 volte a settimana il resto dell’anno. </font><font>Non supporta le inondazioni.</font></font></span></li>
<li><span><b><font><font>Malattie e parassiti? </font></font></b></span><span><font><font>È abbastanza resistente, ma l’eccesso di acqua può danneggiarlo molto e far marcire le sue radici e i funghi si riproducono.</font></font></span></li></ul></div></div>

<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>

<h2><font><font>Cos’è la Nigella sativa?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/nigella_sativa_1591303466-300×225.jpg”><font><font>Una pianta erbacea molto particolare è la </font></font><i><font><font>Nigella sativa</font></font></i><font><font> , conosciuta anche con i nomi comuni di cumino nero, assenzio o ajenuz. </font><font>Appartiene alla famiglia delle </font></font><i><font><font>Ranunculaceae</font></font></i><font><font> , raggiunge un massimo di 60 centimetri di altezza e il suo aspetto è verde grigiastro e ha un fiore </font><font>non convenzionale </font><font>biancastro o leggermente </font></font><font><font>violaceo</font></font><font><font> con sepali più grandi o più appariscenti dei petali.</font></font></p>
<p><font><font>Il suo </font></font><font><font>frutto</font></font><font><font> è incapsulato e per estrarne i semi bisogna aspettare che maturi.</font></font></p>
<p><font><font>Il suo periodo di fioritura raggiunge il suo splendore in </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> e dura anche fino all’inizio dell’estate. </font><font>Anche se ci sono specie che fioriscono in </font></font><font><font>autunno</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>È originario della Turchia e dell’Iraq, nell’Asia occidentale, con più di 2.500 specie completamente identificate, ma la sua variante originale proviene dall’Egitto. </font><font>Può essere visto oggi dal Mediterraneo all’Asia centrale. </font><font>Lo si vede dalla Spagna, anche se timidamente, fino ad abbondare in India.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Proprietà medicinali della Nigella sativa</font></font></h2>
<p><font><font>Fin dall’antichità è stata considerata una </font></font><strong><font><font>pianta medicinale</font></font></strong><font><font> dalle qualità antimicotiche e antibatteriche, con semi </font></font><font><font>neri</font></font><font><font> usati anche come condimento (simile al pepe) o come potente broncodilatatore per affrontare i problemi respiratori degli asmatici.</font></font></p>
<p><font><font>La sua proprietà antinfiammatoria, idratante e rigenerante della pelle deriva dal componente timochinone, un potente antisettico naturale utilizzato come olio essenziale.</font></font></p>
<p><font><font>Elimina l’acido urico, combatte l’ittero e aumenta il calore corporeo.</font></font></p>
<h2><font><font>Dove dovremmo piantare la Nigella sativa?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/nigella_sativa_1591303493-300×169.jpg”><font><font>Questa pianta si adatta perfettamente al </font></font><font><font>clima</font></font><font><font> mediterraneo, anche quando è di origine asiatica, quindi sopporta senza problemi estati calde e periodi freddi, anche se non ama il gelo. </font><font>Un minimo di 5ºC è ciò che resiste negli inverni.</font></font></p>
<p><font><font>Per questo predilige le giornate soleggiate, con esposizioni di circa 6 ore saranno più che sufficienti, sopportano abbastanza bene la luce del sole.</font></font></p>
<p><font><font>Infatti oggi è riuscito a diffondersi abbastanza facilmente in tutto il mondo, poiché si adatta a quasi tutti i tipi di terreno.</font></font></p>
<h2><strong><font><font>Quando dovrebbe essere coltivato?</font></font></strong></h2>
<p><font><font>Nel caso della semina e moltiplicazione della Nigella sativa, questa va fatta con i semi, che compaiono dopo la fioritura è un fatto, alla fine della primavera.</font></font></p>
<p><font><font>I semi entrano in un baccello e sono molto </font></font><font><font>aromatici</font></font><font><font> , simili nell’odore alla noce moscata. </font><font>Ecco perché sono anche chiamati falso cumino. </font><font>Questi vengono rimossi lasciando asciugare la capsula inguainata, che li protegge dagli elementi.</font></font></p>
<p><font><font>L’opportuna è coltivarli in semenzaio, quando arriva la stagione invernale e poi spostarli a terra, in giardino dove possono svilupparsi pienamente fino a raggiungere un’altezza che va dai 30 ai 40 centimetri, o forse poco più.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<p></p><div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Lo sapevate…?</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Un fatto curioso di questo seme è che veniva usato anche nelle tombe dei Faraoni nell’Antico Egitto e Cleopatra usava il suo olio essenziale per mantenerne intatta la bellezza.</font></font></div></div>
<p><font><font>Il suo ciclo di crescita è abbastanza veloce, perché impiega 10-11 mesi per germinare, crescere e regalare migliaia di semi per l’uso in cucina e per scopi medicinali.</font></font></p>
<h2><font><font>Come prepariamo il terreno?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/nigella_sativa_1591303520-300×200.jpg”><font><font>La terra deve avere una caratteristica fondamentale: il terreno alcalino è il più adatto al cumino nero. </font><font>Un pH alcalino ti sta molto bene, ma i terreni a pH acido o neutro ti stanno ancora bene, tanto che questa </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> può ancora crescere in terreni sabbiosi e argillosi.</font></font></p>
<p><font><font>Un terreno molto drenante è molto importante per questa erbacea, perché le sue radici in realtà sono alquanto delicate e non sopportano un’eccessiva umidità, quindi le innaffiature vanno effettuate distanziate facendo molta attenzione a non annegarlo.</font></font></p>
<p><font><font>Una preparazione di nutrienti organici lo aiuterà a crescere sano, poiché favorisce la crescita di radici forti, nonché la produzione dei suoi oli essenziali di alto valore commerciale.</font></font></p>
<h2><font><font>Come seminare Nigella Sativa passo dopo passo?</font></font></h2>
<p><font><font>Se riesci ad acquistare o ad accedere ad alcuni semi di cumino nero, ti consigliamo i seguenti suggerimenti per sfruttarne i benefici:</font></font></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><font><font>Preparare un </font></font><font><font>substrato di</font></font><font><font> coltura universale in </font><font>vaso </font><font>contenente il 35% di perlite per garantire un buon drenaggio dell’acqua.</font></font></li>
<li><font><font>Se preferisci piantarle in giardino, ricorda che la Nigella sativa non è molto esigente, ma evita le pozzanghere. </font><font>Ecco perché i terreni molto porosi lo favoriscono.</font></font></li>
<li><font><font>Si consiglia, una volta seminati i semi, ad una profondità stimata di circa 4 centimetri, avendo cura di una distanza tra seme e seme di circa 5 centimetri. </font><font>Idealmente, fallo in primavera, in semenzaio o direttamente in </font></font><font><font>giardino</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><font><font>È necessario annaffiare 3-4 volte a settimana nella stagione estiva, perché sia ​​la pianta che </font></font><strong><font><font>il seme hanno</font></font></strong><font><font> bisogno di rimanere idratati e il resto dell’anno può diminuire fino a 2 volte a settimana.</font></font></li>
<li><font><font>Allo stesso modo, si consiglia l’applicazione di un potente fertilizzante organico per mantenerlo ben nutrito. </font><font>Il </font></font><font><font>guano</font></font><font><font> è l’ideale per aiutare.</font></font></li>
<li><font><font>La potatura di foglie e </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> appassiti è fondamentale per mantenere la salute della pianta.</font></font></li>
</ol>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Di quali cure ha bisogno la Nigella Sativa?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><font><font>L’abbondanza di luce naturale è altamente raccomandata. </font><font>Ha bisogno di molta luce solare.</font></font></li>
<li><font><font>Non necessita di abbondanti annaffiature giornaliere. </font><font>Farlo due volte a settimana sarà più che sufficiente per farla crescere sana, perché non tollera il ristagno.</font></font></li>
<li><font><font>Richiede l’aiuto di terreni ben drenati, argillosi e sabbiosi che sono i suoi preferiti, anche se è riuscita ad adattarsi molto bene ai terreni mediterranei.</font></font></li>
<li><font><font>Si consiglia di prodigare una buona dose extra di fertilizzante nella stagione della fioritura, tra la primavera e l’inizio dell’estate.</font></font></li></ul></div></div>

<h2><font><font>Quali parassiti e malattie ha?</font></font></h2>
<p><font><font>Di solito non soffre seri problemi di attacchi di insetti ma ne risente tremendamente quando viene sottoposta ad irrigazione intensiva, perché le sue radici tenderanno a marcire e il ciclo di fioritura sarà compromesso.</font></font></p>
<p><font><font>Anche i funghi possono attaccare, ma in generale è una pianta annuale abbastanza </font></font><strong><font><font>resistente</font></font></strong><font><font> e durevole.</font></font></p>
<p>

</p><!– .helpful –>

suggerimenti Nigella Sativa
<h2><font><font>Cosa fare per prendersi cura di un giardino in inverno?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/jardin_invierno_1623028220-300×200.jpg”><font><font>La manutenzione del giardino in inverno non deve diventare un trauma insormontabile, perché con una cura precisa possiamo anche godercelo nonostante non ci siano più temperature calde.</font></font></p>
<p><font><font>Sebbene in inverno il volume di lavoro in giardino diminuisca, non è meno vero che alcuni compiti in sospeso possono essere svolti, sfruttando lo stato di letargo o letargo della maggior parte delle piante, che cambiano radicalmente aspetto e mostrano i loro rami spogli.</font></font></p>
<p><font><font>Ovviamente, la cura non è la stessa in primavera come in inverno. </font><font>La cosa più importante è proteggere le piante più delicate dall’imminente arrivo di temperature più basse e dalla diminuzione dell’intensità della luce solare. </font><font>Alcune specie non tollerano il freddo e possono morire.</font></font></p>
<p><font><font>Esistono diversi metodi, che vanno dalla protezione in serra ad azioni semplici ma importanti come coprire piante e </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> con teli o coperture di plastica in modo che il vento gelido e la neve non li danneggino.</font></font></p>
<p><font><font>Vediamo di seguito quali sono le regole più importanti quando si affronta la sfida di prendersi cura del giardino durante la stagione più dura dell’anno: l’ </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> .</font></font></p>

<h3><font><font>1) suolo</font></font></h3>
<p><font><font>Con il clima tipico </font></font><font><font>dell’inverno</font></font><font><font> , dove l’umidità sale e aumentano le piogge e i venti gelidi, non è conveniente innaffiare il prato ma è importante liberarlo da foglie e residui vegetali.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/316j5ftEa-L._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Se </font><font>prima </font></font><strong><font><font>pulite</font></font></strong><font><font> e </font><font>poi </font></font><strong><font><font>tagliate</font></font></strong><font><font> con una potatura poco accentuata, perché non è consigliabile lasciarla così bassa, allora manterrete il suo colore verde e allo stesso tempo proteggete le radici delle vostre piante.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/31c98RQeG+L._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Se nella regione in cui vivi piove poco, dovresti innaffiare il </font></font><font><font>prato</font></font><font><font> una volta alla settimana. </font><font>Sarà più che sufficiente in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> .</font></font></p>

<h3><font><font>2) Tecnica di trapuntatura</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/pinaza_1623032200-300×200.jpg”><font><font>Si consiglia vivamente di utilizzare la tecnica della cosiddetta pacciamatura o pacciamatura per schermare il terreno in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> . </font><font>È un modo molto intelligente per proteggere le radici o il terreno dal gelo.</font></font></p>
<p><font><font>Consiste nel mettere ai piedi di ogni </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> residui di materia vegetale, come foglie, paglia, ananas, tra gli altri </font><font>, perché in questo modo resistono molto meglio al calo delle temperature.</font></font></p>

<h3><font><font>3) Semina a radice nuda</font></font></h3>
<p><font><font>Un fatto importante è sfruttare l’ </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> per </font></font><strong><font><font>piantare</font></font></strong><font><font> alberi da </font><strong><font>frutto</font></strong><font> decidui. </font><font>Si possono usare i cosiddetti piedi a radice nuda, perché reagiscono molto bene e costano meno. </font><font>Inoltre, se sono in uno stop vegetativo, si accenderanno lo stesso.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/61AhBHbE6JL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>E questo comportamento è valido non solo per le specie arboree da frutto, ma dà gli stessi risultati anche negli arbusti. </font><font>Ad esempio, nei </font></font><strong><font><font>cespugli di rose</font></font></strong><font><font> è il più normale.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51-VXgDJabL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Nel caso di </font></font><font><font>specie</font></font><font><font> sempreverdi </font><font>è preferibile utilizzare quegli esemplari che hanno radici protette o che si trovano in contenitori. </font><font>Qui è meglio farlo a fine inverno, </font></font><font><font>autunno</font></font><font><font> o primavera.</font></font></p>

<h3><font><font>4) Irrigazione moderata</font></font></h3>
<p><font><font>Ovviamente le piante in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> richiedono meno annaffiature, perché l’elevata umidità le aiuta ad aver bisogno di meno acqua per vivere. </font><font>Ed è che le piante vanno in letargo nelle stagioni fredde per sopravvivere perché in questo modo hanno bisogno di meno nutrienti.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/31AETJy9mSL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Ecco perché l’acqua in eccesso li danneggia, può addirittura congelare in presenza di temperature sempre più basse e finisce per uccidere la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> . </font><font>Pertanto, è essenziale annaffiare solo quando il terreno è asciutto. </font><font>Oppure fallo nelle ore più calde della giornata, una volta alla settimana. </font><font>Niente di più.</font></font></p>

<h3><font><font>5) Posizione delle piante</font></font></h3>
<p><font><font>Un altro procedimento importante è proteggere con un telo o una </font></font><strong><font><font>copertura le</font></font></strong><font><font> piante più delicate, quelle che non possono essere spostate o rimosse dal giardino, altrimenti potrebbero soffrire molto e non resistere al gelo o alla neve.</font></font></p>
<p><font><font>Nel caso in cui alcune varietà siano in vaso o vaso, è prudente portarle verso un muro ed evitare che entrino in contatto con il terreno ghiacciato. </font><font>Una buona idea è metterli su un tavolo o su della plastica.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/31WOPx7cErL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>È anche sconsigliabile portare in casa vasi da giardino e metterli vicino alla stufa o al radiatore dell’impianto di riscaldamento. </font><font>Questo sarebbe un altro imperdonabile eccesso. </font><font>Coprirli bene con plastica o tela è più che sufficiente per superare con successo i giorni di neve.</font></font></p>

<h3><font><font>6) Potatura</font></font></h3>
<p><font><font>La cosa logica è iniziare la </font></font><strong><font><font>potatura</font></font></strong><font><font> alla fine dell’autunno, ma a volte ci sono specie che hanno una crescita eccessiva, il che ci obbliga ad agire per correggere deviazioni e niente di meglio che farlo in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> perché non ci saranno grosse conseguenze grazie alla presente letargia.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/31EopvuShkL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Ciò impedisce anche la proliferazione di malattie e infezioni fungine nelle ferite causate dal </font></font><font><font>taglio di</font></font><font><font> rami che possono diventare gravi. </font><font>Nel caso degli </font></font><strong><font><font>alberi da</font></font></strong><font><font> frutto </font><strong><font>,</font></strong><font> il trattamento è particolarmente delicato, perché in nessun </font><font>caso </font><font>deve interferire con il loro processo di fioritura.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/31-3B-GxqfL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Il risultato sarà lo stesso se raccogli foglie dal giardino e pezzi di corteccia o ghiaia e altri materiali che vengono spesso utilizzati per scopi </font></font><font><font>decorativi</font></font><font><font> . </font><font>A livello estetico, il giardino avrà un aspetto molto migliore e le conseguenze positive saranno le stesse, perché il terreno e le radici delle piante saranno più che protetti dal freddo e dal gelo.</font></font></p>
<p><font><font>Inoltre, la tecnica della </font></font><strong><font><font>pacciamatura</font></font></strong><font><font> può essere applicata in qualsiasi altra stagione dell’anno, perché impedisce la proliferazione delle </font></font><font><font>erbe infestanti</font></font><font><font> e aiuta il terreno a trattenere meglio l’acqua.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41ttqCY+s7L._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Certo, nel caso di specie delicate è meglio consultarsi bene con giardinieri esperti, poiché è molto probabile che meritino un </font></font><font><font>trapianto</font></font><font><font> o un trasferimento in un luogo chiuso in modo che possano sopravvivere.</font></font></p>
<p><font><font>Ecco perché è sempre necessario studiare preventivamente quali specie sono adatte </font></font><font><font>al clima</font></font><font><font> prevalente della regione in cui viviamo.</font></font></p>

<h3><font><font>7) Abbonato</font></font></h3>
<p><font><font>Un’altra procedura di routine ogni volta che l’inverno è agli ultimi giorni è quella di effettuare un processo di concimazione con un apporto ricco di sostanza organica, preferibilmente utilizzando una </font></font><font><font>sostanza organica</font></font><font><font> fatta in casa come </font></font><a class=” title=” data-wpil-keyword-link=”linked”><font><font>compost</font></font></a><font><font> , </font></font><strong><font><font>letame</font></font></strong><font><font> , </font></font><strong><font><font>lombrichi</font></font></strong><font><font> o </font></font><strong><font><font>pacciame</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41sE1S4BILL._SL500_.jpg”></figure>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51eDfKzqQdL._SL500_.jpg”></figure>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51uGMtl0x9L._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Questa misura aiuterà a migliorare notevolmente la struttura del terreno perché avrà una maggiore aerazione e le radici delle piante saranno meglio idratate. </font><font>La cosa prudente è applicare una quantità moderata che non sia così vicina alle radici, per evitare di bruciarle.</font></font></p>
<p><font><font>Allo stesso modo, verrà stimolata la vita microbica, portando con sé il massimo utilizzo di nutrienti.</font></font></p>

<h3><font><font>8) Altre attività</font></font></h3>
<p><font><font>Nelle giornate invernali meno rigide si possono programmare e realizzare altre attività interessanti come installare un </font></font><strong><font><font>pergolato</font></font></strong><font><font> , migliorare l’impianto di illuminazione o magari investire in un buon </font><font>impianto di </font></font><strong><font><font>irrigazione a goccia</font></font></strong><font><font> o automatico che regoli la quantità di acqua che entra nel nostro giardino. .</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/31oJE+6nOVL._SL500_.jpg”></figure>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/61NKVI3HsbL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>È anche il momento di fare una revisione del sistema, se è già installato, al fine di eseguire una buona manutenzione dove vengono corretti ostruzioni e guasti in valvole, </font></font><strong><font><font>irrigatori</font></font></strong><font><font> o dispersori, linee gocciolanti, filtri, ecc.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51hczuOoQ7S._SL500_.jpg”></figure>

<h3><font><font>9) Evitare la proliferazione di parassiti</font></font></h3>
<p><font><font>Nel periodo di letargo è inoltre opportuno adottare misure preventive che minimizzino l’attacco dei parassiti, soprattutto se nel precedente periodo di crescita, le vostre piante sono state attaccate da afidi, mosche </font></font><font><font>bianche</font></font><font><font> , cocciniglie e acari.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41cC+YC41ZL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Idealmente, approfitta di questo tempo di pausa nello sviluppo vegetativo per applicare, ad esempio, oli minerali ad azione insetticida che uccidono uova, larve o insetti, perché anch’essi vanno in letargo. </font><font>Sono conosciuti con il nome di oli </font></font><font><font>estivi</font></font><font><font> e li puoi trovare nel tuo vivaio o negozio di fiducia.</font></font></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Forse ti interessano anche:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><ul class=”su-siblings”><li class=”page_item page-item-34449″><font><font>Cura del giardinaggio: [Suggerimenti e trucchi]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-33272″><font><font>Potare il giardino: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]</font></font></li>
</ul></div></div>

<!– .helpful –>

suggerimenti Cura del giardino d’inverno
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>L’edera comune o Hedera Helix, insieme alla Canariensis o Canarian Ivy, sono varietà create appositamente dalla natura per essere coltivate in ambienti chiusi, dove le loro foglie dipinte di sfumature bianche e dorate si moltiplicano senza alcun problema in molte case del continente europeo. da, che richiede poco e dà molto.</font></font></div></div>
<p><font><font>Si è diffuso in </font></font><strong><font><font>Nord Africa, Isole Canarie, Giappone e Asia centrale.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Attualmente sono circa </font></font><strong><font><font>15 i tipi identificati, dove, oltre al comune e alle Isole Canarie, </font></font></strong> <font><em><font>spiccano </font></em><strong><font>specie come: </font></strong></font><em><font><font>Hedera colchica (Edera caucasica), Hedera maroccana, Hedera algeriensis (Edera algerina), Hedera nepalensis (Edera nepalese).</font></font></em></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/hiedra_1568320635-1024×768.jpg”></p>
<p><font><font>Questa </font></font><strong><font><font>pianta ornamentale</font></font></strong><font><font> , speciale per decorare gli ambienti, </font></font><strong><font><font>appartiene alla famiglia delle araliaceae</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>funziona molto bene anche</font></font></strong><font><font> all’aperto </font><strong><font>, ma non spreca mai le sue grandi potenzialità</font></strong><font> di modellarsi in giardini pensili verticali o orizzontali.</font></font></p>
<p><span><strong><font><font>La sua capacità di adattamento è stata grande. </font></font></strong></span><font><font>È passato dalle serre, dove prima veniva tenuto al sicuro, alle zone calde dove ora crescono varietà nane o variegate.</font></font></p>
<p><font><font>Una delle </font></font><strong><font><font>sue principali attrazioni sono proprio le sue foglie verde scuro</font></font></strong><font><font> , che hanno da </font></font><strong><font><font>3 a 4 lobi che formano figure ovali</font></font></strong><font><font> o ellittiche verso l’area del grappolo. </font><font>Esistono anche tonalità macchiate, con strisce </font></font><strong><font><font>bianche o </font></font><font><font>gialle</font></font><font><font> , dette variegate.</font></font></strong></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/hiedra_1568320756-1024×682.jpg”><font><font>Ha </font><strong><font>piccoli </font></strong></font><strong><font><font>fiori</font></font><font><font> che non contrastano con lo splendore delle sue foglie</font></font></strong><font><font> . </font><font>Li vedrai tra la </font></font><strong><font><font>tarda </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> e l’inizio </font></font><font><font>dell’autunno</font></font><font><font> . </font></font></strong><font><font>E frutti o bacche </font></font><font><font>tossici</font></font><font><font> gialli, verdi o neri che raggiungono a malapena mezzo centimetro di diametro.</font></font></p>
<p><font><font>In </font></font><font><font>esterno</font></font><font><font> , si comporta come un’efficiente </font></font><font><font>trepadora in</font></font><font><font> grado di raggiungere vaste aree su fusti che possono superare i 15 metri, grazie al portamento di una legnosità infallibile che consente di comportarsi come un rampicante in grado di ricoprire tutto: giardini, pavimenti, muri o muri.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p><font><font>Ci sono anche alcune varietà che superano i 40 metri di lunghezza nei loro steli.</font></font></p>
<p><font><font>Vengono quindi utilizzate come piante per rivestire muri, sbarre, colonne, pendii o sottobosco.</font></font></p>
<p><font><font>Se hai intenzione di coltivarlo in casa, i vasi sospesi sono l’ideale. </font><font>Non ti pentirai di esserti preso cura di lui a casa. </font><font>Vuoi sapere come? </font><font>Ecco alcune indicazioni pratiche.</font></font></p>

<h2><font><font>Temperatura: dove dovremmo piantarlo?</font></font></h2>
<p><font><font>L’edera è un rampicante </font></font><strong><font><font>sempreverde</font></font></strong><font><font> , ampiamente utilizzato anche come </font></font><strong><font><font>pianta da appendere</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Una temperatura tra i 15 e i 21°C è perfetta, il che non toglie che non riesca a resistere, ad esempio, alla prova di resistere ai 5°C in inverno, o a massime fino a 32°C in </font></font><font><font>estate</font></font><font><font> . </font><font>Piuttosto il contrario. </font><font>Ivy è davvero </font></font><font><font>resistente</font></font><font><font> alle avverse </font></font><font><font>condizioni climatiche</font></font><font><font> .</font></font></div></div>
<p><font><font>Attenzione però a non esporlo troppo a lungo a queste variazioni ambientali per lunghi periodi, perché le sue belle foglie soffriranno fino a quando non si seccano e muoiono.</font></font></p>
<h2><strong><font><font>Luce: che bisogno di luce hai?</font></font></strong></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/hiedra_1568320853-768×1024.jpg”><font><font>Ha davvero bisogno di poca luce. </font><font>Ma gli piace la morbida luce naturale.</font></font></p>
<p><font><font>Se non è vicino a una finestra, non si lamenterà dei cambiamenti nella sua morfologia. </font><font>No signore. </font><font>Sopporterà ambienti calmi non così bui dove le sue foglie sbiadiscono per mancanza dell’incidenza dei raggi solari.</font></font></p>
<p><em><font><font>L’edera</font></font></em><font><font> , senza dubbio, fa meglio se la esponi regolarmente al pieno sole o se stai in luoghi ombreggiati. </font><font>E non viene ucciso dalle gelate, o dagli sbalzi di temperatura, perché si impone il coraggio della variegata specie.</font></font></p>
<p><font><font>Prendi il sole qualche ora al giorno e lui saprà ringraziarti più di ogni altra cosa.</font></font></p>
<p><font><font>Non essendo molto impegnativo con il sole, sopporta bene gli spazi chiusi. </font><font>Quindi diventa </font></font><strong><font><font>una pianta d’appartamento</font></font></strong><font><font> da considerare.</font></font></p>
<h2><strong><font><font>Substrato e Compost: come prepariamo il terreno?</font></font></strong></h2>
<p><font><font>Utilizzare un fertilizzante minerale almeno una volta al mese in primavera. </font><font>In estate arriva anche questo aiuto, che l’ </font></font><em><font><font>Edera</font></font></em><font><font> apprezzerà molto.</font></font></p>
<p><font><font>Un terreno ricco di terriccio da giardino con una miscela equilibrata di torba e sabbia le sarà di grande sollievo, perché il drenaggio scorrerà senza problemi con conseguenze fatali per le sue radici.</font></font></p>
<p><strong><font><font>Il pH del</font></font></strong><font><font> terreno ideale per la sua crescita</font></font><strong><font><font> è vicino a sei e sarà molto meglio</font></font></strong><font><font> se puoi aggiungere uno strato</font></font><strong><font><font> di humus di lombrico</font></font><font><font> o </font></font><font><font>compost</font></font><font><font> ,</font></font></strong><font><font> quando la pianta supera i sei mesi di vita sotto il tuo riparo. </font><font>Questa aggiunta sarà spettacolare per migliorare la sua crescita sana.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h2><font><font>Semina l’edera passo dopo passo</font></font></h2>
<ol class=”custom-counter”>
<li><font><font>Una volta scelto il luogo dove andremo a piantare l’edera (preferibilmente a mezz’ombra), faremo una buca la cui profondità sarà maggiore di quella del vaso.</font></font></li>
<li><font><font>Prendiamo la </font></font><font><font>pianta dal</font></font><font><font> vaso (con attenzione) e la </font><font>mettiamo </font><font>nella buca.</font></font></li>
<li><font><font>Quindi mettiamo il </font></font><font><font>substrato</font></font><font><font> nel buco e intorno all’edera che abbiamo appena messo.</font></font></li>
<li><font><font>Infine, riempiamo nuovamente il buco con il terreno precedentemente rimosso.</font></font></li>
<li><font><font>Infine, innaffiamo dolcemente oa </font></font><font><font>goccia a</font></font><font><font> lungo (senza allagare la terra).</font></font></li>
</ol>
<p><font><font>Per saperne di più, puoi vedere: </font></font><font><font>Talee di edera</font></font><font><font> .</font></font></p>
<h2><font><font>Cura dell’edera</font></font></h2>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Attenzione:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>L’edera è una pianta che, se ha le giuste condizioni, cresce molto e si diffonde facilmente, diventando una </font></font><strong><font><font>pianta invasiva</font></font></strong><font><font> .</font></font></div></div>
<p><font><font>Si raccomanda che l’edera abbia uno spazio per arrampicarsi. </font><font>Se viene annaffiata (ora la vedremo) con assiduità e non viene trascurata, l’edera può crescere molto.</font></font></p>
<p><font><font>Si consiglia una o due volte l’anno di effettuare una potatura intensa (soprattutto quando è già ingrossata).</font></font></p>
<h2><strong><font><font>Irrigazione: con che frequenza e come annaffiamo l’edera?</font></font></strong></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Un sistema di irrigazione ottimale ed equilibrato è quello che mantiene umido il substrato senza ristagnare la sua morfologia, in particolare le sue radici.</font></font><p></p>
<p><font><font>Ad esempio, l’ </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> è la stagione in cui riceverà meno acqua. </font><font>Una spruzzata sarà sufficiente finché il terreno si sarà completamente asciugato, cosa che di solito si verifica al massimo una volta alla settimana per le varietà da interno.</font></font></p></div></div>
<p><font><font>Fai spruzzi occasionali dei suoi rami in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> , che saranno anche ben utilizzati da questa popolare pianta rampicante. </font><font>Soprattutto quando inizi a notare che le sue foglie cambiano in una consistenza ruvida marrone o giallastra. </font><font>Questo indica che hai solo bisogno di idratazione.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/hiedra_1581670980-300×200.jpg”><font><font>Ma quando arriva il caldo estivo, l’irrigazione dovrebbe essere aumentata con una frequenza stimata di 3 o 4 volte a settimana per dargli un’idratazione permanente.</font></font></p>
<p><font><font>Approfitta anche della potatura all’inizio della primavera e stimola così una crescita sana ed evita l’invasione inappropriata dei suoi fusti flessibili in muri, grondaie e persino tubi. </font><font>Se non stai attento, si intrufola ovunque, all’altezza del suo nome.</font></font></p>
<p><font><font>Goditi questa pianta fedele alle tue idee decorative ristrutturanti in casa, con un impatto economico a basso costo data la sua minima manutenzione.</font></font></p>
<p><span class=”embed-youtube”><iframe class=”youtube-player” width=”1040″ height=”585″ src=”https://www.youtube.com/embed/bFLEipzjMgw?version=3&amp;rel=1&amp;showsearch=0&amp;showinfo=1&amp;iv_load_policy=1&amp;fs=1&amp;hl=es-ES&amp;autohide=2&amp;wmode=transparent” allowfullscreen=”true” sandbox=”allow-scripts allow-same-origin allow-popups allow-presentation”></iframe></span></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti La Ivy
<p><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/plantas_1585715359-300×225.jpg”><font><font>Sapere come avviene la riproduzione delle piante è stato importante fin dagli albori della biologia e della botanica.</font></font></b></p>
<p><font><font>Questa caratteristica è tipica di tutti gli esseri viventi ed è ciò che permette alle specie di continuare il loro sviluppo sulla terra.</font></font></p>
<p><font><font>Ma non tutte le piante si riproducono allo stesso modo e per definire le caratteristiche di questo processo abbiamo preparato questo articolo.</font></font></p>
<p><span><font><font>Ti unisci a noi 🙂?</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>

<h2><font><font>Come si riproducono le piante?</font></font></h2>
<p></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Le piante si riproducono in due modi: sessuale e asessuata.</font></font><p></p>
<p><b><font><font>Nella riproduzione sessuata intervengono gli organi riproduttivi delle piante</font></font></b><font><font> che si trovano all’interno </font></font><strong><font><font>dei fiori</font></font></strong><font><font> .</font></font></p></div></div>
<p><font><font>Questi, attraverso il processo di impollinazione, riescono ad unire i loro grani pollinici e determinano lo sviluppo di </font></font><strong><font><font>semi</font></font></strong><font><font> e frutti.</font></font></p>
<p><font><font>Quando i semi trovano un’area fertile su cui atterrare, nasce una nuova pianta.</font></font></p>
<p></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Nel caso della riproduzione asessuata, ciò che accade è che le piante raggiungono il loro sviluppo con i propri mezzi, senza impollinazione.</font></font></div></div>
<div class=”su-table su-table-responsive su-table-alternate”></div><font><font>.</font></font><br>
<span class=”shortcode”> &nbsp;</span><p></p>
<table>
<tbody>
<tr>
<td><span><strong><font><font>Riproduzione asessuata delle piante</font></font></strong></span></td>
<td><span><strong><font><font>Riproduzione sessuale delle piante</font></font></strong></span></td>
</tr>
<tr>
<td><font><font>È coinvolta una sola pianta madre.</font></font></td>
<td><font><font>Coinvolti sia i padri che le madri.</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><font><font>Si verifica nelle piante unisessuali.</font></font></td>
<td><font><font>Si verifica nelle piante bisessuali.</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><font><font>Si verifica ai piani bassi.</font></font></td>
<td><font><font>Si verifica su piante alte.</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><font><font>Gli organi riproduttivi non sono presenti.</font></font></td>
<td><font><font>Le </font></font><font><font>parti</font></font><font><font> riproduttive sviluppate sono completamente presenti</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><font><font>Nella maggior parte dei metodi il genitore originale scompare.</font></font></td>
<td><font><font>I genitori originali rimangono in vita dopo il processo di allevamento.</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><font><font>Non si vedono processi come la formazione dei gameti o la fecondazione.</font></font></td>
<td><font><font>La fecondazione dei gameti dà origine allo zigote.</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><font><font>Le caratteristiche di un solo genitore sono ereditate.</font></font></td>
<td><font><font>Le caratteristiche di entrambi i genitori sono ereditate.</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td><font><font>Non c’è bisogno di semi.</font></font></td>
<td><font><font>I semi vengono utilizzati per ottenere nuove piante da un fiore.</font></font></td>
</tr>
</tbody>
</table>
<h2><font><font>Riproduzione sessuale delle piante: stami e pistilli</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/polen_1585716753-300×200.jpg”><font><font>Le piante si riproducono sessualmente attraverso la fusione di gameti maschili e femminili nel fiore.</font></font></p>
<p><font><font>La riproduzione sessuale è simile alla riproduzione umana, che prevede la fusione dei gameti maschili (polline) e femminili (ovuli) per formare un nuovo organismo che eredita i geni da entrambi i genitori.</font></font></p>
<p><font><font>I fiori sono le parti riproduttive di una pianta. </font><font>Gli stami sono la parte riproduttiva maschile e il pistillo è la parte riproduttiva femminile.</font></font></p>
<p><font><font>I fiori che contengono solo il pistillo o solo gli stami sono chiamati fiori unisessuali. </font><font>I fiori che contengono sia gli stami che il pistillo sono chiamati fiori bisessuali.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>
<h3><font><font>Esempi di piante sessuali</font></font></h3>
<p><strong><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-maíz-9-300×225.jpg”><font><font>Mais</font></font></strong><font><font> ,</font></font><strong><font><font> papaia</font></font></strong><font><font> e</font></font><strong><font><font> cetriolo</font></font></strong><font><font> producono</font><strong><font> tutti</font></strong><font> fiori unisessuali, mentre senape,</font></font><strong><font><font> rosa</font></font></strong><font><font> e</font></font><strong><font><font> petunia</font></font></strong><font><font> hanno fiori bisessuali.</font></font></p>
<p><font><font>Sia i fiori unisessuali maschili che quelli femminili possono essere presenti sulla stessa </font></font><strong><font><font>pianta</font></font></strong><font><font> o su piante diverse.</font></font></p>
<p><font><font>Le antere contengono granuli di polline che producono gameti maschili. </font><font>Il pistillo è formato da stigma, stilo e ovaio. </font><font>L’ovaio contiene uno o più ovuli. </font><font>Il gamete femminile o l’ovulo si forma in un ovulo.</font></font></p>
<p><font><font>Nella riproduzione sessuale, un gamete maschile e femminile si fondono per formare uno zigote.</font></font></p>
<h3><font><font>Impollinazione: autoimpollinazione e impollinazione incrociata</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/polinizacion_1585716827-300×200.jpg”><font><font>I grani di polline hanno generalmente un rivestimento protettivo resistente che impedisce loro di seccarsi. </font><font>Poiché i grani di polline sono leggeri, possono essere trasportati dal vento, dall’acqua o dagli insetti.</font></font></p>
<p><font><font>Gli insetti sono attratti </font></font><strong><font><font>dai fiori vistosi</font></font></strong><font><font> e finiscono per essere vettori di polline quando si deposita sui loro corpi. </font><font>Questo accade in natura, quindi durante la primavera è comune vedere insetti sopra i </font></font><strong><font><font>fiori</font></font></strong><font><font> di </font><strong><font>campo</font></strong><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Parte del polline cade sullo stigma di un fiore della stessa classe. </font><font>Il trasferimento del polline dall’antera allo stigma di un fiore è chiamato impollinazione.</font></font></p>
<p><font><font>Se il polline cade sullo stigma dello stesso fiore si parla di autoimpollinazione. </font><font>Quando il polline di un fiore cade sullo stigma di un altro fiore della stessa pianta, o su quello di una pianta diversa dello stesso tipo, si parla di impollinazione incrociata.</font></font></p>
<h3><font><font>Concimazione delle piante</font></font></h3>
<p><font><font>.</font></font></p>
<p><font><font>Il processo di fusione dei gameti maschili e femminili (per formare uno zigote) è chiamato fecondazione. </font><font>Lo zigote diventa un embrione.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>
<h3><font><font>La formazione di frutti e semi</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-semillas-300×218.jpeg”><font><font>Dopo la fecondazione, l’ovaio si trasforma in un </font></font><font><font>frutto</font></font><font><font> e altre parti del fiore cadono. </font><font>Il frutto è l’ovaio maturo.</font></font></p>
<p><font><font>I semi si sviluppano dagli ovuli.</font></font></p>
<p><font><font>Il seme contiene un embrione protetto da uno strato protettivo di semi. </font><font>Alcuni frutti sono carnosi e succosi come il </font></font><strong><font><font>mango</font></font></strong><font><font> , la </font></font><strong><font><font>mela</font></font></strong><font><font> e l’ </font></font><strong><font><font>arancia</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Alcuni frutti sono duri come </font></font><strong><font><font>mandorle</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>noci</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<h3><font><font>Propagazione dei semi</font></font></h3>
<p><font><font>Sappiamo che il polline è leggero e si muove facilmente attraverso il vento, l’acqua o gli insetti. </font><font>Ma… che dire </font></font><strong><font><font>dei semi</font></font></strong><font><font> ? </font><font>Come lo fanno?</font></font></p>
<p><font><font>Principalmente grazie agli </font></font><font><font>animali</font></font><font><font> . </font><font>Sia perché sono un tipo di pianta spinosa, grazie alla quale i semi sono in grado di aderire al corpo degli animali. </font><font>Questi animali si muovono, spostando i semi da un lato all’altro.</font></font></p>
<p><font><font>Tuttavia, c’è qualcosa di meglio. </font><font>Uno dei meccanismi più utili che la natura, e in particolare le piante, ha per riprodursi è attraverso i frutti. </font><font>Molti animali mangiano la frutta.</font></font></p>
<p><font><font>I semi finiscono nell’apparato digerente di questi animali, che in seguito, in larga misura, li defecano in un luogo diverso dove sono stati ingeriti, e anche con una </font></font><strong><font><font>buona manciata di fertilizzante naturale</font></font></strong><font><font> 🙂</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Cos’è la riproduzione asessuata delle piante?</font></font></h2>
<p><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/reproducción_1585715390-300×200.jpg”><font><font>La riproduzione asessuata è quella che avviene senza la necessità dell’intervento degli organi sessuali delle piante.</font></font></b></p>
<p><font><font>Né sarebbe necessario che abbia luogo il processo di impollinazione.</font></font></p>
<p><font><font>Il motivo per cui è così è dovuto alla capacità di alcune piante di rigenerarsi da alcuni tessuti che già possiedono.</font></font></p>
<p><font><font>Ad esempio, uno stelo o una cellula.</font></font></p>
<h3><font><font>Quali tipi di riproduzione asessuata troviamo?</font></font></h3>
<p><font><font>I tipi di riproduzione asessuata hanno </font></font><b><font><font>origine in base all’area della pianta che viene presa come base per la nascita di un nuovo esemplare.</font></font></b></p>
<h4><font><font>Tubero</font></font></h4>
<p><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/patata_1582733224-300×200.jpg”><font><font>Questo tipo di riproduzione avviene in alcune piante che crescono sottoterra.</font></font></b></p>
<p><b><font><font>I responsabili del compito sono gli steli</font></font></b><font><font> , che sono pieni di sostanze nutritive che consentono loro di creare da soli una nuova pianta.</font></font></p>
<p><font><font>Questo è possibile perché diventano capaci di generare radici.</font></font></p>
<p><font><font>Per saperne di più: </font></font><strong><font><font>I tuberi.</font></font></strong></p>
<h4><font><font>rizomi</font></font></h4>
<p><font><font>In questo caso </font></font><b><font><font>si tratta anche di fusti che si formano sottoterra ma hanno la particolarità di andare paralleli al suolo.</font></font></b></p>
<p><font><font>Dalla base degli steli si generano gemme da cui nascono fusti e radici più piccole.</font></font></p>
<p><font><font>Hanno la particolarità di crescere in modo permanente, quindi possono coprire una buona quantità di spazio con piante della loro specie.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>
<h4><font><font>stoloni</font></font></h4>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/plantas_1585715442-300×188.jpg”><font><font>In questo caso </font></font><b><font><font>i fusti attraversano la superficie della terra e quando sentono di essere nelle condizioni corrette, producono radici.</font></font></b></p>
<p><font><font>Dopo che le radici si sono formate, iniziano il processo di creazione di steli </font></font><font><font>verticali</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Vale la pena notare che gli stoloni, a differenza dei </font></font><font><font>rizomi</font></font><font><font> , muoiono quando la nuova pianta è forte, rendendola indipendente.</font></font></p>
<h4><font><font>lampadine</font></font></h4>
<p><b><font><font>Si tratta ancora di fusti sotterranei che sono formati da un insieme di foglie disposte una sopra l’altra.</font></font></b></p>
<p><font><font>Una volta che questi bulbi sono posti in un terreno fertile, producono radici e nuovi steli.</font></font></p>
<h4><font><font>bulbi</font></font></h4>
<p><font><font>Infine, c’è la riproduzione asessuata per bulbi che </font></font><b><font><font>funziona con le formazioni di gemme che si generano sui bordi di alcune foglie.</font></font></b></p>
<p><font><font>Queste gemme finiscono per cadere a terra e, da lì, nasce una nuova pianta.</font></font></p>
<h3><font><font>Quali esempi possiamo trovare in natura?</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/plantación-de-ñame-300×212.png”><font><font>Nel mondo vegetale esistono </font></font><b><font><font>molte specie in grado di riprodursi solo asessualmente e anche sessualmente o asessualmente.</font></font></b></p>
<p><b><font><font>Le </font></font><font><font>fragole</font></font><font><font> sono chiari esempi di piante che possono utilizzare entrambi i percorsi</font></font></b><font><font> . </font><font>Nel caso del sistema asessuale, lo fanno attraverso gli stoloni.</font></font></p>
<p><font><font>Quando si tratta di tuberi, </font></font><strong><font><font>la patata</font></font></strong><font><font> è l’esempio per eccellenza perché fa un ottimo lavoro in questo senso, aumentando i raccolti. </font><font>Altri ortaggi a radice sono </font></font><strong><font><font>patate </font></font></strong><font></font><strong><font><font>dolci</font></font></strong><font><font> , </font><strong><font>patate dolci</font></strong><font> o </font></font><strong><font><font>zenzero</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Le piante che funzionano per i bulbi sono quelle i cui frutti hanno una condizione simile di foglie sovrapposte, ad esempio le </font></font><strong><font><font>cipolle</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>
<p><font><font>Nel caso delle piante che lavorano con i rizomi, ci sono specie come l’ </font></font><strong><font><font>origano</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-ajos-paso-a-paso-297×300.jpg”><font><font>Tra le piante che lavorano con i bulbilli, infine, c’è il </font></font><em><font><font>Bryophyllum calycinum.</font></font></em></p>
<p><font><font>🌴Altre specie che possiamo trovare incluse in questo gruppo sono </font></font><font><font>tulipani </font></font><b><font><font>, alghe verdi, </font></font><font><font>denti di leone</font></font><font><font> , canna da zucchero, malamadre, </font></font></b><strong><font><font>aglio</font></font></strong><b><font><font> , </font></font></b><strong><font><font>rosmarino</font></font><font><font> , </font></font><font><font>alcuni garofani</font></font></strong><b><font><font> , </font></font></b><strong><font><font>peschi</font></font></strong><b><font><font> , </font></font><font><font>aranci</font></font></b><font><font> , tra gli altri.</font></font></p>
<p><font><font>Anche come le fragole, molte di queste specie sopra menzionate funzionano anche sotto la riproduzione sessuale.</font></font></p>
<h3><font><font>Quali sono i vantaggi della riproduzione asessuata delle piante?</font></font></h3>
<p><font><font>Il principale vantaggio della riproduzione asessuata è la </font></font><b><font><font>semplicità, poiché praticamente non è necessario alcun lavoro di supporto.</font></font></b></p>
<p><font><font>Inoltre, </font></font><b><font><font>il dispendio energetico delle specie è molto inferiore</font></font></b><font><font> rispetto a quando devono eseguire l’intero processo da un seme.</font></font></p>
<p><font><font>È anche </font></font><b><font><font>possibile che una specie raggiunga un gran numero di discendenti</font></font></b><font><font> da una madre in un nuovo spazio.</font></font></p>
<p><font><font>Nel caso della vita vegetale, questo vantaggio rappresenta la possibilità di aumentare i campi coltivati ​​e, quindi, la quantità di cibo.</font></font></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/planta_1585715521-300×141.jpg”><font><font>La riproduzione asessuata aiuta anche </font></font><b><font><font>le piante più giovani a proteggersi dagli attacchi di altri organismi con poco sforzo.</font></font></b></p>
<p><font><font>Infine, c’è il fatto che </font></font><b><font><font>non hai bisogno di un partner</font></font></b><font><font> , quindi il lavoro viene svolto molto più rapidamente.</font></font></p>
<h3><font><font>Quali sono gli svantaggi della riproduzione asessuata delle piante?</font></font></h3>
<p><font><font>Il principale svantaggio di questo metodo è che </font></font><b><font><font>è impossibile produrre variazioni nella prole.</font></font></b></p>
<p><font><font>Ciò significa che tutti i bambini saranno pressoché identici ai loro genitori e continueranno a farlo nel tempo.</font></font></p>
<p><font><font>Questa stessa condizione </font></font><b><font><font>li rende vulnerabili a situazioni avverse, come le condizioni atmosferiche, poiché non hanno possibilità di creare resistenza.</font></font></b></p>
<p><font><font>Negli spazi in cui non si desidera piantare una certa specie, la </font></font><b><font><font>riproduzione asessuata funziona senza permesso.</font></font></b></p>
<p><font><font>Questo è ciò che accade, ad esempio, con </font></font><font><font>prati</font></font><font><font> o erbacce da giardino che crescono e crescono senza sosta.</font></font></p>
<p><font><font>Ogni specie è unica e le sue possibilità di riproduzione saranno benefiche, o meno, nella misura in cui sapranno trarne vantaggio.</font></font></p>
<p><font><font>La riproduzione asessuata non si verifica solo nelle piante, ma anche in alcuni tipi di animali.</font></font></p>
<p>

</p><!– .helpful –>

suggerimenti Come si svolge la riproduzione vegetale? 🌸🌼
<p><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cesped_1603634887-300×200.jpg”><font><font>Un prato ben curato è l’ideale per mantenere il giardino in perfette condizioni: verde e delicato.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>La sua cura non comporta molto lavoro, al di là della potatura. </font><font>Ma come in altri casi, è possibile che tu diventi vittima di alcuni parassiti e malattie.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Conoscerli ti aiuterà a essere preparato a evitare che si generino, allo stesso tempo che ti offrirà gli strumenti appropriati per affrontarli.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Allora, ci accompagnerai a scoprire cosa sono, cosa le causa e come trattarle? </font><font>Fallo.</font></font></span></p>

<h2><font><font>verme bianco</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Gusano-blanco-del-cesped-300×225.jpg”><font><font>Il </font></font><font><font>verme bianco</font></font><font><font> è la fase dei coleotteri in cui si trovano sotto forma di larve, stadio in cui sono in grado di generare notevoli danni al prato.</font></font></span></p>
<p><b><font><font>Prediligono le radici del prato </font></font></b><span><font><font>, da cui ottengono il cibo, anche se potrebbero sfruttare anche le radici di altre piantagioni.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Sono considerati parassiti durante i 3 o 4 anni che durano in questa fase, perché </font></font></span><b><font><font>quando diventano coleotteri diventano innocui.&nbsp;</font></font></b><span><font><font>Sono parassiti che compaiono negli ultimi giorni dell’estate e che rimangono in azione durante il periodo più freddo dell’anno, quindi gli effetti si noteranno con l’arrivo della </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>I sintomi che si vedranno sul prato saranno </font></font></span><b><font><font>aree appassite, debolezza della </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> (potere estrarla dal terreno senza sforzo), </font></font></b><span><font><font>tra gli altri.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>I </font></font><font><font>vermi</font></font><font><font> bianchi </font><font>hanno i loro predatori dannosi anche per i prati, come le talpe, con la possibilità che il problema si aggravi.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ci sono diversi prodotti che è possibile applicare contro il suo attacco, come </font></font></span><b><font><font>un worm controller.&nbsp;</font></font></b><span><font><font>In ogni caso è meglio consultare un esperto del settore per agire con maggiore sicurezza.</font></font></span></p>

<h2><font><font>antracnosi</font></font></h2>
<p><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Enfermedades-de-la-Viña-Antracnosis-scaled-225×300.jpg”><font><font>È una malattia prodotta da un fungo noto come gramineae colletotrichum che colpisce principalmente il fusto dell’erba.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>I sintomi sono evidenziati come </font></font></span><b><font><font>aree arrotondate in cui l’erba inizia a ingiallire fino alla morte.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Ciò si verifica soprattutto nei prati più vecchi, ma diventa dannoso per i nuovi germogli che si stanno sviluppando, facendoli invecchiare rapidamente.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Le cause del suo aspetto includono un ambiente ambientale ad alto tasso di umidità e dove anche le temperature sono elevate. </font></font></span><span><font><font>Ma l’azione umana potrebbe anche essere causa di comparsa quando il prato è trafficato in modo eccessivo o la potatura viene eseguita molto a filo del terreno.</font></font></span></p>
<p><b><font></font><font><font>Il</font></font><font><font> trattamento </font><font>dell’antracnosi</font><font> sarà effettuato con </font></font><font><font>fungicidi</font></font></b><span><font><font> approvati per questa specifica malattia, utilizzando, ad esempio, clortalonil.</font></font></span></p>

<h2><font><font>formiche</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/hormigas_1603635011-300×192.jpg”><font><font>Le formiche sono insetti che sono permanentemente presenti nei giardini e non causano danni diretti al prato dopo che si è sviluppato.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Tuttavia, </font></font></span><b><font><font>al momento della semina, è necessario che le </font></font><font><font>formiche</font></font><font><font> siano tenute sotto sorveglianza </font></font></b><span><font><font>e, per quanto possibile, debellate.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Il motivo è che il loro bisogno di cibo e la facilità di individuare ciò che è commestibile, fanno sì che </font></font></span><b><font><font>i </font></font><font><font>semi</font></font><font><font> vengano rubati </font><font>dalla semina </font></font></b><span><font><font>.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Questo genera due possibili danni alla struttura:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><b><font><font>Aree dell’area prive di </font></font><font><font>erba</font></font></b><span><font><font> .</font></font></span></li>
<li><b><font><font>Aree che possono sembrare irregolari </font></font></b><span><font><font>nella quantità di erba perché hanno abbandonato un seme vicino a dove ne viene seminato un altro.</font></font></span></li>
</ol>
<p><span><font><font>La buona notizia è che esistono prodotti ideali per affrontare questo problema e che si applicano spruzzandoli sulla superficie del terreno.</font></font></span></p>

<h2><font><font>nei</font></font></h2>
<p><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/topos_1603635043-300×269.jpg”><font><font>È una specie animale erbivora che si nutre di </font></font><font><font>parti di</font></font><font><font> piante </font><font>, come steli e radici.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Nel caso di piante che producono frutti sotto forma di bulbi, sono anche in grado di consumarli, quindi va tenuto presente quando ci sono frutteti.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Per i prati potrebbero essere considerati un vero problema, perché oltre alle loro preferenze alimentari, conducono anche una vita sotterranea.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ciò significa che </font></font></span><b><font><font>sono incaricati di realizzare gallerie per tutta l’estensione del terreno </font></font></b><span><font><font>, lasciando </font><font>piccoli cumuli di terra </font></font><font><font>all’esterno</font></font><font><font> agli ingressi.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>La loro azione si verifica più frequentemente di notte, quindi è difficile catturarli facilmente.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Per affrontarli </font></font></span><b><font><font>esistono prodotti pensati per loro sotto forma di fumo che viene introdotto in uno degli ingressi fabbricati </font></font></b><span><font><font>per annegarli.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>È importante, ovviamente, che gli altri accessi ai tunnel siano coperti per evitare la fuoriuscita di talpe e fumo.</font></font></span></p>

<h2><font><font>macchia di dollaro</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Plagas-y-enfermedades-del-cesped-300×225.jpg”><font><font>La macchia del dollaro è causata da un fungo noto come sclerotinia homeocarpa che genera macchie su diverse parti del prato.</font></font></span></p>
<p><b><font><font>Queste macchie sono di colore bruno e, in una prima fase, raggiungono i 6 cm di diametro. </font><font>Tuttavia, in seguito aumentano questa dimensione.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Naturalmente queste macchie hanno un effetto devastante sulle foglie, seccandole e lasciandole morire in poco tempo.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>All’inizio può essere difficile determinare se si tratta di questa malattia o di un’altra con effetti simili.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Un trucco per differenziare è </font></font></span><b><font><font>vedere il prato colpito molto presto la mattina </font></font></b><span><font><font>, quando è normale che la vegetazione si svegli con la rugiada.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Grazie all’effetto controluce, sarà possibile mostrare </font></font></span><b><font><font>sulle foglie una polvere bianca </font></font></b><span><font><font>, che corrisponde al micelio del fungo.</font></font></span></p>
<p><span></span></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>La macchia del dollaro è una delle malattie più complesse intorno alle cause che la producono perché può manifestarsi a qualsiasi temperatura (eccetto il gelo).&nbsp;</font></font><span><font><font>Ciò che è necessario è che </font></font></span><font><b><font>ci </font></b><span><font>sia </font></span></font><b><font><font>un alto livello di umidità nell’ambiente.</font></font></b></div></div>
<p><span><font><font>Per quanto riguarda il tipo di erba per la quale predilige, quelle a filo fine sono maggiormente in pericolo.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Oltre a quanto sopra, ha la caratteristica che il </font></font></span><b><font><font>suo ceppo acquisisce una notevole resistenza all’uso di determinati trattamenti.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Per questo motivo è bene apportare una variazione al prodotto utilizzato se la malattia si ripete.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Tra i prodotti che possono essere lavorati ci sono il </font></font></span><b><font><font>clortalonil, l’iprodione e il fenarimol.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Le perdite causate da parassiti e malattie nel prato potrebbero non essere così complesse come quelle che si verificano nel caso di frutta e verdura.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Tuttavia, a nessuno piace avere un prato che sembra brutto, dall’aspetto trasandato e, soprattutto, ha </font></font><font><font>animali</font></font><font><font> che non sono i benvenuti.</font></font></span></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Parassiti e malattie del prato
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti quando si semina Heliconia</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><span><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Heliconia-200×300.jpg”><font><font>Dove seminare? </font></font></b> </span><font><font>Molta luce. </font><font>Non necessita di luce solare diretta. </font><font>Mezza ombra.</font></font></li>
<li><span><b><font><font>Quando? </font></font></b></span><font><font>In primavera-estate.</font></font></li>
<li><b><span><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></span> </b><font><font>Rimosso, eliminando le</font></font><font><font> erbacce</font></font><font><font> . </font><font>Con substrato 60% di</font></font><font><font> pacciamatura</font></font><font><font> con 30% di perlite e 10% di humus di lombrico.</font></font></li>
<li><b><span><font><font>Come innaffiamo? </font></font></span> </b><font><font>Spruzzando.</font></font></li>
<li><span><b><font><font>Quanto spesso annaffiamo? </font></font></b></span><font><font>Ogni due o tre giorni in</font></font><font><font> estate</font></font><font><font> . </font><font>Resto dell’anno frequentemente, senza eccessi.</font></font></li>
<li><span><b><font><font>Piaghe e malattie? </font></font></b></span><font><font>viaggi,</font></font><font><font>afidi</font></font><font><font> , acari e nematodi. </font><font>Botrytis, Achromobacter, Bacillus, Micrococcus e Pseudomonas.</font></font></li></ul></div></div>

<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Heliconia-planta-163×300.jpg”><font><font>L’Heliconia è una pianta erbacea perenne rizomatosa originaria </font></font><font><font>delle</font></font><font><font> regioni </font><font>tropicali</font><font> del Sud America, dell’America Centrale, delle Isole del Pacifico e dell’Indonesia.</font></font></p>
<p><font><font>È popolarmente conosciuto come platanillo, uccello del paradiso (ma da non confondere con Strelitzia), chela di aragosta o semplicemente heliconia.</font></font></p>
<p><font><font>Le brattee dell’heliconia sono gli organi più appariscenti della </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> , generalmente sono di colori primari o misti. </font><font>La sua altezza varia da 70 cm a 10 m.</font></font></p>
<p><font><font>Il genere di heliconia è composto da circa 100 specie e le più diffuse sono la Bihai heliconia, l’heliconia rostrata e l’heliconia psittacorum.</font></font></p>

<h2><font><font>Quando seminare l’eliconia?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>La temperatura ottimale per il loro sviluppo è di 28ºC con un range tra 25 e 32ºC, non sopportano il gelo e non producono </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> quando superano i 35ºC.</font></font></div></div>
<p><font><font>L’heliconia si moltiplica per </font></font><font><font>seme</font></font><font><font> o per separazione dei polloni in primavera-estate.</font></font></p>

<h2><font><font>Dove farlo?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Dónde-hacerlo-6-300×200.jpg”><font><font>Le eliconie non sono influenzate dal fotoperiodo e la loro fioritura dipende dalla temperatura. </font><font>Dovrebbero essere piantati in pieno sole o in zone dove la maggior parte della giornata sono illuminati dalla luce del sole.</font></font></p>
<p><font><font>Nelle zone con incidenza di venti, è consigliabile utilizzare tende frangivento per contrastarne l’effetto e favorire la crescita dell’eliconia.</font></font></p>

<h2><font><font>Come preparare il terreno?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>L’Heliconia richiede che il terreno sia fertile ma ben drenato, preferibilmente acido. </font><font>Una miscela di 60% di </font></font><font><font>pacciamatura</font></font><font><font> con 30% di perlite e 10% di lombrichi.</font></font></div></div>
<p><font><font>Il terreno da utilizzare deve essere privo di sassi e zolle per favorire un buon sviluppo radicale. </font><font>Il rapporto tra suolo decomposto e materia organica è di tre a uno.</font></font></p>
<p><font><font>Si può generalizzare, entro certi intervalli, che gli aspetti nutrizionali di Heliconias e Alpinias sono molto simili a quelli delle Musaceae, dove l’ </font></font><font><font>azoto</font></font><font><font> (N) e il </font></font><font><font>potassio</font></font><font><font> (K) svolgono un ruolo importante nella normale crescita e nella produzione commerciale.</font></font></p>
<p><font><font>La maggior parte delle specie è altamente suscettibile alla carenza di potassio, non tollera i terreni basici o poco drenati.</font></font></p>

<h2><font><font>Come innaffiamo l’heliconia?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cómo-regamos-la-heliconia-200×300.jpg”><font><font>Heliconia vive e prospera nelle foreste pluviali; </font><font>non resistono alla siccità. </font><font>A causa delle dimensioni delle loro foglie, si disidratano facilmente a causa della radiazione diretta, quindi a volte è necessario utilizzare l’ </font></font><font><font>irrigazione a pioggia</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>La quantità di acqua dipende dall’incidenza della luce, dalle esigenze della cultivar e dal periodo dell’anno.</font></font></p>
<p><font><font>L’Heliconia richiede un centimetro d’acqua al giorno se piantata in terreno ben drenato, 2,5 cm per specie che crescono in terreni più compatti e fino a 7 litri per pianta in produzione, in estate.</font></font></p>
<p><font><font>Il ristagno d’acqua non fa bene nemmeno all’eliconia, poiché se il terreno fosse costantemente bagnato durante l’inverno, le loro radici sarebbero gravemente danneggiate e potrebbero ammalarsi. </font><font>Generalmente, i fiori tropicali sono preferiti quando l’umidità è superiore all’80%.</font></font></p>

<h2><font><font>Come seminiamo un’eliconia passo dopo passo?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cómo-sembramos-paso-a-paso-una-heliconia-scaled-200×300.jpg”><font><font>Per ottenere una coltivazione di eliconia di successo, è necessario eseguire un metodo di propagazione adeguato. </font><font>Ciò include la realizzazione di lavori culturali in tempo utile per ottenere piante sane e di buona qualità.</font></font></p>
<p><font><font>Il primo raccolto di heliconia si ottiene tra i primi sette e dieci mesi dalla semina, ma il fiore di migliore qualità si ottiene dopo 12 mesi.</font></font></p>
<h3><font><font>Semina eliconia dai semi</font></font></h3>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><font><font>Riempi un vassoio per piantine con </font></font><font><font>pacciame</font></font><font><font> misto a perlite al 30%.</font></font></li>
<li><font><font>Seminare un massimo di due semi in ogni alveolo</font></font></li>
<li><font><font>Coprire con uno strato sottile di </font></font><font><font>substrato</font></font><font><font> e spruzzare sulla superficie.</font></font></li>
<li><font><font>Innaffia abbondantemente, ma senza pozzanghere.</font></font></li>
<li><font><font>Posizionare il vassoio </font></font><font><font>all’esterno</font></font><font><font> , in mezz’ombra.</font></font></li>
<li><font><font>Germineranno in circa due settimane.</font></font></li>
</ol>
<h3><font><font>Semina eliconia usando talee</font></font></h3>
<ol class=”custom-counter3″>
<li><font><font>Aspetta che le ventose abbiano una taglia 1 facilmente manipolabile (circa 10-15 cm di altezza),</font></font></li>
<li><font><font>Scava un po’ con una piccola zappa a mano e poi separalo con un coltello seghettato.</font></font></li>
<li><font><font>Impregnare la base con </font><font>i </font></font><font><font>rooter</font></font><font><font> fatti in casa</font></font></li>
<li><font><font>Pianta singolarmente in vaso.</font></font></li>
<li><font><font>Innaffia abbondantemente, ma senza pozzanghere.</font></font></li>
</ol>

<h2><font><font>Quali associazioni favorevoli ha?</font></font></h2>
<p></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.</font></font></div></div>
<p><font><font>Essendo una pianta di tipo tropicale, potrebbe essere favorevole piantarla con altre della stessa specie, avendo molta cura dell’irrigazione, della concimazione e della sua posizione al sole.</font></font></p>

<h2><font><font>Quali parassiti e malattie attaccano l’eliconia?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Qué-plagas-y-enfermedades-atacan-a-la-Begonia-Rex-araña-roja-300×225.jpg”><font><font>I parassiti più comuni nell’eliconia sono: tripidi, afidi, </font></font><font><font>acari</font></font><font><font> e nematodi, tra gli altri.</font></font></p>
<p><font><font>I </font></font><font><font>Tripidi</font></font><font><font> sono piccoli insetti dai movimenti rapidi che succhiano la linfa. </font><font>Attaccano lo stelo dell’eliconia, ne influenzano la crescita e ne deformano i fiori.</font></font></p>
<p><font><font>Afidi verdi e afidi neri invadono foglie giovani e germogli, che sono gravemente colpiti perché tali insetti succhiano la </font></font><font><font>linfa</font></font><font><font> dalla pianta.</font></font></p>
<p><font><font>I ragnetti </font></font><font><font>rossi</font></font><font><font> possono causare danni significativi all’eliconia, sono di colore </font><font>rosso</font><font> e si nutrono della linfa delle piante, che si trova solitamente nella parte inferiore delle foglie, agli angoli delle nervature. </font><font>I nematodi distorcono il fogliame e lo stelo, i bulbi diventano marroni e la fioritura è tardiva.</font></font></p>
<p><font><font>Se un bulbo affetto viene tagliato trasversalmente, si osservano anelli di colore scuro nel tessuto. </font><font>Tra le malattie che l’heliconia può presentare ci sono: muffa grigia (Botrytis cinerea), Achromobacter, Bacillus, Micrococcus e Pseudomonas, che causano gravi danni all’intera pianta.</font></font></p>

<h2><font><font>Bibliografia e riferimenti</font></font></h2>
<p><font><font>Boris, P. Manuale di </font></font><font><font>Floricoltura</font></font><font><font> . </font><font>1995. pag. </font><font>2-3.</font></font></p>
<h3><font><font>Banca dati digitale</font></font></h3>
<ul>
<li><font><font>Hogarmania.com. </font></font><i><font><font>Heliconia cura</font></font></i><font><font> . </font><font>Riprodotto da: </font></font><font><font>https://www.hogarmania.com/jardineria/fichas/plantas/heliconia-bihai-26384.html</font></font></li>
<li><font><font>Sanchez Monica. </font></font><i><font><font>L’eliconia</font></font></i><font><font> . </font><font>Jardineriaon.com. </font><font>Riprodotto da: </font></font><font><font>https://www.jardineriaon.com/heliconia.html</font></font></li>
<li><font><font>Ecured.com. </font></font><i><font><font>Heliconia orthotricha</font></font></i><font><font> . </font><font>Riprodotto da: </font></font><font><font>https://www.ecured.cu/Heliconia_ortotriche</font></font></li>
</ul>

<!– .helpful –>

suggerimenti Heliconia
<h2><font><font>Cos’è il verme?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Qué-es-el-gusano-cortador-300×252.jpg”><font><font>Il cutworm è il nome utilizzato per identificare un tipo di larve appartenente a diverse specie di </font></font></span><i><span><font><font>nottue</font></font></span></i><span><font><font> adulte, dei Lepidotteri.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Sono qualificati come tagliatori perché sono realmente efficaci nel lavoro di consumare foglie e rami, che masticano a livello del suolo, distruggendo fusti, foglie e nelle specie sotterranee, con le radici, che tagliano con il loro potente apparato orale.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ecco perché sono considerati un vero parassita sia in agricoltura che in giardinaggio, perché distruggono l’intera </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> quando vengono invasi.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Come possiamo identificarlo?</font></font></h2>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><span><font><font>Di solito sono verdi, rosa, grigi, gialli, marroni e </font></font><font><font>neri</font></font><font><font> , con strisce longitudinali e persino maculati, con alcune varietà tra i sessi.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Sono lunghi circa 3 cm.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>In </font></font><font><font>autunno</font></font><font><font> le uova si schiudono e si schiudono molte larve resistenti, capaci di ibernare nel terreno e in luoghi ricchi di </font></font><font><font>legno</font></font><font><font> .</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Escono a mangiare la sera e nelle giornate molto nuvolose, quindi sarà facile rintracciarli ad occhio nudo se pattugliamo frequentemente le colture orticole e le nuove piantine.&nbsp;</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Durante il giorno sono sempre nascosti.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Si rannicchiano e rabbrividiscono quando sono inattivi.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Una specie comune sono i cosiddetti </font></font><font><font>vermi</font></font><font><font> grassi, l’ </font></font></span><i><span><font><font>Agrotis ipsilon,</font></font></span></i><span><font><font> che hanno macchie scure sul corpo e maturano in falene nere.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Un’altra specie ben nota sono i lombrichi variegati, di colore marrone con una debole striscia bianca sul dorso.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>I vermi adulti sono falene, di colore da marrone a grigio e alate, lunghe circa 4 cm. </font><font>Le femmine sono grandi strati di uova nel terreno asciutto.</font></font></span></li>
</ol>
<p><span><font><font>Le migliori prove della presenza di lombrichi nel tuo giardino sono le seguenti, inconfutabili ma al cento per cento combattebili. </font><font>Vediamo.</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter3″>
<li><span><font><font>Esistenza di diverse piante con tagli praticati alla base dei loro steli.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Specie vegetali danneggiate, appassite, secche.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Detriti e detriti di Cutworm</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Presenza attiva di lombrichi, localizzata dopo un sopralluogo notturno in loco, facilmente rilevabile se rimuoviamo il terriccio con le mani nelle zone degli ortaggi danneggiati. </font><font>Sono disponibili in molti colori, che vanno dal grigio, rosa, marrone e nero.</font></font></span></li>
</ol>

<h2><font><font>Quali piante colpisce il cutworm?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/A-qué-plantas-afecta-el-gusano-cortador-Tomates-pimientos-300×225.jpg”><font><font>Ci sono parecchie colture minacciate da questo parassita. </font><font>I vermi amano attaccare le verdure.</font></font></span></p>
<p><span><font><font> Pomodori, peperoni e piante di grano come piselli e fagiolini sono facili prede per il verme, che si arrampica di notte per mangiare foglie e ramoscelli.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>La stagione primaverile è la preferita di questi animali, quindi il lavoro di sorveglianza deve essere estremo e se notiamo la presenza di qualcuno di questi vermi in giardino o frutteto, è necessario adottare misure profilattiche immediate.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Come combattere il verme?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Esistono diverse tecniche efficaci per combattere il verme. </font><font>Diamo un’occhiata ad alcune pratiche altamente inventive che frenano questi lombrichi persistenti.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Squillare</font></font></h3>
<p><span><font><font>Un modo per proteggere la pianta dalle incursioni nemiche è prendere una grande lattina, rimuovere la parte superiore e inferiore e inserire l’anello al suo interno. </font><font>Allo stesso modo, procedi con un anello di cartone.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>L’idea è di proteggere lo stelo da terra, a circa 3 cm da terra a circa 15 cm sopra.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>In questo modo impediamo a questi abili lepidotteri di arrampicarsi.&nbsp;&nbsp;</font></font></span></p>
<h3><font><font>Foglio di alluminio</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cómo-combatir-el-gusano-cortador-Lámina-de-aluminio-300×180.jpg”><font><font>Viene utilizzata anche la tecnica dell’utilizzo di un involucro di alluminio che copre lo stelo. </font><font>E anche la carta oleata funziona abbastanza bene per impedire ai vermi di strisciare sulle foglie.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ciò è particolarmente efficace in </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> , quando compaiono con maggiore intensità in cerca di cibo, colpendo campi e giardini. </font></font></span><span><font><font>Ecco perché è conveniente ritardare i trapianti e l’impianto di qualsiasi specie vegetale in questo momento.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Tubi di carta igienica</font></font></h3>
<p><span><font><font>È molto utile </font></font><font><font>tagliare</font></font><font><font> a metà i tubi di carta igienica da usare come semenzaio. </font><font>Sono riempiti con un buon </font></font><font><font>substrato</font></font><font><font> universale, i </font></font><font><font>semi</font></font><font><font> vengono piantati </font><font>all’interno e posti in un vassoio.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Quando le piantine sono già germogliate, allora possiamo portarle così come sono germogliate in giardino per un </font></font><font><font>trapianto</font></font><font><font> sicuro e privo di vermi acrobatici.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Controllo delle infestanti</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Control-de-maleza-300×160.jpg”><font><font>Una delle raccomandazioni più importanti riguarda la gestione delle erbe infestanti e dei pascoli. </font></font></span></p>
<p><span><font><font>Non devono essere alte né permettere loro di espandersi molto nella nostra coltivazione e in giardino, perché sono il miglior terreno di coltura perché le larve si muovano liberamente, depongano le uova, si riproducano per poi arrampicarsi verso le piante, dalle erbacce alte.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Dobbiamo regolarmente sarchiare e controllare la terra, per avvertire la visita di questi esseri indesiderabili e persistenti.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Quando finisce la stagione primaverile, oltre alla fine del raccolto, è anche molto conveniente lavorare l’orto, tagliare l’ </font></font><font><font>erba</font></font><font><font> nella zona principale e nelle zone circostanti, in modo da distruggere l’habitat naturale di questi animali.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Controllo biologico</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cómo-combatir-el-gusano-cortador-Control-biológico-scaled-300×200.jpg”><font><font>Un modo per esercitare il controllo biologico è con l’aiuto delle lucciole, esperte nella caccia ai vermi. </font></font></span></p>
<p><span><font><font>È uno dei migliori predatori naturali della cutworm, ma è anche un favoloso insetto che farà divertire la famiglia, specialmente i bambini quando accenderà la sua lucciola naturale e si accende di notte.</font></font></span></p>
<p><span></span></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Un altro modo per applicare un controllo biologico efficace è con lo sviluppo di mangiatoie e abbeveratoi naturali per gli uccelli, perché gli uccelli sono anche ottimi predatori naturali di vermi.</font></font></div></div> <p></p>
<p><span><font><font>Specie come merli, uccelli azzurri, ghiandaie, passeri e re sono perfetti, perché si nutrono di larve.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Nei negozi commerciali vendono i nematodi, che sono anche grandi predatori di questi vermi.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Altri </font></font><font><font>animali</font></font><font><font> che mangiano le larve sono:&nbsp; </font></font></span><span><font><font>talpe, rospi, loiche. </font><font>Se riesci a trovarne uno nel tuo giardino, stai certo che sarà pulito da tutti i tipi di vermi.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Sarebbe un vero crimine spezzare questa meravigliosa sequenza della catena alimentare.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Quindi, i pesticidi organici sono preferibili a quelli chimici, poiché le colture sono cibo sicuro per questi vermi.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Per questo motivo viene utilizzato anche il sapone per lavastoviglie senza candeggina, come altro metodo efficace per allontanarli dall’ambiente circostante e dai piedi delle piante.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Quali sono i migliori prodotti per la rimozione delle larve?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cuáles-son-los-mejores-productos-para-eliminar-el-gusano-cortador-300×225.jpg”><font><font>Saranno sempre preferibili soluzioni insetticide prive di sostanze chimiche.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Una buona risposta si troverà dopo aver cosparso alternatamente chicchi di caffè e gusci d’uovo intorno alle piante. </font><font>Allontaneranno non solo i vermi, ma anche altre creature.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>L’uso di </font></font><font><font>farina</font></font><font><font> fossile e polvere </font><font>è fantastico. </font><font>I fossili macinati sono efficaci nell’uccidere gli insetti quando ci camminano sopra. </font><font>I vermi moriranno disidratati grazie a questo efficace metodo di combattimento.</font></font></span></p>
<p><span></span></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Un’altra formula efficace è quella di applicare un insetticida naturale, </font></font><i><span><font><font>Bacillus thuringiensis,</font></font></span></i><span><font><font> anche se bisogna tenere presente che questo batterio può andare oltre lo sterminio delle larve e colpire anche le farfalle impollinatrici.</font></font></span></div></div>
<p></p>
<p><span><font><font>Ecco perché deve essere applicato sotto stretto controllo.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Quando un’infestazione è iniziata, l’ideale è andare a caccia di larve di notte.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Con l’aiuto di una buona torcia, delle pinzette e un secchio di acqua saponata, possiamo estrarre manualmente ogni verme uno ad uno, per poi buttarli nel secchio a morire.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Queste revisioni periodiche sono abbastanza efficaci, soprattutto in </font></font><font><font>estate</font></font><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Infine, prima di utilizzare qualsiasi pesticida, è preferibile irrigare le zone colpite con farina di </font></font><font><font>mais</font></font><font><font> , uno dei gusti preferiti dalle larve, ma danneggia l’apparato digerente e finiscono per morire per intolleranza a questo alimento. </font><font>È molto meglio che usare qualsiasi tipo di pesticida nel tuo giardino.</font></font></span></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Cutworm
<p><font><font>Canna Indica, conosciuta anche come </font></font><em><font><font>achira, achera, sago, capacho, biri, cucuyús, juquián, chisgua, risgua, canna delle Indie</font></font></em><font><font> , </font></font><b><font><font>è una </font><font>pianta </font></font><font><font>commestibile</font></font><font><font> e </font></font><font><font>molto bella</font></font><font><font> , quindi è </font></font><font><font>usata come ornamento</font></font><font><font> .</font></font></b></p>
<p><font><font>La sua origine è nel continente americano ed è di </font></font><strong><font><font>origine tropicale</font></font></strong><font><font> , tuttavia le condizioni climatiche e del terreno presenti in Spagna ne hanno favorito la coltivazione.</font></font></p>
<p><font><font>Quindi, se stai cercando una specie attraente e utile per decorare il tuo giardino, forse la canna indica è una buona opzione e qui ti diamo informazioni su questa meravigliosa pianta 🙂</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti durante la semina di Canna Indica</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><span><strong><font><font>Quando? </font></font></strong></span><font><font>Alla fine</font></font><font><font> dell’inverno</font></font><font><font> o all’inizio</font></font><font><font> di primavera</font></font><font><font> , quando non ci sono più</font></font><font><font> qualsiasi</font></font><font><font> rischi di gelo.</font></font><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/canna_indica_1587572154-225×300.jpg”></li>
<li><span><strong><font><font>Dove? </font></font></strong></span><font><font>In un luogo semiombreggiato per ricevere qualche ora di sole al giorno.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></strong></span><font><font>Con una buona quantità di sostanza organica. </font><font>Bisogna fare attenzione per garantire che abbia un drenaggio adeguato.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come dovremmo annaffiare? </font></font></strong></span><font><font>Per</font></font><font><font> gocciolamento</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Ogni quanto bisogna annaffiare? </font></font></strong></span><font><font>Abbondante quando cresce e d'</font></font><font><font> estate</font></font><font><font> , poco d'</font></font><font><font> inverno</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Quali parassiti e malattie hanno? </font></font></strong></span><font><font>Cocciniglie e marciume delle gemme.</font></font></li></ul></div></div>

<h2><font><font>Caratteristiche della Canna Indica</font></font></h2>
<p><b><font><font>La Canna Indica è una piccola specie di pianta con fiori e foglie molto grandi e dai colori vivaci.</font></font></b></p>
<p><font><font>Nel caso delle foglie prevale il verde brillante; </font><font>mentre i fiori variano dal rosso al giallo.</font></font></p>
<p><font><font>All’interno della struttura dei </font></font><strong><font><font>fiori</font></font></strong><font><font> , presenta anche alcune zone in </font></font><font><font>viola</font></font><font><font> e persino in verde.</font></font></p>
<p><font><font>I fusti sono grandi ma non molto distanti e la loro origine è all’interno di un </font></font><strong><font><font>rizoma tuberoso</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Dove dovremmo seminare la canna indica?</font></font></h2>
<p><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/canna_indica_1587582267-300×198.jpg”><font><font>Il luogo ideale per coltivare la canna indica è dove riceve una quantità sufficiente di luce solare per alcune ore al giorno, in mezz’ombra.</font></font></b></p>
<p><font><font>Alcune persone lo tengono in pieno sole, ma solo in luoghi dove il clima è già molto freddo.</font></font></p>
<p><font><font>La buona notizia è che accetta una piantagione in vaso, che è consigliata per posizionare la canna indica nella posizione migliore in base alla data dell’anno.</font></font></p>
<h2><font><font>Quando dovrebbe essere coltivata la canna indica?</font></font></h2>
<p><font><font>Il periodo ideale è </font></font><b><font><font>quando le temperature più rigide sono passate, tra la fine </font></font><font><font>dell’inverno</font></font><font><font> e l’inizio della primavera.</font></font></b></p>
<p><font><font>È una specie che non sopporta le forti gelate, quindi bisogna fare molta attenzione a mantenerla ad una buona temperatura nel caso si verificassero.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Come prepariamo il terreno?</font></font></h2>
<p><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/canna_indica_1587582317-201×300.jpg”><font><font>Il terreno deve essere selezionato con cura, poiché un buon drenaggio è un punto essenziale per il suo corretto sviluppo.</font></font></b></p>
<p><font><font>Conta molto a suo favore anche la quantità di nutrienti di cui dispone, potendo effettuare anche un precedente lavoro di aggiunta di un </font></font><font><font>fertilizzante</font></font><font><font> organico.</font></font></p>
<p><font><font>Questo processo, nel caso di essere in giardino, verrà effettuato fornendo il fertilizzante alla terra e mescolando.</font></font></p>
<p><font><font>Quando la semina è in vaso, può essere applicata in miscela con terra e torba.</font></font></p>
<h2><font><font>Come seminare una canna indica passo dopo passo?</font></font></h2>
<p><b><font><font>La semina della Canna Indica può essere effettuata</font></font></b><font><font> tramite </font></font><font><font>i semi</font></font><font><font> o con il processo di divisione del rizoma.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h3><font><font>Semina per seme</font></font></h3>
<p><font><font>In questo caso, il processo parte da zero e continuerà come segue:</font></font></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><b><font><font>I semi dovrebbero essere profondamente idratati immergendoli in acqua per circa 24 ore.</font></font></b></li>
<li><font><font>Vanno sistemate in </font></font><b><font><font>semenzai con un po’ di torba e lasciate a temperatura ambiente in zona semi-ombra.</font></font></b></li>
<li><b><font><font>Quando inizia a germinare, due settimane dopo, è necessario </font></font><font><font>trapiantare</font></font><font><font> .</font></font></b></li>
<li><font><font>Per fare ciò, dovrai aprire </font></font><b><font><font>un foro profondo 10-15 centimetri (prevedilo nel caso in cui lo facessi in una pentola).</font></font></b></li>
<li><font><font>Riempi gli spazi con terra o </font></font><font><font>substrato</font></font><font><font> e inumidisci senza formare pozzanghere.</font></font></li>
</ol>
<h3><font><font>Semina per rizomi</font></font></h3>
<p><font><font>In questo caso, la procedura sarà eseguita </font></font><b><font><font>con piante già sviluppate e coltivate per un tempo minimo di cinque anni.</font></font></b></p>
<p><font><font>È un processo più lento e complesso di quello dei semi perché sarà necessario dissotterrare la pianta per estrarre il </font></font><font><font>rizoma</font></font><font><font> che verrà utilizzato nella nuova semina.</font></font></p>
<p><font><font>Quindi, passo dopo passo, sarebbe così:</font></font></p>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><b><font><font>Scava la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> .</font></font></b></li>
<li><font><font>Con un coltello igienizzato, </font></font><b><font><font>ritaglia il rizoma che verrà utilizzato sulla nuova pianta.</font></font></b></li>
<li><font><font>Per la semina si seguirà la stessa procedura precedente, aprendo un foro e ponendovi dentro il provino, annaffiando dopo aver terminato.</font></font></li>
</ol>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Di quali cure ha bisogno la canna indica?</font></font></h2>
<h3><font><font>Irrigazione</font></font></h3>
<p><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/canna_indica_1587582359-300×200.jpg”><font><font>La cura principale di cui ha bisogno la Canna Indica riguarda l’irrigazione, che deve essere molto frequente nella sua fase di crescita.</font></font></b></p>
<p><font><font>In seguito, durante i periodi più freddi, potrebbe ridursi un po’, avendo cura di riprendere un ritmo abbondante nelle giornate estive.</font></font></p>
<p><font><font>Sebbene </font><font>la pianta sembri entrare in un periodo dormiente </font><font>in </font></font><font><font>autunno</font></font><font><font> , non lasciare mai che perda umidità.</font></font></p>
<h3><font><font>fertilizzanti</font></font></h3>
<p><font><font>Se all’acqua di irrigazione viene offerto anche un po’ di fertilizzante liquido una volta al mese in primavera, i risultati della fioritura saranno molto migliori.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h3><font><font>Potatura</font></font></h3>
<p><b><font><font>La potatura verrà effettuata sulle </font></font><font><font>parti</font></font><font><font> interessate</font></font></b><font><font> , ad esempio foglie o fiori appassiti.</font></font></p>
<h2><font><font>Quali parassiti e malattie ha?</font></font></h2>
<p><font><font>La Canna Indica è soggetta a </font></font><strong><font><font>vari parassiti e malattie</font></font></strong><font><font> , ma in alcuni casi risponde molto bene ai trattamenti.</font></font></p>
<h3><font><font>Parassiti: cocciniglie e vermi</font></font></h3>
<p><b><font><font>Nel campo dei parassiti ci sono specie come cocciniglie e </font></font><font><font>vermi</font></font><font><font> ,</font></font></b><font><font> per le quali si possono applicare rimedi naturali.</font></font></p>
<h3><font><font>Malattie: marciume</font></font></h3>
<p><b><font><font>Anche le malattie sono all’ordine del giorno, ma la più preoccupante è la putrefazione delle gemme.</font></font></b></p>
<p><font><font>Il suo effetto fa sì che i fiori non si aprano nel modo corretto, ma si trasformino in bottoni scuri e marci.</font></font></p>
<p><font><font>La cattiva notizia è che questa malattia non ha un trattamento efficace, quindi si consiglia di rimuovere la pianta dal luogo in cui è piantata.</font></font></p>
<p><font><font>D’altra parte </font></font><b><font><font>, il marciume del fusto può essere evitato fin dall’inizio effettuando una corretta selezione del terreno.</font></font></b></p>
<p><font><font>Il livello di drenaggio che ha è molto importante per evitare allagamenti poiché, come abbiamo visto, necessita di un’abbondante irrigazione.</font></font></p>
<p><font><font>È anche un buon piano, in tutti i casi, applicare i </font></font><font><font>fungicidi</font></font><font><font> .</font></font></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Canna Indica
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti quando si tratta di piantare fiori:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><div class=”su-list”>
<ul>
<li><i class=”sui sui-gear”></i><font><font>Ottieni informazioni sulla </font><strong><span><font>varietà di fiori</font></span></strong><font> che vuoi piantare.</font></font><strong> <span><font></font></span></strong><font></font></li>
<li><i class=”sui sui-gear”></i><font><font>Preparare </font></font><strong><font><font>il terreno</font></font></strong><font><font> , </font></font><strong><span><font><font>eliminando le erbacce</font></font></span></strong><font><font> e facendo una </font></font><strong><span><font><font>buona scorta di compost organico</font></font></span><font><font> .</font></font></strong></li>
<li><i class=”sui sui-gear”></i><font><font>Il terreno o il vaso devono avere </font></font><strong><span><font><font>abbastanza nutrienti</font></font></span></strong><font><font> affinché la pianta cresca correttamente.</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-gear”></i> <strong><span><font><font>Innaffia regolarmente</font></font></span></strong><font><font> , mantenendo il terreno umido.</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-gear”></i><font><font>Quando si innaffia, </font></font><strong><span><font><font>evitare le pozzanghere</font></font></span></strong><font><font> , bagnando eccessivamente </font></font><strong><span><font><font>gli steli, le foglie e i fiori.</font></font></span></strong></li>
<li><i class=”sui sui-gear”></i><font><font>La forma ideale di </font></font><strong><span><font><font>irrigazione è a </font></font><font><font>goccia</font></font><font><font> o anche con annaffiatoio.</font></font></span></strong></li>
<li><i class=”sui sui-gear”></i><font><font>Un buon trucco </font></font><span><strong><font><font>è </font></font><font><font>pacciamare</font></font><font></font></strong></span><font><font> il terreno </font><span><strong><font>con pietre o paglia</font></strong></span><font> per mantenerlo umido.</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-gear”></i><font><font>Scopri </font></font><strong><span><font><font>le esigenze</font></font></span></strong><font><font> di </font><strong><span><font>luce solare</font></span></strong><font> della </font><font>particolare </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-gear”></i><font><font>Scopri se la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> è migliore </font></font><strong><span><font><font>all’aperto, al chiuso o al chiuso.</font></font></span></strong></li></ul></div></div></div>

<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<p><span class=”s1″><span><font><font>Non</font></font></span><font><font> c’è dubbio che i </font></font><strong><font><font>fiori</font></font> </strong><font><font> diano colore e bellezza a qualsiasi luogo in cui si </font></font></span><span class=”s1″><font><font>trovano e la </font></font><strong><font><font>loro presenza ha acquisito importanza negli ultimi anni</font></font></strong><font><font> , con l’imminente urbanizzazione degli spazi pubblici.</font></font></span></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Forse ti interessano anche:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><strong><font><font>Elenco dei 25 fiori selvatici più belli.</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Elenco dei 20 fiori più belli del mondo.</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Elenco dei fiori pendenti più comuni</font></font><font><font> .</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Elenco dei 20 fiori commestibili più comuni e belli.</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Elenco dei fiori bianchi più belli.</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Elenco dei fiori sorprendenti.</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Elenco dei fiori autunnali.</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Elenco dei fiori estivi.&nbsp;</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Elenco dei fiori rampicanti.</font></font>&nbsp;</strong></li>
<li><strong><font><font>Elenco dei fiori ibridi.</font></font></strong></li>
</ul>
</div></div>
<p><span class=”s1″><strong><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/www.sembrar100.com-1-1-300×300.png”><font><font>Le coltivazioni di fiori</font></font></strong><font><font> trasformano i luoghi, </font></font><strong><font><font>esprimono sentimenti</font></font></strong><font><font> e aggiungono </font></font><strong><font><font>quel tocco di classe</font></font></strong><font><font> alle occasioni speciali.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Una decorazione dettagliata</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>armoniosa può rendere</font></font></strong><font><font> anche</font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;lo scenario più comune e simboleggiare&nbsp;</font></font></span><font><font>, in modo accattivante, ciò che </font></font><strong><font><font>è difficile per noi esprimere a parole.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Da tempo immemorabile, l’ </font></font><strong><font><font>ornamento con i fiori</font></font></strong><font><font> è servito </font></font><strong><font><font>a collegare l’essere umano con il mistico</font></font></strong><font><font> , con il divino e con la propria cultura.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Non c’è spazio</font></font></strong><font><font> che </font></font><strong><font><font>non sia contento della presenza dei fiori</font></font></strong><font><font> , non solo </font></font><strong><font><font>per la loro esplosione multicolore</font></font></strong><font><font> che </font></font><strong><font><font>rallegra l’atmosfera,</font></font></strong><font><font> ma anche perché </font></font><strong><font><font>attirano uccelli</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>farfalle</font></font></strong><font><font> , e ci fanno sentire tutt’uno con la natura.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Nonostante quello che pensi, </font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;piantare fiori è abbastanza facile.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Ci vuole solo </font></font><strong><font><font>un po’ di pazienza e una buona </font></font><font><font>pianificazione</font></font></strong><font><font> . </font><font>In questo articolo ti diciamo i modi più semplici per iniziare ad abbellire i tuoi spazi preferiti il ​​prima possibile.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Alcune delle condizioni che dobbiamo prendere in considerazione prima di </font></font><strong><font><font>iniziare a piantare fiori sono</font></font></strong><font><font> :</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>

<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Quando dovremmo piantare fiori?</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Dipende da </font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;la specie e la varietà&nbsp;</font></font></span></strong><strong><font><font>&nbsp;di fiori</font></font></strong><font><font> che vogliamo seminare.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Ci sono fiori </font></font><strong><font><font>praticamente per ogni periodo dell’anno</font></font></strong><font><font> , così come </font></font><strong><font><font>alcuni tipi che fioriscono per la maggior parte dell’anno.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Scopri quali sono i periodi più adatti, considerando la regione in cui vivi e il tipo di fiori che vuoi piantare. </font></font></span></p>
<h3 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Per i fiori annuali</font></font></span></h3>
<p class=”p5″><span class=”s1″><strong><font><font>La maggior parte dei fiori annuali</font></font></strong><font><font> vengono piantati </font></font><strong><font><font>in </font></font><font><font>primavera</font></font></strong><font><font> per </font></font><strong><font><font>fiorire in estate e in autunno.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p5″><span class=”s1″><font><font>Nelle regioni molto calde, la </font></font><strong><font><font>semina può essere effettuata</font></font></strong><font><font> in </font></font><font><font>autunno in </font></font> <strong><font><font>modo che fioriscano</font></font></strong><font><font> nella </font></font><strong><font><font>primavera dell’anno successivo</font></font></strong><font><font> , poiché il gelo non è un problema da considerare.</font></font></span></p>
<p class=”p5″><span class=”s1″><font><font>Alcuni fiori annuali </font></font><strong><font><font>sono la Salvia</font></font></strong><font><font> , </font></font><strong><font><font>la </font></font><font><font>Calendula</font></font><font><font> , l’Agerato e così via </font><font>.</font></font></strong></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; <p></p>
<h3 class=”p5″><span class=”s1″><font><font>Per la biennale</font></font></span></h3>
<p class=”p5″><span class=”s1″><strong><font><font>I fiori biennali impiegano due anni per sbocciare</font></font></strong><font><font> . </font><font>Durante il primo anno </font></font><strong><font><font>producono</font></font></strong><font><font> solo </font><strong><font>steli e foglie,</font></strong><font> e producono fiori fino al secondo.</font></font></span></p>
<p class=”p5″><span class=”s1″><strong><font><font>Questi tipi di fiori</font></font></strong><font><font> sono </font></font><strong><font><font>più </font></font><font><font>resistenti</font></font><font><font> al gelo</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p class=”p5″><span class=”s1″><font><font>La semina viene effettuata </font></font><strong><font><font>regolarmente a metà </font></font><font><font>estate</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>nel tardo autunno in</font></font></strong><font><font> modo che </font></font><strong><font><font>fioriscano alla fine dell’inverno</font></font></strong><font><font> successivo o durante la primavera.</font></font></span></p>
<p class=”p5″><span class=”s1″><font><font>Alcuni fiori </font></font><strong><font><font>biennali sono Royal Mallow,</font></font></strong><font><font> Pansy e Wallflower.</font></font></span></p>
<h3 class=”p5″><span class=”s1″><font><font>Fiori di stagione</font></font></span></h3>
<p class=”p5″><span class=”s1″><strong><font><font>Fioriscono in condizioni e date specifiche</font></font></strong><font><font> , come la vigilia di Natale, Cempasúchil, ecc.</font></font></span></p>
<p class=”p3″><span class=”s1″><font><font>È </font></font><strong><font><font>importante conoscere le specifiche</font></font></strong><font><font> per </font></font><strong><font><font>ogni tipo e varietà</font></font></strong><font><font> che vogliamo seminare per ottenere il massimo dal nostro raccolto </font></font><strong><font><font>durante i 12 mesi dell’anno.</font></font></strong></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h3 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il calendario dei fiori più comune</font></font></span></h3>
<table width=”814″ cellpadding=”#005c02″>
<tbody>
<tr>
<td><font><font>Fiori che possono essere coltivati ​​tutto l’anno</font></font></td>
<td><font><font>Fiori che possono essere seminati in primavera (sbocciano tra i mesi di marzo e maggio)</font></font></td>
<td><font><font>Fiori estivi (sbocciano nei mesi di giugno e agosto)</font></font></td>
<td><font><font>Fiori autunnali (sbocciano nei mesi di settembre e novembre)</font></font></td>
<td><font><font>Fiori che possono essere seminati in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> (sbocciano nei mesi di dicembre e febbraio)</font></font></td>
</tr>
<tr>
<td>
<ul>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Alcatraz</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Amarilis</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Anthurium</font></font></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Garofano</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>crisantemi</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Margherita</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Marginata</font></font></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Gardenia</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Bromelie</font></font></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Gerbera</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Ortensia</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Iris</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Giglio</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Orchidea</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>rosa</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Tulipano</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Tradescantia</font></font></strong></li>
<li><strong><em><font><font>Kalanchoe</font></font></em></strong></li>
<li><strong><font><font>Gerani</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>garofani</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>fiori d’oca</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Afelandra</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Gigli della pace</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Lavanda</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Croco</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>E tanti altri…</font></font></strong></li>
</ul>
</td>
<td>
<ul>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Azalea</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Oleandro</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Zafferano</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Aralia</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Agrimonia</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>begonie</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Berberis</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Camelie</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>caladio</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Coda d’asino</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Calibrachoa</font></font></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Gelsomino</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Nasturzio</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Fiore della Passione</font></font></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Glicine</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Margherita</font></font></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Fiore d’arancio</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Papavero</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Girasole</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Petunia</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Peonia</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Salvia rossa</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Galán de Noche</font></font></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Narciso e non solo…</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Dente di leone</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Strelitzia</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Viburno Opulus</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Platycodon</font></font></strong></li>
</ul>
</td>
<td>
<ul>
<li>
<ul>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Agapanthus</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Dalia</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>consolida</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Il garofano del poeta</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Nardò</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Gerani</font></font></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Veronica, ecc.</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Fiore elettrico</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>iride germanica</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Forsizia</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Aquilegia Vulgaris</font></font></strong></li>
</ul>
</li>
</ul>
</td>
<td>
<ul>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Aster</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>stella di natale</font></font></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Bouvardia</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Erica</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Calibrachoa</font></font></strong></li>
<li><strong><font><font>Ibisco</font></font></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>narciso</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Lantana.</font></font></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Girasole</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Lilla</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Veronica e molti altri.</font></font></span></strong></li>
<li><strong><font><font>Violetta africana.</font></font></strong></li>
</ul>
</td>
<td>
<ul>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>amarilli</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Anemone</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Fritillaria</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Leptospermum</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>narciso</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Nardò</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>Veronica</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>fiore di cera</font></font></span></strong></li>
<li><strong><span class=”s1″><font><font>eccetera.</font></font></span></strong></li>
</ul>
</td>
</tr>
</tbody>
</table>
<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Clima e temperatura: dove piantare i nostri fiori?</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cómo-sembrar-flores.jpg”><font><font>Come nel punto precedente, è importante </font></font><strong><font><font>considerare le condizioni</font></font></strong><font><font> climatiche </font></font><strong><font><font>prevalenti nella tua regione.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>A seconda del </font></font><font><font>tempo</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>della temperatura</font></font></strong><font><font> del </font></font><span class=”Apple-converted-space”>&nbsp;</span><font><font>luogo in cui vivi, </font></font><strong><font><font>alcuni fiori possono crescere più facilmente di altri</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Prendi in considerazione</font></font></strong><font><font> se </font></font><strong><font><font>il tipo di fiore</font></font></strong><font><font> che </font></font><strong><font><font>vuoi piantare</font></font></strong><font><font> richiede </font></font><strong><font><font>temperature specifiche</font></font></strong><font><font> , sia nel terreno che nell’ambiente.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Alcuni fiori sono troppo delicati</font></font></strong><font><font> per essere </font></font><strong><font><font>piantati </font></font><font><font>all’aperto</font></font><font><font> ,</font></font></strong><font><font> soprattutto </font></font><strong><font><font>quando c’è il rischio di gelate</font></font></strong><font><font> . </font><font>In questi casi si consiglia di seminare in vasi protetti.</font></font></span></p>
<h3><span class=”s1″><font><font>Luminosità</font></font></span></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>A seconda del tipo di fiore</font></font></strong><font><font> , alcuni </font></font><strong><font><font>richiedono una maggiore esposizione al sole di altri</font></font></strong><font><font> , e molti preferiscono crescere all’ombra.</font></font></span></p>
<h3 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>I tipi di terreno</font></font></span></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/qué-tipos-de-flores-hay.jpeg”><span class=”s1″><strong><font></font></strong><font></font><strong><font><font>Diversi substrati</font></font></strong><font><font> possono essere usati per </font><strong><font>seminare fiori</font></strong><font> . </font><font>Avere</font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;torba, sabbia, perlite e vermiculite.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Si consiglia di </font></font><strong><font><font>miscelare</font></font></strong><font><font> per </font></font><strong><font><font>sfruttare le caratteristiche</font></font></strong><font><font> di </font></font><strong><font><font>due o più substrati</font></font></strong><font><font> . </font><font>Ad esempio si </font><font>può utilizzare </font><font>torba </font></font><strong><font><font>mista a perlite</font></font></strong><font><font> , sabbia o vermiculite.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Un altro mix </font></font><strong><font><font>molto efficace consiste nell’utilizzare</font></font></strong><font><font> un </font></font><strong><font><font>terzo di torba</font></font></strong><font><font> , insieme a un terzo </font></font><strong><font><font>di </font></font><font><font>compost</font></font><font><font> o </font></font><font><font>pacciame</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>un altro terzo di sabbia o perlite</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Considera </font></font><strong><font><font>il tipo di terreno di</font></font></strong><font><font> cui ogni </font></font><strong><font><font>seme ha</font></font></strong><font><font> bisogno a </font><font>seconda </font></font><strong><font><font>del fiore che vuoi piantare.</font></font></strong></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h4 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Terreni argillosi</font></font></span></h4>
<p class=”p5″><span class=”s1″><font><font>Sono </font></font><strong><font><font>sciolti, fertili</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>trattengono bene l’umidità</font></font></strong><font><font> per la quantità proporzionata di argilla che hanno.</font></font></span></p>
<h4 class=”p5″><span class=”s1″><font><font>Terreni argillosi</font></font></span></h4>
<p class=”p5″><span class=”s1″><strong><font><font>Sono difficili da lavorare</font></font></strong><font><font> perché </font></font><strong><font><font>sono composti da particelle molto fini</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>hanno un drenaggio piuttosto scarso</font></font></strong><font><font> , per questo impiegano tempo per asciugarsi e si ammassano facilmente.</font></font></span></p>
<h4 class=”p5″><span class=”s1″><font><font>Suoli sabbiosi</font></font></span></h4>
<p class=”p5″><span class=”s1″><strong><font><font>Sono sciolti e si asciugano rapidamente</font></font></strong><font><font> , ma </font></font><strong><font><font>trattengono male l’umidità</font></font></strong><font><font> e le </font></font><strong><font><font>sostanze nutritive. </font></font></strong><font><font>Tuttavia, questo è facilmente risolvibile con </font></font><font><font>getti di</font></font><font><font> pacciamatura o di </font><font>vite senza fine</font><font> .</font></font></span></p>
<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Umidità e irrigazione</font></font><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/plantar-flores.jpg”></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>In alcune specie, </font></font><strong><font><font>l’umidità atmosferica influenza durante lo sviluppo</font></font></strong><font><font> , in particolare </font></font><strong><font><font>durante la fase di fioritura</font></font></strong><font><font> .&nbsp;</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Allo stesso modo, </font></font><strong><font><font>ci sono specie che sono più tolleranti</font></font></strong><font><font> alla siccità di altre.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>L’umidità è un fattore molto importante</font></font></strong><font><font> da considerare.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Assicurati dei livelli di umidità ottimali </font></font><strong><font><font>richiesti durante ciascuna delle fasi di sviluppo del</font></font></strong><font><font> tipo di fiore che </font></font><strong><font><font>vuoi piantare.</font></font></strong></span></p>
<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Preparazione del terreno</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Il terreno deve essere ben preparato</font></font></strong><font><font> . </font><font>La terra </font></font><strong><font><font>dovrebbe essere coltivata quando non è troppo bagnata</font></font></strong><font><font> . </font><font>Fino a che il terreno sia sciolto, soffice e frantumato.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il </font><strong><font>substrato</font></strong><font> deve essere </font></font><strong><font><font>lasciato </font><font>nelle condizioni necessarie per la semina</font></font><font></font><font></font></strong><font><font> . </font><font>Distribuisci del compost come pacciame, </font></font><strong><font><font>letame,</font></font></strong><font><font> humus, ecc.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Infine </font></font><strong><font><font>livellare con il rastrello</font></font></strong><font><font> . </font><font>Ricordati che</font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;la lavorazione del terreno è il primo passo per una crescita di successo&nbsp;</font></font></span><strong><font><font>:</font></font></strong><font><font> Quando il terreno </font></font><strong><font><font>viene</font></font></strong><font><font> rimosso, gli </font><strong><font>strati superficiali vengono allentati, il</font></strong><font> che </font></font><strong><font><font>tratterrà meglio l’umidità</font></font></strong><font><font> e consentirà all’ossigeno di circolare in modo fluido.</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<h3 class=”p1″><span class=”ez-toc-section” id=”La_g

suggerimenti Sembrar Flores en tu Jardín
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/ciruelo_1582962070-300×200.jpg”><font><font>Quando vogliamo avere dei buoni frutti nel giardino di casa o in un campo, piantare un susino è un’ottima alternativa.</font></font></p>
<p><font><font>Il motivo principale è che produce una grande quantità di frutta e le prugne sono frutti deliziosi che si desidera consumare durante tutto l’anno.</font></font></p>
<p><font><font>Inoltre, dobbiamo considerare che il </font></font><b><font><font>loro processo di maturazione è molto più veloce rispetto ad altre specie</font></font></b><font><font> , quindi puoi mangiarli per primi.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti quando si pianta un susino</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><span><strong><font><font>Quando? </font></font></strong></span><font><font>Ideale durante la</font></font><font><font> primavera</font></font><font><font> .</font></font><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/ciruelo_1582962131-300×200.jpg”></li>
<li><span><strong><font><font>Dove? </font></font></strong></span><font><font>Si adatta molto bene a qualsiasi luogo, anche in mezz’ombra.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Tempo di crescita? </font></font></strong></span><font><font>È un</font></font><strong><font><font> albero a crescita rapida</font></font></strong><font><font> , quindi in pochi anni può essere rigoglioso e dare molti frutti.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></strong></span><font><font>Terra mossa, non eccessivamente acida. </font><font>Umido ma non troppo.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come innaffiamo? </font></font></strong></span><font><font>Non necessita di molta acqua, tranne in</font></font><font><font> estate</font></font><font><font> (che annaffieremo due volte a settimana). </font><font>Il resto dell’anno non è necessario annaffiarlo se di solito piove o c’è umidità.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Associazioni favorevoli? </font></font></strong></span><font><font>La nocciola, la vite e il guayano.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Piaghe e malattie? </font></font></strong></span><font><font>Lebbra, acari.</font></font></li>
</ul>
</div></div>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>

<h2><font><font>Quando piantare un susino?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/ciruelo_1582962174-300×225.jpg”><font><font>A tutti noi piacciono i </font></font><b><font><font>climi temperati e anche i susini, quindi è il momento migliore per decidere di piantarli.</font></font></b></p>
<p><font><font>Per le loro caratteristiche, possono resistere a temperature leggermente inferiori ai 15º C e anche di alcuni gradi superiori.</font></font></p>
<p><font><font>Ma questa condizione non si applica durante le gelate, specialmente quando si tratta di quelle che sono in ritardo.</font></font></p>
<p><font><font>La ragione di ciò è che i loro boccioli di fiori tendono a manifestarsi molto prima rispetto ad altre specie e un gelo tardivo potrebbe causare loro danni fatali.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Dove piantare un susino?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/ciruelo_1582962213-300×199.jpg”><font><font>La decisione del luogo più adatto per piantare la prugna dipenderà da te, poiché tende ad adattarsi molto bene alle diverse condizioni.</font></font></p>
<p><font><font>Se nello spazio che avete a disposizione </font></font><b><font><font>il terreno è piuttosto umido e poco profondo, potete seminarlo</font></font></b><font><font> e si comporterà bene.</font></font></p>
<p><font><font>Nel caso in cui quello che hai è </font></font><b><font><font>un terreno leggero e senza molta umidità, congratulazioni, perché gli darai proprio quello che vuole.</font></font></b></p>
<p><font><font>Essendo adattabile a tutti questi scenari, forse hai un piano che non occupa nessuno dei due livelli e che non dovrebbe destare preoccupazioni.</font></font></p>
<p><font><font>Il motivo è che il susino è molto adattabile e anche se il terreno non soddisfa le caratteristiche preferite, possiamo sempre dargli una mano per migliorarlo ed è proprio quello che vedremo di seguito.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Come preparare il terreno per la coltivazione delle prugne?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/ciruelo_1582962250-300×208.jpg”><font><font>La preparazione del terreno verrà effettuata senza grosse complicazioni, </font></font><b><font><font>controllando prima </font></font><font><font>il pH del terreno</font></font><font><font> .</font></font></b></p>
<p><b><font><font>Se è molto acido, verrà applicato un prodotto per abbassare il livello e rendere più confortevole la prugna</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><b><font><font>Se ha umidità in eccesso, puoi aspettare qualche giorno affinché si asciughi il più possibile</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>È importante non piantare mai un susino in un terreno pieno di pozzanghere, poiché ciò potrebbe essere dannoso per le radici.</font></font></p>
<p><font><font>Inoltre, non è una buona idea avere grandi rocce che possono impedire alle radici di espandersi a loro piacimento.</font></font></p>
<p><font><font>Nel caso in cui il terreno abbia queste formazioni, è meglio pulirlo prima di procedere alla semina.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Come innaffiamo il susino?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/ciruelo_1582962289-300×200.jpg”><font><font>In generale, il susino non va molto d’accordo con l’umidità, come abbiamo già visto sopra.</font></font></p>
<p><font><font>Ma ciò non significa che non abbia bisogno di acqua in quantità adeguate per svilupparsi e dare i suoi frutti.</font></font></p>
<p><font><font>Quindi, in questo compito, il </font></font><b><font><font>modo in cui il clima sta funzionando in ogni fase svolgerà un ruolo di primo piano.</font></font></b></p>
<p><font><font>Se ci sono piogge costanti, non sarà necessario annaffiare.</font></font></p>
<p><font><font>Se è arrivata l’estate, dovresti considerare di farlo 1 o 2 volte a settimana a seconda dell’aspetto del terreno.</font></font></p>
<p><font><font>Una buona chiave per capire quale quantità è l’ideale è controllare che il terreno sia un po’ leggero, ma senza che si crepa.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Come seminiamo passo dopo passo?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/ciruelo_1582962333-300×201.jpg”><font><font>La semina delle prugne </font></font><b><font><font>può essere effettuata tramite piantine</font></font></b><font><font> sviluppate in casa o con quelle già lavorate nei vivai.</font></font></p>
<p><font><font>Per farlo in casa ci vorranno circa quattro mesi e il procedimento consisterà nel mettere </font></font><strong><font><font>il seme</font></font></strong><font><font> secco in una torba che potremo conservare in frigo.</font></font></p>
<p><font><font>Per essere pronti alla semina primaverile, è indispensabile iniziare la lavorazione tra i mesi di ottobre e novembre.</font></font></p>
<p><font><font>Nel caso venga prelevata da un vivaio, la piantina sarà pronta per essere </font></font><strong><font><font>trapiantata in giardino</font></font></strong><font><font> o spazio dove verrà seminata.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>
<p><font><font>A questo punto, il processo per piantare la prugna sarà così:</font></font></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><font><font>Fai un buco nel terreno che sia sufficiente affinché le radici del susino si siedano comodamente lasciando spazio per espandersi, senza la necessità che il buco sia troppo profondo.</font></font></li>
<li><font><font>Con il terriccio che è stato estratto dalla buca, la </font></font><font><font>pianta andrà</font></font><font><font> ricoperta </font><font>senza spremere il terreno dalle radici per evitare di ferirla.</font></font></li>
<li><font><font>Se il terreno è molto secco sarà necessario annaffiarlo quanto basta affinché l’umidità penetri fino alle radici, senza generare pozzanghere.</font></font></li>
<li><font><font>Molte persone trovano comodo piantare due o più prugne nello stesso spazio e questo è molto favorevole alla loro crescita. </font><font>Il motivo principale è che potranno svolgere insieme il loro processo di impollinazione, migliorando la loro capacità produttiva.</font></font></li>
</ol>
<p><font><font>E poiché nella maggior parte dei casi sono bassi, le strutture intorno alle loro cure aumentano notevolmente.</font></font></p>
<h2><font><font>Quali associazioni favorevoli ha il susino?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-avellano-300×200.jpg”><font><font>Poiché è logico che molti di noi vogliano avere più </font></font><strong><font><font>specie di alberi in giardino</font></font></strong><font><font> , è bene sapere che </font></font><b><font><font>il susino se la cava molto bene con </font></font><font><font>il nocciolo</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>È anche un’ottima coppia </font></font><b><font><font>con altri alberi da frutto come guava e </font></font><font><font>vite</font></font></b><font><font> , risultando in un giardino di alto valore.</font></font></p>
<p><font><font>La quercia è uno dei migliori compagni di </font><font>alberi che producono </font></font><strong><font><font>legno</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>
<h2><font><font>Associazioni sfavorevoli?</font></font></h2>
<p><font><font>Tuttavia, è molto importante </font></font><b><font><font>tenerlo lontano da colture come </font></font><font><font>patate</font></font><font><font> o nespole.</font></font></b></p>
<h2><font><font>Quali parassiti e malattie ha il susino?</font></font></h2>
<p><font><font>Per saperne di più: </font></font><strong><font><font>Malattie che colpiscono il susino.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Per assicurarti che il tuo susino sia sempre in condizioni ottimali, tieni presente la presenza di determinati parassiti e malattie.</font></font></p>
<h3><font><font>Lebbra</font></font></h3>
<p><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/qué-es-la-lepra-del-melocotonero-300×225.jpg”><font><font>Uno dei più dannosi è la lebbra,</font></font></b><font><font> che </font><strong><font>attacca</font></strong><font> anche </font></font><strong><font><font>altri alberi da frutto come il pesco.</font></font></strong></p>
<p><font><font>La sua azione fa sì che le foglie diventino rosse e raggrinzite, eventualmente cadendo e compromettendo il corretto sviluppo dell’albero.</font></font></p>
<h3><font><font>acari</font></font></h3>
<p><b><font><font>Frequenti sono anche gli acari</font></font></b><font><font> , che attaccano l’intera struttura della pianta, compresi i frutti, compromettendone il corretto sviluppo.</font></font></p>
<p><font><font>Nei casi in cui il parassita non ha attaccato abbastanza fortemente, è possibile raccogliere i frutti danneggiati e applicare un </font></font><font><font>fungicida</font></font><font><font> . </font></font><strong><font><font>Si</font></font></strong><font><font> può applicare </font><strong><font>olio di neem</font></strong><font> o </font></font><strong><font><font>sapone di potassio</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Tuttavia, se non attaccati in tempo, potrebbero causare gravi danni.</font></font></p>
<p><font><font>Se hai già deciso di piantare un susino, assicurati di avere tutte queste informazioni a portata di mano in modo da poter godere di un raccolto abbondante e delizioso.</font></font></p>
<h2><font><font>Riferimenti e bibliografia</font></font></h2>
<ul>
<li><em><font><font>ATTIVITA’ MICROBICA COME INDICATORE DELLA QUALITA’ DEL </font></font></em><br>
<em><font><font>SUOLO NELLE COLTURE DI PRUGNE BIOLOGICHE.</font></font></em></li>
<li><em><font><font>Aspetti tecnici e varietali di utilità per la coltivazione ecologica del </font></font></em><br>
<em><font><font>susino.</font></font></em></li>
</ul>

<!– .helpful –>

suggerimenti Piantare una prugna
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Le piante da interno sospese sono perfette per qualsiasi stanza della casa.</font></font><p></p>
<p><font><font>Indispensabile per rallegrare la nostra vita, purificare gli ambienti e decorare quell’angolo speciale dove potrebbe essere necessario fare qualche accorgimento per emulare una giungla tropicale o un clima caldo, con tanta luce naturale o mezz’ombra.</font></font></p></div></div>
<p><font><font>Sono fedeli, rilassanti, colorati, alcuni con foglie insolite e steli a cascata che, sebbene richiedano cure minime, attenzioni che non sono così complicate purché mettiamo il cuore nel nobile mestiere del giardinaggio.</font></font></p>
<p><font><font>Entrare nell’affascinante mondo delle </font></font><strong><font><font>piante pensili</font></font></strong><font><font> è un privilegio che condivideremo con voi, in un semplice tour dove impareremo tutto su 15 spettacolari piante da interno pensili che non vi deluderanno mai.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>

<h2><font><font>Coda d’asino</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/suculentas_1568576732-1024×682.jpg”></p>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><strong><font><font>La coda d’asino</font></font></strong><font><font> , il cui nome scientifico è Sedum morganianum, è una pianta succulenta che appartiene alla famiglia delle Crassulaceae. </font><font>La sua origine è messicana.</font></font></div></div>
<p><font><font>È anche conosciuto </font></font><strong><font><font>come Sheep’s Tail o Drunk’s Nose</font></font></strong><font><font> ed è davvero </font></font><strong><font><font>sensazionale coltivarlo in cesti appesi per decorare spazi molto speciali della tua casa. </font></font></strong><font><font>Pertanto, può essere un’ottima alternativa come </font></font><font><font>pianta da</font></font><font><font> interno sospesa.</font></font></p>
<p><font><font>È costituito da una successione di foglie praticamente cilindriche di una tonalità verde grigiastra che pendono grazie ai suoi lunghi steli con una bella caduta.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p><font><font>Queste caratteristiche </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;lo rendono una pianta da interno perfetta per gli inesperti. </font><font>È anche molto, molto </font></font><font><font>resistente</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font></span>
</p><p><font><font>Non richiede grandi cure. </font><font>È solo </font></font><strong><font><font>necessario coltivarlo in un vaso</font></font></strong><font><font> con un ottimo drenaggio, che </font></font><strong><font><font>dovresti posizionare in un luogo con una buona altezza quando i</font></font></strong><font><font> suoi steli raggiungono la piena crescita, per proteggere le sue foglie uniche.</font></font></p>
<p><font><font>Piccoli </font><font>fiori </font><strong><font>rosa</font></strong><font> spuntano in </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> e in estate </font></font><strong><font><font>all’estremità degli steli</font></font></strong><font><font> , ma ciò accade raramente, a meno che non venga </font></font><strong><font><font>incoraggiato a tenerlo al riparo dal sole durante le giornate estive.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Un’altra caratteristica che lo identifica è che si riproduce molto facilmente, perché basta prendere una </font></font><strong><font><font>talea</font></font></strong><font><font> e incollarlo nel substrato inumidito. </font><font>Presto </font></font><strong><font><font>nascerà un nuovo impianto che, in verità</font></font></strong><font><font> , sarà tranquillo</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;autosufficiente e non richiederà grandi cure.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><font><font>Vediamo quali sono le esigenze minime di </font></font><strong><font><font>questa pianta americana capace di immagazzinare acqua</font></font></strong><font><font> nelle </font></font><strong><font><font>sue foglie uniche.</font></font></strong></p>
<h3><font><font>Temperatura</font></font></h3>
<p><font><font>La </font></font><em><font><font>coda d’asino</font></font></em><font><font> è più alta di molte altre succulente nel compito di adattarsi alle alte temperature.</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Gli piace il caldo. </font><font>Ma tollera anche temperature minime comprese tra 5 e 7 °C.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><font><font>Tuttavia, </font></font><strong><font><font>non è una cattiva idea aiutarlo a riposare in </font></font><font><font>inverno</font></font></strong><font><font> , quando lo si dovrebbe </font></font><strong><font><font>tenere in zone piuttosto fresche</font></font></strong><font><font> che lo manterranno </font></font><strong><font><font>con le foglie piene d’acqua.</font></font></strong></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3><font><font>Leggero</font></font></h3>
<p><font><font>indubbiamente, </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Una priorità per lei è la necessità di una generosa luce indiretta.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><font><font>Anche se è vero che non sopporta l’esposizione a una forte luce solare, questa pianta richiede almeno 4 ore di sole indiretto. </font><font>Se ciò non accade, noterai come le loro foglie si seccheranno fino a perdere la lucentezza e la forma. </font><font>Non crescerà e sembrerà davvero molto pallido.</font></font></p>
<h3><font><font>Substrato e Compost</font></font></h3>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Concimare il Sedum Morganianum circa due o tre volte l’anno, perché anche se è vero che il suo mantenimento è minimo, va stimolato affinché il suo fogliame sia fecondo.</font></font></div></div>
<p><strong><font><font>Un fertilizzante eccellente aiuterà molto circa due volte l’anno. </font></font></strong><font><font>Ma se noti che è cresciuto molto </font></font><strong><font><font>, dovresti spostarlo in un vaso più grande.</font></font></strong></p>
<p><font><font>E per quanto riguarda il substrato, cerca nel mercato uno per i </font></font><strong><font><font>cactus</font></font></strong><font><font> . </font><font>Oppure creane uno con le tue mani, aggiungendo a </font></font><strong><font><font>un </font></font><font><font>substrato</font></font><font><font> universale, perlite e sabbia allo stesso modo.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Anche il rinnovo del supporto </font></font><strong><font><font>dovrebbe essere effettuato in un periodo di due o tre anni.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Ma la cosa più importante è </font></font><strong><font><font>davvero ottenere il meglio dagli scarichi,</font></font></strong><font><font> perché</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Le radici della coda dell’asino marciscono con totale facilità e velocità.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><strong><font><font>L’eccesso di umidità è il tuo peggior nemico.</font></font></strong></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3><font><font>Irrigazione</font></font></h3>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Come abbiamo già spiegato, la grande capacità di immagazzinare acqua è direttamente proporzionale alla poca irrigazione che richiede.</font></font><p></p>
<p><font><font>Una volta ogni 15 giorni è la cosa prudente da fare in primavera o in </font></font><font><font>estate</font></font><font><font> . </font><font>Altrimenti rovineresti le sue foglie. </font><font>E il substrato deve sempre essersi asciugato, prima di iniziare una nuova irrigazione. </font><font>Controllalo sempre con l’aiuto del tuo senso del tatto.</font></font></p></div></div>
<p><font><font>In </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> , la pianta va in eccesso e non cresce. </font></font><strong><font><font>Basta innaffiarlo una volta al mese. </font><font>Niente di più. </font></font></strong><font><font>E qui è </font></font><strong><font><font>molto più importante che il drenaggio del vaso sia perfetto</font></font></strong><font><font> , ottenendo un filtraggio fluido dell’acqua in eccesso, </font></font><strong><font><font>senza che il terreno trabocchi.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Per quanto riguarda il tempo di riprodursi, </font></font><strong><font><font>aspettate l’arrivo della primavera e che le temperature siano miti</font></font></strong><font><font> . </font><font>Le talee decolleranno </font></font><strong><font><font>rapidamente se il substrato è adatto.</font></font></strong></p>
<p><strong><font><font>Hanno grandi capacità di radicamento</font></font></strong><font><font> . </font><font>Un buon momento </font></font><strong><font><font>per farlo è quando alcune delle sue foglie iniziano a cadere</font></font></strong><font><font> . </font><font>Lì procede il </font></font><font><font>trapianto</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>A patto di coltivare </font></font><strong><font><font>in vaso sospeso ben drenato</font></font></strong><font><font> , si otterranno ottimi risultati che faranno </font></font><strong><font><font>invidia a tutti coloro che osserveranno questa bella pianta succulenta a bassa manutenzione</font></font></strong><font><font> e di </font></font><strong><font><font>altissimo valore ornamentale</font></font></strong><font><font> , grazie alla sua imponente presenza.</font></font></p>
<h2><font><font>Tradescantia</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/tradescantia_1568320325-1024×682.jpg”></p>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Un’altra pianta nobile che può prosperare in vasi appesi oa livello del suolo data la sua condizione strisciante, è </font></font><strong><font><font>la Tradescantia</font></font></strong><font><font> (Tradescantia pallida) meglio conosciuta come luccichio o amore degli uomini.</font></font></div></div>
<p><font><font>Né richiede più attenzione o cura.</font></font></p>
<p><font><font>Originaria del Messico, </font></font><strong><font><font>ha avuto una straordinaria capacità di attraversare i confini e moltiplicarsi in tutto il mondo</font></font></strong><font><font> con grande adattabilità ad </font></font><strong><font><font>ambienti diversi dal suo luogo di origine.</font></font></strong></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p><font><font>È uno dei preferiti quando si tratta di ottenere contrasti colorati, grazie a </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;le sue foglie </font></font><font><font>viola</font></font><font><font> con bordi in una tonalità rosata unica e alcune infiorescenze rosa molto estive.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><strong><font><font>Il suo taglio sospeso può essere utilizzato </font></font><font><font>all’interno</font></font></strong><font><font> , purché si utilizzino vasi per </font></font><strong><font><font>creare effetti di tappezzeria in aree illuminate naturalmente.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Ideale per i principianti </font></font><strong><font><font>nell’affascinante mondo del giardinaggio</font></font></strong><font><font> , Tradescantia </font></font><strong><font><font>è a bassa manutenzione</font></font></strong><font><font> . </font><font>Non chiede molto.</font></font></p>
<p><font><font>È davvero versatile. </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Risponde molto bene se lo sottoponi a una crescita sospesa, o come esempio </font></font><em><font><font>”copertura del suolo”</font></font></em><font><font> nel tuo giardino di casa,&nbsp;</font></font></span><font><font>creando tappeti perfetti con la sua chioma espansiva di radici che spuntano tra i suoi nodi, permettendogli </font></font><strong><font><font>di aderire bene alla superficie che invade.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Le specie più popolari, </font></font><em><font><font>la </font></font></em><strong><em><font><font>tradescantia purpurea, la zebrina, la spathacea virginiana</font></font></em></strong><font><font> o la </font></font><strong><em><font><font>sella montana</font></font></em></strong><font><font> , sono fedeli alla loro fortezza di </font></font><font><font>ferro</font></font><font><font> .</font></font></p>
<span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;È anche un bene che tu sappia che ci sono più di 70 specie di questo genere,&nbsp;</font></font></span><font><font>Quasi tutti provengono dal </font></font><strong><font><font>continente americano, dal Canada al nord all’Argentina al sud. </font></font></strong><font><font>Specie che hanno ottenuto riconoscimenti in tutto il mondo, data la loro grande capacità di incrociarsi e creare </font></font><font><font>ibridi in modo</font></font><font><font> naturale.</font></font><p></p>
<p><font><font>C’è chi usa gli ormoni per stimolare il radicamento, ma in realtà la sua </font></font><font><font>riproduzione</font></font><font><font> per talea è di una risposta superiore in questa pianta, soprattutto nel periodo tra la primavera e l’autunno.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3><font><font>Temperatura</font></font></h3>
<p><font><font>Valori minimi tra </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Da 12 a 15 ° C saranno sufficienti per lo sviluppo. </font><font>E bassa umidità.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><font><font>È talmente nobile che </font></font><strong><font><font>può adattarsi ai periodi di siccità</font></font></strong><font><font> , data la sua scarsa manutenzione, ma </font></font><strong><font><font>non può vivere tra nevicate o temperature inferiori a -3°C.</font></font></strong></p>
<h3><font><font>Leggero</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/tradescantia_1568320515-1024×768.jpg”><span><strong><font><font>Una buona luce naturale è essenziale nella sua lunga esistenza. </font></font></strong></span><font><font>Altrimenti, le loro foglie perderanno il loro aspetto, svaniranno fino a quando non sembreranno sbiadite e cadute.</font></font></p>
<p><font><font>In breve, luce abbondante per espandersi, crescere e fiorire. </font><font>Ma va d’accordo anche meravigliosamente con l’ombra, purché non duri così a lungo.</font></font></p>
<h3><font><font>Substrato e Compost</font></font></h3>
<p><font><font>Usa </font></font><strong><font><font>fertilizzanti liquidi ogni 15 giorni nell’acqua di irrigazione</font></font></strong><font><font> , in primavera, se </font></font><strong><font><font>vuoi stimolarne la bellezza con un buon </font></font><font><font>compost</font></font><font><font> mentre la Tradescantia cresce.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Nel periodo dormiente della pianta, </font></font><strong><font><font>sarà super appropriato applicare fertilizzanti ogni tre settimane o poco più.</font></font></strong></p>
<p><strong><font><font>E tutte le </font></font><font><font>parti</font></font><font><font> improduttive della pianta le tolgono energia</font></font></strong><font><font> , quindi, con molta cura, esegui una </font></font><strong><font><font>potatura che non influisca sulla crescita dei suoi rami.</font></font></strong></p>
<h3><font><font>Irrigazione</font></font></h3>
<p><font><font>in vaso, </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;il drenaggio dei fluidi è essenziale affinché l’acqua non ristagni nel substrato.&nbsp;</font></font></span><font><font>Tra un’annaffiatura e l’altra </font></font><strong><font><font>il terreno</font></font></strong><font><font> deve essere sempre asciutto </font><font>, al </font></font><strong><font><font>chiuso, come nei giardini e nei balconi.</font></font></strong></p>
<p><strong><font><font>Tieni sempre d’occhio questa variabile, o perderai un grande alleato.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Solo in estate innaffiare </font></font><strong><font><font>il substrato due volte a settimana e ogni dieci giorni</font></font></strong><font><font> o più nel </font></font><strong><font><font>periodo invernale.</font></font></strong></p>
<p><font><font>E curare le malattie causate dalla presenza di elevata umidità, poiché i fusti marciscono così come le radici, a causa di una muffa grigia che ne invade anche le foglie. </font><font>Rimuovi le aree malate e vedrai che si riprenderà rapidamente per mostrarti tutto il suo splendore viola.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h2><font><font>Edera (Hedera Helix)</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/hiedra_1568320635-1024×768.jpg”></p>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><strong><font><font>L’edera comune o Hedera Helix</font></font></strong><font><font> , insieme alla Canariensis o alle Canarie, sono varietà create appositamente dalla natura per essere coltivate indoor, dove le loro foglie dipinte di bianco e sfumature dorate si moltiplicano senza problemi in molte case del continente europeo. da, che richiede poco e dà molto.</font></font></div></div>
<p><font><font>Si è diffuso in </font></font><strong><font><font>Nord Africa, Isole Canarie, Giappone e Asia centrale. </font></font></strong><font><font>Può essere una buona opzione in casa come pianta da interno sospesa in casa, ma fai attenzione perché si espande facilmente.</font></font></p>
<p><font><font>Attualmente sono circa </font></font><strong><font><font>15 i tipi identificati, dove, oltre al comune e alle Isole Canarie, </font></font></strong> <font><em><font>spiccano </font></em><strong><font>specie come: </font></strong></font><em><font><font>Hedera colchica (Edera caucasica), Hedera maroccana, Hedera algeriensis (Edera algerina), Hedera nepalensis (Edera nepalese).</font></font></em></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/hiedra_1568320756-1024×682.jpg”><font><font>Questa </font></font><strong><font><font>pianta ornamentale</font></font></strong><font><font> , speciale per decorare gli ambienti, </font></font><strong><font><font>appartiene alla famiglia delle araliaceae</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>funziona molto bene anche</font></font></strong><font><font> all’aperto </font><strong><font>, ma non spreca mai le sue grandi potenzialità</font></strong><font> di modellarsi in giardini pensili verticali o orizzontali.</font></font></p>
<p><span><strong><font><font>La sua capacità di adattamento è stata grande. </font></font></strong></span><font><font>È passato dalle serre, dove prima veniva tenuto al sicuro, alle zone calde dove ora crescono varietà nane o variegate.</font></font></p>
<p><font><font>Una delle </font></font><strong><font><font>sue principali attrazioni sono proprio le sue foglie verde scuro</font></font></strong><font><font> , che hanno da </font></font><strong><font><font>3 a 4 lobi che formano figure ovali</font></font></strong><font><font> o ellittiche verso l’area del grappolo. </font><font>Esistono anche tonalità macchiate, con strisce </font></font><strong><font><font>bianche o </font></font><font><font>gialle</font></font><font><font> , dette variegate.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Ha </font><strong><font>piccoli </font></strong></font><strong><font><font>fiori</font></font><font><font> che non contrastano con lo splendore delle sue foglie</font></font></strong><font><font> . </font><font>Li vedrai tra la </font></font><strong><font><font>tarda primavera e l’inizio </font></font><font><font>dell’autunno</font></font><font><font> . </font></font></strong><font><font>E frutti o bacche </font></font><font><font>tossici</font></font><font><font> gialli, verdi o neri che raggiungono a malapena mezzo centimetro di diametro.</font></font></p>
<p><font><font>All’aperto, si comporta </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;come un efficiente rampicante capace di raggiungere grandi estensioni su fusti che possono superare i 15 metri,&nbsp;</font></font></span><font><font> grazie al fatto che hanno una natura legnosa infallibile che gli permette di comportarsi come un rampicante capace di ricoprire tutto: giardini, pavimenti, pareti o muri.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p><font><font>Ci sono anche alcune varietà che </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;superano i 40 metri di lunghezza nei loro steli.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><font><font>Vengono quindi utilizzati come piante di copertura per muri, sbarre, colonne, pendii o sottobosco.</font></font></p>
<p><font><font>Se hai intenzione di coltivarlo in casa, i vasi sospesi sono l’ideale. </font><font>Non ti pentirai di esserti preso cura di lui a casa. </font><font>Vuoi sapere come? </font><font>Ecco alcune indicazioni pratiche.</font></font></p>
<h3><font><font>Temperatura</font></font></h3>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Una temperatura compresa tra 15 e 21°C è perfetta, il che non toglie che non sia in grado di resistere, ad esempio, alla prova di resistere ai 5°C in inverno, o a massime fino a 32°C in estate. </font><font>Piuttosto il contrario. </font><font>Ivy è davvero resistente alle intemperie.</font></font></div></div>
<p><font><font>Attenzione però a non esporlo troppo a lungo a queste variazioni ambientali per lunghi periodi, perché le sue belle foglie soffriranno fino a quando non si seccano e muoiono.</font></font></p>
<h3><font><font>Leggero</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/hiedra_1568320853-768×1024.jpg”><font><font>Ha davvero bisogno di poca luce. </font><font>Ma gli piace la morbida luce naturale.</font></font></p>
<p><font><font>Se non è vicino a una finestra, non si lamenterà dei cambiamenti nella sua morfologia. </font><font>No signore. </font><font>Sopporterà ambienti calmi non così bui dove le sue foglie sbiadiscono per mancanza dell’incidenza dei raggi solari.</font></font></p>
<p><em><font><font>L’edera</font></font></em><font><font> , senza dubbio, fa meglio se la esponi regolarmente al pieno sole o se stai in luoghi ombreggiati. </font><font>E non viene ucciso dalle gelate, o dagli sbalzi di temperatura, perché si impone il coraggio della variegata specie. </font><font>Dategli il sole per qualche ora al giorno e saprà ringraziarvi più di ogni altra cosa.</font></font></p>
<h3><font><font>Substrato e Compost</font></font></h3>
<p><font><font>Utilizzare un fertilizzante minerale almeno una volta al mese in primavera. </font><font>In estate arriva anche questo aiuto, che l’ </font></font><em><font><font>Edera</font></font></em><font><font> apprezzerà molto.</font></font></p>
<p><font><font>Un terreno ricco di terriccio da giardino con una miscela equilibrata di torba e sabbia le sarà di grande sollievo, perché il drenaggio scorrerà senza problemi con conseguenze fatali per le sue radici.</font></font></p>
<p><strong><font><font>Il pH del</font></font></strong><font><font> terreno ideale per la sua crescita</font></font><strong><font><font> è vicino a 6 e sarà molto meglio</font></font></strong><font><font> se puoi aggiungere uno strato</font></font><strong><font><font> di humus di lombrico</font></font><font><font> o </font></font><font><font>compost</font></font><font><font> ,</font></font></strong><font><font> quando la pianta supera i sei mesi di vita sotto il tuo riparo. </font><font>Questa aggiunta sarà spettacolare per migliorare la sua crescita sana.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3><font><font>Irrigazione</font></font></h3>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Un sistema di irrigazione ottimale ed equilibrato è quello che mantiene umido il substrato senza ristagnare la sua morfologia, in particolare le sue radici.</font></font><p></p>
<p><font><font>Ad esempio, l’ </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> è la stagione in cui riceverà meno acqua. </font><font>Una spruzzata sarà sufficiente finché il terreno si sarà completamente asciugato, cosa che di solito si verifica al massimo una volta alla settimana per le varietà da interno.</font></font></p></div></div><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”>
<p><font><font>Fai spruzzi occasionali dei suoi rami in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> ,</font></font></p></div></div><font><font>che sarà anche ben utilizzato da questa popolare pianta rampicante. </font><font>Soprattutto quando inizi a notare che le sue foglie cambiano in una consistenza ruvida marrone o giallastra. </font><font>Questo indica che hai solo bisogno di idratazione.</font></font><p></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Ma quando arriva il caldo estivo, l’irrigazione dovrebbe essere aumentata con una frequenza stimata di 3 o 4 volte a settimana per dargli un’idratazione permanente.</font></font></div></div>
<p><font><font>Approfitta anche della potatura all’inizio della primavera e stimola così una crescita sana ed evita l’invasione inappropriata dei suoi fusti flessibili in muri, grondaie e persino tubi. </font><font>Se non stai attento, si intrufola ovunque, all’altezza del suo nome.</font></font></p>
<p><font><font>Goditi questa pianta fedele alle tue idee decorative ristrutturanti in casa, con un impatto economico a basso costo data la sua minima manutenzione.</font></font></p>
<h2><font><font>La colonna</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><strong><font><font>La Columnea</font></font></strong><font><font> è un’altra pianta da interno appartenente alla famiglia delle Gesneriáceas, originaria delle zone della giungla del Centro America, ma che è riuscita anche a diffondersi in tutto il mondo, con più di 150 specie, tra ibridi compresi, che si adattano molto bene a vari ambienti.</font></font></div></div>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/qué-son-las-columneas-y-qué-cuidados-tienen-scaled-300×225.jpg”><font><font>Oltre alla popolare </font></font><em><font><font>Columnea microphylla</font></font></em><font><font> , spiccano le seguenti specie: </font></font><em><font><font>Columnea hirta, Columnea kewensis, Columnea gloriosa, Columnea schiediana e Columnea aurantica.</font></font></em></p>
<p><strong><em><font><font>La Columnea Microphylla</font></font></em></strong><font><font> è la specie che meglio si adatta come pianta ricadente, purché cresca in idonei vasi, oppure assume anche modalità di pianta strisciante con grande copertura del suolo, come fa la Columnea hirsuta.</font></font></p>
<p><font><font>I suoi steli sono lunghi e portano foglie rotonde sempreverdi opposte. </font><font>Allo stesso modo, nella zona ascellare compaiono fiori colorati </font></font><font><font>arancioni</font></font><font><font> , rossi o viola, che hanno curiose forme tubolari.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<p><font><font>Questo spettacolo visivo ha dato a La Columnea una meritata fama, sia in primavera che in estate, i cui massicci </font><font>fiori </font></font><font><font>arancioni</font></font><font><font> e rossi appesi ai lunghi steli, ricordano il movimento nell’acqua del pesce “carpa dorata”, con un effetto traboccante che sembra far saltare fuori dal vaso questi allegri fiori tubolari così forti da poterci regalare i loro allegri colori anche in autunno.</font></font></p>
<p><font><font>A volte la fioritura dura fino all’arrivo dell’inverno.</font></font></p>
<p><font><font>Una caratteristica eccezionale è legata ai suoi steli malleabili e molto flessibili che nascono con una tale fermezza da consentire loro di crescere e poi cadere, come una cascata, un vero spettacolo visivo rinfrescante di cui si può sfruttare appieno.</font></font></p>
<h3><font><font>Temperatura</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cómo-plantar-columneas-198×300.jpg”><font><font>Richiede di vivere in ambienti caldi, tra i 20 ei 22°C, ma nella stagione della fioritura la temperatura dovrebbe oscillare tra i 13 ei 16°C circa.</font></font></p>
<p><font><font>Le gelate sono il suo punto debole. </font><font>La Colonna semplicemente non è nata per resistere a temperature inferiori a zero gradi Celsius. </font><font>Cerca sempre di non esporlo oltre i 10°C, il suo limite inferiore.</font></font></p>
<h3><font><font>Leggero</font></font></h3>
<p><font><font>La </font></font><em><font><font>Columnea Microphylla</font></font></em><font><font> ammette di vivere serenamente in ambienti interni ben illuminati, purché l’incidenza dei raggi solari sia indiretta e di correnti secche o fredde.</font></font></p>
<p><font><font>Posiziona il vaso in una zona ombreggiata della tua casa e vedrai quanto velocemente si svilupperà la tua Columnea.</font></font></p>
<h3><font><font>Substrato e Compost</font></font></h3>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>In termini generali questa pianta viene quasi sempre coltivata in vasi alti o sospesi in modo da far avanzare completamente i suoi steli, perché crescono sempre fino a pendere diversi metri verso il basso. </font><font>Ma questo contenitore in cui vivrà la tua Columnea deve essere preventivamente preparato con una miscela di terreno argilloso con torba.</font></font><p></p>
<p><font><font>In estate e in autunno è opportuno fornire un concime minerale che lo nutra. </font><font>Cerca sul mercato quelli che non contengono </font></font><font><font>calcio</font></font><font><font> e applicalo ogni 30 giorni.</font></font></p></div></div>
<p><font><font>Il substrato, non dimenticare, </font></font><span><strong><font><font>è leggero e acido.</font></font></strong></span></p>
<p><font><font>Il </font></font><strong><font><font>trapianto</font></font></strong><font style=”vertical-align: inher

suggerimenti Piante pensili da interno
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/girasol_1605517058-300×200.jpg”><font><font>I girasoli sono tra le specie </font></font><strong><font><font>floreali più suggestive</font></font></strong><font><font> e caratteristiche al mondo.</font></font></p>
<p><b><font><font>Con il loro centro scuro e </font></font><font><font>i petali gialli</font></font><font><font> che si aprono prodigiosamente per accogliere ogni nuovo giorno</font></font></b><font><font> , sono in grado di adornare qualsiasi ambiente.</font></font></p>
<p><font><font>La tua pianta </font></font><b><font><font>può essere seminata in vaso o direttamente in giardino</font></font></b><font><font> , godendo in entrambi i casi della bellezza che trasmette.</font></font></p>
<p><font><font>Vuoi piantare girasoli nel tuo giardino e vedere come i suoi </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> ruotano intorno al sole?</font></font></p>
<p><font><font>Nel seguente articolo ti mostreremo i punti più importanti che dovresti tenere a mente per la corretta coltivazione dei girasoli 😉</font></font></p>

<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti quando si piantano i girasoli</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><span><strong><font><font>Quando? </font></font></strong></span><font><font>In</font></font><font><font> primavera</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Dove? </font></font></strong></span><font><font>In un luogo con accesso alla luce solare, può essere in un giardino o in un vaso.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></strong></span><font><font>Con una buona quantità di sostanza organica.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Come dovremmo annaffiare? </font></font></strong> </span><font><font>Con poca acqua perché non va d’accordo con l’eccessiva umidità.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Ogni quanto bisogna annaffiare? </font></font></strong></span><font><font>Una o due volte alla settimana, quando il terreno si asciuga.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Quali parassiti e malattie ha? </font></font></strong></span> <font><font>Bruchi</font></font><font><font> , larve e funghi che si generano dall’elevata umidità.</font></font><b></b></li></ul></div></div>

<h2><font><font>Quando piantare i girasoli?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/girasol_1605517117-300×200.jpg”><font><font>Il momento ideale per la semina del girasole è quando l’ </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> è finito </font><font>e </font></font><b><font><font>le giornate primaverili sono a buon punto</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Questa è una specie che va d’accordo con i climi caldi ed è necessario offrire temperature adeguate per la </font><font>germinazione </font><font>dei </font></font><font><font>semi</font></font><font><font> .</font></font></p>
<h2><font><font>Dove piantare un girasole?</font></font></h2>
<p><font><font>Il girasole può essere seminato direttamente in giardino o in vaso, ma bisogna considerare che i </font></font><b><font><font>suoi fiori hanno un’altezza considerevole</font></font></b><font><font> e devono avere spazio.</font></font></p>
<p><font><font>Questa altezza, in alcuni casi, è in grado di raggiungere fino a 2 metri, quindi se lo hai in un vaso in un luogo con piante aeree, potrebbero scontrarsi.</font></font></p>
<p><font><font>Devi anche tenere conto del fatto che devi </font></font><b><font><font>ricevere una buona quantità di luce solare ogni giorno</font></font></b><font><font> perché fa parte del tuo ciclo di vita.</font></font></p>

<h2><font><font>Come preparare il terreno per la coltivazione dei girasoli?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/girasol_1605517142-300×205.jpg”><font><font>Il girasole si adatta meglio a terreni ben nutriti, quindi </font></font><b><font><font>è consigliabile applicare una concimazione prima della semina.</font></font></b></p>
<p><font><font>Si può fare con </font></font><font><font>letame</font></font><font><font> e dopo la semina, quando è già di una certa pezzatura, riapplicarlo.</font></font></p>
<p><font><font>È inoltre necessario </font></font><b><font><font>ripulire l’area di impianto dalle </font></font><font><font>erbacce</font></font></b><font><font> per evitare di esaurire i nutrienti disponibili nel terreno.</font></font></p>
<p><font><font>Per quanto riguarda la tessitura del terreno, è necessario che il drenaggio sia a livelli adeguati, poiché è una specie che non tollera le inondazioni.</font></font></p>
<p><font><font>Per questo motivo gli specialisti consigliano di </font></font><b><font><font>propendere più verso il sabbioso che verso l’argilloso.</font></font></b></p>
<h2><font><font>Come innaffiamo?</font></font></h2>
<p><font><font>L’irrigazione è necessaria per lavorare con precisione, </font></font><b><font><font>sfruttando un annaffiatoio per posizionare la quantità d’acqua necessaria.</font></font></b></p>
<p><font><font>È meglio non applicare così tanta acqua da provocare ristagni d’acqua perché ciò può causare macchie sugli steli.</font></font></p>

<h2><font><font>Ogni quanto annaffiamo i girasoli?</font></font></h2>
<p><font><font>La cosa più consigliabile è che </font></font><b><font><font>le annaffiature vengano effettuate una o due volte alla settimana a seconda della quantità di calore esistente.</font></font></b></p>
<p><font><font>Se le temperature sono basse e l’evaporazione non è così alta, può essere ridotta a 1 irrigazione a settimana.</font></font></p>
<h2><font><font>Come seminare i girasoli passo dopo passo?</font></font></h2>
<ol class=”custom-counter”>
<li><font><font>La semina del girasole </font></font><b><font><font>avviene tramite i semi</font></font></b><font><font> , che sono i più facili da </font></font><font><font>germinare</font></font><font><font> .</font></font></li>
<li><font><font>Per avanzare in questo processo, è necessario seguire i seguenti passaggi:</font></font></li>
<li><font><font>Dopo aver preparato il terreno con una quantità sufficiente di sostanza organica, </font></font><b><font><font>seleziona lo spazio in cui verrà posto il </font></font><font><font>seme</font></font><font><font> .</font></font></b></li>
<li><b><font><font>Seppellire il seme e ricoprirlo con un sottile strato di terra, quanto basta per non farlo volare via in caso di vento. </font><font>Idealmente, il seme è profondo circa 7 cm.</font></font></b></li>
<li><font><font>Man mano che la piantina cresce, potrebbe essere necessario </font></font><b><font><font>aiutarla con un supporto che le permetta di stare in piedi senza complicazioni. </font><font>È una specie che cresce alta e non ha una base solida come nel caso degli </font></font><font><font>alberi</font></font><font><font> . </font><font>Questa azione è particolarmente utile nei luoghi in cui il vento colpisce con grande forza e potrebbe influire su di esso.</font></font></b></li>
<li><b><font><font>Innaffia con acqua sufficiente per inumidire il terreno durante questa fase di crescita, assicurandoti che il terreno si asciughi prima di applicare la sessione di irrigazione successiva.</font></font></b></li>
<li><font><font>È possibile anche la germinazione del girasole in semenzaio, ma bisogna tener conto che crea una famiglia di radici molto larghe. </font><font>Questa condizione richiede una maggiore attenzione al momento giusto del </font></font><font><font>trapianto </font></font><span><font><font>per evitare che anneghino in uno spazio così piccolo.</font></font></span></li>
</ol>
<p><font><font>E se il trapianto deve essere fatto in vaso, deve essere abbastanza grande da permettere il comfort alla base.</font></font></p>

<h2><font><font>Di che cure hai bisogno?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/girasol_1605517169-300×200.jpg”><font><font>Come abbiamo già visto, fornire una buona quantità di </font></font><font><font>materia organica</font></font><font><font> lo aiuterà a crescere più sano e a fiorire meglio.</font></font></p>
<p><font><font>Inoltre, la </font></font><b><font><font>potatura del girasole viene generalmente eseguita per rimuovere i fiori che verranno utilizzati per altri scopi, ad esempio al chiuso</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Essendo una </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> che non cresce con molti rami e le cui foglie tendono ad essere poche, non è necessario un altro tipo di potatura.</font></font></p>
<h2><font><font>Quali parassiti e malattie colpiscono il girasole?</font></font></h2>
<p><font><font>In relazione alle malattie, la più comune è che </font></font><b><font><font>viene attaccata da funghi che si verificano dall’eccessiva umidità nel suo ambiente.</font></font></b></p>
<p><font><font>Pertanto, è una condizione prevenibile con la corretta applicazione dell’irrigazione e l’uso di prodotti naturali come l’estratto di cola di </font></font><font><font>cavallo</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Per quanto riguarda i parassiti, i </font></font><b><font><font>bruchi</font></font><font><font> sono le specie che più tendono a colpire i girasoli, soprattutto quando sono piante ancora giovani</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Grazie al </font></font><em><font><font>Bacillus Thuringiensis</font></font></em><font><font> , sia i bruchi che le larve (se compaiono) possono essere controllati senza grossi inconvenienti.</font></font></p>
<p><font><font>La piantagione di girasole non risponde solo a un uso </font></font><font><font>ornamentale</font></font><font><font> , anche se è un dato di fatto che offre già ottimi risultati intorno a questo.</font></font></p>
<p><font><font>È una pianta che viene raccolta anche per usi industriali, come la fabbricazione di oli, cosmetici e persino </font></font><font><font>medicinali</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>I semi di girasole sono molto preziosi in cucina perché possono essere consumati tostati o aggiunti a diverse preparazioni.</font></font></p>
<p><font><font>Tutto questo ha conferito al girasole un ruolo da protagonista nella vita di molti agricoltori in tutto il mondo.</font></font></p>
<p>

</p><!– .helpful –>

suggerimenti Seminare i girasoli
<h2><font><font>Come eliminare i moscerini della frutta?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Como-eliminar-las-moscas-de-la-fruta-300×212.jpg”><font><font>I frutti sono i prodotti vegetali che tendono ad essere attaccati da una maggiore varietà di parassiti, come nel caso dei moscerini della frutta.</font></font></span></p>
<p><b><font><font>In alcune zone del mondo questi sono anche conosciuti come la mosca dell’aceto.&nbsp;</font></font></b><span><font><font>Il suo periodo di attacco inizia durante la primavera, anche se di solito è in estate che si innesca completamente.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ha una durata di vita relativamente breve (massimo 21 giorni), ma si riproduce abbastanza velocemente.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Non lasciare che le tue colture vengano colpite dalla sua presenza, conoscilo e impara come trattarlo grazie alle informazioni che ti diamo di seguito.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Cos’è il moscerino della frutta?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Que-es-la-mosca-de-la-fruta-300×230.jpg”><font><font>Il moscerino della frutta </font></font></span><b><font><font>è un insetto di tipo dittero che ha la proprietà di nutrirsi di frutti dolci.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Tra i principali frutti che sono soggetti al suo attacco ci sono l’uva e le mele che sono così ampiamente utilizzate nella produzione di vini.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Il moscerino della frutta ha un breve ciclo evolutivo di soli 21 giorni, ma parte di esso si svolge all’interno dei frutti che attacca.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>È uno dei problemi più complessi affrontati dai frutticoltori nel mondo a causa della quantità di danni che esercita sulle colture.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Il loro attacco impedisce, tra l’altro, che i frutti vengano consumati nei mercati di alto livello.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Questo accade anche se è un dato di fatto che il frutto stesso mantiene le condizioni per essere classificato come coltura di altissima qualità.</font></font></span></p>

<h2><font><font>In che modo i moscerini della frutta influenzano le colture?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Durazno_1603671232-300×200.jpg”><font><font>Il moscerino della frutta </font></font></span><b><font><font>agisce attraverso l’azione della femmina, che genera un’incisione nella polpa dei frutti per introdurre le loro uova.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>A causa del loro ciclo riproduttivo, le uova si schiudono e danno presenza a larve che sono responsabili di danneggiare internamente il frutto.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Oltre a ciò, funghi e batteri trovano anche una via diretta per penetrare nel </font></font><font><font>frutto</font></font><font><font> , portando a una rapida decomposizione.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Pertanto, </font></font></span><b><font><font>se i frutti sono ancora sulle rispettive piante, cadranno prima di quanto dovrebbero, diventando impossibili da recuperare.</font></font></b></p>

<h2><font><font>Come possiamo identificarli?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Como-podemos-identificarlas-300×224.jpg”><font><font>Il pensiero comune delle mosche assomiglia all’insetto che conosciamo di colore scuro, quasi sempre nero, e con una percezione sgradevole.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Il moscerino della frutta ha un organismo di colore molto diverso, poiché le </font></font></span><b><font><font>sue ali sono di colore giallo chiaro.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>A differenza della mosca comune, la </font></font></span><b><font><font>sua struttura non è poi così sgradevole </font></font></b><span><font><font>, dando un’immagine che potrebbe anche essere classificata come graziosa per questo tipo di insetti.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Un altro dettaglio importante è che </font></font></span><b><font><font>è di dimensioni più ridotte rispetto alla mosca comune </font></font></b><span><font><font>, anche se i suoi effetti sono molto più dannosi e aggressivi.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Per quanto riguarda il suo comportamento, </font></font></span><b><font><font>non è comune vederlo librarsi </font></font></b><span><font><font>come nel caso della mosca comune perché ha il suo habitat sugli alberi.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In questo modo sarà possibile trovarli solo intorno alle foglie o svolgere la loro lavorazione sui frutti.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Quali prodotti naturali sono utili per eliminare la mosca della frutta?</font></font></h2>
<p><b><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/vinagre_1603670938-300×273.jpg”><font><font>Una miscela di aceto e sapone per i piatti speciale </font></font></b><span><font><font>è molto efficace nel controllare i moscerini della frutta.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Il motivo è che l’odore dell’aceto è attraente per loro, il che li fa scendere nel luogo in cui si trova.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Tuttavia, quando si tocca la miscela, il sapone impedisce loro di volare via di nuovo, dandoci la possibilità di eliminarli.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>È un processo che non danneggerà le colture, sebbene sia consigliato nei casi in cui non ci siano così tante mosche che colpiscono le colture.&nbsp;</font></font></span><b><font><font>Un’altra trappola si ottiene con l’uso della frutta stessa </font></font></b><span><font><font>, molto dolce, come la </font></font><font><font>banana</font></font><font><font> .</font></font></span></p>
<p><span></span></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>L’idea qui è quella di </font></font><font><font>tagliare delle</font></font><font><font> fette di frutta e disporle su una base all’interno di un contenitore, in modo che non siano sul fondo.&nbsp;</font></font><span><font><font>Nella parte centrale posizionerai un imbuto di plastica o di carta attraverso il quale le mosche scivoleranno fino all’estremità del contenitore.</font></font></span></div></div><p></p>
<p><span><font><font>Essendo un imbuto, non avranno possibilità di uscire, facilitando così anche la loro eliminazione.&nbsp;</font></font></span><b><font><font>Il vino rosso è un altro super alleato </font></font></b><span><font><font>per catturare i moscerini della frutta usando le loro preferenze alimentari.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In questo caso sarà sufficiente riempire un contenitore per il vino e poi coprirlo con della pellicola, praticando dei buchi sparsi per l’ingresso della mosca.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>È importante che i fori siano di dimensioni adeguate in modo che sia facile per loro entrare, ma da dove è difficile per loro uscire.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Altre azioni includono la </font></font></span><b><font><font>pulizia accurata delle colture dopo il raccolto </font></font></b><span><font><font>, riducendo così le possibilità che attacchino di nuovo.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Allo stesso modo, un’osservazione dettagliata delle piante colpite aiuterà a prevenire un nuovo attacco.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Quali colture colpiscono i moscerini della frutta?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Manzanas_1603671370-300×200.jpg”><font><font>In generale, il moscerino della frutta </font></font></span><b><font><font>può attaccare fino a 250 tipi di diverse specie di frutta.</font></font></b></p>
<p><span><font><font>Tuttavia, hanno alcune preferenze a seconda della zona in cui si trovano e del tipo di colture predominanti nella zona.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Come abbiamo già accennato, la mosca della frutta opera durante i mesi </font></font><font><font>primaverili</font></font><font><font> ed estivi, entrando in un processo di riposo in </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font></span><span><font><font>È comune osservarlo attaccare frutti come: </font></font></span><b><font><font>mele, pesche, guaiava, fichi, prugne, albicocche </font></font></b><span><font><font>, tra gli altri.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Sebbene si preveda che si generi un possibile attacco sui frutti utilizzati per i processi di fermentazione, è comune anche apprezzare i </font></font></span><b><font><font>frutti con polpa dolce.&nbsp;</font></font></b><span><font><font>Un’altra caratteristica preferita è che </font></font></span><b><font><font>hanno la pelle delicata </font></font></b><span><font><font>, così da aumentare la facilità di penetrazione all’interno e di deporre le uova.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In ogni caso, quando il moscerino della frutta attacca una coltura, è bene applicare i trattamenti consigliati e, se non funzionano, contattare le autorità.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>È particolarmente consigliabile non spostare i frutti per evitare che le mosche o le larve presenti in essi danneggino altre colture.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Vale a dire, la cosa più conveniente è applicare le azioni correttive nel luogo in cui è presente il parassita.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Un altro punto importante è impedire che i frutti contaminati vengano consumati dall’uomo.</font></font></span></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Moscerini della frutta
<p><span class=”s1″><span><font><font>E sarai</font></font></span></span><font><font> d’accordo con me che</font></font><span class=”su-highlight”>&nbsp;<strong><font><font>il prato rende bello ogni giardino</font></font></strong>&nbsp;</span><font><font>.</font></font></p>
<p><strong><font><font>È un’erba (come l’ </font></font><font><font>erba</font></font><font><font> , o la </font></font><font><font>menta verde</font></font><font><font> )</font></font></strong><font><font> &nbsp;che, se ben curata, la </font></font><strong><font><font>fa sembrare fantastica ovunque si trovi</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Tuttavia, </font></font><strong><font><font>non è del tutto facile seminarlo e farlo crescere</font></font></strong><font><font> come dovrebbe.&nbsp;</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;A meno che tu non conosca i passaggi e i trucchi corretti.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><span><strong><font><font>Sei fortunato</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><font><font>te lo garantisco </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;se leggi l’articolo&nbsp;</font></font></span><font><font> sì </font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;applica quello che diciamo qui&nbsp;</font></font></span><font><font>non avrai problemi a&nbsp; </font></font><strong><font><font>piantare un bel prato verde e vigoroso nel tuo giardino</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp; &nbsp;<p></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>La semina del prato passo dopo passo:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><strong><font><font>Quando? </font></font></strong><font><font>Climi non estremi. </font><font>In</font></font><font><font> primavera</font></font><font><font> e in autunno.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Dove? </font></font></strong><font><font>Posto soleggiato. </font><font>Ha bisogno di molta luce solare.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Tempo di crescita? </font></font></strong><font><font>Da 7 a 20 giorni, a seconda della varietà (primi germogli).</font></font><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-césped.jpg”></li>
<li><strong><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></strong><font><font>Coltivazione. </font><font>Viene annaffiato settimane prima della semina, per diversi giorni. </font><font>Si paga anche in anticipo.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come paghiamo? </font></font></strong><font><font>Materia organica decomposta (come il</font></font><font><font> letame</font></font><font><font> ). </font><font>Settimane prima.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come innaffiamo? </font></font></strong><font><font>Spruzzando, ideale. </font><font>Non vogliamo allagarlo e dargli troppa acqua.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Quanto spesso annaffiamo? </font></font></strong><font><font>Ogni giorno finché l’erba non è germogliata e cresciuta di qualche centimetro. </font><font>Quando l’erba è cresciuta può essere distanziata, a seconda del caldo (</font><font>giornaliero</font><font>in</font></font><font><font> estate</font></font><font><font> ).</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come seminiamo? </font></font></strong><font><font>Diffondi</font></font><font><font> i semi</font></font><font><font> . </font><font>Tra 30-40 grammi per metro quadrato di semi.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come raccogliamo e possiamo? </font></font></strong><font><font>Frequentemente e alterando il senso e la direzione.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Piaghe e malattie? </font></font></strong><font><font>Tipico,</font></font><font><font> muffa bianca</font></font><font><font> , dollaro spot e reale.</font></font></li>
</ul>
</div></div>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>

<h2><font><font>Primo: di cosa abbiamo bisogno per piantare l’erba?</font></font></h2>
<p><font><font>È importante tenere in considerazione gli strumenti e gli elementi di cui avremo bisogno per seminare un prato robusto e di qualità.</font></font></p>
<h3><font><font>Rastrello</font></font></h3>
<p><font><font>Prima di tutto avremo bisogno di un rastrello per rimuovere tutti i sassi e la lettiera sul terreno dove andremo a piantare il nostro prato.</font></font></p>
<p><font><font>Non è essenziale ma ovviamente ci vorrà molto lavoro da parte nostra.</font></font></p>
<p><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/31QDp8DnrsL._SL500_.jpg”></p>
<h3><font><font>Timone o motozappa Walking</font></font></h3>
<p><font><font>Non è uno strumento indispensabile, ma ovviamente ci aiuterà molto nella preparazione del terreno per la piantumazione dell’erba.</font></font></p>
<p><font><font>Perché? </font><font>Eliminerà molti semi di piante infestanti che non vogliamo e arierà anche il terreno, lasciandolo morbido e poco compatto. </font><font>Ideale per far crescere l’erba in condizioni.</font></font></p>
<p><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/61Yy9DUw6VL._SL500_.jpg”></p>
<h3><font><font>Terra di qualità</font></font></h3>
<p><font><font>Il prato è un’erba che può essere impegnativa, soprattutto all’inizio.</font></font></p>
<p><font><font>È importante preparare adeguatamente il terreno, non solo togliendo sassi, lettiera di foglie e “spezzandolo” con la fresa, ma anche utilizzando terriccio di qualità. </font><font>Ricco di minerali e sostanze nutritive.</font></font></p>
<p><font><font>Usare un buon terreno è un fattore determinante quando si tratta di avere un prato </font></font><font><font>forte</font></font><font><font> e bello.</font></font></p>
<p><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/518gU3er67L._SL500_.jpg”></p>
<h3><font><font>Semi d’erba</font></font></h3>
<p><font><font>Non dimenticare i più importanti. </font><font>Semi di prato.</font></font></p>
<p><font><font>La varietà di erba che si vuole seminare è decisiva.</font></font></p>
<p><font><font>Ci sono tipi di erba che sopportano meglio le alte temperature estive. </font><font>Altri sono più resistenti alla siccità.</font></font></p>
<p><font><font>Altri sono molto più belli, ma anche più delicati.</font></font></p>
<p><font><font>Consigliamo questi:</font></font></p>
<p><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/512wpigBFLL._SL500_.jpg”></p>
<h3><font><font>Rullo spianatore</font></font></h3>
<p><font><font>Non è nemmeno indispensabile, ma ovviamente se dopo aver disimballato il terreno con la motozappa, depositato </font></font><font><font>compost</font></font><font><font> e </font><font>terriccio di</font><font> qualità, usiamo un rullo per appiattire il terreno, sarà (di gran lunga) in condizioni migliori per far germogliare i semi dell’erba.</font></font></p>
<p><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/6123pTaV3KL._SL500_.jpg”></p>
<h3><font><font>Sistema di irrigazione a pioggia</font></font></h3>
<p><font><font>Una volta installati i semi, durante le prime settimane dovremo annaffiare e il modo migliore è per </font></font><font><font>aspersione</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>L’installazione di un buon sistema di irrigazione automatizzato ti farà risparmiare un sacco di mal di testa. </font><font>Cosa dovremmo comprare?</font></font></p>
<p><font><font>Il prossimo:</font></font></p>
<p><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41mn6MzPDvL._SL500_.jpg”></p>
<p><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/61tcdTs5nDL._SL500_.jpg”></p>
<p><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/31NHm2yWm0L._SL500_.jpg”></p>
<p>&nbsp;</p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><span><font><font>E</font></font></span><font><font> l prato è un </font></font><strong><font><font>tipo di erba</font></font></strong><font><font> che fornisce una moltitudine di </font></font><strong><font><font>benefici per l’ecosistema e svolge</font></font></strong><font><font> anche un ruolo importante in l </font></font><strong><font><font>per la salute del nostro ambiente.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Tra l’altro un prato sano protegge il suolo dall’erosione e aiuta, come gli </font></font><font><font>alberi</font></font><font><font> , a </font></font><strong><font><font>trasformare l’anidride carbonica in ossigeno</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Infatti, in determinate circostanze, l’erba </font></font><font><font>all’aperto</font></font><font><font> può contribuire</font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;più di tre quarti </font></font><font><font>parti</font></font><font><font> dell’ossigeno che respiriamo.&nbsp;</font></font></span></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Ad esempio, </font></font><strong><font><font>in un’area di soli 50 piedi quadrati</font></font></strong><font><font> , è possibile </font></font><strong><font><font>produrre giornalmente ossigeno sufficiente</font></font></strong><font><font> per quattro persone.</font></font><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-césped-5.jpeg”></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Come se questo sembra poco, </font></font><strong><font><font>l’erba aiuta anche a ridurre il consumo</font></font></strong><font><font> di </font></font><strong><font><font>energia</font></font></strong><font><font> grazie alla sua </font></font><strong><font><font>capacità di raffreddamento.</font></font></strong> </span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Vari studi hanno dimostrato che, </font></font><strong><font><font>relativamente parlando</font></font></strong><font><font> , </font></font><strong><font><font>la</font></font></strong><font><font> temperatura </font><strong><font>dell’aria sull’erba può</font></strong><font> essere fino a </font></font><strong><font><font>40 gradi più fresca</font></font></strong><font><font> di quella sopra un’area pavimentata.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Infine, il prato fornisce anche </font></font><span><strong><font><font>un aspetto gradevole e molto estetico</font></font></strong></span><font><font> a qualsiasi area in cui viene piantato. </font></font></span><span class=”s1″><font><font>Certo, la sua ubiquità ce lo fa dare per scontato e può portarci a credere che cresca da solo.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>La verità è che </font></font><strong><font><font>sono necessari alcuni fattori</font></font></strong><font><font> per poter </font></font><strong><font><font>seminare l’erba</font></font></strong><font><font> con successo.</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> <p></p>
<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Caratteristiche principali del prato</font></font></span></h2>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/2020-10-22-10.58.46-300×169.jpg”><font><font>Prato è il nome di alcune </font></font><strong><font><font>specie di erbe</font></font></strong><font><font> della </font><strong><font>Poaceae</font></strong></font><strong><font><font> famiglia</font></font><font></font></strong><font><font> , che riproducono formando una copertura verde denso.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Nello specifico, </font></font><strong><font><font>solo 20 specie di graminacee</font></font></strong><font><font> possono essere </font></font><strong><font><font>considerate graminacee</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Fondamentalmente vengono utilizzate </font></font><strong><font><font>come </font></font><font><font>piante ornamentali</font></font></strong><font><font> in prati e giardini o </font></font><strong><font><font>come terreno</font></font></strong><font><font> per la </font></font><strong><font><font>pratica di varie</font></font></strong><font><font> attività </font><strong><font>sportive</font></strong><font> e ricreative in campo.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Le qualità </font></font><strong><font><font>più importanti che un buon prato</font></font></strong><font><font> deve tollerare sono:</font></font></span></p>
<ul class=”ul1″>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Il taglio rigoroso.</font></font></span></li>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Il calpestamento.</font></font></span></li>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Secchezza.</font></font></span></li>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Freddo.</font></font></span></li>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Le malattie.</font></font></span></li>
</ul>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/2020-10-28-09.31.48-300×169.jpg”><font><font>Per il loro corretto </font></font><strong><font><font>sviluppo, devono</font></font></strong><font><font> avere </font></font><span><strong><font><font>un</font></font></strong></span><font><font> forte </font><span><strong><font>apparato radicale</font></strong></span><font> che ne </font></font><strong><font><font>impedisca lo sradicamento</font></font></strong><font><font> , e che formi </font><font>in </font><strong><font>breve tempo</font></strong><font> una fitta e continua </font></font><strong><font><font>copertura vegetale</font></font></strong><font><font> .</font></font><strong><font></font></strong><font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Per ottenere un prato di </font></font><strong><font><font>buona qualità</font></font></strong><font><font> occorre tenere </font></font><strong><font><font>conto di vari fattori, quali</font></font></strong><font><font> : il tipo di terreno, il drenaggio, la scelta delle specie e delle varietà, il tipo di irrigazione, l’abbonato, ecc.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Le specie erbacee, in base al loro adattamento climatico, sono classificate come:</font></font></span></p>
<h3 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Specie di clima subtropicale e mediterraneo</font></font></span></h3>
<p class=”p5″><span class=”s1″><font><font>Sono caratterizzati da una </font><font>straordinaria </font></font><strong><font><font>resistenza </font></font></strong><font></font><strong><font><font>all’aridità e alla salinità</font></font></strong><font><font> , che li rende ideali per l’utilizzo nelle zone costiere del bacino del </font></font><strong><font><font>Mediterraneo, le Isole Baleari e le Isole Canarie</font></font></strong><font><font> .</font></font></span></p>
<p><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/510o1MLNk+L._SL500_.jpg”></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3 class=”p5″><span class=”s1″><font><font>Specie da clima temperato</font></font></span></h3>
<p class=”p5″><span class=”s1″><strong><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-césped-6.jpeg”></strong><font><font>È importante determinare quale </font></font><strong><font><font>varietà di erba si desidera piantare.&nbsp;</font></font></strong></span></p>
<p class=”p5″><span class=”s1″><strong><font><font>Sopporta bene il gelo</font></font></strong><font><font> e cresce molto durante la </font></font><strong><font><font>primavera e l’estate</font></font></strong><font><font> . </font><font>Ne esistono diverse varietà: </font></font><font><font>il</font></font><font><font> loglio inglese, l’agrostis comune, la festuca rossa, la festuca rossa e così via.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>In entrambi i casi, è conveniente </font></font><strong><font><font>seminare una miscela di specie diverse,</font></font></strong><font><font> opportunamente combinate in modo che si completino a vicenda e diano un risultato soddisfacente.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Il motivo per farlo in questo modo è </font></font><strong><font><font>ottenere un prato verde tutto l’anno</font></font></strong><font><font> , sfruttando i diversi cicli delle diverse specie.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>La tabella seguente mostra alcuni dei mix più comuni:</font></font></span></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h2 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Prima di seminare l’erba</font></font></span></h2>
<h3 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Studia le condizioni del terreno</font></font></span></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Alcune domande a cui dovresti rispondere prima di scegliere la varietà più adatta alle tue esigenze sono:</font></font></span></p>
<ul class=”ul1″>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Il terreno dove vuoi piantare l’erba ha un buon drenaggio?</font></font><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-césped-7.jpg”></span></li>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Si asciuga facilmente?</font></font></span></li>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Ogni quanto vuoi innaffiare il tuo prato?</font></font></span></li>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Quante ore al giorno prendi la luce del sole?</font></font></span></li>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Ci sono venti frequenti e di che intensità?</font></font></span></li>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Quanta ombra riceverà al giorno?</font></font></span></li>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Qual è lo scopo del prato? </font><font>È per scopi decorativi o hai intenzione di usarlo in modo approssimativo: sport, animali domestici, ecc.?</font></font></span></li>
<li class=”li4″><span class=”s1″><font><font>Ogni quanto lo vuoi potare?</font></font></span></li>
</ul>
<p><font><font>La varietà di erba che vuoi piantare determinerà la frequenza con cui dovrai annaffiare o potare. </font><font>Esistono varietà di erba molto più resistenti al calpestio, al caldo o alla mancanza di acqua.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p><p></p>
<h3 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Quando piantare il prato?</font></font></span></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>In termini generali, </font></font><strong><font><font>i periodi migliori</font></font></strong><font><font> per piantare l’erba </font></font><strong><font><font>sono la primavera e l’ </font></font><font><font>autunno</font></font></strong><font><font> , poiché non presentano climi così estremi come l’estate e l’ </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> .</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>In autunno, i prati tendono a crescere più velocemente, poiché </font></font><strong><font><font>il terreno si</font></font></strong><font><font> è riscaldato sufficientemente durante l’estate.</font></font></span></p>
<h3 class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Prendi i semi d’erba</font></font></span></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/sembrar-césped-3.jpeg”></span></p>
<p><font><font>Ovviamente la prima cosa è procurarsi i </font></font><span><strong><font><font>semi d’erba.</font></font></strong></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Puoi trovare vari fornitori online. </font><font>Acquista quelli che ritieni più adatti alle tue esigenze.</font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Calcola l’area in cui vuoi coltivare l’erba per trovare la quantità di semi che dovresti acquistare, in base alla varietà che hai scelto. </font></font></span></p>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Attualmente ci sono diversi calcolatori online che ti aiutano a determinare la quantità di semi per coprire una certa area, a seconda delle diverse varietà di erba.</font></font></span></p>
<p><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51ARoywR37L._SL500_.jpg”></p>
<h3 class=”p1″><font><font>Innaffia il terreno per alcune settimane</font></font></h3>
<p class=”p1″><span class=”s1″><font><font>Innaffiare il terreno </font></font><strong><font><font>prima di seminare l’erba</font></font></strong><font><font> ti permetterà di </font></font><strong><font><font>risolvere cose molto importanti:</font></font></strong></span></p>
<ul>
<li class=”p1″><span class=”s1″><strong><font><font>Da un lato</font></font></strong><font><font> ti aiuterà ad </font></font><strong><font><font>analizzare la qualità del drenaggio del terreno</font></font></strong><font><font> e, dall’altro, ti aiuterà a far germogliare tutte le </font></font><font><font>erbacce</font></font><font><font> che possono essere in uno stato dormiente e che possono rovinare il tuo raccolto.</font></font></span></li>
<li class=”p1″><font><font>Per quanto riguarda </font></font><strong><font><font>il sistema di drenaggio </font></font></strong><span><font><font>, è importante valutare se il terreno dove si prevede di seminare tende a formare pozzanghere. </font><font>In tal caso, è meglio occuparsi di questo problema prima di ogni altra cosa, poiché ciò eviterà ulteriori complicazioni in futuro.</font></font></span></li>
<li class=”p1″><font><font>Un terreno </font></font><strong><font><font>con problemi di drenaggio </font></font></strong><span><font><font>causerà al tuo </font></font></span><strong><font><font>prato problemi di funghi </font></font></strong><span><font><font>o semplicemente non si svilupperà bene.</font></font></span></li>
<li class=”p1″><font><font>Si può provare a </font></font><strong><font><font>livellare il terreno </font></font></strong><span><font><font>, aggiungendo </font></font></span><strong><font><font>terriccio </font></font></strong><span><font><font>in quelle zone dove </font></font></span><strong><font><font>l’acqua tende a formare pozzanghere </font></font></strong><span><font><font>.</font></font></span></li>
<li class=”p1″><font><font>Un altro modo leggermente più costoso è </font></font><strong><font><font>installare un sistema di drenaggio </font></font></strong><span><font><font>. </font><font>Questa opzione, tuttavia, è consigliata solo come ultima risorsa.</font></font></span></li>
<li class=”p1″><font><font>Se durante l’annaffiatura </font></font><strong><font><font>noti che sono cresciute erbacce sul terreno </font></font></strong><span><font><font>, rimuovile il prima possibile.</font></font></span></li>
<li class=”p1″><font><font>Se hai del muschio, puoi sbarazzartene con un </font></font><strong><font><font>anti-muschio</font></font></strong><font><font> da </font><strong><font>prato </font></strong></font><span><font><font>e un po’ di </font></font></span><strong><font><font>solfato di ferro</font></font></strong><span><font><font> .</font></font></span></li>
</ul>
<p><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41TrDFGdiBL._SL500_.jpg”></p>
<p><span class=”sh

suggerimenti Seminare il prato e avere un giardino da sogno
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Solanum_lycopersicum_1623356176-300×200.jpg”><font><font>L’annaffiatura del pomodoro, o anche conosciuta come pomodoro, è un compito di cui dovrai tenere conto per avere una pianta sana che generi una buona produzione.</font></font></p>
<p><strong><font><font>È una coltura che ha bisogno di acqua per prosperare e questo è qualcosa che possiamo vedere nel tipo di frutto che è il pomodoro.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Come nella stragrande maggioranza delle piante, non tollera il ristagno, quindi le quantità e le frequenze di approvvigionamento idrico devono essere ben ponderate. </font><font>Come si possono impostare questi parametri in modo da non finire sopra l’acqua o sott’acqua?</font></font></p>
<p><font><font>Successivamente ti diremo tutto.</font></font></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti quando si innaffia un pomodoro:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><span><strong><font><font>Frequenza di irrigazione:</font></font></strong> </span><font><font> 3 o 4 volte a settimana nella stagione calda e 1 o 2 volte il resto dell’anno.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Metodo di irrigazione:</font></font></strong></span><font><font> con annaffiatoio o con</font></font><font><font> irrigazione a goccia</font></font><font><font> se si trovano nei frutteti in giardino.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Orario ottimale della giornata per l’irrigazione:</font></font></strong></span><font><font> al mattino.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Identificare l’acqua in eccesso:</font></font></strong></span><font><font> soffocamento delle radici, steli impoveriti, frutti screpolati, insediamento di funghi e batteri.</font></font></li>
<li><span><strong><font><font>Identificare la mancanza d’acqua:</font></font></strong> </span><font><font> foglie giallastre, poca crescita delle</font></font><font><font> piante</font></font><font><font> , pochi fiori e frutti.</font></font></li></ul></div></div>

<h2><font><font>Che bisogno di irrigazione ha il pomodoro?</font></font></h2>
<p><font><font>Il pomodoro </font></font><strong><font><font>è un ortaggio che ha un alto livello di acqua al suo interno, il che implica che richiede una notevole quantità di liquido durante la semina.&nbsp;</font></font></strong><font><font>È una </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> che non tollera l’acqua in eccesso ma nemmeno la siccità, quindi devi prestare attenzione alla fornitura che offri.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51q2fGGlgeL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Questo soprattutto se si considera che il </font></font><font><font>pomodoro</font></font><font><font> non viene coltivato in serra perché normalmente viene lavorato nei periodi più caldi. </font><font>Pertanto, non è necessario tenere conto solo delle esigenze della coltura, ma anche delle condizioni dell’ambiente.</font></font></p>

<h2><font><font>Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nel pomodoro?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/tomates_cultivo_1623362385-300×200.jpg”><font><font>Se l’irrigazione del pomodoro è carente, influirà negativamente sulla produzione, causando </font><strong><font>una riduzione </font></strong></font><strong><font><font>sia dei </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> che dei frutti in quantità e dimensioni.</font></font></strong></p>
<p><font><font>L’acqua è vitale per il trasporto dei nutrienti e per l’esecuzione dei processi interni alla struttura, quindi potrebbe rallentare la crescita della </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><strong><font><font>Se la pianta ha già le foglie, cominceranno a sembrare giallastre sulle punte e progressivamente lungo il resto del bordo.&nbsp;</font></font></strong><font><font>In alcuni casi possono cadere, causando una precoce defogliazione.</font></font></p>

<h2><font><font>Ogni quanto bisogna innaffiare il pomodoro?</font></font></h2>
<p><font><font>Dovrai distribuire i rischi in base alle esigenze della coltura in base all’area in cui l’hai piantata. </font><font>La più consueta consiste nell’applicare irrigazioni con </font></font><strong><font><font>frequenza di 3 settimanali nelle stagioni più calde, aumentando a 4 se necessario.</font></font></strong></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41CgHH460oL._SL500_.jpg”></figure>
<p><strong><font><font>Il resto dell’anno le innaffiature possono essere ridotte a 1 o 2 a settimana</font></font></strong><font><font> , controllando sempre preventivamente che il terreno sia asciutto, almeno nei primi 10 centimetri di profondità.</font></font></p>

<h2><font><font>Qual è il modo migliore per innaffiare il pomodoro?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>L’irrigazione del pomodoro può essere effettuata in diversi modi a seconda delle condizioni particolari che si hanno in </font></font><font><font>giardino</font></font><font><font> . </font><font>Qui la condizione principale è fare in </font></font><strong><font><font>modo che l’irrigazione non tocchi il fogliame o i frutti</font></font></strong><font><font> , poiché può farli indebolire e marcire.</font></font></div></div>
<p><strong><font><font>Un metodo comune che difficilmente genera spesa è la doccia</font></font></strong><font><font> . </font><font>Certo, dovrai farlo da solo, quindi non è pratico per un grande giardino. </font><font>Nelle piante di pomodoro piantate in vaso, questa è l’opzione ideale. </font><font>Devi solo assicurarti che la doccia generi un flusso d’acqua controllato.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41TjpJyYFXL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Inoltre, dovrai posizionare un piatto sotto di esso per raccogliere il liquido in eccesso che si forma quando il terreno drena. </font><font>Ricordati di scartare quest’acqua più tardi.&nbsp;</font></font><strong><font><font>Un’altra tecnica molto utile è l’irrigazione a goccia</font></font></strong><font><font> e che puoi stabilire nelle piantagioni che hai in giardino.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/61icO+jPqZL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>L’irrigazione a goccia richiederà un certo investimento per installarla, ma in cambio aiuterà a regolare molto bene la quantità di acqua che le piante di pomodoro ricevono. </font><font>Così risparmierete acqua e le piante riceveranno la giusta quantità per crescere senza soffrire di problemi di deficit o eccesso.</font></font></p>

<h2><font><font>Come rileviamo l’acqua in eccesso nel pomodoro?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><strong><font><font>Il rischio di asfissia radicale</font></font></strong><font><font> è la preoccupazione più comune quando le piante di pomodoro sono sottoposte a un eccesso di acqua. </font><font>Il motivo è che le radici hanno bisogno di respirare per svolgere i loro processi naturali e l’acqua in eccesso impedisce loro di svolgere questo processo.</font></font></div></div>
<p><font><font>Nella parte aerea è comune mostrare danni alla pianta come </font></font><strong><font><font>frutti screpolati, alloggiamento di funghi o batteri e fusti impoveriti.&nbsp;</font></font></strong><font><font>Un altro punto importante da considerare nell’irrigazione del pomodoro è la qualità dell’acqua. </font><font>È una coltura sensibile a determinate variazioni.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41KIwBmsKCL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>L’ideale è affidarsi all’acqua piovana, ma se ciò non è possibile, meglio lavorare con acque povere di sale e calcare. </font><font>Accompagnare una buona annaffiatura del resto delle cure consigliate per le piante di pomodoro si tradurrà in una grande produzione, sia in qualità che in quantità. </font><font>Ed è quello che tutti noi vogliamo, giusto?</font></font></p>

<h2><font><font>Fonti e riferimenti bibliografici</font></font></h2>
<ul>
<li><font><font>http://revista.agro.unlp.edu.ar/index.php/revagro/article/viewFile/51/30</font></font></li>
<li><font><font>https://www.camjol.info/index.php/CALERA/article/download/9811/11215/</font></font></li>
<li><font><font>http://190.119.243.88/bitstream/handle/UNALM/4167/castro-blandin-eduardo-ariel.pdf?sequence=1&amp;isAllowed=y</font></font></li>
<li><font><font>https://dialnet.unirioja.es/descarga/articulo/7925379.pdf</font></font></li>
</ul>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Forse ti interessano anche:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><ul class=”su-siblings”><li class=”page_item page-item-7511″><font><font>[10 Proprietà Fantastiche] di Pomodoro: le conoscevi?</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-8280″><font><font>Come fertilizzare i pomodori: [Utilità, data, prodotti e moduli fatti in casa]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-5022 page_item_has_children”><font><font>Elenco dei principali parassiti e malattie del pomodoro</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-8365″><font><font>Potare i pomodori: [Quando farlo, strumenti, forme e utilità]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-5018″><font><font>Tipi di Pomodori e Varietà Più Coltivate: Guida Completa [breadcrumb]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-14791″><font><font>Pomodoro Kumato: [Semina, cura, irrigazione, substrato e parassiti]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-26607″><font><font>Trapianto di pomodori: [Come farlo passo dopo passo]</font></font></li>
</ul></div></div>

<!– .helpful –>

suggerimenti Irrigazione del pomodoro
<h2><font><font>Cosa sono le falene crocifere?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Que-son-las-polillas-de-las-cruciferas-scaled-300×200.jpg”><font><font>Le falene crocifere o </font></font></span><i><span><font><font>Plutella xylostella</font></font></span></i><span><font><font> , sono insetti di tipo lepidottero, appartenenti alla famiglia dei </font></font></span><i><span><font><font>Plutellidi</font></font></span></i><span><font><font> , che hanno praticamente conquistato il mondo intero, perché sebbene provenga dalla regione mediterranea europea, vive anche in America, Asia, Africa e Oceania, cioè per dire, ha raggiunto tutti i continenti.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Attualmente è riconosciuto come il parassita cosmopolita che provoca i maggiori danni alle colture delle piante della famiglia delle </font></font></span><i><span><font><font>Brassicaceae</font></font></span></i><span><font><font> , nelle sue diverse varietà, perché ha sviluppato una grande resistenza ai pesticidi e alle tossine del </font></font></span><i><span><font><font>Bacillus </font></font></span></i> <i><span><font><font>thuringiensis,</font></font></span></i><span><font><font> note come </font></font></span><i><span><font><font>tossine.</font></font></span></i></p>
<p><span></span></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Nelle regioni </font></font><font><font>tropicali</font></font><font><font> e subtropicali del pianeta, questo insetto abbonda in tutte le fasi che compongono il suo ciclo vitale durante tutto l’anno, il che implica un’elevata resistenza e adattabilità ambientale, perché le crocifere fungono da ospiti, poiché sono anche piante </font></font><font><font>perenni</font></font><font><font> che prosperano in questi ecosistemi 365 giorni all’anno.</font></font></div></div>
<p></p>
<p><span><font><font>Ma lo stesso non accade nelle zone temperate, perché le piante crocifere non hanno la capacità di svilupparsi durante tutto l’anno, quindi le più recenti indagini ecologiche hanno </font></font></span><i><span><font><font>sollevato</font></font></span></i><font><span><font> seri sospetti relativi alla capacità che </font></span><i><span><font>Plutellas xylostella avrebbe</font></span></i></font><span><font><font> per le loro pupe e gli adulti si nascondono all’interno i loro ospiti per sopravvivere all’inverno, dopo aver accertato che hanno effettivamente raggiunto la resistenza alle basse temperature.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>La verità è che questi insetti non smettono di stupire. </font><font>Sopravvivono a lunghe distanze percorse, riuscendo a muoversi nelle correnti d’aria mantenendo il volo in più di 1.000 km di viaggio in un solo giorno. </font><font>Ecco perché non hanno grossi problemi a migrare da luoghi caldi a regioni temperate.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Come possiamo identificarli?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Numerosi sono i segni legati alle caratteristiche morfologiche, abitudini e danni di questi piccoli lepidotteri, sia allo stadio larvale che adulto. </font><font>Vediamo.&nbsp;</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><span><font><font>Nel loro stato adulto, questi insetti hanno una lunghezza standard approssimativa di circa 15 mm.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>La testa è bruno-rossastra tendente al </font></font><font><font>nero</font></font><font><font> , il corpo è generalmente giallo-marrone con una fascia longitudinale che attraversa il dorso. </font><font>Ha anche macchie </font></font><font><font>nere</font></font><font><font> sul protorace.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Quando è a riposo mette in avanti le antenne, in una specie di prolungamento del suo corpo, che ha un aspetto stretto e appuntito, di colore verdastro.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Ha ali anteriori strette e arrotondate all’estremità di colore giallo paglierino, ma con un bordo d’uscita ricco di frange. </font><font>E le ali posteriori sono più corte e appuntite, con più frange.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Sono insetti di grande abilità, si muovono molto velocemente.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Le pupe sono a forma di fuso e lunghe circa 8 mm. </font><font>Quando sono appena nati sono di colore verde chiaro e giallo ma in seguito si scuriscono.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Una pupa ha un ciclo di sviluppo che dura circa 8 giorni.&nbsp;</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Svernano allo stato adulto come crisalide e la deposizione delle uova avverrà a maggio, quando depongono fino a 6 unità sulla pagina inferiore delle foglie, diffondendosi vicino ai nervi delle piante preferite: cavoli, cavolfiori, </font></font><font><font>broccoli</font></font><font><font> , colza, tra altre crocifere spontanee.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Escono a mangiare la sera, hanno abitudini notturne.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Le femmine, nel corso della loro vita, possono deporre più di 100 uova e gli embrioni si sviluppano in breve tempo: basteranno un massimo di 8 giorni.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>I giovani </font></font><font><font>bruchi</font></font><font><font> sono molto laboriosi e scavano gallerie o cunicoli nelle foglie per circa una settimana, per poi proseguire, rispettando solo le vene e l’epidermide del fascio. </font><font>Il resto sarà completamente consumato.&nbsp;&nbsp;</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Alla fine del loro ciclo di sviluppo, si impupano e a fine giugno torneranno a essere falene.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>La fase di ninfosi è avvolta in un bozzolo setoso e trasparente sulle foglie. </font><font>Per questo periodo di impupamento, solitamente tessono un bozzolo di seta a trama larga, in punti non così visibili sulla </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> stessa </font><font>, come la parte inferiore delle foglie.</font></font></span></li>
</ol>
<p><span><font><font>Bisogna stare molto attenti alle colture tra luglio e agosto, perché in questo periodo compare la seconda generazione di queste falene, che diventa molto più aggressiva della prima che compare a febbraio. </font></font></span></p>
<p><span><font><font>In questa fase riproduttiva possono addirittura distruggere l’andamento delle colture, se si comportano come un parassita.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Verso l’ </font></font><font><font>autunno</font></font><font><font> iniziano a svernare, anche se lo faranno anche come crisalide, ma danneggiano molto anche le crocifere, perché i bruchi mordicchiano le foglie abbastanza intensamente, lasciando dei buchi.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In questo momento hanno l’abitudine di distruggere prima le foglie esterne per poi entrare nella pianta e formare la loro crisalide sulle foglie </font></font><font><font>interne</font></font><font><font> .</font></font></span></p>

<h2><font><font>Quali piante colpiscono le falene crocifere?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Questo insetto è un fedele parassita, che attacca esclusivamente colture della famiglia delle </font></font></span><i><span><font><font>Brassicaceae</font></font></span></i><span><font><font> nelle loro varietà spontanee o coltivate.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/A-que-plantas-afectan-las-polillas-de-las-cruciferas-Repollos-300×225.jpg”><font><font>Diversi studi hanno anche stabilito che concentrano la loro attenzione principalmente su piante alimentari ricche di glucosinolati, come: varietà di cavoli, cavolfiori, ravanelli, rape, </font></font><font><font>cavolini di</font></font><font><font> Bruxelles, cavolo rapa, crescione, broccoli cinesi, mostarda di castagne, tra gli altri</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Un altro fatto importante per tenerle a bada, è che in assenza di specie coltivate di Brassicaceae, poi si depositano nelle cosiddette </font></font><font><font>erbacce</font></font><font><font> , quindi devono essere sterminate prima che inizino le coltivazioni, poiché fungono da perfetto habitat, soprattutto in regioni temperate, quando proliferano durante l’arrivo della </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> .</font></font></span></p>

<h2><font><font>Come combattere le falene crocifere?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Como-combatir-las-polillas-de-las-cruciferas-300×180.jpg”><font><font>Il portale didattico Wikipedia sottolinea che dagli anni 70-80 del XX secolo, questo lepidottero è diventato il parassita con il maggior potenziale distruttivo delle colture crocifere del pianeta, causando perdite economiche tra i 4-5 miliardi di euro all’anno, tra danni e le spese derivanti da metodi di controllo che non sono così efficaci al momento.&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>La causa principale di questa resistenza mondiale? </font><font>Semplice: la </font></font></span><i><span><font><font>Plutella xylostella</font></font></span></i><font><span><font> non </font></span><i><span><font>ha</font></span></i></font><span><font><font> nemici naturali per sottometterla, a quanto pare perché hanno una maggiore capacità di fissarsi su queste colture crocifere rispetto ai parassitoidi, oltre alla loro mirabile migrazione.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>E inoltre, è stato determinato che hanno un’elevata resistenza genetica contro insetticidi e tossine delle piante ospiti. </font></font></span><span><font><font>Si ritiene inoltre che l’uso indiscriminato di insetticidi lo abbia favorito anche perché i suoi nemici naturali sono stati distrutti e questo, evidentemente, gli ha permesso di riprodursi rapidamente in qualsiasi parte del pianeta.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ecco perché l’uso continuato di pratiche di coltivazione sane è essenziale per evitare che diventino un parassita impossibile da controllare.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Alcune importanti raccomandazioni preventive sono:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><span><font><font>Eliminazione di erbacce ed erbacce, perché sono i nascondigli preferiti di queste falene e le loro radici il miglior cibo, prima che migrino verso le colture in corso. </font><font>Ma in </font></font><font><font>estate</font></font><font><font> , è particolarmente importante rimuovere </font></font><font><font>le</font></font><font><font> crocifere </font><font>selvatiche</font><font> che spesso germogliano sotto le colture da giardino, come la nitrire e il dente di leone, che si riconoscono dai loro </font></font><font><font>fiori a</font></font><font><font> forma di croce.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Utilizzo di </font></font><font><font>sementi</font></font><font><font> certificate, garantite, esenti da virus e malattie. </font><font>Né è conveniente effettuare trapianti e/o seminare in luoghi che sono stati precedentemente puniti da parassiti e insetti.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>La preparazione del terreno deve passare attraverso un aratro intenso, dove le uova e gli esemplari larvali vengono eliminati mentre il </font></font><font><font>compost</font></font><font><font> è sufficientemente ossigenato.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Rotazione delle colture, soprattutto se il terreno è stato precedentemente infestato da parassiti e malattie.</font></font></span></li>
</ol>

<h2><font><font>Quali sono i migliori prodotti per sbarazzarsi delle tarme crocifere?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cuales-son-los-mejores-productos-para-eliminar-las-polillas-de-las-cruciferas-300×199.jpg”><font><font>Insetticidi piretroidi ad ampio spettro come </font></font></span><i><span><font><font>Opponent</font></font></span></i><span><font><font> di BASF e </font></font></span><i><span><font><font>Guimar</font></font></span></i><span><font><font> di Sarabia, che agiscono per contatto e ingestione, aiutano ad eliminare e controllare i bruchi e gli insetti masticatori e succhiatori, come le falene </font></font></span><i><span><font><font>Plutella xylostella.</font></font></span></i></p>
<p><span><font><font>Ma un team scientifico appartenente all’Istituto di Scienze Agrarie il CSIC, insieme all’Istituto Max Planck di Ecologia Chimica, hanno rivelato che la cosiddetta Erba di Santa Bárbara, una crucifere in cui sono inclusi anche </font></font><font><font>broccoli</font></font><font><font> e cavolfiori, ha un fatale potere attrattivo sulle falene, perché sulla superficie delle loro foglie presentano composti chimici in grado di uccidere le larve, identificate come </font></font></span><i><span><font><font>glucosine Eolates.</font></font></span></i></p>
<p><span><font><font>Questo interessante studio ha trovato una relazione antivolutiva tra questa falena e l’Erba di Santa Barbara che potrebbe portare all’uso di questa pianta come coltura trappola che blocca le pretese espansive dell’insetto, impedendogli di porre fine alle colture di broccoli e cavoli.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Nonostante non sia ancora stata utilizzata commercialmente, le potenzialità di questa pianta crocifere di sterminare la falena sono grandi, secondo gli esperimenti effettuati, che hanno avuto ottimi risultati, sono incoraggianti, soprattutto nei casi in cui è impossibile utilizzare insetticidi potenti .&nbsp;</font></font></span></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti Falene crocifere (Plutella xylostella)

<h2><font><font>Qual è l’albero più alto del mondo?</font></font></h2>
<p><font><font>Nella </font></font><strong><font><font>biodiversità del pianeta</font></font></strong><font><font> , ci sono </font></font><strong><font><font>piante</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>alberi</font></font></strong><font><font> di molteplici specie, disegni e caratteristiche che consentono loro di adattarsi a </font></font><strong><font><font>diversi ecosistemi</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Gli esperti del settore sottolineano che collettivamente, come gruppo, gli alberi più alti del mondo sono </font></font><em><font><font>gli Eucalyptus regnans</font></font></em><font><font> , ma qual è l’albero più alto, quello che ha battuto il record di altitudine?</font></font></p>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il nome che hanno assegnato all’albero più alto del globo è </font></font><em><font><font>Hyperion</font></font></em><font><font> , una&nbsp; </font></font><em><font><font>Sequoia sempervirens</font></font></em><font><font> , alta 115,55 metri o 379,1 piedi, situata nel Rededor National Park, a nord di San Francisco, nello stato della California.</font></font></div></div>

<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/el-arbol-mas-grande-del-mundo.jpg”></p>
<h2><font><font>A quale specie appartiene l’albero più alto del mondo?</font></font></h2>
<p><font><font>Questo meraviglioso esemplare appartiene alla famiglia Secouya, le cui specie la Sequoia sempervirens (meglio conosciuta come Redwood) e il Sequoiadendron giganteum (Sequoia gigante) sono gli alberi più alti e più grandi del mondo.</font></font></p>

<h2><font><font>Quanto è alto l’albero più alto del mondo?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/2018-11-17-11.47.44_1-225×300.jpg”><font><font>Misura circa 115,55 metri, che è alto 379,1 piedi. </font><font>È stato inoltre calcolato che ha circa 526,69 metri di </font></font><font><font>bosco</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Oggi Hyperion è il numero 1, il re degli alberi più grandi del mondo, con quasi 116 metri di altezza.</font></font></p>
<p><font><font>Per avere un’idea di cosa stiamo parlando, questo esemplare si erge 21 metri più in alto dell’intera Statua della Libertà, il famoso monumento che la Francia donò agli Stati Uniti d’America. </font><font>Incredibile, vero?</font></font></p>
<p><font><font>Ma si stima che questo esemplare abbia ancora la capacità di elevarsi molto più in alto e raggiungere fino a 130 metri di altezza, con una crescita annua di 1,80 metri.</font></font></p>
<p><font><font>L’albero dell’Iperione ha circa 5 metri di diametro del tronco e sebbene abbia tra i 700 e gli 800 anni, non è nemmeno vicino all’età di quello che oggi è considerato </font></font><strong><font><font>l’albero più antico del mondo</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Lo sapevate…?</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Prima della sua famosa scoperta, si credeva che l’esemplare più alto del mondo fosse il cosiddetto “Gigante della Stratosfera”, altro illustre abitante dello stesso Parco Nazionale di Redwood che già nel 2010 raggiungeva i 113,3 metri e che al tempo della L’irruzione di Hyperion era alta 112,83 metri nel 2014, essendo fino ad allora l’albero più grande del pianeta</font></font></div></div>

<h2><font><font>Dove si trova il più grande del mondo?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/donde-esta-el-arbol-mas-grande-del-mundo-225×300.jpg”><font><font>È protetto dai curiosi e dai turisti nel </font></font><strong><font><font>Redwood National Park a nord di San Francisco, California, Stati Uniti.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Personalmente, consigliamo vivamente una visita al parco. </font><font>Vedere le sequoie dal vivo è qualcosa di spettacolare.</font></font></p>
<h2><font><font>Quando è stato scoperto l’albero più alto del mondo?</font></font></h2>
<p><font><font>È stato scoperto l’8 settembre 2006, quando due escursionisti, </font></font><span><strong><font><font>Chris Atinks e Michael Taylor</font></font></strong></span><font><font> , durante un’escursione nel parco nazionale californiano hanno scoperto un albero che ha raggiunto un’altezza mai vista prima dall’uomo.</font></font></p>
<p><font><font>Fu così che ricevette il nome&nbsp; </font></font><em><font><font>Hyperion</font></font></em><font><font> , principalmente per la perfetta analogia che aveva con il titano nella mitologia greca e figlio del dio Urano (del Cielo) e della dea Gea (Terra), soprannome che significa </font></font><em><font><font>”colui che abita in alto o chi guarda dall’alto”.</font></font></em></p>

<h2><font><font>Che caratteristiche ha?</font></font></h2>
<p><font><font>La chiave per l’elevata crescita delle Sequoie è che hanno foglie aghiformi super speciali, in grado di generare pochissimo stress a questa specie. </font><font>Ma la cosa migliore che hanno è che richiedono pochissimi nutrienti, in realtà richiedono pochissimo dall’albero.</font></font></p>
<p><font><font>Queste caratteristiche, insieme alle ottime condizioni climatiche e alla ricchezza del suolo dove si trovano le Sequoie, le fanno crescere molto velocemente e alte, rendendole gli alberi più grandi del mondo.</font></font></p>
<p><font><font>Attualmente sono presenti solo circa 135 esemplari di sequoie che superano i 100 metri di altezza. </font><font>Vediamo quali sono gli altri 9 esemplari che seguono l’Hyperion in altezza.</font></font></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/donde-esta-el-arbol-mas-grande-del-mundo.jpg”></p>
<h3><font><font>Helios</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/arbol_alto_1583322761-300×194.jpg”><font><font>È un altro albero della stessa specie scoperto nel 2006 e di circa 114,51 metri, che è stato il più alto del pianeta per circa un mese, fino a quando Hyperion non lo ha detronizzato.</font></font></p>
<h3><font><font>Icaro</font></font></h3>
<p><font><font>È anche una sequoia gigante di 113,14 metri che vive accanto ai suoi fratelli nel Parco nazionale di Redwood.</font></font></p>
<h3><font><font>Gigante della stratosfera</font></font></h3>
<p><font><font>È, come sai, il primo albero o essere vivente elencato come il più alto del mondo, fino a quando non fu spodestato dai suoi fratelli. </font><font>Vivi </font></font><em><font><font>nell’Humbolt Redwoods State Park</font></font></em><font><font> e continua a crescere. </font><font>È lungo 113,1 metri e ha un diametro di 5,12 metri.</font></font></p>

<h3><font><font>Gigante della fusione</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/fusion_giant_1583322597-169×300.jpg”><font><font>Della stessa famiglia, è un’altra sequoia gigante che misura 112,71 metri e 4,40 metri di diametro. </font><font>Fino al 1995 era il più alto del pianeta -. </font><font>Vive anche nel Redwood National and State Park.</font></font></p>
<h3><font><font>Orione</font></font></h3>
<p><font><font>È alta 112 metri e con questa Sequoia termina la sfilata dei giganti del pianeta, che insieme ai loro unici concorrenti, gli eucalipti, dimostrano che la natura ha molta magia e fascino in ogni dono che offre al pianeta e ai suoi abitanti.</font></font></p>
<h3><strong><font><font>Lauralyn</font></font></strong></h3>
<p><font><font>È alto 112,62 metri e vive anche a Humbolt Park, in California, negli Stati Uniti.</font></font></p>
<h3><font><font>Rockefeller</font></font></h3>
<p><font><font>Questo esemplare raggiunge circa 112,60 metri ed è stato recentemente inserito nell’elenco delle famose sequoie.</font></font></p>
<h3><font><font>Paradosso</font></font></h3>
<p><font><font>Misurando 112,56 metri e 3,90 metri di diametro, è considerato uno dei più stretti tra questa gamma di alberi giganti.</font></font></p>

<h3><font><font>Mendocino</font></font></h3>
<p><font><font>Sono 112,20 metri. </font><font>Questa Sequoia rimane in un altro parco negli Stati Uniti, la Montgomery Woods State Reserve.</font></font></p>
<h3><font><font>O Avó</font></font></h3>
<p><font><font>Al di fuori dell’America, l’albero chiamato </font></font><strong><font><font>O Avó</font></font></strong><font><font> , a 90 metri, è il più alto di tutta la Spagna e di tutta l’Europa. </font><font>Vive a Galia, comune di Viveiro, in una riserva dove sono presenti bellissimi esemplari di eucalipto che raggiungono gli 80 metri di altezza.</font></font></p>
<h3><font><font>Eucalipto</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/eucalipto_1583322564-300×169.jpg”><font><font>In Africa, gli alberi di eucalipto </font></font><em><font><font>aprono</font></font></em><font><font> la strada come i più alti di questo continente selvaggio, più precisamente in Sud Africa, </font><em><font>nello stato di Woodbush</font></em><font> .</font></font></p>
<p><font><font>All’inizio del XIX secolo furono trovati esemplari alti fino a 80 metri.</font></font></p>
<p><font><font>Ma più di recente, circa otto anni fa, è stato trovato un esemplare alto 83,5 metri che è ancora l’albero re degli africani.</font></font></p>
<h3><font><font>Kapoq</font></font></h3>
<p><font><font>E in Sud America, nelle foreste ancestrali del Perù, il </font></font><strong><font><font>Kapoq</font></font></strong><font><font> , alto 80 metri </font><font>, resiste alle </font><strong><font>ingiurie</font></strong><font> del tempo.</font></font></p>
<h3><font><font>Generale Sherman</font></font></h3>
<p><font><font>Infine, l’albero con la più grande biomassa dell’intero pianeta: il </font></font><strong><font><font>generale Sherman</font></font></strong><font><font> , anche lui illustre abitante del Sequoia National Park, nella Giant Forest, negli Stati Uniti.</font></font></p>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Nonostante sia alto 80 metri, il suo tronco vanta un diametro senza precedenti di 30 metri, con circa 11 metri solo alla base. </font><font>Il suo tronco è y-tan per tan forte, che è spesso un metro e il suo peso totale è stimato in circa 2.000 tonnellate, equivalente al peso di 400 elefanti africani adulti.</font></font></div></div>
<p><font><font>In studi recenti è stata calcolata una vita di 2000 anni e ogni anno riceve migliaia di visitatori che vogliono fotografare ai piedi di questo meraviglioso relitto naturale che ancora una volta ci regala la magia della natura.</font></font></p>
<p>&nbsp;</p>

<!– .helpful –>

suggerimenti L’albero più grande del mondo
<h2><font><font>Quali caratteristiche hanno le orchidee bianche?</font></font></h2>
<figure class=”wp-caption alignright”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41a7HSpH3NL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Le orchidee bianche hanno un significato speciale, perché sono fedeli rappresentanti di purezza, amore puro, amore eterno.</font></font></p>
<p><font><font>Ecco perché hanno un posto speciale nei bouquet da sposa, poiché sono perfetti per simboleggiare l’impegno più sublime dell’amore.</font></font></p>
<p><font><font>Le orchidee bianche sono davvero molto eleganti. </font><font>Il suo nome scientifico è </font></font><em><font><font>Phalaeopnosis amabilis.</font></font></em></p>
<p><font><font>È una pianta epifita che ama vivere sui rami o sui tronchi degli </font></font><font><font>alberi</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>È anche conosciuta come l’orchidea della luna. </font><font>La sua origine si trova nelle giungle </font></font><font><font>tropicali</font></font><font><font> del sud-est asiatico.</font></font></p>
<p><font><font>Ha foglie </font></font><font><font>sempreverdi</font></font><font><font> , non cadono facilmente, perché hanno una consistenza coriacea e di colore verde, dall’aspetto lucente. </font><font>In questa varietà di orchidee le radici sono aeree, molto fitte e </font></font><font><font>bianche</font></font><font><font> . </font><font>Ma cambiano colore a contatto con l’acqua, come se fosse una cartina di tornasole, diventando verdi.</font></font></p>
<p><font><font>Ciò indica che sono soddisfatti e che il processo di </font></font><font><font>fotosintesi</font></font><font><font> è stato completato con successo </font><font>. </font><font>I suoi </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> sono grandi, circa 4 cm e provengono da steli lunghi circa 90 cm. </font><font>Hanno una composizione di tre sepali, che sono le strutture che danno forma al calice e ai tre petali.</font></font></p>
<p><font><font>Appaiono in </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> con la loro grande eleganza, anche se è anche possibile che la pianta possa fiorire anche in autunno e in estate. </font><font>L’importante è che il </font></font><font><font>tempo</font></font><font><font> non porti gelo.</font></font></p>
<p><font><font>La sua versatilità gli permette di stare sia </font></font><font><font>all’interno</font></font><font><font> che all’esterno. </font><font>L’importante è dargli la cura precisa che merita. </font><font>Continua a leggere e avrai accesso ai migliori consigli relativi alla coltivazione dell’orchidea bianca.</font></font></p>

<h2><font><font>Che bisogno di terreno hanno le orchidee bianche?</font></font></h2>
<p><font><font>L’ideale è acquistare un </font><strong><font>substrato</font></strong><strong><font> speciale</font></strong><font> per le orchidee se verranno coltivate in vaso, all’interno della casa. </font><font>Ma se l’orchidea bianca avrà il posto d’onore nel giardino, allora si può usare una </font><font>materia organica</font><font> fatta in casa come il </font><a class=” title=” data-wpil-keyword-link=”linked”><font>compost</font></a><font> o il </font><strong><font>muschio di sfagno</font></strong><font> , disponibile anche nei vivai o nei negozi di giardinaggio.</font></font><strong> <font></font><font></font></strong><font></font><font></font><font></font><a class=” title=” data-wpil-keyword-link=”linked”><font></font></a><font></font><strong><font></font></strong><font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51zqa4yImsL._SL500_.jpg”></figure>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51RuKCOBgYL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>I </font></font><font><font>fertilizzanti</font></font><font><font> , invece, sono di tipo specifico per le orchidee. </font><font>Ci sono molte marche disponibili sul mercato.</font></font></p>

<h2><font><font>Come far crescere le orchidee bianche forti e vigorose?</font></font></h2>
<p><font><font>Una delle chiavi più importanti per la coltivazione </font></font><font><font>delle</font></font><font><font> orchidee </font><font>bianche</font><font> è </font><font>legata al tempo. </font><font>Questo determina se possono sopravvivere all’interno o all’esterno, in giardini e terrazze.</font></font></p>
<h3><font><font>Posizione</font></font></h3>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/orquideas_blancas_1622862693-300×240.jpg”><font><font>Se vivi in ​​un luogo dove le temperature sono stabili, sopra i 10ºC è molto probabile che rimangano </font></font><font><font>all’aperto</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>La cosa principale è posizionare la </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> in un luogo con un’ottima illuminazione naturale, purché non riceva la luce solare diretta, perché è fatale per il suo sviluppo.</font></font></p>
<p><font><font>Se l’area in cui vivi è fredda, con gelate e notevoli cali di temperatura, allora l’opzione più praticabile per prendersi cura della </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> è un luogo molto luminoso all’interno della casa, ovviamente, dove la luce del sole arriva indirettamente.</font></font></p>
<h3><font><font>Pot life</font></font></h3>
<p><font><font>Un dato importante è sapere che l’orchidea bianca può vivere diversi anni in vaso, senza bisogno di trapianti, perché tollera i piccoli vasi.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/31+qjHUFNHL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Ciò che è rilevante in questo caso è la necessità di conservarlo in un </font></font><strong><font><font>vaso trasparente</font></font></strong><font><font> o bianco, al fine di identificare i cambiamenti di colore nelle sue radici, in modo che in questo modo riceva solo l’acqua di cui ha bisogno ed evitare un eccessivo marciume. liquido.</font></font></p>
<h3><font><font>Riproduzione speciale</font></font></h3>
<p><font><font>Un’altra caratteristica notevole è la sua moltiplicazione. </font><font>Si riproduce per </font></font><strong><font><font>semi</font></font></strong><font><font> , ma questi germinano solo quando entrano in simbiosi con un fungo micorrizico.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51OI1ehx4+S._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Un’altra forma di moltiplicazione di questa specie di orchidee è attraverso i loro polloni o keikis, che producono i bastoncini floreali visibili in primavera. </font><font>Questi vengono separati dalla pianta madre seguendo i seguenti passaggi:</font></font></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><font><font>La prima cosa è aspettare che germoglino alcune radici.</font></font></li>
<li><font><font>Vengono quindi tagliati con l’ausilio di forbici precedentemente disinfettate.</font></font></li>
<li><font><font>Sono piantati in un vaso bianco o trasparente, separatamente. </font><font>Uno per uno.</font></font></li>
<li><font><font>Si annaffiano abbondantemente, ma prima bisogna fare in modo che il vaso abbia un ottimo sistema di drenaggio, per evitare pozzanghere.</font></font></li>
</ol>

<h2><font><font>Di quale umidità hanno bisogno le orchidee bianche?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/orquideas_blancas_1622862979-300×225.jpg”><font><font>Negli ambienti chiusi della casa è molto importante che la pianta non sia collocata in luoghi dove ci sono correnti d’aria.</font></font></p>
<p><font><font>L’umidità deve essere alta. </font><font>Ciò si ottiene con l’uso continuo di un umidificatore nella stanza dove rimane la pianta, o posizionando contenitori con acqua intorno ad essa.</font></font></p>
<p><font><font>Un buon modo per mantenere l’umidità nelle regioni aride è posizionare alcune pietre che risparmiano acqua.</font></font></p>
<p><font><font>La sua rusticità è determinata dall’intolleranza al gelo o al freddo intenso. </font><font>La sua gamma di temperature è tra 18-35ºC. </font><font>Anche se ci sono varietà che sopportano un intervallo di temperatura minimo di 9ºC in poi.</font></font></p>
<h3><font><font>Irrigazione</font></font></h3>
<p><font><font>Per quanto riguarda l’irrigazione, va seguita alla lettera una chiara raccomandazione: l’acqua va aggiunta solo quando il substrato si asciuga, preferibilmente versando acqua piovana, senza calcare o osmosi.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/31z47CQtVsL._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>In ogni caso è molto importante fornire acqua oligominerale, non acqua normale. </font><font>Non è pertinente innaffiare le foglie, tanto meno i fiori. </font><font>Questo provoca loro una putrefazione inarrestabile. </font><font>Se si esegue l’irrorazione, devono essere puntuali, verso le radici.</font></font></p>

<h2><font><font>È necessario potare le orchidee bianche?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il rituale di potatura deve essere seguito dopo la disinfezione delle forbici con alcool. </font><font>In questo modo proteggiamo la pianta da infestazioni indesiderate. </font><font>Successivamente, le foglie secche e i fiori appassiti vengono accuratamente rimossi per evitare che la pianta perda vigore ed energia.</font></font></div></div>
<h2><font><font>Quanto spesso dovremmo potare le orchidee bianche?</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Viene potato dopo la fioritura, perché i fiori e le foglie appassiti non possono rimanere indefinitamente, poiché tolgono sostanze nutritive alla pianta. </font><font>Ma anche i suoi steli devono essere potati quando la fioritura si interrompe e non appare alcuna ricrescita.</font></font></div></div>
<p><font><font>Deve essere fatto prima che diventi giallo a 1 cm dal primo germoglio visibile.</font></font></p>

<h2><font><font>Come evitare parassiti e malattie delle orchidee bianche?</font></font></h2>
<p><font><font>Anche se può non sembrare, la luna o orchidea bianca è molto </font></font><font><font>resistente</font></font><font><font> . </font><font>Si ammala quando viene trattato male o se vive in un ambiente sano, perché questa situazione favorisce l’arrivo di un parassita molto fastidioso e ben noto: la </font></font><font><font>cocciniglia</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Ecco perché è prudente effettuare una revisione periodica delle sue foglie, al fine di rilevare </font></font><strong><font><font>intrusi</font></font></strong><font><font> come la cocciniglia, che può rimanere felice nella parte inferiore delle foglie fino a rovinare completamente la pianta.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/41O++DntRML._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>Vengono rimossi con l’aiuto di una soluzione di sapone o alcol da farmacia, con applicazioni dirette su ogni foglio. </font><font>Negli ambienti umidi bisogna anche prendere delle precauzioni, perché l’acqua in eccesso facilita anche la comparsa di funghi che marciscono le radici.</font></font></p>
<p><font><font>Ecco perché non è saggio spruzzare le foglie con acqua. </font><font>Nel caso in cui compaia qualche fungo, deve essere eliminato con un semplice trattamento dove viene applicato </font></font><strong><font><font>rame</font></font></strong><font><font> o </font></font><font><font>zolfo in</font></font><font><font> polvere.</font></font></p>
<figure class=”wp-caption aligncenter”><img src=”https://m.media-amazon.com/images/I/51qtDPtMyML._SL500_.jpg”></figure>
<p><font><font>In questo caso la chiave è spaziare, allungare le innaffiature e non spruzzare, soprattutto durante l’autunno e l’ </font></font><font><font>inverno</font></font><font><font> .</font></font></p>
<div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Forse ti interessano anche:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”><ul class=”su-siblings”><li class=”page_item page-item-18271″><font><font>6 tipi e varietà di orchidee più famosi</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-34413″><font><font>Cura dell’orchidea Phalaenopsis: [terreno, umidità, potatura e problemi]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-34461″><font><font>Cura delle orchidee in inverno: [sporco, potatura e problemi]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-34411″><font><font>Cura dell’orchidea: [terreno, umidità, potatura e problemi]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-27134″><font><font>Talee di orchidee: [innesto, stagione, radicamento e semina]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-23194″><font><font>Parassiti e malattie delle orchidee: [rilevamento, cause e soluzioni]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-33323″><font><font>Irrigazione dell’orchidea: [necessità, frequenza e procedura]</font></font></li>
<li class=”page_item page-item-15410″><font><font>Tipi di orchidee: [Caratteristiche e classificazione]</font></font></li>
</ul></div></div>

<!– .helpful –>

suggerimenti Cura dell’orchidea bianca
<p><strong><em><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/zamioculcas_1585155713-300×228.jpg”><font><font>La Zamioculcas o Zamioculca zamicifolia</font></font></em></strong><font><font> è una</font></font><strong><font><font> pianta da interno</font></font></strong><font><font> molto bella, resistente, con un portamento moderno e poche cure.</font></font></p>
<p><font><font>Originario del continente africano, questo </font></font><strong><font><font>pianta</font></font><font><font> erbacea perenne</font></font></strong><font><font> ha foglie verde scuro smerigliate con foglioline rotonde, un fusto e grosse radici fungono da ottime riserve idriche.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> &nbsp;<p></p>

<h2><font><font>Caratteristiche delle zamioculcas</font></font></h2>
<div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><div class=”su-list”>
<ul>
<li><i class=”sui sui-book”></i><font><em><font>Famiglia</font></em><font> vegetale: </font></font><em><font><font>famiglia degli arum (Araceae).</font></font></em></li>
<li><i class=”sui sui-book”></i><font><font>Genere: </font></font><em><font><font>Zamioculcas.</font></font></em></li>
<li><i class=”sui sui-book”></i><font><font>Specie: </font></font><em><font><font>Zamioculcas zamiifolia.</font></font></em></li>
<li><i class=”sui sui-book”></i><font><font>Nomi banali: ZZ Plant, Zanzibar Gem, </font></font><strong><font><font>Aromatic Palm</font></font></strong><font><font> , Eternity Plant.</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-book”></i><font><font> Origine: Kenia</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-book”></i> <font><font>pianta</font></font><font><font> erbacea perenne.</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-book”></i><font><font> Altezza: da 30 centimetri a 90 centimetri.</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-book”></i><font><font>Tutte le parti della </font></font><strong><font><font>pianta sono velenose</font></font></strong><font><font> .</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-book”></i><font><font> Infiorescenze luminose e bulbose.</font></font></li>
<li><i class=”sui sui-book”></i><font><font> Pianta d’appartamento popolare per i principianti.</font></font></li></ul></div></div></div>

<p><font><font>La </font></font><em><font><font>Zamioculca</font></font></em><font><font> cresce infatti di circa 60 cm di altezza grazie all’ausilio di un </font><font>succulento </font></font><font><font>rizoma</font></font><font><font> sotterraneo </font></font><em><font><font>da cui spuntano foglie di 40 cm o poco più.</font></font></em></p>
<p><em><font><font>Queste foglie sono composte da numerose foglioline a taglio ellittico molto carnose.</font></font></em></p>
<p><font><font>Gli esemplari di questa specie possono crescere fino a raggiungere i 60 centimetri di altezza e svilupparsi da un </font></font><strong><font><font>succulento rizoma sotterraneo</font></font></strong><font><font> , da cui partono foglie pennate lunghe da 40 a 60 centimetri, composte da decine di foglie ellittiche, carnose, dentate, di colore verde scuro lucido, ciascuna Lunghezza da 7 a 15 centimetri e larghezza da 2 a 5 centimetri.</font></font></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><strong><font><font>Temperatura</font></font></strong><font><font> : Il calore medio va bene intorno ai 15-24°C e non inferiore agli 8°C.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Luce</font></font></strong><font><font> : la luce intensa è buona ma non essenziale. </font><font>Zamioculcas zamiifolia cresce bene in condizioni di scarsa illuminazione, è meglio evitare la luce solare diretta.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Irrigazione</font></font></strong><font><font> : Lasciare asciugare il terreno sopra al tocco tra un’annaffiatura e l’altra e non annaffiare troppo. </font><font>È meglio annaffiare questa pianta meno che troppo perché l’acqua in eccesso può causare la putrefazione dello stelo e del rizoma.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Terreno</font></font></strong><font><font> : la maggior parte delle miscele di </font><strong><font>terriccio</font></strong><font> ben drenate sarà sufficiente se contengono una grande quantità di perlite o sabbia nella miscela (è possibile aggiungere più perlite o sabbia se necessario). </font><font>È essenziale che </font></font><font><font>ci siano</font></font><font><font> buoni fori di drenaggio sul fondo del vaso.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Fertilizzante</font></font></strong><font><font> : Durante la stagione di crescita principale (aprile – agosto) nutrire con un fertilizzante liquido bilanciato che viene diluito una volta al mese.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Umidità</font></font></strong><font><font> : Si consiglia un’umidità media in casa, ma aumentare l’umidità se il riscaldamento artificiale all’interno della casa o del luogo di lavoro è piuttosto secco.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Propagazione</font></font></strong><font><font> : Si può propagare per divisione dei rizomi o per </font></font><font><font>talea di</font></font><font><font> foglia. </font><font>Le talee devono essere poste in un vaso con un coperchio di plastica e quindi si prevede che le radici inizino a crescere, il che potrebbe richiedere fino a un anno.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Potatura</font></font></strong><font><font> – </font></font><font><font>Tagliare le</font></font><font><font> foglioline che stanno diventando gialle vicino alla base dello stelo. </font><font>Una volta che uno stelo è cresciuto molto più a lungo di tutti gli altri gambi, quello può essere rimosso o tagliato alla misura della punta. </font><font>Il problema con il tagliarlo a misura in punta è che può essere piuttosto raro, quindi rimuoverlo completamente potrebbe essere l’opzione migliore.</font></font></li>
</ol>
<p><span class=”shortcode”></span></p> <p></p>
<h2><font><font>Temperatura: dove piantare le zamioculcas?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/riego-de-Zamioculcas-300×169.jpg”><font><font>Goditi temperature comprese tra 10 e 18 ° C</font></font></p>
<p><font><font>Sebbene le piante di questa specie possano svilupparsi in luoghi con poca luce, si consiglia di posizionare il vaso in zone ben illuminate con temperature che vanno dai 10 ai 18 gradi centigradi.</font></font></p>
<h2><font><font>Luz: Che bisogni hai?</font></font></h2>
<p><font><font>Questa succulenta perenne non richiede davvero elevate esigenze di illuminazione naturale. </font><font>Può crescere in luoghi dove invece della luce solare abbonda la luce artificiale.</font></font></p>
<p><font><font>Ma lo stato di illuminazione ideale sarà quello in cui riceve luce naturale indiretta, in modo che i suoi germogli siano robusti e di colore verde scuro prodotto di un buon processo di </font></font><strong><font><font>fotosintesi</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> <p></p>
<h2><font><font>Substrato e Compost: come prepariamo il terreno?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cuidados-de-Zamioculcas-288×300.jpg”><font><font>Uno degli aspetti principali della sua cura è che le radici crescano molto forte fino a ridurre il volume del terreno o del </font></font><font><font>substrato</font></font><font><font> , quindi è consigliabile passare a un vaso o vaso più grande ogni due anni. </font><font>Non farlo rallenterà la tua crescita.</font></font></p>
<p><font><font>Per quanto riguarda la coltivazione da piccole piantine acquistabili nel vivaio di vostra fiducia, è ideale il </font></font><strong><font><font>trapianto</font></font></strong><font><font> in primavera, con l’ausilio di un vaso più grande della zolla dell’esemplare acquisito.</font></font></p>
<p><font><font>Per prima cosa viene posto uno strato di materiale per favorire un ottimo drenaggio, costituito da pellet di argilla, sassi spezzati, corteccia di </font></font><font><font>pino</font></font><font><font> , ghiaia o ceramica.</font></font></p>
<p><font><font>In secondo luogo, aggiungi un substrato composto al 50% di compost di foglie, terriccio di </font></font><strong><font><font>erica</font></font></strong><font><font> e perlite, insieme a un altro 50% di sabbia. </font><font>Un’altra opzione è quella di acquistare un substrato universale per l’invasatura.</font></font></p>
<p><font><font>Poiché la pianta a volte deforma o danneggia il vaso a causa dell’ispessimento delle radici, potrebbe essere necessario romperlo con l’aiuto di uno strumento. </font><font>Fare attenzione a non danneggiare le radici durante la procedura.</font></font></p>
<p><span class=”shortcode”></span></p> <p></p>
<h2><font><font>Irrigazione: come e con che frequenza annaffiamo?</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cómo-sembrar-Zamioculcas-300×225.jpg”><font><font>La </font></font><em><font><font>Zamioculca,</font></font></em><font><font> come abbiamo già detto, ha una potente capacità di riservare acqua nei periodi di siccità grazie alle sue qualità rizomatose, per sopravvivere nelle zone aride da cui proviene.</font></font></p>
<p><font><font>L’irrigazione, quindi, non sarà mai abbondante, ma moderata e, come in quasi tutte le piante perenni, si ripeterà solo dopo aver verificato che il terreno o il substrato sia completamente asciutto.</font></font></p>
<p><font><font>Nel periodo invernale, le riserve idriche sono notevolmente ridotte. </font><font>Inoltre, se smetti di annaffiarlo, non accadrà nulla di male. </font><font>Una o due volte al mese sarà sufficiente. </font><font>Non occorre nemmeno irrorarne il fogliame in </font></font><font><font>estate</font></font><font><font> , nei periodi di gran caldo, perché la </font></font><em><font><font>Zamioculca</font></font></em><font><font> saprà amministrarsi.</font></font></p>
<p><font><font>L’importante è che in </font></font><font><font>primavera</font></font><font><font> si aggiunga una volta al mese un buon concime all’acqua di irrigazione, perché in questo periodo è maggiore il consumo energetico della pianta.</font></font></p>
<p><font><font>Tollera perfettamente gli ambienti secchi, quindi non necessita di nebulizzazione sulla sua chioma in quanto si attiveranno le riserve idratanti dei suoi rizomi.</font></font></p>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/características-de-Zamioculcas-300×200.jpg”><font><font>Questa perenne africana molto elegante abbellirà qualsiasi stanza della tua casa, in cambio di pochi affetti e due chiavi principali: irrigazione controllata e buona luce indiretta.</font></font></p>
<h2><font><font>Lo zamioculca è tossico?</font></font></h2>
<p><font><font>Sì, stai molto attento. </font><font>Tutte le </font></font><font><font>parti</font></font><font><font> della zamioculca sono tossiche e quindi sconsigliamo di coltivare e utilizzare questa pianta in casa se si hanno bambini piccoli o animali domestici.</font></font></p>

<!– .helpful –>

suggerimenti La Zamioculcas
<p></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>I fiori viola </font></font><b><font><font>sono rappresentati da specie che colpiscono visivamente</font></font></b><font><font> . </font><font>Sebbene siano simili ai </font></font><strong><font><font>fiori viola</font></font></strong><font><font> , la realtà è che il </font></font><strong><font><font>viola</font></font></strong><font><font> è un vero colore nello spettro cromatico.</font></font></div></div>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Flores-violetas-300×200.jpg”><font><font>Il viola, da parte sua, è un colore che si ottiene mescolando due colori primari: </font></font><strong><font><font>rosso</font></font></strong><font><font> e blu.</font></font></p>
<p><font><font>Tuttavia, sebbene l’occhio umano li percepisca con diversi fattori coinvolti, a un livello simile c’è pochissima differenziazione.</font></font></p>
<p><font><font>Ma ciò non impedisce l’esistenza di fiori viola molto belli e degni di nota.</font></font></p>
<p><font><font>Vuoi unirti a noi per vederne alcuni?</font></font></p>

<h2><font><font>violette</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Violetas-300×300.jpg”><font><font>Come iniziare questo conteggio senza includere prima questo fiore che porta lo stesso nome del colore che designa? </font><font>È un fiore molto facile da vedere perché misura circa 2 cm.</font></font></p>
<p><b><font><font>La formazione è con petali larghi che si sviluppano attorno ad un centro che può essere giallo o </font></font><font><font>bianco</font></font><font><font> , anche entrambi</font></font></b><font><font> . </font><font>È un fiore che sprigiona un aroma squisito orientato verso il dolce e il delicato.</font></font></p>
<p><font><font>La </font></font><font><font>pianta</font></font><font><font> viola è in grado di crescere </font></font><strong><font><font>indoor</font></font></strong><font><font> o outdoor, ma nel caso di outdoor è fondamentale che trovi ombra.</font></font></p>

<h2><font><font>papavero reale</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Amapola-real-1-300×203.jpg”><font><font>Il papavero reale, o papavero, è un fiore che nasce alla base di uno stelo che nasce direttamente dalla </font></font><strong><font><font>radice</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Per questo motivo </font></font><b><font><font>è un fiore solitamente di grandi dimensioni</font></font></b><font><font> e che, senza dubbio, è la parte più bella di tutta la </font></font><strong><font><font>pianta</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Il papavero reale è </font></font><b><font><font>utilizzato per molti scopi </font></font><font><font>medicinali</font></font></b><font><font> , quindi potrebbe svolgere una doppia funzione se piantato in casa.</font></font></p>
<p><font><font>È una specie che cresce </font></font><strong><font><font>all’aperto</font></font></strong><font><font> perché ha bisogno della luce solare diretta per essere in buona salute e prosperare meglio.</font></font></p>
<p><font><font>Per quanto riguarda la struttura del fiore, ha </font></font><b><font><font>petali grandi, ruvidi e sovrapposti ai bordi</font></font></b><font><font> . </font><font>Il centro del fiore è pieno di pistilli neri che culminano in una punta </font></font><font><font>gialla</font></font><font><font> , esaltando il contrasto del fiore.</font></font></p>
<h2><font><font>violacciocca</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Alhelí-300×225.jpg”><font><font>Uno dei fiori viola che più adornano l’ambiente quando arrivano le giornate </font></font><strong><font><font>primaverili</font></font></strong><font><font> è la violacciocca. </font><font>In genere </font></font><b><font><font>sono </font></font><font><font>fiori</font></font><font><font> abbastanza semplici, ma vengono raggruppati insieme creando un ambiente molto bello</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Forse uno degli aspetti più sorprendenti è che i petali non sono solo viola ma hanno anche una colorazione bianca verso il centro.</font></font></p>
<p><font><font>Inoltre, nascono in quantità elevata, consentendo alla </font></font><font><font>pianta di</font></font><font><font> base </font><font>di</font><font> essere altamente decorata durante il periodo di fioritura. </font><font>E sebbene abbia una versione bianca, questa ha anche dei piccoli granelli viola che incantano chiunque li veda.</font></font></p>
<p><b><font><font>La cura della pianta violacea è minima</font></font></b><font><font> ed è una delle specie più </font></font><strong><font><font>resistenti</font></font></strong><font><font> che esistono in questo settore, sopportando anche il freddo inverno.</font></font></p>

<h2><font><font>Lavanda</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cantueso-300×200.jpg”><font><font>Il </font></font><strong><font><font>cantueso</font></font></strong><font><font> è anche conosciuto come </font></font><strong><font><font>Lavender</font></font></strong><font><font> stoechas ed </font></font><b><font><font>è una specie che si sviluppa tramite spighe</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Queste spighe provengono da steli in cui sono raggruppati i fiori viola della pianta. </font><font>Si può notare che i fiori </font></font><b><font><font>hanno due rami ben differenziati: le spighe e le brattee</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Nel caso delle spighe, sono attaccate al fusto e sono numerose, formando una struttura apparentemente quadrata. </font><font>La terminazione del fusto è con una specie di petali, detti brattee, anch’essi di colore viola.</font></font></p>
<p><font><font>Per quanto riguarda la sua cura, vale la pena notare che ama la luce solare, può sopravvivere alla siccità e ha bisogno di aria per evitare </font></font><strong><font><font>parassiti e malattie</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<h2><font><font>Geranio dei Pirenei</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Geranio-de-los-pirineos-300×225.jpg”><font><font>Il </font></font><strong><font><font>geranio</font></font></strong><font><font> dei Pirenei </font></font><b><font><font>è un fiore viola di piccole dimensioni ma la cui tonalità è piuttosto impressionante</font></font></b><font><font> . </font><font>Il design </font></font><strong><font><font>ornamentale</font></font></strong><font><font> riflette questo quando raggruppato in set che ti permettono di ammirare il fascino da lontano.</font></font></p>
<p><font><font>La sua fioritura è primaverile e si mantiene per tutta l’ </font></font><strong><font><font>estate</font></font></strong><font><font> , purché le condizioni climatiche siano corrette.</font></font></p>
<p><b><font><font>Non ha bisogno di molte cure</font></font></b><font><font> , infatti, si conserva bene nei campi dei Pirenei senza bisogno di attenzioni umane. </font><font>Tuttavia, è necessario che sia in mezz’ombra per evitare scottature e che il </font></font><strong><font><font>terreno abbia</font></font></strong><font><font> una leggera acidità.</font></font></p>

<h2><font><font>Margherita viola</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/margarita_violeta_1601676829-300×225.jpg”><font><font>La margherita è un fiore perenne e </font></font><font><font>ibrido</font></font><font><font> . </font><font>Può essere considerata anche una </font><font>pianta </font></font><font><font>ornamentale</font></font><font><font> e di </font></font><font><font>rapida crescita</font></font><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>I giardinieri lo usano spesso come principianti perché è facile da coltivare e coltivare.</font></font></p>
<p><font><font>I </font></font><font><font>margarita di</font></font><font><font> solito sono </font></font><font><font>bianchi</font></font><font><font> , ma si possono trovare anche nei toni del </font></font><font><font>giallo</font></font><font><font> e del viola, con una grande varietà di petali che circondano il tradizionale occhio giallo.</font></font></p>
<p><font><font>Alcune varietà più piccole possono abbellire le parti anteriori dei giardini, mentre altre presentano ciuffi di fogliame forti e attraenti che fanno da sfondo ad altre piante perenni in fiore nel giardino.</font></font></p>
<h2><font><font>Prendersi cura dei fiori viola</font></font></h2>
<p></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>La cura dei fiori viola </font></font><b><font><font>è orientata più a condizioni particolari che a quelle generali</font></font></b><font><font> .</font></font></div></div>
<p><b> </b><font><font>Per questo motivo, quando si coltiva qualcuno di loro, si dovrebbe prestare particolare attenzione a tutte le cure che devono essere prese. </font><font>Quando viene scelto un buon terreno per piantarli, la maggior parte prospera senza troppe cure.</font></font></p>
<p><font><font>Tuttavia, il livello di </font></font><strong><font><font>pH</font></font></strong><font><font> deve essere valutato </font><font>. </font><font>Per quanto riguarda le cure più specifiche, bisognerà intervenire per quanto riguarda l’ </font></font><strong><font><font>irrigazione</font></font></strong><font><font> , la </font></font><strong><font><font>potatura</font></font></strong><font><font> e la concimazione.</font></font></p>
<h2><font><font>Caratteristiche di questo tipo di fiori</font></font></h2>
<p><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Características-de-este-tipo-de-flores-300×200.jpg”><font><font>I fiori viola si possono trovare in versioni rustiche o delicate. </font></font><b><font><font>Sono fiori che nascono e si sviluppano, soprattutto, in </font></font><font><font>primavera</font></font></b><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Di solito non sono di taglia molto grande, ma ci sono specie che nascono da uno stelo e non sotto forma di bouquet.</font></font></p>
<p><font><font>Alcuni fiori viola possono essere utili per curare problemi di salute e, se la specie è scelta bene, potremmo avere un dettaglio ornamentale e una ricca fragranza.</font></font></p>
<h2><font><font>Significato dei fiori viola</font></font></h2>
<p></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Il colore viola ha un significato </font></font><b><font><font>orientato alla calma, alla semplicità e alla sottigliezza</font></font></b><font><font> . </font><font>Attraverso i fiori ciò che si cerca di trasmettere sono questi stati </font></font><b><font><font>che giocano un ruolo determinante nelle emozioni</font></font></b><font><font> .</font></font></div></div>
<p><font><font>Quando una persona regala a un’altra dei fiori viola, ciò che desidera è che uno di questi messaggi venga compreso:</font></font></p>
<ul>
<li><font><font>“Calmati, andrà tutto bene. </font><font>Sono con te”.</font></font></li>
<li><font><font>”Mi piace stare con te, sei speciale.”</font></font></li>
<li><font><font>”Dopo la tempesta arriva sempre la calma e anche questo passerà.”</font></font></li>
<li><font><font>”Non importa le battaglie che dobbiamo affrontare, insieme vinceremo”.</font></font></li>
</ul>
<p><font><font>Pertanto, si può vedere che non è solo un altro colore, ma una vivace espressione di sostegno reciproco. </font><font>Hai mai pensato di colorare il tuo giardino con un fiore viola? </font><font>È il tuo momento.</font></font></p>

<h2><font><font>Bibliografia e riferimenti</font></font></h2>
<ul>
<li><font><font>Tantardini, Andrea. </font><font>(2018). </font></font><em><font><font>Violette e primule. </font><font>Coltivazione e cura. </font></font></em><font><font>Parkstone International. </font><font>New York, Stati Uniti d’America.</font></font></li>
<li><font><font>Verdeguer Monge, Antonio; </font><font>Ponte Bou, María del </font></font><font><font>Pino</font></font><font><font> ; </font><font>Tortosa Martinez, Alejandro. </font><font>(1999). </font></font><em><font><font>Coltivazione di violaciocca in serra per fiore reciso</font></font></em><font><font> . </font><font>Dipartimento dell’agricoltura, della pesca e dell’alimentazione. </font><font>Valencia Spagna.</font></font></li>
<li><font><font>Mari León, Ana Isabel; </font><font>Cirujeda Ranzenberger, Alicia; </font><font>Pardo Sanclemente, Gabriele; </font><font>Navarro Rocha, Juliana (2018). </font></font><em><font><font>Utilizzo di pacciamatura a lungo termine nella coltivazione della lavanda (Lavandula stoechas L. subsp. Luisieri (Rozeira) Rozeira): controllo efficace della flora infestante e del degrado dopo un anno. </font></font></em><font><font>CITA-Università di Saragozza. </font><font>Saragozza-Spagna. </font><font>Riprodotto da: </font></font><font><font>https://pdfs.semanticscholar.org/47d2/abe2dbda1fdba14a593b33e2eb6eb41ad8a0.pdf?_ga=2.203704144.1500269938.1591114512-2099646843.1591114512</font></font></li>
<li><font><font>Garcia Carmona, Francisco; </font><font>Gandia Herrero, Fernando; </font><font>Impiegato, Josefa. </font><font>(2011). </font></font><em><font><font>Fiori fluorescenti. </font></font></em><font><font>Rivista di ricerca e scienza. </font><font>Barcellona, ​​Spagna. </font><font>Riprodotto da: </font></font><font><font>https://www.investigacionyciencia.es/files/2981.pdf</font></font></li>
</ul>

<!– .helpful –>

suggerimenti Fiori viola
<h2><font><font>Cosa sono il bibio o bibiones (bibio spp.)?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Que-son-los-bibio-o-bibiones-bibio-spp.-scaled-300×200.jpg”><font><font>I cosiddetti Bibio sono anche conosciuti come mosche di marzo. </font><font>Con il nome scientifico </font></font></span><i><span><font><font>Bibio hortulanus</font></font></span></i><span><font><font> , sono ditteri capaci di riprodursi tra foglie marce, in mezzo a resti vegetali in decomposizione, e per questo sono considerati anche spazzini.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Appartengono alla famiglia dei </font></font></span><i><span><font><font>Bibionidi,</font></font></span></i><span><font><font> che </font></font></span><font><i><span><font>conta</font></span></i><span><font> circa 700 specie in tutto il mondo.&nbsp;</font></span></font><span><font><font>Sono mosche carogne erbivore, perché sfruttano i resti di materiali vegetali nel processo di decomposizione.</font></font></span></p>
<p><span></span></p><div class=”su-note” id=””><div class=”su-note-inner su-u-clearfix su-u-trim”><font><font>Come tutte le specie di mosche, si nutrono di rifiuti in decomposizione con l’aiuto di un processo digestivo dove rigurgitano la saliva per far passare la materia organica in decomposizione da solida a liquida e poterla così assorbire attraverso un sistema di aspirazione molto efficiente.</font></font></div></div><p></p>
<p><span><font><font>Le foreste sono spesso l’habitat preferito per questa specie volante. </font><font>A loro piace anche occupare colture fiorite, siepi e prati.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Attualmente è raggiunto nella maggior parte della geografia europea, in paesi come Francia, Belgio, Danimarca, Germania, Grecia, Italia, Polonia, Portogallo, tra gli altri.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>E ha raggiunto anche l’Africa, con una presenza attiva nella parte settentrionale e in Medio Oriente.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Non esistono in Oceania, ma si fanno sentire nell’area Australasia.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Sono più abbondanti nelle regioni temperate. </font><font>Attualmente sono state identificate e classificate circa 90 specie.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Come identificare il bibio o bibiones (bibio spp.)?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Tra le caratteristiche più spiccate sia a livello morfologico che di abitudini di vita, abbiamo:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter2″>
<li><span><font><font>Gli esemplari adulti possono avere una lunghezza massima compresa tra 6,5 ​​e 8,5 millimetri.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>È una specie sessualmente dimorfica.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>I maschi sono totalmente di colore nero, più piccoli delle femmine, con un torace ricoperto di peli neri ed altri di colore grigio vicino al seno e all’addome.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Le ali sono membranose, biancastre e lunghe, circa 9,5 mm.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Hanno una testa, un tronco e un palmo marrone nerastro, e le gambe e le cavezze sono nere.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Gli occhi risaltano, sono abbastanza grandi, ma negli esemplari femminili sono generalmente più piccoli, con antenne corte e robuste che vanno sotto gli occhi.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Le femmine hanno la superficie dorsale del torace e l’addome di una colorazione rosso-arancio, ma la regione del protorace è </font></font><font><font>nera</font></font><font><font> , motivo per cui spicca il contrasto, dal momento che anche la testa, le antenne e il palpo sono </font></font><font><font>neri</font></font><font><font> .</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Le ali nelle femmine sono giallo brunastre, con un litorale marrone scuro.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Le loro larve si nutrono di detriti vegetali e sono capaci di attaccare le radici, così come i </font></font><font><font>giovani tuberi</font></font><font><font> e bulbi e i sistemi di </font></font><font><font>rizoma</font></font><font><font> nei giardini, di diverse varietà di piante vive, ma non fanno mai lo stesso con il </font></font><font><font>compost</font></font><font><font> .</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Vivono nel terreno, nutrendosi di </font></font><font><font>humus</font></font><font><font> . </font><font>Ma le larve più vecchie o più anziane amano mangiare foglie e radici di Poaceae morte, causando gravi danni, ad esempio alle colture di cereali.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Gli adulti compaiono a metà del mese da marzo a giugno. </font><font>E a loro piace molto in questo periodo, nutrendosi dei </font></font><font><font>fiori delle</font></font><font><font> &nbsp; Apiaceae.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Prediligono terreni umidi, ricchi di humus, </font></font><font><font>letame</font></font><font><font> &nbsp; e sostanza organica in genere.</font></font></span></li>
</ol>

<h2><font><font>Quali piante colpiscono bibio o bibiones (bibio spp.)?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/A-que-plantas-afectan-los-bibio-o-bibiones-bibio-spp.-Cebollas-300×225.jpg”><font><font>Sebbene questa varietà di mosca sia fondamentalmente dedita ai residui o detriti dei vegetali, allo stadio larvale possono generare perdite economiche quando la voracità di cibo diventa aggressiva e agiscono come un parassita, rovinando i raccolti, perché distruggono radici e tuberi.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Fondamentalmente provocano gravi danni ad asparagi, cereali, </font></font><font><font>patate</font></font><font><font> ,</font></font><font><font>pomodori</font></font><font><font> ,</font></font><font><font>cipolle</font></font><font><font> , insomma molte colture orticole, oltre a piante </font></font><font><font>ornamentali</font></font><font><font> e varietà di prati.&nbsp;&nbsp;&nbsp;</font></font></span></p>
<p><span><font><font>La maggior parte delle specie probabilmente si riproduce su foglie marce e altra vegetazione in decomposizione, principalmente nelle foreste. </font></font></span><span><font><font>Gli adulti di questa specie di </font></font></span><i><span><font><font>Bibio</font></font></span></i><font><span><font> si </font></span></font><span><font><font>trovano solitamente in bilico su sciami in accoppiamento, a volte di molti membri.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Normalmente, non è necessario trattare questo parassita, perché il suo danno non è considerevole. </font><font>Ma non puoi neanche perderlo di vista.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Come combattere bibio o bibiones (bibio spp.)?</font></font></h2>
<p><span><font><font>Partendo dal presupposto che alcune semplici pratiche siano la migliore prevenzione contro la proliferazione di larve e mosche di Bibione.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Rimozione di detriti vegetali</font></font></h3>
<p><span><font><font>Senza dubbio, il modo migliore per evitare che diventino una piaga tormentosa è quello di mantenere tutte le colture libere da detriti vegetali, da resti di materia organica che attireranno l’attenzione di questo dittero dal buon appetito.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Aerare e pulire la terra prima di coltivare</font></font></h3>
<p><span><font><font>Il terreno, inoltre, deve essere preventivamente pulito e concimato, ma si può aggiungere preferibilmente anche un buon insetticida di origine organica, come misura protettiva per allontanare e combattere tutti gli insetti che si nascondono, quando si prepara il terreno. </font></font></span></p>
<p><span><font><font>Un buon aratro farà molto anche per ossigenare il terreno e garantire raccolti sani.</font></font></span></p>
<h3><font><font>Pulisci il raccolto dalle erbacce</font></font></h3>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Como-combatir-los-bibio-o-bibiones-bibio-spp.-Limpiar-el-cultivo-de-malas-hierbas-300×242.jpg”><font><font>Inoltre, non è consigliabile lasciare che le erbacce crescano nel raccolto, né nei giardini, perché appariranno.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In condizioni normali, i Bibios sono di grande supporto nei processi di fertilizzazione delle piante, quindi non dovrebbero mai essere combattuti fino alla morte, a meno che le loro larve non diventino un parassita altamente persistente, cosa che può manifestarsi con prognosi infausta per sostenere le colture.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>In generale, non si combattono. </font><font>Non conviene nemmeno sterminarli se non hanno assunto comportamenti invasivi, perché intervengono nella fecondazione di molte varietà di piante. </font><font>Ma le loro larve, di grande voracità distruttiva, non vanno mai sottovalutate se si permette loro di agire a proprio agio.</font></font></span></p>

<h2><font><font>Quali sono i migliori prodotti contro bibio o bibiones (bibio spp.)?</font></font></h2>
<p><span><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Cuales-son-los-mejores-productos-contra-los-bibio-o-bibiones-bibio-spp.-300×201.jpg”><font><font>In generale, non si combattono. </font><font>Non conviene nemmeno sterminarli se non hanno assunto comportamenti invasivi, perché intervengono nella fecondazione di molte varietà di piante.</font></font></span></p>
<p><span><font><font>Ma le loro larve, di grande voracità distruttiva, non vanno mai sottovalutate se si permette loro di agire a proprio agio.&nbsp;</font></font></span><span><font><font>Quello che devi avere sono abitudini facili da seguire, come le seguenti:</font></font></span></p>
<ol class=”custom-counter”>
<li><span><font><font>Rivedere periodicamente l’orto e l’orto, le coltivazioni e le case, per evitare che proliferino e creino nascondigli.</font></font></span></li>
<li><span><font><font>È necessario avere un’ottima igiene in giardino e all’interno della casa, evitando il più possibile l’accumulo di immondizia, resti di materia organica.&nbsp;</font></font></span></li>
<li><span><font><font>Fai profilassi, prevenzione con l’aiuto di trattamenti a base chimica e prodotti biologici che spaventano mosche e tutti i tipi di insetti.</font></font></span></li>
</ol>

<!– .helpful –>

suggerimenti Bibio o Bibiones (Bibio spp.)
<p><span><font><font>Si</font></font></span><font><font> dice che sia del bambù</font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;l’albero del paziente&nbsp;</font></font></span></p>
<p><font><font>Perché? </font></font><strong><font><font>Pianti i semi</font></font></strong><font><font> e </font></font><strong><font><font>trascorrono anni senza crescere</font></font></strong><font><font> o germinare. </font><font>Pensi che </font></font><strong><font><font>il seeding non abbia funzionato</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Ma improvvisamente, </font></font><strong><font><font>a 7-8 anni, il bambù esplode</font></font></strong><font><font> . </font><font>Inizia a crescere e diventa uno dei</font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;alberi a crescita più rapida&nbsp;</font></font></span><font><font>.</font></font></p>
<p><font><font>In pochi mesi raggiunge un’altezza enorme. </font><font>Per questo, il bambù </font></font><strong><font><font>si prepara da anni.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Torpido.</font></font></p>
<p><strong><font><font>È stato paziente.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Se vuoi </font></font><strong><font><font>imparare a piantare il bambù</font></font></strong><font><font> , penso che sei nel posto giusto.</font></font><span class=”su-highlight”><font><font>&nbsp;Veramente.&nbsp;</font></font></span></p><div class=”su-box su-box-style-default” id=””><div class=”su-box-title”><font><font>Punti importanti per piantare bambù:</font></font></div><div class=”su-box-content su-u-clearfix su-u-trim”>
<ul>
<li><strong><font><font>Quando? </font></font></strong><font><font>durante la</font></font><font><font> primavera</font></font><font><font> .&nbsp;</font></font><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/qué-necesitas-para-sembrar-bambú.png”></li>
<li><strong><font><font>Dove? </font></font></strong><font><font>Posto soleggiato. </font><font>Ha bisogno di un minimo di 8 ore di luce al giorno.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Tempo di crescita? </font></font></strong><font><font>Dipende molto dalla varietà, ma tra 7-10 anni.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come prepariamo il terreno? </font></font></strong><font><font>Preferiscono terreni argillosi e ben drenati. </font><font>Il terreno argilloso è un terreno composto da argilla, limo e sabbia.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come innaffiamo? </font></font></strong><font><font>È in grado di assorbire molta acqua, quindi non necessita di molte annaffiature se non nelle fasi iniziali.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Come seminiamo? </font></font></strong><font><font>Qui passo dopo passo.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Associazioni favorevoli? </font></font></strong> <font><font>Legumi</font></font><font><font> , come </font></font><font><font>piselli</font></font><font><font> , </font></font><font><font>fagioli</font></font><font><font> o </font></font><font><font>fagioli</font></font><font><font> perché aiutano la loro fertilizzazione naturale.</font></font></li>
<li><strong><font><font>Piaghe e malattie? </font></font></strong><font><font>Cocciniglie, ragno bianco, acari, ruggine.</font></font></li>
</ul>
</div></div>
<p><span><font><font>E</font></font></span><font><font> l bambù, servono anche per </font></font><strong><font><font>trasportare l’acqua</font></font></strong><font><font> e come </font></font><strong><font><font>materiale</font></font></strong><font><font> da </font><strong><font>costruzione</font></strong><font> può essere utilizzato anche come </font></font><strong><font><font>pianta </font></font></strong> <strong><font><font>ornamentale.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Negli ultimi anni, il bambù è diventato </font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;molto popolare per decorare gli spazi.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><font><font>È </font></font><strong><font><font>un albero</font></font></strong><font><font> della famiglia delle </font></font><strong><font><font>graminacee</font></font></strong><font><font> e si </font></font><strong><font><font>stima che ne esistano più di 1.000 specie in</font></font></strong><font><font> tutto il mondo, di cui il 50% appartenenti al continente americano.</font></font></p>
<p><font><font>Loro possono </font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;raggiungere fino a 25 m di altezza e 30 cm di diametro&nbsp;</font></font></span><font><font>.</font></font></p>
<p><font><font>Ci sono erbacee e legnose, cespugliose e rampicanti. </font><font>Inoltre, sono in grado di adattarsi a diversi tipi di suolo e habitat.</font></font></p>
<p><font><font>In questo articolo impareremo come </font></font><strong><font><font>piantare con successo il bambù.</font></font></strong></p>

<h2><font><font>Di cosa abbiamo bisogno per piantare bambù?</font></font></h2>
<h3><font><font>Quando? </font><font>Gli appuntamenti</font></font></h3>
<p><font><font>Vogliamo piantare bambù </font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;durante la primavera.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><font><font>Nelle zone molto fredde, </font></font><strong><font><font>dovresti cercare di piantare il bambù</font></font></strong><font><font> prima </font></font><strong><font><font>dell’arrivo </font></font><font><font>dell’autunno</font></font></strong><font><font> , poiché la pianta ha bisogno di tempo per indurirsi prima che </font></font><strong><font><font>inizino le gelate</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><strong><font><font>Nelle zone molto calde</font></font></strong><font><font> con temperature </font></font><strong><font><font>superiori ai 38°C</font></font></strong><font><font> vanno </font></font><strong><font><font>piantati bambù</font></font></strong><font><font> all’ingresso </font></font><strong><font><font>primaverile o autunnale</font></font></strong><font><font> per evitare il caldo intenso </font></font><font><font>dell’estate</font></font><font><font> .</font></font></p>

<h3><font><font>Dove? </font><font>Temperatura e luminosità</font></font></h3>
<p><font><font>La maggior parte delle varietà di bambù </font></font><strong><font><font>preferisce i climi tropicali</font></font></strong><font><font> , ma ci sono alcune varietà che sono </font></font><strong><font><font>più resistenti al freddo o al caldo.</font></font></strong></p>
<p><font><font>In termini di luminosità, la stragrande maggioranza delle colture di bambù </font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;bisogno di una buona esposizione alla luce solare&nbsp;</font></font></span><font><font>in modo che </font></font><strong><font><font>possano svilupparsi correttamente.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Assicurati che il luogo in cui </font></font><strong><font><font>vuoi piantare il bambù</font></font></strong><font><font> riceva almeno </font></font><span><strong><font><font>8 ore di sole al giorno.</font></font></strong></span></p>
<p><font><font>Alcune </font></font><strong><font><font>specie tropicali</font></font></strong><font><font> possono </font></font><strong><font><font>richiedere ombra</font></font></strong><font><font> durante le </font></font><strong><font><font>alte temperature.</font></font></strong></p>
<h3><font><font>Come innaffiamo? </font><font>Umidità</font></font></h3>
<p><font><font>Il bambù ha </font></font><strong><font><font>bisogno di annaffiature costanti</font></font></strong><font><font> , ma le sue </font></font><strong><font><font>radici sono molto sensibili all’acqua stagnante</font></font></strong><font><font> .</font></font><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/plantar-bambú.jpeg”></p>
<p><font><font>Inoltre, il </font></font><strong><font><font>bambù è in grado di assorbire elevate quantità di acqua</font></font></strong><font><font> , quindi</font></font><span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;non deve essere annaffiato eccessivamente.&nbsp;</font></font></span>
</p><p><strong><font><font>Nei climi temperati e secchi</font></font></strong><font><font> , </font></font><font><font>i semi di</font></font><font><font> bambù ei </font></font><strong>&nbsp;</strong><font><font>primi germogli </font></font><strong><font><font>dovrebbero essere annaffiati giornalmente</font></font></strong><font><font> .</font></font></p>
<p><font><font>Quando il bambù è maturo, è sufficiente </font></font><strong><font><font>annaffiare una volta alla settimana se il </font></font><font><font>clima</font></font><font><font> è mite</font></font></strong><font><font> e a giorni alterni se il clima è caldo e ventoso.</font></font></p>
<h3><font><font>Come prepariamo il terreno? </font><font>Il </font></font><font><font>substrato</font></font></h3>
<p><font><font>Il bambù si </font></font><strong><font><font>adatta a un’ampia varietà di terreni</font></font></strong><font><font> , purché abbiano </font></font><strong><font><font>un buon drenaggio</font></font></strong><font><font> , poiché sono molto sensibili all’acqua stagnante.</font></font></p>
<p><strong><img src=”https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/cultivar-bambú-2.jpeg”><font><font>Evita</font></font></strong><font><font> anche i </font></font><strong><font><font>terreni sassosi o pastosi</font></font></strong><font><font> , nonché quelli </font></font><strong><font><font>relativamente impermeabili.</font></font></strong></p>
<p><font><font>Tuttavia, </font></font><strong><font><font>preferiscono terreni argillosi e ben drenati</font></font></strong><font><font> . </font><font>Il terreno argilloso </font></font><strong><font><font>è un terreno costituito da argilla, limo e sabbia</font></font></strong><font><font> che contiene </font></font><strong><font><font>abbondanti quantità di materia vegetale in</font></font></strong><font><font> decomposizione ( </font></font><font><font>humus</font></font><font><font> ).</font></font></p>
<span class=”su-highlight subrayado”><font><font>&nbsp;Il pH appropriato per il suo sviluppo è compreso tra 5,5 e 6,5.&nbsp;</font></font></span>
<p><font><font>Aggiungi calce al terreno se </font></font><strong><font><font>il livello di pH</font></font><font><font> è inferiore a quello ideale</font></font></strong><font><font> . </font><font>Altrimenti </font></font><strong><font><font>, se supera i livelli di pH,</font></font></strong><font><font> mescolare </font></font><strong><font><font>il terreno</font></font></strong><font><font> con la torba.</font></font></p>
<p><font><font>I resti di </font></font><strong><font><font>erba</font></font></strong><font><font> sono </font></font><strong><font><font>uno dei migliori pacciami organici</font></font></strong><font><font> per il bambù, li aiutano a </font></font><strong><font><font>tenere sotto</font></font></strong><font><font> controllo il </font><strong><font>loro sviluppo</font></strong><font> e </font></font><strong><font><font>possono proteggerti da potenziali minacce</font></font></strong><font><font> . </font><font>Inoltre, sono ricchi di </font></font><font><font>azoto</font></font><font><font> e silice.</font></font></p>
<p><font><font>Anche il </font></font><font><font>letame</font></font><font><font> e il fieno funzionano.</font></font></p>
<p><font><font>Se si utilizzano fertilizzanti, è preferibile uno con un </font></font><strong><font><font>alto livello di </font></font><font><font>azoto</font></font></strong><font><font> . </font><font>Applicare il fertilizzante una volta all’inizio della primavera e una volta durante l’estate.</font></font></p>

<h2><font><font>Come piantare bambù passo dopo passo [17 passaggi]</font></font></h2>
<p><font><font>Esistono </font></font><strong><font><font>due metodi principali</font></font></strong><font><font> per piantare il bambù, </font></font><strong><font><font>per mezzo di semi</font></font></strong><font><font> (in semenzaio o direttamente nel terreno) o </font>